Cos’è Benchmark sui fondi comuni di investimento e a cosa serve

Cos’è il benchmark sui fondi comuni di investimento? A cosa serve il Benchmark sui fondi comuni di investimento? Cosa sono i fondi comuni di investimento?

Ci sono termini che possono spaventarci, che ci rievocano chissà quale significato celato da scoprire. E ciò ovviamente anche nel trading, dove, dovendo mettere in gioco i nostri risparmi, ovviamente siamo obbligati a conoscere il più possibile i fattori in campo.

O, almeno, dovrebbe essere così. Ma purtroppo non tutti osservano questa buona abitudine, visto che in tanti si affidano alle promesse assurde di piattaforme miracolose.

Tra i termini da conoscere e che possono spaventare al solo udito o alla sola lettura, rientra probabilmente anche benchmark. Termine legato ai fondi comuni di investimento.

Di seguito vediamo dunque cos’è un benchmark sui fondi comuni di investimento.

Migliori piattaforme per negoziare

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>
plus500CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>

Benchmark cosa significa

Cosa significa Benchmark? Ogni volta che investi in un fondo comune, devi aver trovato il termine “benchmark”. Ma hai mai pensato che cosa significhi “benchmark di fondi comuni”, perché è associato a ogni schema e in che modo influisce sull’importo investito?

Bene, Benchmark può essere tradotto con “punto di riferimento”. Da considerarsi uno standard rispetto al quale è possibile misurare le prestazioni di un fondo di investimento mutualistico, di sicurezza o di un gestore di fondi.

Un Benchmark è dunque un punto di riferimento rispetto al quale vengono confrontate le prestazioni e l’assegnazione di azioni di un fondo di fondi comuni. È anche noto come indice di riferimento dello schema. La selezione di un benchmark è decisa in base all’obiettivo di investimento e al modello di asset allocation dello schema.

Benchmark fondi comuni di investimento cos’è

Cos’è il Benchmark? Un benchmark è un gruppo non gestito di titoli che sono considerati come un “benchmark” per misurare la performance di un fondo / azioni.

I benchmark sono generalmente indici di mercato ampi come BSE Sensex o CNX Nifty del mercato azionario indiano, con cui vengono confrontati i rendimenti dei fondi comuni.

Benchmark fondi comuni di investimento come funziona

Come funziona il Benchmark sui fondi comuni di investimento? Se un fondo ha ottenuto un rendimento del 59% in un determinato anno, ma il valore di riferimento Sensex ha raggiunto il 70%, questo sottovaluta il comparto rispetto al benchmark Sensex.

Quindi, un benchmark indica direttamente la performance del gestore del fondo. Ad esempio, un fondo comune che sovraperforma il benchmark è un segno di un gestore di fondi efficiente.

Benchmark sui fondi comuni di investimento a cosa serve

Che tipo di significato ha il benchmark del fondo comune di investimento? Se uno schema è un punto di riferimento contro CNX MID CAP 200, indica semplicemente il tipo di partecipazioni azionarie e il rischio coinvolto in tale schema. Non solo, misura anche le competenze di un gestore di fondi e dei suoi team.

Individuare la performance, confrontare il rendimento del portafoglio con il benchmark è una cosa fondamentale da fare e dovrebbe essere noto agli investitori.

Himanshu Srivastava, Senior Research Analyst, Morningstar ha affermato che i rendimenti devono essere sempre contestualizzati; vederli isolati è completamente fuorviante. Ogni singolo fondo comune di investimento deve specificare un indice di riferimento rispetto al quale è possibile visualizzare le performance del fondo. Ma avere un indice semplicemente perché il regolatore ha ordinato, sconfigge il suo scopo. Il confronto dei rendimenti con un benchmark sarebbe significativo solo se quest’ultimo riflette la filosofia di investimento del fondo.

“Sarebbe inutile che un fondo mid-cap fosse confrontato con, ad esempio, il Sensex, che è un indice large cap. Anche il benchmarking di un fondo settoriale rispetto a un indice generale di mercato è ingannevole “, ha affermato.

L’importanza di un indice di riferimento è di fornire una prospettiva e un criterio pertinente per misurare i rendimenti dei fondi comuni. Ciò consente agli investitori di valutare le capacità di investimento di un gestore di fondi, poiché ogni gestore di fondi punta a sovraperformare l’indice di riferimento del fondo a lungo termine.

Perché dovresti confrontare le prestazioni dello schema con il benchmark? In primo luogo, gli investitori dovrebbero sapere che è stato reso obbligatorio per le case di investimento dichiarare indici di riferimento per ciascuno dei loro schemi di fondi comuni. Al fine di consentire agli investitori di confrontare le performance del loro fondo con quelle del mercato più ampio.

Gli esperti ritengono che sia importante confrontare la performance del sistema rispetto al suo benchmark per verificare se ha sovraperformato o sottoperformato in diversi periodi di tempo.

Uno schema azionario avrebbe potuto dare un rendimento annualizzato del 12% negli ultimi due anni e anche l’indice di mercato sarebbe salito di un tasso simile durante questo periodo. In tal caso, lo schema non ha generato rendimenti aggiuntivi rispetto all’indice di mercato. Questo serve come parametro importante mentre si sceglie quale schema investire.

Come usare Benchmark sui fondi comuni di investimento

Il fondo ospita indici di riferimento selezionati sulla base della capitalizzazione di mercato e delle strategie settoriali o tematiche dei rispettivi fondi.

Ad esempio, i fondi a larga capitalizzazione avrebbero indici di capitalizzazione elevati, come BSE SENSEX, BSE100, Nifty 50 o Nifty 100 come indici di riferimento. Analogamente, i fondi a media capitalizzazione avrebbero Nifty Midcap 100 o Nifty Midcap 150 come indici di riferimento mentre i fondi infrastrutturali utilizzerebbero Nifty Infrastructure o BSE India Infrastructure India.

Manish Kothari, Direttore e responsabile dei fondi comuni, ha affermato che le società a grande capitalizzazione hanno un rischio al ribasso inferiore, fondi con indici a capitalizzazione elevata poiché il loro indice di riferimento sarebbe adatto agli investitori con bassa propensione al rischio.

Allo stesso modo, fondi con indici a media o piccola capitalizzazione adatti a coloro che hanno una maggiore propensione al rischio. “Pertanto, gli indici di riferimento danno agli investitori un’idea chiara della composizione del portafoglio del fondo e, quindi, prendono decisioni di investimento ottimali dopo aver considerato la loro propensione al rischio e le aspettative di rendimento”, ha aggiunto.

Kothari ha anche fornito un esempio, se un fondo di fondi comuni offre rendimenti significativamente più elevati rispetto all’indice di riferimento o scende al di sotto del suo indice di riferimento durante una fase di recessione del mercato, allora si ritiene che abbia sovraperformato il suo indice di riferimento.

Analogamente, uno schema di fondi comuni sovraperformando costantemente il proprio indice di riferimento in diversi periodi indica la coerenza delle sue prestazioni. Tuttavia, un fondo gestito attivamente che genera un rendimento simile a quello dell’indice di riferimento è considerato una sottoperformance in quanto il fondo non ha rispettato l’obiettivo di base di battere il suo indice di riferimento per il quale addebita commissioni di gestione del fondo più elevate.

“Pertanto, gli indici di riferimento possono essere molto utili per decidere se effettuare nuovi investimenti, rimanere investiti o riscattare un fondo comune”, ha affermato.

Come valutare un Fondo comune di investimento tramite Benchmark

Come valutare un Fondo comune di investimento tramite Benchmark? La valutazione di un fondo per vedere se ha sovraperformato il suo indice di riferimento o meno, non è la misura per selezionare un regime di fondi comuni. È, tuttavia, uno dei fattori più importanti che è necessario prendere in considerazione prima di investire in fondi comuni di investimento.

Come investitore, è una buona idea ripercorrere la storia delle prestazioni del fondo per alcuni anni e vedere se è riuscita a sovraperformare il proprio benchmark con una differenza significativa o no.

Come si misura la performance dei miei fondi comuni di investimento rispetto al suo benchmark? È possibile valutare le prestazioni del proprio schema di fondi comuni analizzando se i fondi hanno generato un rendimento più elevato rispetto al benchmark. Se il rendimento supera il benchmark, i tuoi fondi hanno sovraperformato. E se il benchmark registra un rendimento più alto del tuo fondo, i tuoi fondi hanno sottoperformato.

Fondi comuni di investimento cosa sono

Cosa sono i Fondi comuni di investimento? Detto cos’è un benchmark, a cosa serve e perché è importante, ricordiamo cosa sia un Fondo comune di investimento.

Un fondo comune è un tipo di veicolo finanziario costituito da un pool di denaro raccolto da molti investitori per investire in titoli quali azioni, obbligazioni, strumenti del mercato monetario e altre attività.

I fondi comuni sono gestiti da gestori monetari professionisti, che allocano il patrimonio del fondo e tentano di generare plusvalenze o reddito per gli investitori del fondo. Il portafoglio di un fondo comune di investimento è strutturato e mantenuto per corrispondere agli obiettivi di investimento indicati nel suo prospetto. I fondi monetari concedono agli investitori piccoli o individuali l’accesso a portafogli gestiti professionalmente di azioni, obbligazioni e altri titoli.

Ogni azionista, quindi, partecipa proporzionalmente ai guadagni o alle perdite del fondo. I fondi comuni investono in un vasto numero di titoli e la performance viene solitamente monitorata come la variazione della capitalizzazione totale del mercato, derivata dalla performance aggregante degli investimenti sottostanti.

I fondi comuni raccolgono denaro dal pubblico degli investitori e usano quei soldi per comprare altri titoli, di solito azioni e obbligazioni. Il valore della società di fondi comuni dipende dalla performance dei titoli che decide di acquistare. Quindi, quando acquisti un’unità o una quota di un fondo comune, stai acquistando la performance del suo portafoglio o, più precisamente, una parte del valore del portafoglio. Ecco perché il prezzo di una quota di fondi comuni è indicato come valore patrimoniale netto (NAV) per azione, a volte espressa come NAVPS.

Il NAV di un fondo viene calcolato dividendo il valore totale dei titoli nel portafoglio per l’importo totale delle azioni in circolazione. Le azioni in circolazione sono quelle detenute da tutti gli azionisti, investitori istituzionali e funzionari della società o addetti ai lavori. Le quote di fondi comuni possono generalmente essere acquistate o rimborsate secondo necessità al NAV corrente del fondo, che, a differenza del prezzo delle azioni, non fluttua durante le ore di mercato, ma è regolato alla fine di ogni giorno di negoziazione.

Il fondo comune medio detiene centinaia di diversi titoli, il che significa che gli azionisti dei fondi comuni ottengono un’importante diversificazione a un prezzo basso.

Considera un investitore che acquista solo azioni Google prima che la società abbia un trimestre negativo. Sta per perdere molto valore perché tutti i suoi dollari sono legati a una società. D’altra parte, un investitore diverso può acquistare azioni di un fondo comune che è proprietario di azioni di Google.

Quando Google ha un brutto trimestre, perde solo una frazione perché Google è solo una piccola parte del portafoglio del fondo.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY