Banche stress test: cos’è, come funziona, quali conseguenze

Cos’è lo stress test delle banche? Come funziona lo stress test delle banche? A cosa serve lo stress test delle banche? Lo stress test delle banche è utile?

Lo stress test, come lascia intendere il nome stesso, è un test che consente di valutare come una Banca risponde a determinate condizioni sfavorevoli.

Di seguito vediamo meglio cos’è e come funziona in Europa e negli Usa.

Stress test banche cos’è

Cos’è lo stress test delle banche? Più specificamente, uno stress test bancario è un’analisi condotta in ipotetici scenari economici sfavorevoli – come una profonda recessione o crisi finanziaria – al fine di determinare se una banca dispone di capitale sufficiente a sopportare l’impatto di sviluppi economici avversi.

La Federal Reserve effettua test di stress annuali delle banche con $ 50 miliardi o più in attività. L’obiettivo principale di questo stress test è vedere se una banca ha il capitale per gestire se stessa durante i periodi difficili. Gli stress test condotti dall’azienda sono condotti su base semestrale e soggetti a rigide scadenze di rendicontazione.

La Banca centrale europea (BCE) ha anche severi requisiti di stress test che coprono circa il 70% degli istituti bancari della zona euro. Tutti i test di stress includono un serie di scenari, alcuni peggiori di altri, da valutare per le banche. Un esempio è la situazione ipotetica di tutti i seguenti eventi contemporaneamente: un tasso di disoccupazione del 10%, un calo generale del 15% delle scorte e un calo del 30% dei prezzi delle abitazioni.

Le banche usano quindi i prossimi nove quarti dei finanziari previsti per determinare se hanno abbastanza capitale per superare la crisi.

Stress test banche come funziona

Come funziona lo stress test delle banche? Gli stress test si concentrano su alcuni rischi chiave, come il rischio di credito, il rischio di mercato e il rischio di liquidità, per la salute finanziaria delle banche in situazioni di crisi. Le crisi ipotetiche sono determinate utilizzando vari fattori dalla Federal Reserve e dal Fondo Monetario Internazionale (FMI).

Gli stress test bancari sono stati messi in atto e sono diventati più diffusi dopo la crisi finanziaria globale del 2007-2009, la peggiore dalla Grande Depressione. Questa crisi ha lasciato molte banche e istituzioni finanziarie gravemente sottocapitalizzate, che i test di stress mirano a prevenire.

Stress test banche a cosa serve

A cosa serve lo stress test per le banche? Uno stress test, in terminologia finanziaria, è un’analisi o una simulazione progettata per determinare la capacità di un determinato strumento finanziario o istituto finanziario di far fronte a una crisi economica.

Invece di fare una proiezione finanziaria su una “stima migliore”, una società o le sue autorità di regolamentazione potrebbero sottoporre a stress test dove considerano quanto sia robusto uno strumento finanziario in determinati arresti anomali, una forma di analisi di scenario.

Le banche possono testare lo strumento sotto, ad esempio, le seguenti sollecitazioni:

  • Cosa succede se il tasso di disoccupazione sale al v% in un determinato anno?
  • Cosa succede se i mercati azionari crollano di più del w% quest’anno?
  • Cosa succede se il PIL scende del x% in un dato anno?
  • Cosa succede se i tassi di interesse aumentano di almeno il y%?
  • Cosa succede se metà degli strumenti nel portafoglio terminano i loro contratti nel quinto anno?
  • Cosa succede se i prezzi del petrolio aumentano di z%?

Gli stress test normativi dell’EBA sono stati definiti “una passeggiata nel parco” dal Chief Economist di Saxo Bank. Questa enfasi su un’adeguata determinazione del capitale rettificata in base al rischio è stata ulteriormente rafforzata dalle modifiche ai regolamenti bancari come Basilea II.

I modelli di test di stress in genere consentono non solo il test di singoli fattori di stress, ma anche combinazioni di eventi diversi. Di solito c’è anche la possibilità di testare l’esposizione corrente a uno scenario storico noto (come il default del debito russo nel 1998 o gli attacchi dell’11 settembre) per garantire la liquidità dell’istituto.

Stress test banche conseguenze

Quali sono le conseguenze dei risultati di uno stress test? Le banche che attraversano stress test sono tenuti a pubblicare i loro risultati. Questi risultati sono poi resi noti al pubblico per mostrare come la banca avrebbe gestito una grave crisi. I nuovi regolamenti richiedono che le aziende che non superano i test di stress per tagliare i loro dividendi e condividere i riacquisti per preservare il capitale.

A volte le banche ricevono un passaggio condizionale di uno stress test. Ciò significa che una banca si è avvicinata al fallimento dello stress test e rischia di essere in grado di effettuare ulteriori distribuzioni in futuro. Le banche che passano su base condizionale devono ripresentare un piano d’azione.

Le banche che non superano i test di stress suscitano diffidenza ne pubblico, in base alla minaccia di un disastro finanziario. Banche straniere dal calibro di Santander e Deutsche Bank hanno fallito test di stress più volte.

Stress test banche in Europa

Nel 2018, lo stress test imposto dalla Banca centrale europea ha incluso l’IFRS 9. Mentre lo scenario avverso è basato sulla concretizzazione di quattro rischi sistemici:

  • Ripresa improvvisa ed elevata dei premi di rischio sui mercati finanziari globali, che determinerebbe un inasprimento delle condizioni finanziarie sui mercati europei;
  • Loop negativi legati a bassa redditività bancaria e bassa crescita nominale, derivante da un declino dell’attività economica nell’Unione. Ciò avrebbe maggiore impatto soprattutto in quei paesi che affrontano sfide strutturali nel settore bancario;
  • Difficoltà in termini di sostenibilità del debito pubblico e privato, accompagnato da incertezza politica;
  • Rischi di liquidità nel settore finanziario non bancario con potenziali ricadute sul più ampio sistema finanziario.

Stress test banche Usa

La FED ha pubblicato il documento per gli esercizi di stress test in USA il primo di febbraio, con la descrizione degli scenari che le banche e i supervisori dovranno utilizzare per gli esercizi di test di stress Comprehensive Capital Analysis and Review (CCAR) e Dodd-Frank Act del 2018 e con le istruzioni alle società che partecipano al CCAR.

Le prove di stress sull’adeguatezza di capitale hanno l’obiettivo di garantire che le banche siano in grado di prestare prestiti alle famiglie e alle imprese anche in caso di grave recessione, garantendo un capitale adeguato per assorbire le perdite.

Nello specifico:

Il CCAR (Comprehensive Capital Analysis and Review) serve a valutare le pratiche di pianificazione del capitale e l’adeguatezza patrimoniale delle banche più grandi e delle grandi operazioni di società estere in USA. Include assessment qualitativi e quantitativi.

Nel 2018, lo scenario fortemente avverso è stato basato sull’ipotesi di una grave recessione globale in cui il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti aumenta di quasi 6 punti percentuali, accompagnato da una caduta nei rendimenti del Tesoro.

Lo scenario avverso ha previsto altresì una moderata recessione negli Stati Uniti e un indebolimento dell’attività economica in tutti i paesi inclusi nello scenario.

Negli Usa, ogni scenario pessimista simulato include 28 variabili. Tra cui PIL, tasso di disoccupazione, prezzi del mercato azionario, tassi di interesse, l’attività economica nazionale e internazionale.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY