Bitcoin: prezzo crolla per timori crisi China Evergrande Group

Bitcoin e altre criptovalute sono crollate lunedì poiché asset di tutte le forme e dimensioni sono stati coinvolti in un’ondata di vendite causata dai timori di contagio dai crescenti problemi al gigante immobiliare China Evergrande Group.

Bitcoin, la più grande criptovaluta del mondo, è sceso dell’8,11% a $ 43.442. È sceso fino a $ 42.527 nelle ultime 24 ore. Nonostante il crollo di lunedì, Bitcoin è aumentato di quasi il 50% finora nel 2021.

I problemi del conglomerato cinese Evergrande hanno dominato i titoli dei giornali dopo aver avvertito ancora una volta che potrebbe essere insolvente rispetto al suo debito astronomico patito a causa di una crisi di liquidità.

Il caso rischia di tramutarsi in una Lehman Brothers cinese, inviando onde d’urto alla seconda economia più grande del mondo.

Questa settimana potrebbe essere critica per l’azienda. Secondo Bloomberg, lunedì avrebbe dovuto rimborsare gli interessi su alcuni prestiti bancari. La testata giornalistica ha recentemente riferito che le autorità cinesi hanno dichiarato alle principali banche che non riceveranno tali pagamenti.

E gli interessi dovuti per un totale di oltre $ 100 milioni sono dovuti entro questa settimana su due delle obbligazioni della società, secondo il fornitore di dati Refinitiv.

Cerchiamo di conoscere meglio Evergande e quale portata potrebbe avere il suo indebitamento.

Se volete investire sulle criptovalute, la soluzione più conveniente è quella dei contratti CFD. Con i broker regolamentati si può, infatti, negoziare sull'andamento del prezzo. Ad esempio eToro (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori critptovalute.

Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

Evergande Group chi è

Evergrande è uno dei più grandi sviluppatori immobiliari della Cina. L’azienda fa parte della Global 500, il che significa che è anche una delle più grandi aziende al mondo per fatturato.

Quotata a Hong Kong e con sede nella città cinese meridionale di Shenzhen, impiega circa 200.000 persone. Inoltre aiuta indirettamente a sostenere più di 3,8 milioni di posti di lavoro ogni anno.

Il gruppo è stato fondato dal miliardario cinese Xu Jiayin, noto anche come Hui Ka Yan in cantonese, che un tempo era l’uomo più ricco del paese.

Evergrande si è fatto un nome nella proprietà residenziale: vanta di “possedere più di 1.300 progetti in più di 280 città” in tutta la Cina – ma i suoi interessi si estendono ben oltre.

Al di fuori dell’edilizia abitativa, il gruppo ha investito in veicoli elettrici, sport e parchi a tema. Possiede persino un’attività di cibo e bevande, che vende acqua in bottiglia, generi alimentari, latticini e altri beni in tutta la Cina.

Nel 2010, la società ha acquistato una squadra di calcio, che ora è conosciuta come Guangzhou Evergrande. Da allora quella squadra ha costruito quella che si ritiene sia la più grande scuola di calcio del mondo, con un costo di $ 185 milioni a Evergrande.

Guangzhou Evergrande continua a raggiungere nuovi record: attualmente sta lavorando alla creazione del più grande stadio di calcio del mondo, supponendo che la costruzione sia completata l’anno prossimo come previsto. Il sito da 1,7 miliardi di dollari ha la forma di un gigantesco fiore di loto e alla fine sarà in grado di ospitare 100.000 spettatori.

Evergrande si rivolge anche ai turisti attraverso la sua divisione del parco a tema, Evergrande Fairyland. La sua fama è un’impresa enorme chiamata Ocean Flower Island ad Hainan, la provincia tropicale in Cina comunemente chiamata “Hawaii cinesi”.

Il progetto prevede un’isola artificiale con centri commerciali, musei e parchi divertimento. Secondo l’ultimo rapporto annuale del gruppo, ha iniziato a prendere i clienti in prova all’inizio di quest’anno, con piani per un’apertura completa “alla fine del 2021”.

Perché Evergrande è in crisi

Negli ultimi anni, i debiti di Evergrande sono aumentati a dismisura quando ha preso in prestito per finanziare le sue varie attività.

Il gruppo si è guadagnato il poco lusinghiero titolo di sviluppatore edile più indebitato della Cina, con oltre 300 miliardi di dollari di passività. Nelle ultime settimane, ha avvertito gli investitori di problemi di flusso di cassa, affermando che potrebbe essere insolvente se non è in grado di raccogliere fondi rapidamente.

Questo avvertimento è stato sottolineato la scorsa settimana, quando Evergrande ha rivelato in un deposito in borsa che stava avendo problemi a trovare acquirenti per alcune delle sue attività.

In un certo senso, secondo gli esperti, le ambizioni aggressive dell’azienda sono ciò che l’ha portata nei guai. Il gruppo “si è allontanato dal suo core business, che è parte del modo in cui è finito in questo pasticcio”, ha affermato Mattie Bekink, direttore cinese dell’Economist Intelligence Unit.

Gli analisti di Goldman Sachs affermano che la struttura della società ha anche reso “difficile accertare un quadro più preciso della [sua] ripresa”. In una nota recente, hanno sottolineato “la complessità del Gruppo Evergrande e la mancanza di informazioni sufficienti sulle attività e sulle passività dell’azienda”.

“La storia di Evergrande è la storia delle profonde [e] sfide strutturali per l’economia cinese legate al debito”, ha affermato Bekink.

La questione non è del tutto nuova. L’anno scorso, una sfilza di società statali cinesi è andata in default sui loro prestiti, suscitando timori sulla dipendenza della Cina dagli investimenti alimentati dal debito per sostenere la crescita.

E nel 2018, il miliardario Wang Jianlin è stato costretto a ridimensionare il suo conglomerato, Dalian Wanda, mentre Pechino reprimeva le imprese che prendevano in prestito pesantemente per spingersi all’estero.

Mark Williams, capo economista asiatico di Capital Economics, ha affermato che il crollo di Evergrande “sarebbe il più grande test che il sistema finanziario cinese ha dovuto affrontare da anni”.

“La radice dei problemi di Evergrande – e quelli di altri sviluppatori altamente indebitati – è che la domanda di proprietà residenziali in Cina sta entrando in un’era di declino sostenuto”, ha scritto.

“Il crollo in corso di Evergrande ha focalizzato l’attenzione sull’impatto che un’ondata di inadempienze degli sviluppatori immobiliari avrebbe sulla crescita della Cina”.

Gli analisti si aspettano un intervento del governo cinese per mitigare il problema. Che sarebbero comunque rilevanti.

Bitcoin legato al destino dell’economia?

Il fatto che anche le criptovalute stiano registrano un sensibile ribasso fa capire quanto anche questi asset non siano così alieni da quanto accade al resto dell’economia. Anche perché, più nascono titoli legati alle criptovalute e più sono adottate dalle banche, più le criptovalute ne fanno parte.

Continueremo ad occuparci di tutti gli aggiornamenti sulla questione Bitcoin ed Evergrande.

Se volete fare trading sulle principali criptovalute vi consigliamo il broker eToro che consente anche di copiare dai migliori investitori.

Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.
67% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro