Bayer rileva Monsanto e ne sopprime il marchio

Lo scorso 7 giugno è diventata effettiva l’acquisizione di Monsanto da parte della tedesca Bayer. Per un prezzo di 63 miliardi di dollari. In tal modo, Bayer è diventato l’unico proprietario della Monsanto Company, come annunciato in una nota della Bayer. Che peraltro la domenica precedente aveva pure annunciato un aumento di capitale da 6 miliardi di euro per finanziare l’acquisizione del gigante americano di Ogm e pesticidi.

Werner Baumann, presidente di Bayer, ha così commentato l’operazione: «L’acquisizione di Monsanto rappresenta una pietra miliare strategica per rafforzare il nostro portafoglio di aziende leader nel campo della salute e della nutrizione. Raddoppieremo le dimensioni della nostra attività agricola e creeremo un motore di innovazione leader nell’agricoltura, posizionandoci per servire meglio i nostri clienti e sbloccare il potenziale di crescita a lungo termine nel settore».

L’acquisizione è stata annunciata a maggio 2016, da 128 dollari per azione, per un costo totale di 63 miliardi di dollari. Incluso il debito di Monsanto. L’acquisizione di Bayer da parte di Monsanto non ha comunque scosso i mercati, dato che il titolo del colosso farmaceutico tedesco ha fatto registrare un +0,6%.

Sommario

Bayern-Monsanto, un grande colpo per il colosso farmaceutico tedesco

Entusiasti anche i media tedeschi, che sottolineano come si tratti della maggiore acquisizione di un’impresa tedesca all’estero. L’ultima importante autorizzazione è arrivata dall’ente sulla concorrenza degli Usa nei giorni scorsi. A marzo c’era stata l’approvazione dell’Ue.

Tenendo conto di Monsanto e delle attività cedute, nel 2017 le imprese sanitarie e agricole sarebbero state approssimativamente uguali per grandezza, con vendite pro forma totali di circa 45 miliardi di euro, comprese le vendite combinate di Crop Science per 20 miliardi. Nel 2017, entrambe le società hanno impiegato circa 115.000 persone, rappresentando le cessioni.

Dall’acquisizione Bayer prevede già un contributo positivo all’utile di base per azione a partire dal 2019. Dal 2021 in poi, il beneficio dovrebbe essere in percentuale a due cifre. Inoltre, rettificato per le cessioni, Bayer prevede sinergie da 1,2 miliardi di dollari all’Ebitda prima di voci speciali a partire dal 2022. Al fine di acquisire la Monsanto, Bayer si è assicurata un finanziamento iniziale del ponte di 57 miliardi di dollari.

Bayer sopprimerà marchio Monsanto

Bayer ha comunque deciso di sopprimere il marchio Monsanto dopo l’acquisizione. Bayer raccoglierà 6 miliardi di euro in contanti tramite emissione di nuove azioni per finanziare l’operazione. L’emissione è sostenuta da un accordo con un consorzio di 20 banche, incluse Bank of America Merrill Lynch e Credit Suisse. Bayer ha aggiunto che sta programmando l’emissione di bond senior in dollari ed euro per un ammontare totale di 20 miliardi di euro.

Bayer chi è

Bayer AG è una multinazionale tedesca, che si occupa di farmaceutica e life science. Ha sede a Leverkusen, dove il suo segno illuminato è un punto di riferimento. Le principali aree di attività di Bayer comprendono prodotti farmaceutici umani e veterinari; prodotti per la salute del consumatore; prodotti chimici agricoli e prodotti biotecnologici; e polimeri di alto valore. La società è una componente dell’indice del mercato azionario Euro Stoxx 50. Il motto dell’azienda è “la scienza per una vita migliore”. Il primo e più noto prodotto di Bayer era l’aspirina; c’è una disputa su ciò che lo scienziato di Bayer ha apportato i contributi più importanti ad esso, Arthur Eichengr o Felix Hoffmann.

Bayer ha registrato il nome di “eroina” per la diacetilmorfina e l’ha commercializzato come sedativo della tosse e sostituto non tossico della morfina dal 1898 al 1910. Bayer ha anche introdotto il fenobarbital, prontosil, il primo antibiotico ampiamente utilizzato e oggetto del Premio Nobel del 1939 in medicina, l’antibiotico Cipro (ciprofloxacina) e Yaz (drospirenone) pillole anticoncezionali.

Nel 2014 Bayer ha acquistato il business consumer di MSD, con marchi come Claritin, Coppertone e Dr. Scholl’s. La sua attività di BayerCropscience sviluppa coltivazioni e pesticidi geneticamente modificati. Bayer fu fondata a Barmen nel 1863. Faceva parte della IG Farben, la più grande azienda chimica e farmaceutica del mondo, dal 1925 al 1952, e divenne di nuovo una società indipendente dopo che la IG Farben era stata demolita dagli Alleati dopo la seconda guerra mondiale grazie alla sua collaborazione con il regime nazista.

La compagnia ha svolto un ruolo chiave nel Wirtschaftswunder durante la prima Guerra Fredda e rapidamente ha riguadagnato la sua posizione come una delle più grandi corporazioni chimiche e farmaceutiche del mondo. Bayer ha acquisito Schering nel 2006 e ha, come detto, annunciato l’acquisizione di Monsanto nel 2016.

Bayer storia

Bayer AG fu fondata a Barmen (oggi parte di Wuppertal), Germania, nel 1863 da Friedrich Bayer e dal suo socio Johann Friedrich Weskott. Corrispondentemente alla sua formazione, Friedrich Bayer era responsabile per le attività commerciali della giovane azienda. Wescott ha avuto un apprendistato come tintore, che gli ha dato la conoscenza della chimica. La Fuchsine e l’anilina divennero i prodotti più importanti della compagnia.

La sede e la maggior parte delle strutture produttive si spostarono da Barmen a un’area più grande di Elberfeld nel 1866. Friedrich Bayer (1851 – 1920), figlio del fondatore dell’azienda Friedrich Bayer, fu un chimico e si unì alla compagnia nel 1873. Dopo la morte di suo padre nel 1881, la compagnia fu trasformata in una società per azioni chiamata Farbenfabriken vorm. Friedr. Bayern & Co. Anche la società si chiamava Elberfelder Farbenfabriken. Un’ulteriore espansione a Elberfeld era impossibile. Per questo motivo era necessaria una nuova posizione. La compagnia si trasferì nel piccolo villaggio di Wiesdorf a Rhein e si stabilì nella zona del produttore di alizarina Leverkus and Sons.

Nel 1930 fu fondata una nuova città e nel 1930 fu scelto il nuovo nome di Leverkusen. Il logo aziendale della compagnia, la croce Bayer, fu introdotto nel 1904. Consiste nella parola orizzontale “BAYER” incrociata con la parola verticale “BAYER”, entrambe le parole condividono la “Y”, e racchiuse in un cerchio. Una versione illuminata del logo è un punto di riferimento a Leverkusen, la sede principale della Bayer AG.

Aspirina, il primo prodotto Bayer

Il primo prodotto principale di Bayer era l’acido acetilsalicilico (originariamente scoperto dal chimico francese Charles Frederic Gerhardt nel 1853), una modifica dell’acido salicilico o della salicina, un rimedio popolare trovato nella corteccia della pianta di salice. Nel 1899, l’Aspirina marchio di Bayer fu registrata in tutto il mondo per il marchio dell’acido acetilsalicilico di Bayer, ma “Aspirina” perse il suo status di marchio negli Stati Uniti, in Francia e nel Regno Unito a causa della confisca dei beni e dei marchi statunitensi di Bayer durante la Prima Guerra Mondiale gli Stati Uniti e il conseguente uso diffuso del termine per descrivere tutte le marche del composto.

Ora è ampiamente utilizzato negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Francia per tutti i marchi del farmaco. Tuttavia, è ancora un marchio registrato di Bayer in oltre 80 paesi, tra cui Canada, Messico, Germania e Svizzera. A partire dal 2011, circa 40.000 tonnellate di aspirina vengono prodotte ogni anno e 10-20 miliardi di compresse vengono prese negli Stati Uniti da soli ogni anno per la prevenzione di eventi cardiovascolari.

È sulla lista dei farmaci essenziali dell’OMS, i farmaci più importanti necessari in un sistema sanitario di base. C’è stata una controversia sui ruoli svolti dagli scienziati di Bayer nello sviluppo dell’aspirina. Arthur Eichengrün, un chimico di Bayer, ha affermato di essere il primo a scoprire una formulazione di aspirina che non ha avuto gli spiacevoli effetti collaterali di nausea e dolore gastrico. Eichengrün affermò anche che inventò il nome aspirina e fu la prima persona ad usare la nuova formulazione per testarne la sicurezza e l’efficacia.

Bayer sostiene che l’aspirina fu scoperta da Felix Hoffmann per alleviare le sofferenze di suo padre, che soffriva di artrite. Varie fonti supportano le affermazioni contrastanti. La maggior parte degli storici tradizionali attribuisce l’invenzione dell’aspirina a Felix Hoffmann e / o Arthur Eichengrün.

Nel 1903, Bayer brevettò il brevetto per l’acido dietilbarbituico della droga ipnotica dai suoi inventori Emil Fischer e Joseph von Mering. Fu commercializzato con il nome commerciale Veronal come aiuto per dormire a partire dal 1904. Indagini sistematiche sull’effetto dei cambiamenti strutturali sulla potenza e sulla durata dell’azione a Bayer portarono alla scoperta del fenobarbital nel 1911 e alla scoperta della sua potente attività antiepilettica nel 1912.

Il fenobarbitale era tra i farmaci più usati per il trattamento dell’epilessia negli anni ’70 e, dal 2014, rimane nell’elenco dei farmaci essenziali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Bayer prima e dopo la II Guerra Mondiale

Come parte delle riparazioni dopo la prima guerra mondiale, i beni di Bayer, inclusi i diritti sul suo nome e marchi, furono confiscati negli Stati Uniti, in Canada e in molti altri paesi. Negli Stati Uniti e in Canada, i beni e i marchi di Bayer, compresa la famosa croce Bayer, furono acquisiti da Sterling Drug, un predecessore di Sterling Winthrop e non sarebbero stati recuperati fino al 1994.

Nel 1916 gli scienziati di Bayer scoprirono il suramin, un antiparassitario farmaco che è ancora venduto da Bayer con il marchio Germanin. La formula di suramin fu tenuta segreta da Bayer per ragioni commerciali; tuttavia, fu chiarito e pubblicato nel 1924 da Ernest Fourneau e dal suo team dell’Istituto Pasteur. È incluso nell’elenco dei farmaci essenziali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Bayer divenne parte di IG Farben, un conglomerato di società chimiche tedesche, nel 1925. Negli anni ’30, gli scienziati dell’IG Farben Gerhard Domagk, Fritz Mietzsch e Joseph Klarer, scoprirono il prontosil, il primo farmaco antibatterico disponibile in commercio.

La scoperta e lo sviluppo di questo primo farmaco sulfonamide ha aperto una nuova era nella medicina. Domagk ha ricevuto il premio Nobel per la medicina per questo lavoro nel 1939.

Durante la seconda guerra mondiale, IG Farben usò il lavoro degli schiavi nelle fabbriche che costruì vicino ai campi di concentramento tedeschi, in particolare Auschwitz, e nei campi secondari del campo di concentramento di Mauthausen-Gusen. IG Farben ha acquistato prigionieri per la sperimentazione umana di un farmaco che induce il sonno e successivamente ha riferito che tutti i soggetti del test sono morti. I dipendenti della IG Farben hanno detto spesso: “Se non lavori più velocemente, sarai gassato”. IG Farben ha tenuto un grande investimento in Degesch che ha prodotto lo Zyklon B usato per gasare e uccidere i prigionieri durante l’Olocausto.

Dopo la seconda guerra mondiale, gli alleati sciolsero la IG Farben e Bayer riapparve come una singola impresa che “ereditava” molti dei beni della IG Farben. Fritz ter Meer, membro del consiglio di amministrazione della IG Farben dal 1926 al 1945, che dirigeva le operazioni nello stabilimento IG Farben ad Auschwitz, fu condannato a sette anni di carcere durante il Tribunale militare IG Farben a Norimberga.

Fu eletto capo del consiglio di sorveglianza di Bayer nel 1956. Nel 1995, Helge Wehmeier, il capo della Bayer Corporation, si scusò pubblicamente con Elie Wiesel per il coinvolgimento della società nell’Olocausto in una conferenza a Pittsburgh.

Negli anni ’60, Bayer introdusse un test di gravidanza, Primodos, consistente in due pillole che contenevano noretisterone (come acetato) ed etinilestradiolo. Ha rilevato la gravidanza inducendo le mestruazioni nelle donne che non erano incinta. La presenza o l’assenza di sanguinamento mestruale è stata quindi utilizzata per determinare se l’utente era incinta.

Il test è diventato oggetto di controversie quando è stato accusato di difetti alla nascita, ed è stato ritirato dal mercato a metà degli anni ’70. Una revisione della questione da parte dell’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari nel 2014 ha valutato gli studi effettuati fino ad oggi e ha concluso che ha trovato le prove per gli effetti avversi inconcludenti.

Nel 1978, Bayer ha acquistato Miles Laboratories e le sue sussidiarie Miles Canada e Cutter Laboratories, acquisendo insieme a loro una varietà di linee di prodotti tra cui Alka-Seltzer, vitamine Flintstones e vitamine One-A-Day e repellente per insetti Cutter. Insieme all’acquisto di Cutter, Bayer ha acquisito l’attività di fattore VIII di Cutter . Il fattore VIII, un agente coagulante usato per trattare l’emofilia, fu prodotto, all’epoca, mediante l’elaborazione del sangue donato. Nei primi giorni dell’epidemia di AIDS, le persone con emofilia avevano tassi di AIDS più elevati e nel 1983 il CDC aveva identificato i prodotti sanguigni contaminati come fonte di infezione.

Secondo il New York Times, questo è stato “uno dei peggiori disastri medici legati alla droga nella storia”. Le aziende, inclusa Bayer, hanno sviluppato nuovi modi per trattare il sangue donato con il calore per decontaminarlo, e questi nuovi prodotti sono stati introdotti all’inizio del 1984. Nel 1997, Bayer e gli altri tre produttori di tali prodotti del sangue accettarono di pagare $ 660 milioni per risolvere i casi per conto di oltre 6.000 emofiliaci infettati negli Stati Uniti.

Ma nel 2003 sono emersi documenti che dimostrano che Cutter aveva continuato a vendere prodotti sanguigni non riscaldati nei mercati al di fuori degli Stati Uniti fino al 1985. Nel 1994, Bayer AG acquistò il business da banco di Sterling Winthrop da SmithKline Beecham e lo unì a Miles Laboratori, rivendicando in tal modo i diritti sui marchi statunitensi e canadesi a “Bayer” e alla croce di Bayer, nonché la proprietà del marchio Aspirin in Canada. Alla fine degli anni ’90, Bayer introdusse un farmaco statine, Baycol (Cerivastatin) ma dopo che ne sono stati attribuiti 52 decessi, Bayer ne ha interrotto la somministrazione nel 2001.

L’effetto collaterale è stato la rabdomiolisi, che ha causato insufficienza renale, che si è verificata con una frequenza dieci volte maggiore nei pazienti trattati con Baycol rispetto ai farmaci alternativi prescritti della classe delle statine. Bayer è stato coinvolto in controversie riguardanti alcuni dei suoi altri prodotti farmaceutici; Trasilolo (aprotinina), usato per controllare il sanguinamento durante la chirurgia maggiore, è stato ritirato dai mercati di tutto il mondo quando sono emerse segnalazioni di aumento della mortalità; in seguito è stato reintrodotto in Europa ma non negli Stati Uniti.

Bayer negli anni 2000

Nel 2004, Bayer HealthCare AG (de) ha acquisito la divisione farmaceutica over-the-counter (OTC) di Roche Pharmaceuticals. Nel marzo 2008, Bayer HealthCare ha annunciato un accordo per acquisire il portafoglio e la divisione OTC di proprietà privata Sagmel, Inc ., una società con sede negli Stati Uniti che commercializza farmaci da banco nella maggior parte dei paesi del Commonwealth degli stati indipendenti come Russia, Ucraina, Kazakistan, Bielorussia e altri.

Il 2 novembre 2010 Bayer AG ha firmato un accordo per l’acquisto di Bomac Group, società operante nel settore zootecnico di Auckland. Bayer ha collaborato allo sviluppo del radioterapico Xofigo con Algeta e nel 2014 ha acquisito l’azienda per circa $ 2,9 miliardi. Nel 2014 Bayer ha accettato di acquistare l’attività di salute al consumo di Merck per $ 14,2 miliardi, che avrebbe consentito a Bayer di controllare marchi come Claritin, Coppertone e Dr. Scholl’s. Bayer otterrebbe il secondo posto a livello mondiale nei farmaci senza ricetta medica.

Nel giugno 2015, Bayer ha accettato di vendere la sua attività di assistenza per diabetici a Panasonic Healthcare Holdings con una commissione di $ 1,02 miliardi.

Bayer rileva Schering

Nel marzo 2006, Merck KGaA ha annunciato un’offerta di € 14,6 miliardi per Schering AG, che era stata fondata nel 1851 e nel 2006 aveva un reddito lordo annuo di circa € 5 miliardi e impiegava circa 26.000 persone in 140 filiali in tutto il mondo. Bayer ha risposto con un’offerta e a luglio ha acquisito la maggioranza delle azioni di Schering per € 14,6 miliardi e nel 2007 Bayer ha rilevato Schering AG e ha formato Bayer Schering Pharma. L’acquisizione di Schering è stata la più grande acquisizione nella storia di Bayer, e dal 2015 questa è stata una delle dieci più grandi fusioni farmaceutiche di tutti i tempi.

Monsanto chi è

La Monsanto Company è una società di biotecnologia agrochimica e agricola interamente controllata da Bayer. Ha sede a Creve Coeur, Greater St. Louis, nel Missouri. Monsanto ha sviluppato Roundup, un erbicida a base di glifosato negli anni ’70 ed è ora uno dei principali produttori di colture geneticamente modificate. Il Monomon è stato coinvolto nella ricerca sull’idrogenazione catalitica asimmetrica e sui primi diodi emettitori di luce (LED) in aggiunta al suo lavoro sull’ingegneria genetica.

Monsanto era uno dei quattro gruppi per introdurre i geni nelle piante (1983), e fu tra i primi a condurre prove sul campo di colture geneticamente modificate (1987). È stata una delle prime 10 aziende chimiche statunitensi fino a quando non ha ceduto la maggior parte delle sue attività chimiche tra il 1997 e il 2002, attraverso un processo di fusioni e spin-off che ha focalizzato l’azienda sulla biotecnologia. Il Monosanto è stata una delle prime società ad applicare la biotecnologia modello di business industriale per l’agricoltura, utilizzando le tecniche sviluppate dalle aziende farmaceutiche biotech.

In questo modello di business, le aziende recuperano le spese sfruttando i brevetti biologici. I ruoli della Monsanto in cambiamenti agricoli, prodotti biotecnologici e attività di lobbying di agenzie governative e radici come società chimica hanno circondato l’azienda in controversie. La società ha prodotto prodotti controversi come l’insetticida DDT, PCB, Agent Orange e l’ormone della crescita bovino ricombinante.

Il suo modello di brevettazione dei semi è stato criticato come biopirateria e una minaccia per la biodiversità. Nel settembre 2016, Bayer ha annunciato l’intenzione di acquisire Monsanto per 66 miliardi di dollari. Il tutto come detto, si è ufficializzato il 6 giugno.

Monsanto origini

Nel 1901 la Monsanto fu fondata a St. Louis, nel Missouri, come compagnia chimica. Il fondatore era John Francis Queeny, un veterano di trent’anni della nascente industria farmaceutica. Ha finanziato l’azienda con i propri soldi e capitali da un distributore di bibite. Ha usato il nome da nubile di sua moglie per la compagnia.

I primi prodotti dell’azienda erano additivi alimentari, come il dolcificante artificiale, la saccarina, la caffeina e la vanillina. La Monsanto si espanse in Europa nel 1919 in collaborazione con Graesser’s Chemical Works a Cefn Mawr, nel Galles. L’impresa produsse la vanillina, l’aspirina e il suo acido salicilico di ingredienti crudi, e in seguito i prodotti chimici per la lavorazione della gomma. Negli anni ’20, la Monsanto si espanse in prodotti chimici industriali di base come acido solforico e PCB. Il figlio di Queeny, Edgar Monsanto Queeny, rilevò la compagnia nel 1928. Nel 1926 la compagnia fondò e fondò una città chiamata Monsanto in Illinois (ora nota come Sauget). È stato creato per fornire una regolamentazione minima e tasse basse per gli impianti Monsanto in un momento in cui le giurisdizioni locali avevano la maggior parte delle responsabilità per le norme ambientali.

Fu ribattezzato in onore di Leo Sauget, il suo primo presidente del villaggio. Nel 1935, la Monsanto acquistò la Swann Chemical Company ad Anniston, in Alabama, e quindi entrò nel business della produzione di PCB. Nel 1936, la Monsanto acquisì Thomas & Hochwalt Laboratories a Dayton, Ohio, per acquisire l’esperienza di Charles Allen Thomas e Carroll A. Hochwalt. L’acquisizione divenne il Dipartimento di Ricerca Centrale della Monsanto.

Thomas trascorse il resto della sua carriera a Monsanto, come Presidente (1951-1960) e Presidente del Consiglio (1960-1965). Si ritirò nel 1970. Nel 1943, Thomas fu chiamato a un incontro a Washington, D.C., con Leslie Groves, comandante del Progetto Manhattan, e James Conant, presidente della Harvard University e presidente del National Defense Research Committee (NDRC).

Esortarono Thomas a diventare co-direttore del Progetto Manhattan a Los Alamos con Robert Oppenheimer, ma Thomas era riluttante a lasciare Dayton e Monsanto. Si unì alla NDRC, e il Dipartimento centrale di ricerca della Monsanto iniziò a condurre ricerche correlate. A tal fine, la Monsanto operò il Dayton Project e successivamente i Laboratori di Tumuli e collaborò allo sviluppo delle prime armi nucleari.

Monsanto dopo la II Guerra mondiale

A metà degli anni ’60, William Standish Knowles e il suo team hanno inventato un modo per sintetizzare selettivamente gli enantiomeri attraverso l’idrogenazione asimmetrica. Questo fu il primo metodo per la produzione catalitica di composti chirali puri. Il team di Knowles ha progettato il “primo processo industriale per sintetizzare chiralmente un composto importante” -L-dopa, che viene usato per trattare il morbo di Parkinson. Nel 2001, Knowles e Ryōji Noyori hanno vinto il premio Nobel per la chimica. A metà degli anni ’60, i chimici della Monsanto svilupparono il processo Monsanto per la produzione dell’acido acetico, che fino al 2000 era il metodo di produzione più utilizzato. Nel 1964, i chimici della Monsanto inventarono AstroTurf (inizialmente ChemGrass).

Monsanto tra gli anni ‘60 e ‘70

Negli anni ’60 e ’70, la Monsanto fu un importante produttore di agente Orange per le operazioni delle forze armate degli Stati Uniti in Vietnam. Nel 1968, divenne il primo azienda per avviare la produzione di massa di (visibile) diodi emettitori di luce (LED), utilizzando fosfuro di arseniuro di gallio. Dal 1968 al 1970, le vendite sono raddoppiate ogni pochi mesi. I loro prodotti (LED discreti e display numerici a sette segmenti) sono diventati standard del settore. I mercati principali erano quindi calcolatori elettronici, orologi digitali e orologi digitali.

Monsanto divenne un pioniere dell’optoelettronica negli anni ’70. Tra il 1968 e il 1974, la società sponsorizzò l’evento del PGA Tour a Pensacola, in Florida, ribattezzato Monsanto Open. Nel 1974, l’Università di Harvard e la Monsanto firmarono una borsa di ricerca di 10 anni per sostenere la ricerca sul cancro di Judah Folkman, che divenne il più grande simile accordo mai fatto; le invenzioni mediche derivanti da quella ricerca furono le prime per le quali la Harvard consentì alla sua facoltà di presentare domanda di brevetto.

Monsanto negli anni ‘80

Gli scienziati Monsanto furono tra i primi a modificare geneticamente una cellula vegetale, pubblicando i loro risultati nel 1983. Cinque anni dopo la compagnia ha condotto i primi test sul campo delle colture geneticamente modificate. Il crescente coinvolgimento nelle biotecnologie agricole risale al capitolo di Richard Mahoney nel ruolo di CEO della Monsanto nel 1983.

Questo coinvolgimento aumentò sotto la guida di Robert Shapiro, nominato amministratore delegato nel 1995, che alla fine portò alla disposizione di linee di prodotti estranei all’agricoltura. Nel 1985, la Monsanto acquistò G. D. Searle & Company, una società di life science che si è concentrata su prodotti farmaceutici, agricoltura e salute degli animali. Nel 1993, la sua divisione Searle ha presentato una domanda di brevetto per Celebrex, che nel 1998 è diventato il primo inibitore selettivo COX-2 ad essere approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense. Celebrex è diventato un farmaco di successo ed è stato spesso menzionato come motivo chiave per l’acquisizione da parte di Pfizer delle attività farmaceutiche di Monsanto nel 2002.

Monsanto negli anni ‘90

Nel 1994, la Monsanto ha introdotto una versione ricombinante della somatotropina bovina, nome di marca Posilac. La Monsanto in seguito vendette questa azienda a Eli Lilly and Company. Nel 1996, la Monsanto acquistò Agracetus, la società di biotecnologia che aveva generato il primo cotone transgenico, soia, arachidi e altre colture, e da cui la Monsanto aveva ottenuto la licenza dal 1991.

La Monsanto è entrata per la prima volta nel settore dei semi di mais quando ha acquistato il 40% di Dekalb nel 1996; ha acquistato il resto della società nel 1998. Nel 1998, la Monsanto ha acquistato l’attività di seed internazionale di Cargill, che le ha consentito l’accesso alle strutture di vendita e distribuzione in 51 paesi. Nel 2005, ha finalizzato l’acquisto di Seminis Inc, una delle principali aziende mondiali di ortaggi e frutta, per 1,4 miliardi di dollari. Ciò ha reso la più grande compagnia convenzionale di semi del mondo. Nel 1999 la Monsanto ha venduto la NutraSweet Co. Nel dicembre dello stesso anno, la Monsanto acconsentì a fondersi con Pharmacia.

Monsanto negli anni Duemila

Nel 2000 Pharmacia ha trasformato la sua sussidiaria agro-biotech in una nuova società, la “New Monsanto”. La Monsanto ha accettato di indennizzare Pharmacia contro potenziali responsabilità derivanti da sentenze contro Solutia. Di conseguenza, la nuova Monsanto ha continuato a essere parte di numerose cause legali contro la precedente Monsanto. Pharmacia è stata acquistata da Pfizer nel 2003. Nel 2005 la Monsanto ha acquisito Emergent Genetics e i suoi marchi di cotone Stoneville e NexGen. Emergent era la terza più grande azienda di semi di cotone degli Stati Uniti, con circa il 12% del mercato statunitense. L’obiettivo di Monsanto era di ottenere “una piattaforma strategica di germoplasma e tratti di cotone”.

Il produttore di semi di ortaggi Seminis è stato acquistato per $ 1,4 miliardi. Nel giugno 2007, la Monsanto ha acquistato Delta e Pine Land Company, un importante allevatore di semi di cotone, per $ 1,5 miliardi. Come condizione per l’approvazione da parte del Dipartimento di Giustizia, la Monsanto è stata obbligata a cedere il suo business di cotone Stoneville, che ha venduto a Bayer, ea cedere la sua attività di cotone NexGen, che ha venduto ad Americot. La Monsanto ha anche abbandonato l’allevamento di suini vendendo la Monsanto Choice Genetics alla Newsham Genetics LC a novembre, cedendo la proprietà di “tutti i brevetti sui suini, le domande di brevetto e tutte le altre proprietà intellettuali”.

Nel 2007, Monsanto e BASF hanno annunciato un accordo a lungo termine per cooperare alla ricerca, allo sviluppo e alla commercializzazione di nuovi prodotti biotecnologici vegetali. Nel 2008, la Monsanto ha acquistato la società olandese di semi De Ruiter Seeds per 546 milioni di euro e ha venduto il suo marchio POSILAC di somatotropina bovina e attività connesse a Elanco Animal Health, una divisione di Eli Lilly.

Monsanto oggi

Nel 2012 la Monsanto ha acquistato per $ 210 milioni la Precision Planting Inc., una società che produceva hardware e software progettati per consentire agli agricoltori di aumentare produttività e produttività attraverso piantagioni più precise. Nel 2013 Monsanto acquistò Climate Corp a San Francisco per $ 930 milioni. Climate Corp. fornisce previsioni meteorologiche locali per gli agricoltori sulla base di modelli di dati e dati storici; se le previsioni sono sbagliate, l’agricoltore viene risarcito. Nel 2013, la società di ricerche svizzera Covalence ha pubblicato la sua classifica annuale delle prestazioni etiche complessive delle multinazionali.

L’idea alla base della ricerca di Covalence è che c’è valore – sia per le aziende che per i consumatori – nel misurare le società rispetto a uno standard etico. Per completare il suo indice etico, Covalence ha raccolto dati quantitativi e qualitativi, per un periodo di sette anni, per 581 aziende. I dati comprendono 45 criteri che includono le norme sul lavoro, la gestione dei rifiuti e la documentazione sui diritti umani. E poiché è un indice di reputazione, il sondaggio di Covalence incorpora anche i media, l’industria e i documenti delle ONG nella sua valutazione. Monsanto è stata classificata come ultima delle 581 aziende.

Nel 2015 la Monsanto ha cercato di acquisire la rivale svizzera agro-biotecnologica Syngenta, per US $ 46,5 miliardi, ma non ci è riuscita. Nel 2015 la Monsanto era il principale fornitore mondiale di semi, controllando il 26% del mercato globale delle sementi (Du Pont era il secondo con il 21%). La Monsanto è l’unico produttore di fosforo bianco ad uso militare negli Stati Uniti.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY