Bankitalia: meno pressione fiscale per le imprese

banca-ditalia

Durante il convegno: Obbligati a crescere organizzato dal Messaggero in collaborazione con Albi, nel quale ha presenziato anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il Vice Direttore generale della Banca d’Italia, Fabio Panetta ribadisce l’importanza fondamentale che lo sforzo di riforma ha per raggiungere il livello delle principali economie.

Diminuire le imposte per crescere le aziende

Tra le dichiarazioni del Vice Direttore Panetta, viene sottolineata la necessità di alleggerire il peso delle imposte che le aziende devono sostenere, l’Italia ha bisogno di rafforzare il processo di crescita per raggiungere gli altri stati dell’Unione Europea. Le proposte sono dunque incentrate all’incentivazione degli investimenti oltre al ritorno dei tassi di investimento più elevati. Nonostante i dati attuali indichino una debole crescita nei prossimi anni, il Ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, anch’esso presente al convegno Obbligati a Crescere, riferendosi al quadro economico riportato nella Nota di aggiornamento del Def, conferma la veridicità dei dati frutto di attente valutazioni, i quali assicurano una sostanziale ripresa economica.

I dati Istat non confermano le previsioni di Padoan

I dati Istat riportati nella nota mensile sull’andamento dell’economia nazionale, non confermano le previsioni ottimistiche di Pier Carlo Padoan. L’indice composito anticipatore dell’economia ha indicato che il mese di settembre ha segnato l’ottava variazione negativa consecutiva. Tuttavia ci sono anche delle note positive, infatti, il settore manifatturiero ha ottenuto un lieve miglioramento e i consumi finali delle famiglie hanno mantenuto ritmi di crescita contenuti con un +0,2 % rispetto al trimestre precedente.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY