Binance: prelievi per quasi 2 Miliardi di dollari in 1 giorno

Nelle ultime 24 ore si sta scatenando molta FUD attorno all’Exchange Binance. Il colosso guidato da Chanpeng Zao (CZ), è stato accusato proprio ieri dal dipartimento di giustizia USA di riciclaggio di denaro. A essere coinvolti sarebbero alcuni dirigenti dell’azienda, tra i quali ci potrebbe essere anche il CEO.

Proprio ieri Binance ha pubblicato una risposta all’inchiesta di Reuters evidenziando tutte le attività che conduce ogni giorno col suo team per prevenire frodi e transazioni illecite.

A scatenare ancora di più sono arrivate alcune analisi fatte on chain che hanno registrato prelievi per quasi 2 miliardi di dollari in un’unica giornata. A peggiorare la situazione voci di una potenziale insolvenza di Binance con BNB, la coin di Binance, che ha registrato un calo dell’8%. Ovviamente non c’è alcuna prova sul fatto che Binance possa essere insolvente, ma sono bastate queste notizie ad alimentare incertezza sulla tenuta dell’Exchange.

Andiamo per ordine e cerchiamo di capire cosa sta succedendo in queste ore.

Binance: prelievi per 2 Miliardi in 24 ore

In questa situazione di mercato incerto è possibile comunque opeare sulle criptovalute utilizzando piattaforme regolamentata come eToro (clicca qui per attivare un conto demo gratuito).

E’ un broker che può essere utilizzato anche sfruttando la funzionalità di Copy Trading, cosa che permette di copiare le posizioni di altri trader automaticamente. Per attivare un conto sono poi sufficienti 50€ per iniziare subito, oltre al conto demo gratuito.

Per saperne di più sulle criptovalute su eToro vai qui sul sito ufficiale.

Binance sotto accusa per riciclaggio

Binance è l’exchange di criptovalute più importate nel settore delle criptovalute in termini di volumi. La maggior parte degli investitori ha un account su Binance, una piattaforma che col crollo di FTX ha aumentato ancora di più la sua dominance.

Può fare fastidio a qualcuno il suo predominio? Quello che è certo è che le tempistiche dei fatti sono un po’ dubbie. Subito dopo il crollo di FTX, Binance ha ricevuto numerosi attacchi che sono culminati ieri con l’attacco da parte dell’agenzia Reuters.

Come vedete in questo tweet:

Binance accusata di riciclaggio

con accuse di riciclaggio di denaro e transazioni fraudolente sulla piattaforma di Binance. Il team risponde con un comunicato in cui dichiara che Reuters si sbaglia.

Il team di sicurezza di Binance è uno dei migliori del mondo ed affronta ogni giorno problematiche legate alle transazioni. Poi condivide tutti i risultati raggiunti

Dopo queste notizie molti investistori hanno temuto un altro caso di bankrun come accaduto con FTX ed hanno iniziato a prelevare i propri fondi dall’Exchange.

La situazione sembrava essere rientrata fino ad oggi in cui sono emersi altri dati relativi ai prelievi.

Binance: continuano i prelievi, ma perché?

Nella giornata di ieri ci sono state altre accuse in merito alla pubblicazione della Proof of Reserve da parte di Binance.

Il report è stato pubblicato da Mazars Group, una società indipendente che ha fatto le analisi per verificare lo stato delle riserve dell’exchange.

Molti, tra cui il Wall Street Journa, hanno sollevato dei dubbi sulla validità di queste analisi sottolineando il fatto che non si tratta di veri e propri Audit per i quali ci vogliono mesi ma semplicemente di un rapporto sulle riserve detenute da Binance. Se infatti è possibile verificare le riserve on chain, niente è stato dichiarato sui depositi dei clienti di cui non si sa nulla.

In pratica ci si deve fidare di quanto dichiarato. La conseguenza di questo è stata una corsa ai prelievi per paura di un nuovo caso FTX. E’ un caso classico FUD (Fear, Uncertainty, Doubt) in cui gli utenti nel dubbio prelevano i propri fondi nel caso in cui qualcosa possa accadere.

Come vedete in questo tweet poi CZ minimizza affermando:

CZ spiega la situazione dei prelievi di Binance

che sono stati fatti circa 1,14 miliardi di dollari di prelievi. Operazioni nella norma che sono avvenute anche in altri giorni. CZ dice che a alcuni giorni si verificano prelievi su Binance, altre volte depositi, quindi una situazione normale.

Alcune analisi on chain come quelle fatte dal portale di analisi Nansen ha evidenziato come siano stati prelevati quasi 2 miliardi dollari da Binance. Se sommiamo i numeri degli ultimi giorni arriviamo ai volumi dei prelievi della settimana del fallimento di FTX.

Analisi di Nansen su Binance

C’è da preoccuparsi? CZ continua a minimizzare la faccenda e a tranquillizzare gli utenti ma l’incertezza rimane. Come vedete nel rapporto si evidenzia un aumento dei prelievi nelle ultime 24 ore per circa 1,6 miliardi di dollari.

Oggi CZ è tornato a twittare come vedete qui:

Binance ha affrontato volumi di prelievi maggiori

affermando che la situazione si è stabilizzata.

Quello di ieri non è stato il prelievo più alto che abbiamo elaborato, nemmeno il 5°. Ne abbiamo elaborati di più durante i crash di LUNA o FTX. Ora i depositi stanno tornando”

Rimangono i dubbi legati alle indagini del dipartimento di Giustizia USA che, se confermate, porterebbero sfiducia e porterebbero ad una situazione problematica per FTX.

Inoltre i casi di insolvenza recente stanno portando ad una fuoriuscita di capitali dagli exchange a favore dei servizi di custodia. Tutto questo non fa bene al settore e contribuisce ancora di più ad alimentare la sfiducia nei servizi centralizzati.

Conclusioni

Continueremo ad occuparci di tutti gli aggiornamenti sulle criptovalute gli ultimi aggiornamenti sul caso Binance. .

Vi ricordiamo che le previsioni degli analisti non devono essere considerate come un consiglo finanziario, ognuno deve fare le proprie valutazioni in tema di investimenti.

Se volete fare trading sulle principali criptovalute vi consigliamo il broker eToro che consente anche fare social trading e disporre di strumenti di trading professionali.

Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.