Chi è Bayo Ogunlesi, il nuovo proprietario di Italo

Come detto in un articolo precedente, anche Italo passa in mani straniere. Mani africane, nella fattispecie, nigeriane. Si tratta di Adebayo Ogunlesi, Bayo per gli amici, 64enne. Investment banker, un banchiere d’affari, «per caso». Ha fatto carriera a Wall Street diventando uno dei manager di maggior successo, ma anche uno dei meno conosciuti. E suo infatti il Global infrastructure partners (Gip), il fondo privato di investimenti specializzato nel settore delle infrastrutture, che ha rilevato l’unica società concorrente di Ferrovie dello Stato.

Ogunlesi era partito che voleva fare l’avvocato, laureandosi di fatto nel 1979 in Legge a Harvard. In una epoca nella quale la scuola di legge dell’università americana non ammetteva studenti educati fuori dagli Stati Uniti. Ma Bayo ha vinto la sua sfida. E ironicamente racconta i tempi da studente: «Ero l’unico non americano, io che venivo dalla Nigeria, insieme a un tipo dall’Arabia Saudita e un altro dall’Iran, tre Paesi grandi produttori di petrolio: immagino che Harvard pensava che saremmo tornati nei nostri Paesi, diventati ricchi e finanziato una cattedra alla nostra Alma mater…», Poi continua: «Non porto le bretelle e, quando avevo i capelli, non li pettinavo all’indietro con la brillantina. Da quando si occupa di affari ha pero’ mostrato un gran fiuto e un pugno di ferro».

Ripercorriamo la storia di Adebayo Ogunlesi, nuovo proprietario di Italo.

Sommario

Chi è Adebayo Ogunlesi, nuovo proprietario Italo

Adebayo “Bayo” O. Ogunlesi è nato il 20 dicembre 1953, è un avvocato nigeriano e un investment banker. Ogunlesi è attualmente Chairman e Managing Partner presso la società di private equity Global Infrastructure Partners (GIP). Da gennaio proprietaria di Italo. Ogunlesi è stato l’ex capo del Global Investment Banking presso Credit Suisse First Boston, prima di essere promosso a Chief Client Officer e Executive Vice Chairman.

Adebayo Ogunlesi origini

Ogunlesi è originario di Makun, Sagamu, stato di Ogun in Nigeria. È il figlio di Teofilo O. Ogunlesi, il primo professore di medicina nigeriano all’Università di Ibadan. La sua famiglia è di origine yoruba. Oununlesi andò al King’s College, a Lagos, una scuola secondaria a Lagos, in Nigeria. Ha ricevuto un B.A. con il massimo dei voti in Filosofia, Politica ed Economia dalla Oxford University in Inghilterra. Nel 1979, ha ricevuto un J.D. magna cum laude presso la Harvard Law School e un M.B.A. della Harvard Business School, che ha perseguito contemporaneamente. Durante la sua permanenza ad Harvard, era nella Harvard Law Review.

La carriera di Adebayo Ogunlesi

Dal 1980 al 1981, Ogunlesi ha lavorato come avvocato presso la giustizia associata Thurgood Marshall della Corte Suprema degli Stati Uniti. Ogunlesi era un avvocato nel gruppo di pratica aziendale dello studio legale di Cravath, Swaine di New York City. Nel 1983, Ogunlesi si unì alla banca di investimenti First Boston come consulente per un progetto di gas nigeriano. A First Boston, ha lavorato nel Project Finance Group, consigliando i clienti su transazioni e finanziamenti e ha lavorato a transazioni in Nord e Sud America, Caraibi, Europa, Medio Oriente, Africa e Asia. Nel 1990 Credit Suisse ha comprato First Boston e dalla fusione è nata Credit Suisse First Boston, dove Ogunlesi ha continuato a scalare la gerarchia fino ad essere promosso capo globale dell’investment banking nel 2002. Infatti, dal 1997 al 2002, è stato a capo del gruppo globale dell’energia del rinomato Credit Suisse First Boston (CSFB). Nel 2002, Ogunlesi è stata nominata Global Head della divisione Investment Banking di CSFB. Sempre nel 2002, è stato membro del consiglio di amministrazione e del comitato direttivo del Credit Suisse.

Dal 2004 al 2006, Ogunlesi è stato Vicepresidente esecutivo e Chief Client Officer di CSFB. Nel luglio 2006, Ogunlesi ha avviato la società di private equity Global Infrastructure Partners (GIP), una joint venture i cui investitori iniziali comprendevano Credit Suisse e General Electric . Attualmente è Presidente e Managing Partner.

Nel 2006, GIP acquistò l’aeroporto di London City. Nel 2009, GIP ha acquisito la maggioranza all’aeroporto di Londra Gatwick in un affare del valore di £ 1.455 miliardi. La stampa nigeriana gli ha dato il soprannome, “L’uomo che ha acquistato l’aeroporto di Gatwick”. Il GIP possiede anche l’aeroporto di Edimburgo, acquistato nel 2012.

Altri ruoli di Adebayo Ogunlesi

Ogunlesi è membro dell’Ordine degli Avvocati del Distretto di Columbia. Mentre lavorava al Credit Suisse First Boston, è stato docente presso la Harvard Law School e la Yale School of Organization and Management, dove ha tenuto un corso sui progetti di investimento transnazionale nei paesi emergenti. Nell’ottobre 2012, Ogunlesi era nominato al Consiglio di amministrazione di Goldman Sachs. Il 24 luglio 2014 è stato nominato Lead Director. Nel dicembre 2016 è stato annunciato che Ogunlesi, tra gli altri leader aziendali, avrebbe fatto parte del Forum strategico e politico di Donald Trump, che è stato sciolto il 16 agosto 2017.

Ogunlesi è sposato con l’optometrista di origine britannica, la dott.ssa Amelia Quist-Ogunlesi dal 1985. Hanno due figli. Ha ricevuto dal Centro internazionale di New York l’Award of Excellence.

E’ membro anche dei seguenti istituti:

  • Harvard Business School: Member, Board of Dean’s Advisors
  • Harvard Law School: Member, Leadership Council of New York
  • Harvard University: Member, Global Advisory Council
  • NAACP Legal Defense and Educational Fund: Member, National Board of Directors
  • NewYork–Presbyterian Hospital: Member, Board of Trustees
  • Partnership for New York City Fund: Member, Board of Directors

Pubblicazioni di Ogunlesi Adebayo

Nel 1979 ha pubblicato The Basic Human Needs Approach to Development per la Cambridge, MA Harvard Law School. In occasione del seminario del Professore C. Clyde Ferguson: Legal Problems of the New International Economics Order (Harvard third year paper).

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY