Benetton Group: Alessandro si dimette dal cda

Si vociferava già da un mese la decisione di Alessandro Benetton di lasciare il posto che lo vede  Presidente Esecutivo dal 2013 dell’azienda di famiglia ed oggi è arrivata la conferma. Nel prossimo Consiglio di Amministrazione l’azionista Edizione (holding di casa Benetton) indicherà il successore che prenderà il posto lasciato vacante da Alessandro, presumibilmente sarà una persona esterna alla famiglia. Fanno parte dell’attuale cda oltre a cinque consiglieri esterni anche i figli dei quattro fondatori: Gilberto, Carlo, Luciano e Giuliana e il presidente Francesco Gori e l’amministratore delegato Marco Airoldi. Alessandro Benetton continuerà a ricoprire la carica di consigliere nei cda di Autogrill e di Edizioni.

alessandro-benetton

Il disaccordo sul futuro assetto dell’azienda

Le motivazioni che hanno spinto il figlio di Luciano di dimettersi dal cda, si trovano nel disaccordo sul futuro assetto da dare all’azienda per farla riemergere dalla crisi in cui si trova tutt’ora. Il 2015 si era concluso con i conti in rosso di 46 milioni di euro, con 1,5 miliardi di fatturato ed il -1,2% di ricavi. Il malessere aziendale è stato accentuato inoltre dalla concorrenza dei marchi low cost, ad esempio Zara ha realizzato un utile pari al doppio di Benetton mettendo alle corde anche Stefanel (ora in concordato di bilancio). Alessandro sarebbe contrario alla ristrutturazione aziendale a favore invece di un rilancio del marchio dell’abbigliamento casual, di cui il padre ne fu la mente creativa.

Delicati equilibri in casa Benetton

Le dimissioni di Alessandro Benetton potrebbe mettere a dura prova i già delicati equilibri della famiglia, dopo la decisione di scindere l’azienda in tre parti: l’industriale con Atlantia la quale controlla Autostrade per l’Italia e Aeroporti di Roma, il retail con il Gruppo Benetton e Autogrill, le quali fanno tutte capo all’Edizione gestita interamente dalla famiglia di Ponzano Veneto. Alla luce di tutti questi cambiamenti, sembra sempre più vicina la svolta verso una gestione manageriale di Benetton Group.