Bitcoin, tra ban dell’India e nascita del wallet per bambini Pigzbe

Brutte notizie per Bitcoin. Dopo Cina, Russia, Corea del sud e Cile, anche l’India emette un ban sulle criptovalute. Questo mese, la Reserve Bank of India (RBI), la banca centrale del paese, ha avviato un importante giro di vite sull’acquisto e il commercio di criptovalute come Bitcoin in India. Alla loro conferenza stampa bimestrale sulla politica monetaria il 5 aprile, il Vice Governatore della RBI B.P. Kanungo ha decretato che tutti gli organismi regolati dalla RBI “sono obbligati a smettere di avere rapporti commerciali con entità che trattano con valute virtuali immediatamente e di svolgere le relazioni esistenti in un periodo di tre mesi”.

Ciò significa che a luglio, le banche e i creditori dell’India non saranno più in grado di negoziare o facilitare transazioni con aziende o individui che commerciano in criptovalute.

Nel suo discorso, il sig. Kanungo ha brevemente delineato il ragionamento alla base della direttiva che blocca efficacemente il commercio criptico in India, sostenendo che le valute virtuali “possono seriamente compromettere il quadro antiriciclaggio e il GAFI [FATF] può influire sull’integrità del mercato e sul controllo del capitale, e se crescono oltre una dimensione critica, possono mettere a repentaglio la stabilità finanziaria.”

Questa non è la prima volta che la RBI ha indicato la sua posizione cautelativa sulla valuta virtuale. Negli ultimi cinque anni, ha emesso diversi avvertimenti preliminari e, nel presentare il bilancio dell’Unione per il 2018 a febbraio, il ministro delle finanze indiano Arun Jaitley ha dichiarato pubblicamente che il paese non riconosce le criptovalute come moneta a corso legale. Infatti, negli ultimi mesi, molte delle principali banche e emittenti di carte di credito in India, compresa la più grande banca privata del paese, HDFC, così come le braccia dell’India di banche multinazionali come Citi, hanno anche vietato l’uso delle loro carte per acquistare criptovalute in India.

La stretta indiana si inserisce in un quadro generale

La mossa del RBI arriva quando i governi di tutto il mondo stanno aumentando le restrizioni sulle valute virtuali. Il fatto che le criptovalute siano non regolamentate e l’incredibile aumento del valore del Bitcoin lo scorso anno ad un valore di picco di quasi $ 20.000 all’inizio di dicembre ha aggravato le preoccupazioni in tutto il mondo che tali valute potrebbe essere usato per facilitare ogni tipo di crimine: dal riciclaggio di denaro sporco all’evasione fiscale al terrorismo.

Diverse banche statunitensi hanno vietato l’uso delle loro carte per l’acquisto di valuta virtuale. Un tempo un importante centro per il trading di criptovalute, anche la Cina sembra ora orientata verso una seria repressione. Persino il Giappone e la Corea del Sud, considerati fino a poco tempo fa come hot spot criptati, hanno messo in atto una serie di regolamenti.

I trader indiani non ci stanno

Ciò si conclude con la scadenza del luglio della RBI, che ha causato un’angoscia significativa per gli investitori criptici del paese. Dovrebbero uscire dalla criptazione nella finestra dei tre mesi stipulata, o dovrebbero tenere e utilizzare potenziali scappatoie quando necessario, come scambiare cripto per criptare o negoziare contanti per cripto all’estero? In teoria, queste opzioni comporterebbero i loro limiti e complicazioni.

Per quanto riguarda gli scambi cripto dell’India, saranno costretti a chiudere le vendite? Rimane da vedere come sarà esattamente la direttiva ufficiale definitiva, ma i player di moneta virtuale del paese sono ovviamente delusi dalla decisione della RBI, e molti non sono disposti a cedere senza combattere. Diverse borse virtuali di valuta stanno cercando di contestare l’ordine del RBI dinanzi alla Corte Suprema. I trader che possono permetterselo possono scegliere di spostare le loro operazioni in paesi più criptati come la Svizzera, Dubai o Singapore.

Ma le autorità indiane ammettono l’importanza della Blockchain

Mentre il diktat dell’RBI viene qui interpretato come un “divieto”, su cripto, vale la pena notare che il vice governatore B.P. nel suo discorso ha incluso un avvertimento, riconoscendo che “la tecnologia blockchain che si trova al di sotto delle valute virtuali ha potenziali benefici per l’inclusione finanziaria e per migliorare l’efficienza del sistema finanziario” e che tale tecnologia dovrebbe “essere sfruttata per il beneficio dell’economia “. Ha inoltre indicato che la RBI potrebbe persino creare una “moneta digitale fiat propria e che un rapporto su questa prospettiva può essere previsto entro giugno”.

Ha promesso che, nonostante sanzioni come questa, la tecnologia blockchain sembra avere una parte inevitabile nel futuro dell’economia globale. Vedremo se la mossa dell’RBI imporrà un embargo permanente o comporti solo un inconveniente a breve termine per l’ecosistema cripto indiano.

Le criptovalute salveranno Facebook?

Nuove notizie vengono svelate intorno allo scandalo relativo ai dati di Facebook. Questa settimana, l’ex direttore Business Development di Cambridge Analytica, Brittany Kaiser, ha ammesso dinanzi ai legislatori britannici che la società che rappresenta, Cambridge Analytica (CA), ha utilizzato numerosi questionari per raccogliere dati da utenti ignari di Facebook.

Kaiser ha fornito martedì scorso una testimonianza scritta alla Digital’s Culture Media and Sport Committee (DCMSC), osservando: “Sono consapevole del senso generale di un’ampia gamma di sondaggi condotti dalla CA o dai suoi partner, in genere con un login su Facebook.” In particolare, Kaiser ha evidenziato un quiz chiamato “sex compass”.

I dati raccolti da questi quiz si aggiungono al famigerato quiz di personalità “Thisisyourdigitallife”, l’app collegata a Facebook che ha attirato l’attenzione il mese scorso per aver raccolto dati personali da 50 milioni di utenti di Facebook (una cifra che Facebook ha ora ammesso potrebbe arrivare fino a 87 milioni) senza il loro consenso. Attraverso l’app “Thisisyourdigitallife”, il membro di CA, Aleksandr Kogan, ha pagato gli utenti di Facebook in cambio di un dettagliato test della personalità, che avrebbe dovuto essere usato per scopi di “ricerca accademica”.

Mentre è stato riferito che circa 270.000 utenti hanno acconsentito a raccogliere i propri dati, è trapelato il mese scorso che l’app ha estratto anche i dati personali dagli amici di Facebook di quegli utenti. Tale informazione – si parla di 87 milioni di profili – è stata poi venduta dal ricercatore a Cambridge Analytica, che ha utilizzato i dati per manipolare gli utenti di Facebook durante la campagna di Trump. “Credo che sia quasi certo che il numero di utenti di Facebook i cui dati sono stati compromessi attraverso percorsi simili a quelli utilizzati da Kogan è molto superiore a 87 milioni e che sia Cambridge Analytica che altre società e campagne non collegate sono state coinvolte in queste attività”, ha aggiunto Kaiser nella sua dichiarazione al DCMSC.

Tuttavia, a causa della natura sfruttatrice del modo in cui i dati vengono utilizzati oggi, non dovrebbe sorprendere il fatto che sia così. “Una manciata di società centralizzate incredibilmente potenti, che stanno facendo qualcosa di così tecnico che le persone non capiscono, ha avuto la capacità di maneggiare una quantità sconosciuta di potere e di sfruttare le persone fino a questo punto “, ha dichiarato Kaiser in un articolo di Bustle.

Nel tentativo di proteggere i dati degli utenti in futuro, Kaiser ritiene che i dati personali dovrebbero essere trattati allo stesso modo come proprietà. Inoltre, Kaiser rileva che i dati dovrebbero essere portatili, con le persone che hanno il diritto di cancellare e spostare i loro dati tra varie piattaforme.

Come ha affermato Eric Ly, CEO di Hub ed ex co-fondatore di LinkedIn: “Ha senso che gli utenti debbano avere il pieno controllo dei propri dati personali. Tuttavia, questo è più facile a dirsi che a farsi, considerando la natura centralizzata della maggior parte delle piattaforme di social media. Una piattaforma di social media centralizzata raccoglie e archivia i dati dell’utente in modo centralizzato, detiene i dati dell’utente, li gestisce e fornisce l’accesso a loro vantaggio con un modello di business spesso basato su annunci mirati. L’approccio centralizzato non offre agli utenti il vantaggio economico dell’uso dei loro dati (attraverso i premi dei token) né consente di trasferire i loro preziosi dati da una piattaforma all’altra”.

Per risolvere i problemi associati ai dati degli utenti sfruttati sulle reti di social media, Ly ha cofondato “Hub”, un “Protocollo di fiducia dell’umanità” che utilizza la tecnologia blockchain per facilitare la fiducia su Internet. Incentivare transazioni e interazioni significative tra estranei e la creazione di storie di reputazione persistenti e portatili è il fulcro del progetto.

In altre parole, il progetto si concentra sul controllo degli utenti sui “dati di reputazione”. Il progetto Hub è stato creato con l’obiettivo di risolvere il problema del trust virtuale consentendo agli utenti di valutare l’affidabilità a distanza tra le applicazioni, ha detto Ly. Facilitiamo un libro mastro distribuito dove ogni persona può archiviare e accedere alle informazioni sulla sua reputazione su una blockchain, ad es. risultati effettivi e verificati in base alle interazioni passate. In un sistema di questo tipo, i dati sono di proprietà di un utente e concessi solo da loro in determinate situazioni.

In altre parole, costruendo una reputazione digitale, ogni utente ha il potere di decidere quali informazioni sulla reputazione si desidera rivelare in un particolare caso d’uso.

E per il punto di Kaiser sull’essere in grado di spostare i dati degli utenti su varie reti, la “reputazione memorizzata” su Hub è portatile in diversi domini. Ad esempio, una buona reputazione che utilizza i servizi di Airbnb combinati con pagamenti di affitto costanti, può aiutare gli utenti a ricevere un prestito, poiché la loro reputazione acquisita sarà diffusa in più domini. Inoltre, gli utenti decidono quale parte dei loro dati desiderano rivelare per determinati casi d’uso.

Ancora, piuttosto che il valore del protocollo deriva dall’estrazione di dati personali (come nel caso di Facebook e CA), il valore di Hub’s Human Trust si trova invece nella decentralizzazione dei dati controllati dagli utenti. È qui che entra in scena la criptovaluta. Al fine di incentivare la fiducia tra gli utenti e la partecipazione di condividere i dati di reputazione nel protocollo Hub, viene utilizzato un token nativo denominato Token “Hub”. L’hub funziona nel modo seguente: durante le interazioni e le transazioni i partecipanti si impegnano a scommettere. Quando un compito ha successo, i partecipanti guadagnano una reputazione positiva e recuperano la loro quota in aggiunta ai premi del Token.

Mentre il concetto alla base di Hub sembra simile all’episodio di Black Mirror, “Nosedive”, un modello come questo potrebbe aiutare a risolvere i problemi che Facebook sta incontrando con lo sfruttamento dei dati personali degli utenti. Interessibilmente, prima che lo scandalo dei dati di Facebook facesse notizia, CEO Mark Zuckerberg ha annunciato in un post di Facbeook che la sua risoluzione per il 2018 è di esplorare l’uso della tecnologia blockchain e della criptovaluta. “Negli anni ’90 e 2000, la maggior parte della gente credeva che la tecnologia sarebbe stata una forza decentrata”, ha scritto Zuckerberg. “Ma oggi molte persone hanno perso la fiducia in questa promessa. Con l’ascesa di un piccolo numero di grandi aziende tecnologiche – e i governi che usano la tecnologia per guardare i loro cittadini – molte persone ora credono che la tecnologia centralizzi il potere anziché decentralizzarlo.”

Zuckerberg ha poi detto che la crittografia e la criptovaluta potrebbero aiutare a risolvere questi problemi mettendo il potere di nuovo nelle mani dell’utente. Tuttavia, questo lascerebbe anche Facebook in perdita di controllo. Un cambiamento che potrebbe essere potente per gli utenti ma non così redditizio per Facebook.

Criptovalute crollate in questi primi 3 mesi del 2018

In attesa di questa rivuoluzione da parte di Facebook, BarclayHedge ha riferito che l’indice Barclay Cryptocurrency Traders è sceso del 43,1 percento dall’inizio dell’anno fino ad oggi, dopo tre perdite mensili consecutive. L’indice Cryptocurrency Traders, iniziato nel 2018, è un indice ponderato dei rendimenti mensili di 19 fondi che commerciano bitcoin e altre criptovalute.

Il bitcoin volatile ha toccato il massimo storico poco sotto i $ 20.000 a dicembre 2017 e da allora è sceso a un minimo di $ 5,920. Mercoledì è salito del 4,2% a $ 8,232 BTC = BTSP sulla piattaforma BitStamp.

Le criptovalute sono state colpite quest’anno dai timori di un giro di vite da parte dei legislatori internazionali e dalle preoccupazioni di essere state in una bolla speculativa che ora si sta deflazionando. “La gente ha le sue opinioni, ma nessuno sa davvero se si tratta di una bolla o di una correzione”, ha detto Sol Waksman, presidente e fondatore di BarclayHedge. Data center del tracker di dati della tecnologia finanziaria Autonomous NEXT, che conferma anche la “tendenza orso”. In una relazione pubblica, Waksman ha riferito che sono andate “Giù anche le ICO (Initial coin offering) che tracciamo (un calo di $ 1 milione e oltre), con un calo a febbraio e un leggero aumento a marzo in termini di raccolta fondi”. Ricordiamo che le ICO sono un meccanismo di raccolta fondi in cui le start-up creano valute o gettoni e li vendono agli investitori.

“A marzo, inoltre, c’è stato sicuramente un rallentamento in termini di ICO. Quindi sembra che la parte dell’equazione per finanziare il crowdfunding pubblico sia effettivamente più lenta, assomigliando all’estate dell’anno scorso, piuttosto che alla frenesia dell’autunno / inverno”, ha affermato al quotidiano Autonomous NEXT di Londra. Il numero di nuovi fondi del fondo crittografico della compagnia pure è cresciuto modestamente nel 2018. Ha detto che sta seguendo il monitoraggio di 251 fondi crittografici.

“Il numero non cresce più rapidamente di quanto ci aspettiamo, in parte perché è un ambiente più difficile da sollevare, e in parte perché le persone sono meno vocali su quello che stanno facendo “, ha riferito BarclayHedge.

Intanto nasce Pigzbe, primo wallet per bambini

Filippo Yacob racconta felice: “attualmente uno dei miei figli riceve £ 1,50 a settimana in paghetta; l’altro, £ 2,50 (circa $ 2,00 e $ 3,50). Incoraggiamo alcuni comportamenti di base con questi fondi: salvare, spendere e donare. Barattoli, portafogli, piccole borse, controsoffitti e zaini fungono da vari mezzi di conservazione. Ma nei nostri sforzi per instillare una certa alfabetizzazione finanziaria nei nostri bambini in età scolastica, abbiamo commesso un grosso sbaglio: non siamo riusciti a incorporare la blockchain”.

Di qui l’idea di creare un wallet per bambini: Enter Pigzbe, un colorato portafoglio di criptovalute e una app interattiva, basata su un sistema “family-friendly” e un Token chiamato Wollo. Il portafoglio hardware consente ai bambini di raccogliere e archiviare Wollo, mentre l’app presenta giochi che ruotano attorno al risparmio e alla spesa.

Alimentato da un registro blockchain decentralizzato, consente alle famiglie “di riunirsi come reti di microfinanziamento”. O, per dirla in altre parole, quando una nonna in Italia vuole mandare dei soldi a un nipote che abita a Londra, può farlo con Wollo via Pigzbe, ed evitare il fastidio della corrispondenza con la moneta cartacea o il fastidio delle tasse per il cambio in valuta estera.

Filippo Yacob è uno dei fondatori di Pigzbe, è anche amministratore delegato di Primo Toys e creatore di Cubetto, un codice di legno di successo e un robot cubico che insegna ai bambini di 3 anni come programmare i computer.

Racconta a Quartz che i suoi principali obiettivi nella creazione di Pigzbe sono rivolti all’inizio della vita all’alfabetizzazione finanziaria e consentono alle famiglie sparse in tutto il mondo (come la sua) di partecipare alla vita finanziaria di un bambino. “Ogni settimana impari a salvare, modellare, scambiare, e spendere”, dice del portafoglio digitale. I nonni possono donare denaro, mentre i genitori e gli altri membri della famiglia possono ricompensare le faccende domestiche o pagare l’indennità in un modo ultramoderno.

I bambini possono impostare compiti per se stessi, che vengono poi premiati da altri, incoraggiando il pensiero imprenditoriale. Saranno naturalmente a conoscenza anche della volatilità, dal momento che il valore dei token Wollo, come ogni criptovaluta, fluttuerà, potenzialmente pure di molto. “La volatilità stessa è una realtà”, osserva Yacob. “È una conversazione preziosa da avere.” I bambini possono pagare per i prodotti nel mondo reale con una carta Wollo che converte i token in valute legali.

I cittadini americani e cinesi non possono partecipare per motivi normativi, e i bambini sono generalmente scoraggiati dall’acquisto e dalla vendita di titoli. Wollos verrà emesso tramite un’offerta iniziale di moneta che sarà aperta al pubblico il 13 giugno (le pre-vendite sono già iniziate e hanno raccolto circa $ 10 milioni, ha detto Yacob). Saranno disponibili per il trading su SdEx a luglio.

Si tratta di una iniziativa importante in un momento in cui le criptovalute sono ancora associate a truffe, riciclaggio di denaro sporco, e la volatilità che induce vertigine. Il white paper di Pigzbe (pdf) tenta di chiarire i problemi che intende affrontare, tra cui: elevate commissioni di trasferimento che “ostacolano la vera natura microfinanziaria del porcellino a salvadanaio e dell’educazione finanziaria nei primi anni”.

Il progetto del porcellino salvadanaio Pigzbe consente ai bambini di ottenere la loro cripto a basso costo e relativamente facilmente. Una singola transazione costa 1 / 100.000 di un Stellar Lumans nelle tariffe di rete dice Jacobs, aggiungendo che questa moneta crittografica attualmente costa circa $ 0,33. I trasferimenti di Wollo tra i membri della famiglia vengono risolti entro 3-5 secondi, indipendentemente dalla località (sebbene, come detto, i cittadini statunitensi e cinesi non possano prenderne parte).

Le monete Wollo possono anche operare sullo scambio decentralizzato contro altri token e valute legali supportate dalla rete. I giornali ne parlano entusiasti: “Un nuovo paradigma del porcellino salvadanaio combina le ultime tecnologie connesse, il design dell’interfaccia tangibile e la tecnologia blockchain per raggiungere una generazione di bambini e famiglie sottobanco introducendo un nuovo paradigma del porcellino salvadanaio alimentato dalla prima criptovaluta e portafoglio hardware dei loro figli”.

Non manca però chi ne sottolinea le criticità. Prevedendo alcuni problemi con questo sistema. Molti nonni hanno già problemi con FaceTime, quindi effettuare trasferimenti verso un portafoglio criptato potrebbe chiedere un po ‘di più. Viviamo anche in un momento in cui i genitori devono comprendere i termini e le condizioni dei servizi digitali per prendere decisioni che proteggano la privacy dei loro figli e gestiscano la loro impronta digitale.

Le sei pagine di condizioni del white paper Pigzbe, che includono avvertimenti sulla frode, non sono rassicuranti. Inoltre, i bambini da alcuni critici non sono visti come “underbanked”, né prende in considerazione la volatilità (oltre il mio carattere personale) e sentimenti che i figli devono imparare urgentemente, quali la gentilezza, la compassione, l’empatia. O anche la matematica, dato che questo sistema gli fa i conti in automatico.

C’è chi critica Pigzbe in quanto le faccende debbano essere fatte perché i bambini fanno parte di una famiglia, non perché sono ricompensati con gettoni Wollo.

Yannick Naud, un consulente Pigzbe , dice che è entrato nel prodotto perché il team aveva esperienza nella progettazione, costruzione e commercializzazione di giocattoli reali (John Marshall, un altro co-fondatore, ha costruito Kano, un computer). Il progetto utilizza prodotti reali e tangibili – il portafoglio e l’app – per insegnare ai bambini la finanza del 21 ° secolo, inclusa la criptovaluta. Quando acquisti il portafoglio (che costa $ 60), viene fornito con 200 Wollos, quindi sei pronto per iniziare subito. Yacob è appassionato di alfabetizzazione finanziaria. “Viviamo in una società oppressa dal debito”, dice. Ha ragione che le banche sono frustranti, le spese di trasferimento sono esorbitanti, e molte famiglie creano sistemi traballanti per indennità o paghette che non insegnano molto ai bambini. Il moderno sistema finanziario, dice, con precisione, “è progettato per confondere le persone”.

In che modo Pigzbe aiuta a mitigare ciò? Il white paper del progetto descrive Pigzbe come “un’applicazione decentralizzata che consente alle persone di creare le proprie reti finanziarie autonome e di scambiare denaro all’interno di esse. Incoraggia anche i clienti a cercare di ottenere più persone sulla piattaforma (più trading significa più valore). Non mi sembra una lezione che sto cercando di infondere nei miei figli”.

Yacob afferma che il punto non è il valore del Wollo, ma le lezioni apprese attraverso di esso. “Se vale $ 12 o $ 1,200 non importa, perché il valore che hanno ottenuto è nel gioco e l’esperienza che ha insegnato loro qualcosa (…) Chiamami vecchio stile, ma se i miei figli stanno risparmiando i loro soldi, voglio che abbiano fiducia nel loro valore, con una certa attenzione all’inflazione e al valore temporale del denaro”.

Yacob è abituato a resistere ai suoi prodotti. Quando ha iniziato a vendere Cubetto, la gente pensava che l’idea di insegnare la codifica ai bambini di tre anni era assurda. Sul progetto Pigzbe ha un’idea in anticipo sui tempi che verranno, essendo convinto che ci sarà una crescente domanda di migliore alfabetizzazione finanziaria e adozione di mezzi digitali di scambio decentralizzati.

Forse il Mondo non è ancora preparato, o forse certe lezioni di economia domestica e finanza andrebbero imparate a scuola. Vedremo se il simpatico maialino salvadanaio Pigzbe sopravviverà.

Nasce anche la criptovaluta immune alla volatilità

Ma non solo simpatici maialini salvadanai si vedono all’orizzonte.

Una start-up lanciata da tre laureati della Princeton University per una nuova criptovaluta, ha raccolto 133 milioni di dollari da una serie di grandi investitori in un collocamento privato. A riferirlo è il direttore esecutivo di Intangible Labs e co-fondatore Nader Al-Naji.

Eduardo MunozIntangible Labs è il creatore di Basis, una valuta digitale che mira a mantenere un prezzo stabile e ad essere utilizzabile in tutto il mondo. Al-Naji ha anche riferito che gli investitori della società hanno incluso Bain Capital Ventures, l’impresa di Google arm GV, società di venture capital Andreessen Horowitz e Lightspeed Foundation Capital.

Anche il gestore di un hedge fund miliardario, Stan Druckenmiller, e l’ex governatore della Federal Reserve Kevin Warsh, hanno investito nella società. Il nuovo token è costruito sulla blockchain ethereum e ha un meccanismo integrato che controlla la propria fornitura per mantenere il prezzo stabile, ha detto Al Naji a Reuters in un’intervista.

“La volatilità delle criptovalute ha impedito la loro diffusione”, ha detto Al-Naji. “Stiamo cercando di costruire criptovalute che abbiano tutti i vantaggi della crittografia ma che siano altresì stabili.” Blockchain, un libro mastro digitale di transazioni, è alla base delle criptovalute in generale e può essere utilizzato per tracciare, registrare e trasferire risorse in tutti i settori.

La vendita è stata strutturata come collocamento privato per gli investitori accreditati, ha detto Al-Naji. La società sta ancora decidendo se emettere token tramite un crowdsale pubblico, in quanto sta valutando l’attuale contesto normativo, ha aggiunto. Un giro di vite della regolamentazione globale sulle criptovalute ha rallentato il ritmo delle vendite di valuta virtuale, man mano che le domande aumentano, crescono anche la domanda di trasparenza e il rischio di truffe per gli investitori. Più di 500 startup tecnologiche digitali in tutto il mondo hanno raccolto fondi vendendo le proprie criptovalute, o token, che mettono in pericolo le banche o le società di venture capital nelle vesti di intermediari.

I regolatori di tutto il mondo, guidati dalla Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, hanno rinforzato le vendite simboliche di offerte iniziali di monete, istituendo regole e linee guida che stanno mettendo gli investitori in pausa e ritardando le nuove offerte.

In un’intervista a Reuters in ottobre, Al-Naji ha detto che l’idea di base, che era precedentemente chiamata basecoin, era stata partorita a giugno dal suo blog, Nader Theory, in cui ha affrontato l’idea di una moneta stabile che può ridursi e far crescere la sua offerta sulla blockchain.

LEAVE A REPLY