Bitcoin: Facebook molla progetto crypto? Intanto sempre più chiese le accettano per donazioni

Due dei migliori ingegneri di Facebook sul suo progetto blockchain e valuta digitale hanno lasciato la società per unirsi al team di crittografia di Andreessen Horowitz, ha detto lunedì la società di venture capital alla CNBC.

Riyaz Faizullabhoy e Nassim Eddequiouaq hanno trascorso gli ultimi due anni a lavorare sul portafoglio digitale Novi di Facebook, originariamente chiamato Calibra. Lo sforzo ha affrontato una dura resistenza da parte dei regolatori e dei legislatori di tutto il mondo e molti dei suoi leader di alto profilo se ne sono andati.

Faizullabhoy e Eddequiouaq saranno rispettivamente come chief technology officer e chief information security officer nel team crypto di Andreessen, chiamato a16z Crypto. A giugno, l’azienda ha annunciato un nuovo fondo incentrato sulla criptovaluta da 2,2 miliardi di dollari.

“Andreessen Horowitz ha mostrato un’impressionante dedizione al progresso dell’intero ecosistema crittografico negli ultimi dieci anni e abbiamo colto al volo l’opportunità di unirci al loro team principale e fornire supporto tecnico al loro portafoglio in rapida espansione”, ha detto Faizullabhoy alla CNBC in una dichiarazione.

Se ti interessa fare trading in modo sicuro puoi utilizzare le piattaforme regolamentate come ad esempio quella del broker eToro.

  1. Registrati su eToro
  2. Fai pratica con il conto demo
  3. Deposita denaro sul tuo account
  4. Prova il copy trading

Dopo aver trascorso gli ultimi due anni a lavorare sul portafoglio di valuta digitale Novi di Facebook, Riyaz Faizullabhoy si unisce ad Andreessen Horowitz come chief technology officer del team a16z Crypto della società di venture capital.

Mentre Andreessen ha investito attivamente in criptovalute e blockchain e ha ottenuto un enorme vantaggio da una scommessa anticipata su Coinbase, che è stata resa pubblica ad aprile, Facebook deve ancora mostrare molti progressi nello spazio.

La società ha annunciato Calibra e la sua valuta digitale Libra nel 2019 con molto clamore e ha affermato di sperare di lanciare i prodotti nel 2020. Con meno di tre mesi rimanenti nel 2021, nessuno dei due è stato rilasciato, anche se i nomi sono cambiati. Calibra è diventata Novi e Libra è stata ribattezzata Diem l’anno scorso.

Morgan Beller, uno dei fondatori dell’unità crittografica di Facebook, ha lasciato la sua posizione di capo della strategia di Novi nel settembre 2020 per unirsi alla società di venture capital NFX. Il collega co-creatore Kevin Weil è partito a marzo per unirsi alla società di immagini satellitari Planet Labs.

Marc Andreessen, che ha co-fondato a16z nel 2009, fa parte del consiglio di amministrazione di Facebook da un anno prima di aprire la sua azienda. Il suo team di criptovalute ha circa 50 membri, inclusi consulenti esterni, ha affermato Anthony Albanese, direttore operativo del fondo. Secondo il suo sito web, il gruppo ha effettuato tre dozzine di investimenti, anche in valute digitali, servizi di trading e altri fondi crittografici.

Prima di entrare a far parte di Facebook, il duo ha lavorato presso Anchorage, una start-up di una banca di asset digitali. In Facebook, hanno stabilito l’infrastruttura tecnologica che conterrebbe la valuta digitale all’interno del portafoglio Novi dell’azienda.

Jamie Dimon attacca di nuovo le criptovalute

Jamie Dimon, presidente e CEO di JPMorgan Chase, non è un fan di bitcoin. E non ha perso ancora una volta tempo per ribadirlo.

“Personalmente penso che il bitcoin sia inutile”, ha detto Dimon durante un evento dell’Institute of International Finance lunedì scorso.

Ma “Non voglio essere un portavoce, non mi interessa. Non fa alcuna differenza per me”, ha detto. “I nostri clienti sono adulti. Non sono d’accordo. Questo è ciò che fa i mercati. Quindi, se vogliono avere accesso per comprarti bitcoin, non possiamo custodirlo ma possiamo dare loro un accesso legittimo, il più pulito possibile”.

È rimasto fedele a questa affermazione: nel febbraio 2019, JPMorgan ha dichiarato che avrebbe lanciato una valuta digitale chiamata JPM Coin e nell’ottobre 2020 l’azienda ha creato una nuova unità per i progetti blockchain.

Ad agosto, ha iniziato a fornire ai suoi clienti di gestione patrimoniale l’accesso a fondi crittografici, secondo quanto riportato dalla CNBC.

Ma Dimon ha mantenuto intatto il suo scetticismo verso le criptovalute.

Di recente, ha detto al CEO di Axios Jim VandeHei che il bitcoin “non ha valore intrinseco”. Un po’ lo stesso pensiero di Warren Buffet, che lo ha paragonato all’oro.

E anche se pensa che il bitcoin sarà a lungo termine, “Ho sempre creduto che sarà reso illegale da qualche parte, come la Cina lo ha reso illegale, quindi penso che sia un po’ di oro da pazzi”.

Dimon ha anche detto a VandeHei che pensa che “i regolatori lo regoleranno alla grande”.

Jamie Dimon definisce il bitcoin senza valore, ma lo confronta con le sigarette e ammette che i clienti lo vogliono: “Gli investitori stanno trattenendo il loro bitcoin a lungo termine. Ciò significa che questo ritorno potrebbe essere reale”.

Potrebbe avere ragione: di recente, il governo degli Stati Uniti si è concentrato maggiormente sulla regolamentazione dei mercati delle criptovalute. Venerdì, Bloomberg ha riferito che l’amministrazione Biden sta valutando un ordine esecutivo che indirizzerà le agenzie federali a studiare e offrire raccomandazioni sul mercato delle criptovalute.

Tuttavia, sebbene possa verificarsi un aumento della regolamentazione, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha chiarito alla fine di settembre che non ha intenzione di vietare bitcoin negli Stati Uniti.

Alcuni esperti finanziari sostengono che una regolamentazione ben congegnata sarebbe vantaggiosa negli Stati Uniti “Se le persone vogliono che le criptovalute diventino più un bene comune, allora penso che [la regolamentazione sia] un primo passo necessario”, Anjali Jariwala, pianificatore finanziario certificato, ragioniere pubblico certificato e fondatore di Fit Advisors, in precedenza ha dichiarato a CNBC Make It.

Tuttavia, i sostenitori delle criptovalute diffidano di ulteriori regolamentazioni: temono che un certo quadro normativo possa soffocare l’innovazione delle criptovalute negli Stati Uniti e spingere gli affari all’estero.

Ecco come è scambiato attualmente Bitcoin:

La prima Chiesa Battista che accetta offerte in criptovalute

Una chiesa battista del Mississippi è diventata la prima chiesa battista del sud ad accettare criptovalute per donazioni e decime.

Si tratta della Back Bay Baptist Church di St. Martin e lo ha annunciato come il fatto che il COVID-19 aveva reso difficile la riscossione dei pagamenti tradizionali.

La chiesa accetta contanti Bitcoin, Ethereum, USD, Dogecoin, Litecoin, Die e Bitcoin.

I parrocchiani possono scegliere di donare o investire un importo come prestabilito dalla chiesa, da “un minimo di $ 10” di Litecoin o fino a $ 100.000 di Ethereum.

“Adottando presto queste tecnologie, mi rendo conto che non è una cosa comune”, ha detto Bennett a Baptist Press. “Ma sono dell’opinione che tra 20 o 30 anni, la criptovaluta diventerà uno stile di vita e utilizzerà la tecnologia blockchain. Si spera che la nostra chiesa sarà all’avanguardia”.

Ecco le altre chiese che negli Usa accettano criptovalute per donazioni:

  • The Church of Saint John the Evangelist a Goshen a New York
  • Mill Creek Community Church in Kansas
  • Connections Community Church in Idaho
  • Mountain View Baptist Church in California

Bitcoin e Facebook: conclusioni

Continueremo ad occuparci di tutti gli aggiornamenti sulla questione Facebook e Bitcoin.

Se volete fare trading sulle principali criptovalute vi consigliamo il broker eToro che consente anche di copiare dai migliori investitori.

Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.
67% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro