Bitcoin, bruciati 400 miliardi da gennaio: ma arriva importante svolta in Canada

First Block Capital Inc., una società canadese di criptovalute e blockchain, ha annunciato che la sua fiducia in bitcoin, FBC Bitcoin Trust, ha raggiunto lo status di fondo comune in Canada, consentendo agli investitori di collocare fondi in conti registrati come un Tax Free Savings Account (TFSA) ) o piano di risparmio pensionistico registrato (RRSP). La fiducia è disponibile su NEO Connect, una piattaforma di distribuzione di fondi, con il ticker FBCBT, ed è disponibile solo per gli investitori accreditati. I consulenti possono negoziare il fondo con la stessa efficienza e facilità con cui negoziano gli ETF .NEO Connect consente gli accordi giornalieri, rimuovendo la precedente clausola di rimborso di 30 giorni.

“A First Block, forniamo esposizione agli investimenti in bitcoin rimuovendo le complicate barriere per investire direttamente nella criptovaluta”, ha dichiarato Sean Clark, CEO e co-fondatore di First Block, in una dichiarazione preparata. “Come leader di mercato nella fornitura di veicoli di investimento basati su blockchain e criptovaluta in Canada, siamo molto felici di rendere il nostro fondo più accessibile alla comunità di investitori accreditati. In questo mondo in rapida evoluzione, NEO è il partner perfetto con il quale abbiamo colto l’opportunità di far crescere il nostro fondo all’interno della loro rete di distribuzione di fondi comprovata e in rapida espansione.

“I consulenti cercano il simbolo su NEO Connect con strumenti di trading azionario esistenti e selezionano il numero di unità che vogliono acquistare per conto dei loro clienti. Una volta cliccato su “compra”, l’ordine viene eseguito alla fine della giornata al valore patrimoniale netto, senza spread “bid” o “ask”. La posizione risultante si integra automaticamente nei conti dei clienti. La fiducia fornirà agli investitori esposizione al bitcoin senza dover acquisire, detenere o gestire i bitcoin effettivi.

Le unità fiduciarie sono considerate un investimento qualificato in un fondo di fondi fiduciari ai sensi della legge fiscale e il fondo ha superato i 150 titolari di quote in meno di un anno dal suo lancio. La fiducia è stata approvata dalla BCSC (British Columbia Securities Commission) e OSC (Ontario Securities Commission), secondo First Block Capital, e segna il primo e unico prodotto approvato nel suo genere in Canada.

“Oggi, per la prima volta in Canada, gli investitori accreditati che lavorano con consulenti finanziari possono assumere posizioni in bitcoin attraverso FBC Bitcoin Trust”, ha dichiarato Joe Schmitt, presidente e CEO di NEO. “Con l’evolversi del mondo, siamo molto lieti che la nostra esclusiva piattaforma di distribuzione dei fondi possa aiutare la comunità degli investitori ad accedere, con facilità ed efficienza, a una gamma in continua espansione di nuove e innovative classi di attività.”

“Il nostro obiettivo è fare investimenti nel digitale classe di attivi in valuta più accessibile, e siamo un passo avanti verso il raggiungimento di questo obiettivo consentendo ai detentori di unità di collocare unità in veicoli fiscalmente efficienti sponsorizzati dal governo e fornendo liquidità giornaliera attraverso NEO Connect, una piattaforma di distribuzione di fondi con una rete di concessionari in rapida crescita,” Ha dichiarato Marc van der Chijs, co-fondatore e Chief Investment Officer di First Block.

“Con questo risultato, continuiamo a spingere il Canada in avanti come leader mondiale in veicoli di investimento regolamentati di blockchain e criptovaluta”.

First Block si aspetta che la maggior parte degli investitori FBC di Bitcoin Trust inizieranno a spostare le unità nel primo mese. Le società di broker registrati con cui First Block ha lavorato gestiranno tutti i trasferimenti per prepararsi al lancio del fondo. NEO Connect, che rivendica la distinzione di essere la sola piattaforma di distribuzione del Canada che consente di acquistare e riscattare il prospetto e i fondi del memorandum privati / di offerta, afferma che gli ETF distribuiscono 46 fondi gestiti da tre gestori patrimoniali su 15 reti di concessionari, servendo beni per quasi $ 600 milioni.

Bitcoin, il caso di Sean Russell

Si stima che $ 400 miliardi siano stati spazzati via dal valore delle principali criptovalute da gennaio. I risparmi di Sean Russell sono stati tra questi. A raccontare la sua storia è la CNN. Russell ha raramente giocato nel mercato azionario e ha avuto poca esperienza investendo circa 120.000 dollari in bitcoin nel novembre 2017. È rimasto sbalordito quando si sono trasformati in $ 500.000 in un solo mese. “Mi sono svegliato e ho fatto circa £ 12.000 ($ 15.600) in una sola mattina per il mio investimento e ha continuato a funzionare”, ha detto Russell. “Stavo pensando, wow, mutui pagati, le vacanze che ho sempre sognato.”

Il sogno non è durato per Russell, che lavora come sviluppatore di proprietà private nel Regno Unito, comprando case e sistemandole. Il prezzo del Bitcoin ha superato i $ 20.000 a dicembre prima di crollare. Ora è scambiato a $ 6,300. Russell ha tentato di mitigare le sue perdite spostando il denaro dal bitcoin (XBT) a una propaggine chiamata Bitcoin Cash e altre criptovalute, tra cui Ethereum e Ripple. Ma ciò non ha funzionato, e Russell dice che le perdite di carta sul suo investimento iniziale hanno raggiunto il 96%.

“E ‘stato devastante, piuttosto traumatico, davvero”, ha detto Russell. “Ho visto storie di miliardari che vanno in bancarotta, e tu pensi come può essere? Come mai hai perso quella somma di denaro? Eppure, sono in quella stessa situazione.”

Russell non è l’unico. Michel Rauchs, che ricerca criptovaluta e blockchain al Cambridge Center for Alternative Finance, ha detto che l‘esplosivo aumento dei prezzi nel 2017 ha attratto un’ondata di investitori inesperti. “Investitori al dettaglio, studenti, casalinghe, persino la nonna sono stati guidati da l’hype “, dice Rauchs. “I media hanno detto che questa è stata un’opportunità di una vita: hanno acquistato al vertice e ora si trovano in gravi perdite”.

Il crollo ha lasciato investitori professionisti e appassionati a discutere dove le criptovalute vanno da qui. “Chiaramente la frenesia che abbiamo visto e la volatilità del prezzo del bitcoin … assomiglia a molte altre bolle finanziarie che si ripetono più e più volte nella nostra storia economica “, ha detto Benedetto De Martino, economista comportamentale all’University College di Londra. La febbre che ha colpito gli investitori di criptovaluta sono svaniti negli ultimi mesi. Il CEO di JPMorgan (JPM) Jamie Dimon e Warren Buffett di Berkshire Hathaway (BRKA) hanno avvertito gli investitori di stare lontano dai bitcoin.

La scorsa settimana, i prezzi dei bitcoin sono crollati di oltre il 20% in due giorni dopo che Business Insider ha riferito che il gigante delle banche d’investimento Goldman Sachs (GS ) potrebbe cadere piani per il lancio di un desk di criptazione. Goldman Sachs ha dichiarato a CNNMoney di non aver preso una decisione seria bitcoin o altre criptovalute. La Securities and Exchange Commission ha bloccato diverse proposte di fondi scambiati con bitcoin negli ultimi mesi, tra cui piani dai giganti dell’ETF ProShares e Direxion e uno appoggiato dai fratelli Winklevoss.

Nonostante gli avvertimenti, alcuni imprenditori di criptovalute vedono il boom e il tracollo come crescenti dolori. “I mercati sono ciclici e ci sono ancora molte opportunità per investitori sofisticati”, ha detto Benjamin Dives , CEO della piattaforma di scambio di criptovalute London Block Exchange. Prima di investire per la prima volta, Russell ha trascorso anni a tracciare bitcoin e studiare blockchain, la tecnologia alla base delle valute digitali. Ha detto che il processo di apprendimento è stato come risolvere la trama di un omicidio misterioso.

Nonostante la perdita, rimane un investitore impegnato. “Devo essere fiducioso su qualcosa”, ha detto. “Ho bisogno di mantenere la mente occupata, perché quando mi sono concentrato sui soldi che ho perso, mi ha distrutto mentalmente ed emotivamente”.

Russell doveva mollare il Bitcoin giusto un mese dopo, a metà dicembre, quando il suo prezzo ha iniziato a crollare a picco. Passando da quasi 20mila dollari agli attuali 6mila.

Mercato Bitcoin volatile dopo che SEC statunitense sospende il trading di due titoli crittografati

I regolatori statunitensi hanno vietato la negoziazione dei titoli XBT Provider’s Bitcoin and Ether Tracker One domenica 9 settembre, portando per un po’ scompiglio nel mercato delle criptovalute. Citando “confusione” tra gli investitori, la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha emesso un avviso che due ETN scambiati in borsa – Bitcoin Tracker One (“CXBTF”) e Ether Tracker One (“CETHF”) – cesseranno le negoziazioni fino al 20 settembre.

“La Commissione ha sospeso temporaneamente le negoziazioni nei titoli CXBTF e CETHF a causa della confusione tra i partecipanti al mercato in merito a tali strumenti” ha dichiarato la SEC in una nota. Che poi ha continuato: “La Commissione avverte i broker-dealer, gli azionisti e i potenziali acquirenti che dovrebbero considerare attentamente le suddette informazioni insieme a tutte le altre informazioni attualmente disponibili e qualsiasi informazione successivamente emessa dalla società.”

XBT Provider ha gestito Bitcoin Tracker One da maggio 2015 quando è diventato il primo ETN bitcoin disponibile su uno scambio regolamentato, debuttando sul NASDAQ svedese. L’altro Tracker One è entrato a far parte dello stesso traguardo, raggiungendo lo stesso traguardo, mentre XBT ha anche rilasciato opzioni Bitcoin e Ether Tracker Euro.

La SEC intanto ha avvertito i broker rispetto ai severi requisiti di conformità nel far rispettare il suo ultimo divieto temporaneo. “Se un broker o un rivenditore inserisce una quotazione che viola la regola, la Commissione considererà la necessità di un’azione di enforcement rapida”.

La dichiarazione della SEC arriva in un periodo di test per gli investitori di criptovaluta contro l’establishment normativo degli Stati Uniti, il regolatore ha recentemente respinto una contesa per un fondo scambiato in Bitcoin (ETF). Il rifiuto più recente della SEC alla fine di agosto ha influenzato i mercati, poiché sostiene che la comparsa di un ETF crittografico è probabilmente garantita in futuro. Di per sé è una benedizione per Bitcoin. Insomma, la SEC influenza pesantemente il prezzo del Bitcoin con le sue decisioni.

Bitcoin è attualmente a $ 6,300, in crescita dell’1,59 per cento. Ethereum è ancora scambiato appena sotto i $ 200, un livello che è scivolato durante questo fine settimana per la prima volta da novembre 2017.

Cina: WeChat blocca il conto vendite Bitmain e altri canali Crypto

WeChat, la piattaforma di social media cinese da 1 miliardo di utenti sviluppata da Tencent, ha bloccato il canale ufficiale di vendita del gigante minerario Bitcoin (BTC) Bitmain, secondo un annuncio pubblicato sul suo canale ieri, 10 settembre. Attualmente, gli altri conti Bitmain usufruibili su Wechat, inclusi i servizi post-vendita e il suo account ufficiale, restano attivi. Il canale di vendita ufficiale, che opera sotto l’ID di WeChat “antminersale”, non mostra più alcun contenuto ma visualizza una notifica di violazione delle regole, affermando: “Utenti seguenti” reclami, [WeChat] ha esaminato e scoperto che questo account – senza aver acquisito credenziali o licenze autorizzate – ha pubblicato e distribuito informazioni relative alle attività commerciali in cui è coinvolto.”

Le fonti di Cointelegraph in Cina hanno contattato un rappresentante del servizio clienti Bitmain, che non ha negato il divieto dei canali di vendita, ma ha sottolineato che l’account WeChat di Bitmain, insieme al suo account post-vendita, non è stato bloccato e rimane accessibile. In quello che sembra essere una successione di precedenti di WeChat di account relativi a cripto e blockchain 22 agosto, WeChat questa settimana apparentemente ha preso di mira una serie di ulteriori account cripto, che mostrano tutti lo stesso avviso di violazione delle regole.

Le fonti di Pointfrog in Cina hanno chiarito che ulteriori account accusati di promozione ” notizie hype “- o quelle che sono considerate informazioni fraudolente che circondano Initial Coin Offerings (ICO) – sono state bandite, inclusi account Kuangresearch, Dianbichengjin, Fcoin Community e Delphy. I conti gestiti da aziende sono stati apparentemente più mirati di quelli gestiti da individui, come suggerito dalla gestione della piattaforma dell’account “Crypto Mad Man, che opera sotto l’ID di WeChat “shuzihuobiqushikuangren.”

Il conto ufficiale del canale – un canale di previsione dei prezzi criptati gestito da un individuo – è ancora attivo, mentre il suo sotto-conto – gestito dalla compagnia, con la promozione occasionale di nuovi altcoins – è stato vietato, riportano le fonti di Cointelegraph in Cina.

Come riportato il 21 agosto, WeChat aveva già bloccato permanentemente un certo numero di account di cripto e blockchain di alto profilo – tra cui CoinDaily, Deepchain e Huobi News – che erano tutti accusati di pubblicare “hype” crypto in violazione delle norme introdotte all’inizio di questo mese.

Da allora, come parte di un giro di vite nazionale sulle criptovalute sia online che offline, i giganti cinesi della tecnologia Baidu e Alibaba si sono uniti a Tencent per imporre nuove misure anti-cripto in linea con la posizione consolidata di Pechino.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY