Bitcoin e Coinbase si affossano reciprocamente

L’exchange di criptovalute Coinbase è andato in down per circa un’ora ieri mattina, in modo “parziale”. Sia nella versione web-based, sia la app per i device mobili.

Ma oltre a ciò, sia Coinbase che Binance stanno segnalando problemi relativi ai prelievi di token Ethereum ed ERC-20 per una “congestione della rete”.

Questa la dichiarazione ufficiale di Coinbase:

“Stiamo riscontrando alcuni problemi su Coinbase e Coinbase Pro e siamo consapevoli che alcune funzionalità potrebbero non funzionare in modo del tutto normale. Stiamo attualmente esaminando questi problemi e forniremo aggiornamenti il prima possibile”.

L’interruzione è durata circa un’ora e mezza, ma sembra essere stata risolta definitivamente. L’Exchange ha poi aggiunto: “È stata implementata una correzione e stiamo monitorando i risultati”.

L’interruzione è avvenuta nel bel mezzo di un enorme crollo della criptovaluta nell’ultima settimana – e in particolare nelle ultime 24 ore – che ha visto il prezzo di alcune delle criptovalute più popolari come Bitcoin, Ethereum e Dogecoin scendere precipitosamente.

Quando è avvenuto il crash, Bitcoin è sceso di quasi il 30 percento fino a $ 31.000, Ethereum è sceso del 40 percento a $ 2.424 e il meme coin Dogecoin è sceso di quasi il 45 percento.

Coinbase ammette peraltro che proprio la volatilità delle criptovalute possa anche generare problemi alla piattaforma. Questa la sua spiegazione:

“i bruschi cambiamenti nella volatilità o nei movimenti del mercato possono portare a pressioni estreme sulla nostra piattaforma e infrastruttura che possono portare alla sospensione involontaria dei servizi su parti della piattaforma o l’intera piattaforma”.

In attesa di vedere come evolvono la situazione è possibile registrarsi su broker regolamentati che consentono di negoziare sulle criptovalute. Uno di questi è eToro, uno dei broker più utilizzati che permette di fare copy trading ovvero copiare dai migliori investitori.

Per iniziare a negoziare sulle criptovalute con eToro clicca qui.
67% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Coinbase: Exchange fondamentale per le criptovalute

Siamo dunque di fronte ad una sorta di circolo vizioso, nel quale la volatilità delle criptovalute manda in tilt la piattaforma Coinbase, e a sua volta, la mancata funzionalità dell’Exchange frena non poco la corsa delle criptovalute.

Ricordiamo infatti che Coinbase ha registrato un profitto nel 2020 di 1.322 milioni di dollari. Ciò grazie proprio ai nuovi rally di Bitcoin, particolarmente accentuati da autunno 2020 e proseguito quasi incessantemente nei primi 4 mesi del 2021. Fino a sfondare quota 63mila dollari americani.

Del resto, Coinbase non è solo un semplice Exchange, ma tanti altri servizi. Tra cui abbonamenti, custodia, analisi dei mercati e così via.

Il fatturato del 2020 è stato invece di 1,28 miliardi di dollari. Con un +130% rispetto al 2019.

Riguardo le commissioni incassate, nel 2020 sono state di 1,09 miliardi di dollari, con un incremento rispetto all’anno precedente ha sfiorato il 150%.

Ancora, gli utenti di Coinbase hanno superato abbondantemente i 40 milioni di utenti. Contandone quasi 43 milioni. E non solo trader retails, ma anche trader istituzionali, come Hedge fund, family office, società finanziarie, ecc. Clienti che nel 2020 hanno registrato un +30% rispetto al 2019.

Il volume di scambi ha invece ha sfiorato i 200 miliardi di dollari.

Per capire l’impatto che Coinbase ha sulle criptovalute, basta solo dire che l’11,1% delle criptovalute movimentate nel mondo passa per questo Exchange.

L’aumento anche in questo caso è stato importante: si è pessati da circa il 3 percento del 2019 alle cifre dell’anno scorso.

Da solo, il Bitcoin ha registrato il 70 percento, mentre il restante 30% è guidato soprattutto da Ethereum.

I trader retails su Coinbase costituiscono comunque la stragrande maggioranza, quasi la totalità: il 95%. Ciò grazie alle commissioni basse imposte e dalla piattaforma estremamente user-friendly.

Ricordiamo inoltre che si è quotato recentemente in Borsa, qui trovi la guida su come comprare azioni Coinbase.

Perché Bitcoin sta crollando

Passiamo ora all’altra questione: perché Bitcoin sta crollando?

Ieri, i prezzi dei bitcoin sono scesi fino a 38,732,56 dollari, mentre al momento della scrittura segnano giusto un mille dollari in più. Tuttavia, nella sessione del 19 maggio avevano toccato un ribasso fino a $ 30,201,96.

Vediamo ora qual è la situazione nel grafico sottostante:



I prezzi di Ether sono invece scesi del 22% a $ 2.608,84 dopo aver toccato un nadir intraday a 1.902,08. Mentre Dogecoin fino a 35,8 centesimi, segnando un -25%.

Quando Bitcoin crolla, è risaputo che manda giù tutto il mercato delle criptovalute. Sceso al di sotto di oltre 850 miliardi di dollari di volume di scambi.

Non va benissimo in realtà neanche al mercato azionario, in perdita per il quarto giorno consecutivo: Dow Jones Industrial Average DJIA, -0,48%. L’indice S&P 500 SPX, -0,29%. Il Nasdaq Composite Index COMP, -0,03%.

Il crollo attuale del Bitcoin non è ancorato a un singolo evento o notizia, ma è stato invece individuabile in ragioni come paura, incertezza e dubbio. Chiamato in gergo dei trader di criptovalute FUD.

La paura, almeno in parte, era incentrata sulla politica cinese degli asset digitali. Secondo quanto riferito, la Repubblica popolare avrebbe represso l’uso di risorse digitali. Per gli investitori veterani di criptovaluta, tali rapporti non sono nuovi.

Nel frattempo, anche i tweet ribassisti di Elon Musk, appassionato di criptovalute, sono stati accreditati per aver riempito il complesso di criptovalute.

Musk ha detto all’inizio di questo mese che non avrebbe più consentito l’utilizzo di bitcoin per il pagamento presso il produttore di veicoli elettrici Tesla TSLA, fino a quando la crittografia non diventerà più rispettosa dell’ambiente.
Musk era stato uno dei motivi principali per cui le criptovalute erano state in generale su un trend rialzista, con i suoi tweet su meme coin dogecoin e bitcoin che sostenevano un trend rialzista in quegli asset.

Separatamente, gli analisti di JPMorgan Chase & Co. JPM, incluso Nikolaos Panigirtzoglou, sostengono che gli investitori in bitcoin si stavano spostando sui futures sull’oro GC00, che per coincidenza ha visto salite costanti negli scambi recenti.

“Sembra che gli investitori istituzionali si stiano allontanando dal bitcoin per tornare all’oro tradizionale”
, hanno scritto.

I partecipanti al mercato hanno dichiarato a MarketWatch che anche le perdite di mercoledì sono state amplificate dall’uso della leva finanziaria che costringeva le richieste di margine su alcune piattaforme di criptovaluta.

A complicare le cose, come detto, alcune piattaforme di criptovaluta, come detto Coinbase Global COIN, hanno subito interruzioni che sembravano contribuire a esercitare ulteriore pressione sui prezzi.

Sebbene, la stessa volatilità sembra aver mandato in tilt l’Exchange, per un effetto domino.

Vi aggiorneremo sull’andamento delle criptovalute.Se volete investire fare trading in maniera sicura vi consigliamo eToro, un broker regolamentato che offre delle caratteristiche molto interessanti.

Puoi iniziare a fare trading sulle principali criptovalute con eToro cliccando qui.
67% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro