Il cross Bitcoin-Dollaro si riaffaccia sopra area 7.000: scattano i buy di breve

Il rapporto di cambio tra il Bitcoin ed il biglietto verde dopo aver superato di slancio la forte resistenza tecnica e psicologica rappresentata da area 6.000 ha innescato un forte rally, che al momento della scrittura lo sta portando a segnare un rialzo di quasi il 15%. La coppia BTC-USD sta infatti scambiando intorno a quota 7.150 punti, riaffacciandosi oltre area 7.000 dopo tre settimane.

Confortante da quanto emerge dall’analisi degli scambi che il rialzo sia accompagnato da un incremento dei volumi, ritornati in queste ultime sedute sopra i 100 miliardi di dollari. Da un ulteriore screening è inoltre emerso che si tratta per la maggior parte di volumi in acquisto. Ciò lascia presagire che il recupero delle quotazioni potrebbe continuare anche nelle prossime settimane.

Molti analisti hanno con il ritorno oltre area 6.000 hanno abbandonato l’idea di un ritorno in area 6.000 e suppongono un proseguimento del rialzo. Il gruppo Kraken ha elaborato un sondaggio tra esperti di criptovalute, definiti investitori (40%), trader (40%), istituzionali (15%) e la percentuale rimanente comprendente elaboratori di pagamenti, exchange di criptovalute e miner. La maggioranza di essi (44%) si è detta convinta che il BTC entro la fine dell’anno raggiungerà un massimo storico. Nel report di Kraken si legge inoltre che ilprezzo obiettivo medio è pari a 22.866 dollari. Molto elevato anche il consenso sul target price dell’Ethereum, visto a 810 dollari.

Il 22% dei partecipanti al sondaggio ritiene invece che il trend da qui all’inizio del 2021 sarà impostato al ribasso; mentre una percentuale pari al 34% si è detta incerta. L’84% di essi ha dichiarato di gestire un patrimonio inferiore a 10 milioni di dollari; l’11% un patrimonio compreso tra i10 ed i 50 milioni di dollari ed il rimanente 6% un capitale superiore a 50 milioni di dollari.

Ad esempio le migliori piattaforme di trading consentono il trading con i CFD sul prezzo di Bitcoin. Ad esempio eToro (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori criptovalute in circolazione, non solo su Bitcoin. Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

Andamento cross BTC-USD sul breve-medio periodo


Come anticipato tra le righe del precedente paragrafo, il break-out di area 6.000, ed il successivo pull-back con tenuta della suddetta, area ha innescato un potente rally che si sta concretizzando sul brevissimo con l’approdo sopra quota 7.000.

Le quotazioni, come in evidenza sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, sono quasi arrivate a contatto con la forte resistenza di breve-medio periodo rappresentata dalla media mobile a 50 periodi (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che transita in area 7.320.

L’eventuale uscita rialzista sopra l’ostacolo appena indicato potrebbe favorire un ulteriore allungo con primo target in area 8.000 e step successivo in area 8.500.

Il mancato break-out della media mobile a 50 giorni, invece, potrebbe causare debolezza di brevissimo. Le quotazioni potrebbero pertanto scendere a testare le medie mobili minori, a 25 e 10 periodi (rispettivamente la linea mediana e la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che passano tra 6.725 e 6.525. Persi i supporti appena indicati, in chiusura daily o peggio ancora settimanale, potremmo assistere ad un nuovo pull-back di quota 6.000.

Sotto area 6.000 in chiusura settimanale, strada spianata per ulteriori affondi in area 5.250-5.000.

Andamento cambio ETH-USD sul breve-medio periodo

Rally di oltre il 12% per il cross Ethereum-Dollaro, che mentre scriviamo viene scambiato in area 145, vicino ai massimi intraday toccati ad un soffio da area 150. Fondamentale per il balzo del cambio ETH-USD il break-out della resistenza in area 125. Oltre area 150 spazio di salita fino ad area 170-180 nel brevissimo.

Modello di trading cambio BTC-USD – valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista si attiva in caso di allungo oltre quota 7.320 in chiusura di candela oraria o daily e consiglia di prendere profitto in area 7.438 e 7.558; stop loss in caso di ritorno sotto quota 7.000 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori estensioni oltre quota 7.558 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 7.680 e successivamente a quota 7.804; stop loss in caso di close orario minore di quota 7.260

Suggeriti ulteriori Long in caso di nuovi acquisti oltre quota 7.804 in close orario o daily, per tentare di prendere profitto in area 7.930 e 8.137, estesa a quota 8.350; stop loss in caso di ritorno sotto quota 7.558 in chiusura giornaliera

Comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 6.118, per approfittare di eventuali rimbalzi a quota 6.282 e quota 6.450, con possibili estensioni verso quota 6.887; stop loss con discesa sotto area 5.950 in close daily.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva con discesa sotto quota 7.000 in chiusura oraria o daily, e pronostica i primi due obiettivi in area 6.887 e 6.775; stop loss in caso di recupero oltre quota7.320 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 6.775, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 6.665 e in seconda battuta a quota 6.558; stop loss in caso di ritorno sopra quota 7.000 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali discese sotto quota 6.558 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in un primo momento a quota 6.450 e successivamente a quota 6.282, estesa a quota 6.118; stop loss in caso di recupero sopra quota 6.775 in close daily.

Short speculativi in caso di allungo in area 8.350, per sfruttare eventuali storni a quota 8.137 e quota 7.930, estesi a quota 7.680; stop loss in caso di ulteriori allunghi oltre quota 8.570 in chiusura daily.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here