Bitcoin: arriva l’aggiornamento Taproot , smart contract possibili?

Bitcoin continua ad essere al centro dell’attenzione di analisti e di investitori con un nuovo incremento del prezzo seguito da notizie riguardanti un aggiornamento che porterà sostanziali cambiamenti.

Taproot è il nome che identifica una profonda innovazione nel network della blockchain Bitcoin. Di seguito scopriremo, cos’è, quali sono tutte le novità e l’effetto avito sulla quotazione di questa criptovaluta.

Bitcoin è la principale criptovaluta per capitalizzazione che è possibile trovare anche sulla popolare piattaforma di eToro (clicca qui per attivare un conto demo gratuito).

E’ un broker che può essere utilizzato anche sfruttando la funzionalità di Copy Trading, cosa che permette di copiare le posizioni di altri trader automaticamente. Per attivare un conto demo sono poi sufficienti 50€ per iniziare subito.

Per saperne di più sulle criptovalute su eToro vai qui sul sito ufficiale.
67% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

L’evoluzione del network Bitcoin

Il 2009 è una data che viene ricordata da tutti gli inventori come quella in cui il primo blocco di criptomonete Bitcoin venne inserito in rete, aprendo la strada a profondi cambiamenti in ambito commerciale e alla diffusione di tecnologie innovative come la blockchain.

La caratteristica di questa criptomoneta era quella di combinare un sistema completamente decentralizzato e indipendente. Infatti, la sua creazione è collegata a un algoritmo che viene sviluppato in rete e non da un ente bancario o un’istituzione Statale.

Dall’altro lato, ogni transazione non viene registrata in un unico server, ma è suddivisa sulla rete sfruttando una tecnologia innovativa come la blockchain. Ciò significa che ogni volta che si effettua una transazione questa dovrà essere convalidata tra più computer che vengono definiti nodi e che svolgono la funzione di server.

In questo modo si garantisce sicurezza e unicità di ogni singola operazione: una transazione convalidata attraverso la blockchain non potrà essere più modificata.
Se si osserva cosa ha comportato l’introduzione dei Bitcoin si dovrà considerare sia l’aspetto economico, sia quello tecnologico.

Basta valutare che il suo prima non è solo collegato al fatto di essere stata ila prima moneta digitale, ma è la più scambiata al mondo con una capitalizzazione che ormai supera il miliardo di euro e con un’elevata volatilità che ha portato molto investitori a trovarsi improvvisamente con portafogli milionari.

Una moneta inserita sul mercato il 5 ottobre del 2009 con una quotazione al di sotto dei 50 centesimi di dollaro e che in poco più di 10 anni è arrivato toccare il record storico pari a circa 69.000 $.

Investire in Bitcoin a lungo termine si è dimostrato essere una valida opportunità, ma oltre all’aspetto economico, questa criptovaluta continua a essere al centro dell’attenzione per l’innovazione tecnologica.

Ecco la quotazione attuale di Bitcoin:

Cos’è l’aggiornamento Taproot di Bitcoin


È un soft fork dei Bitcoin, introdotto il 14 novembre del 2021, ovvero un leggero cambiamento che si è avuto nell’algoritmo di consenso, che è alla base di questa criptomonete, un intervento risultato indispensabile per continuare a mantenere il primato di questa criptovaluta anche dal punto di vista tecnologico.

Grazie a esso si incrementano le potenzialità della blockchain di Bitcoin, rendendola sempre più sicura, veloce e soprattutto adatta alle nuove evoluzioni delle reti di criptovalute.

Perché è stato necessario intervenire sull’aspetto tecnologico delle monete digitali più scambiate al mondo?

Si deve considerare che l’algoritmo di consenso su cui si basa il Bitcoin, è definito con il termine Proof Of Work, un sistema molto innovativo, dato che permette il perfetto funzionamento della blockchain, ma che ha una serie di difetti soprattutto per ciò che riguarda la scalabilità.

Questo termine indica il numero di operazioni che possono essere portate a termine dalla rete in un determinato periodo di tempo e che con il sistema Bitcoin è limitato. Ciò è dovuto al meccanismo di verifica che richiede l’intervento dei diversi nodi della rete, che hanno la finalità di ricercare l’algoritmo di consenso.

Un’operazione che necessita di un quantitativo molto ampio di energia da parte dei singoli nodi che devono essere dotati di hardware sempre più potenti ed evoluti. Questi due fattori portano a dei costi maggiori per gli scambi dei Bitcoin oltre alla problematica di avere una rete che non riesce a processare più di un tot numero di operazioni al minuto.

Un fattore che con il tempo poteva penalizzare i Bitcoin soprattutto se rapportato al network di altre criptovalute come Ethereum, Solana e Ada di Cardano che hanno sviluppato dei sistemi di rete in cui il numero di processi, in un solo minuto, raggiungono anche più di 50.000 transazioni e con un consumo di energia ridotto.

Gli aggiornamenti della rete Bitcoin rientrano nella necessità di adattarsi a un’evoluzione del mondo delle criptovalute, oggi sempre più utilizzate per sviluppare sistemi DeFi, ovvero di Finanza decentralizzata e smart contract, operazioni che sfruttano la tecnologia blockchain per velocizzare una transazione in piena sicurezza.

Cosa comporta l’aggiornamento della rete Bitcoin: tutti i vantaggi

Cosa è cambiato nel sistema Bitcoin con Taproot? In primo luogo, è importante precisare che non è la prima modifica alla rete di questa criptovaluta, ma negli anni vi sono stati più interventi al fine di evolverla al passo con l’evoluzione finanziaria del mercato. La novità di questo aggiornamento è stata quella di rendere la rete Bitcoin molto più flessibile ed efficiente.

Come specificato da alcuni responsabili dei principali exchange online, l’aggiornamento Taproot è un qualcosa che ha reso il network Bitcoin adatto ad amplificare un settore come quelli dei contratti smart, mantenendo elevata la sicurezza e tutelando la privacy delle singole transazioni. Vediamo quali sono le novità e i miglioramenti che si sono determinati all’interno della rete Bitcoin.

  • Scalabilità: il concetto di efficienza è un fattore importantissimo nelle reti blockchain collegato alla capacità dei singoli nodi di processare un certo numero di transazioni in un secondo. Maggiore è la capacità del network di gestire le operazioni e, in proporzione, si otterrà un aumento del volume di scambi incrementando la crescita di una criptomoneta. Il problema nei Bitcoin era inverso, a causa dell’alto volume di operazioni che però non venivano gestite dalla rete in tempo. Ciò significa che alcune volte ci si poteva trovare ad attendere anche diversi minuti prima di vedere chiusa la propria transazione, con l’effetto di vedere il valore del Bitcoin variato anche di diversi punti percentuali. Oggi grazie all’aggiornamento, si otterrà una maggiore scalabilità.
  • Sicurezza: tutelare la privacy di chi effettua le transazioni e al contempo offrire massima sicurezza in ogni operazione sono altri due fattori che sono stati potenziati con l’aggiornamento del network Bitcoin. Ciò è stato possibile dato che questo fork ha introdotto una tecnologia che permette di rendere più efficiente il processo di riconoscimento del mittente e del destinatario e di chiudere la transazione.
  • Velocità delle operazioni: l’aumento della scalabilità e l’elevata sicurezza permettono oggi di velocizzare le singole operazioni, rendendo ancora più valido utilizzare i Bitcoin come sistema di investimento, ma anche per concludere contratti digitali.
  • Smart contract: altra considerazione riguarda l’opportunità di operare con i Bitcoin attraverso gli smart contract. In particolare, la possibilità di effettuare queste operazioni era stata già implementata nella rete Bitcoin ma con alcuni difetti in ambito di sicurezza e di velocità delle operazioni. Invece, grazie all’aggiornamento Taproot si sono potuti compensare questi aspetti rendendo il processo degli smart contract più efficiente e aprendo la strada a nuove possibile applicazioni di questa criptomoneta.

Come ha reagito il mercato all’aggiornamento Bitcoin

L’aggiornamento Taproot si presenta come una risposta da parte della rete Bitcoin allo sviluppo delle nuove criptovalute che sono stata ideate con network che cercano di rendere sempre più veloci le operazioni e al contempo permettere l’applicazione delle criptomonete a nuove realtà finanziarie.

Come ha reagito il mercato al fork Taproot? La notizia dell’aggiornamento è stata vista in modo positivo dagli investitori, con un improvviso aumento dei volumi di scambio. Infatti, i Bitcoin hanno sfondato quota 65.000 $ con un improvviso picco a 66.000 $ per poi stabilizzarsi di nuovo su un’ipotetica resistenza tra i 64.000 $ e i 65.000 $.

Una risposta prevista da alcuni analisti, ma che ha deluso alcuni trader, i quali si aspettavano una maggiore crescita, collegata ai profondi cambiamenti che questo fork ha portato alla rete.

Continueremo ad occuparci di tutti gli aggiornamenti sulle criptovalute gli ultimi aggiornamenti con le previsioni sul prezzo.

Se volete fare trading sulle principali criptovalute vi consigliamo il broker eToro che consente anche fare social trading e disporre di strumenti di trading professionali.

Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.
67% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro