Banche: 20 miliardi di euro per il salvataggio del sistema bancario

Nella serata di ieri (lunedì 19 dicembre) al termine della riunione voluta dal nuovo Premier Paolo Gentiloni, è stato comunicato che il cdm ha approvato la relazione al Parlamento con la quale si autorizza l’operazione Salvarisparmio, ossia se necessario si ricorrerà ad un indebitamento pari a 20 miliardi di euro per tutelare i risparmiatori nel caso si presentassero rischi nel settore finanziario. Durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi il neo-presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ha sottolineato la natura precauzionale della misura auspicandosi che venga condivisa da tutte le forze del Parlamento.

Voto in Parlamento

Nella giornata di mercoledì il Parlamento dovrà votare la nuova misura, la quale per essere approvata avrà bisogno della maggioranza assoluta, i tempi sono stretti soprattutto per via dei risultati della nuova offerta di conversione delle obbligazioni subordinate Monte dei Paschi, attesi giovedì pomeriggio.

Il Ministro dell’Economia, Padoan, ha fatto chiarezza sulla disposizione delle risorse necessarie:

  • per garantire un adeguato livello di liquidità alle banche
  • per rafforzare il patrimonio delle banche con nuove sottoscrizioni di azioni.

Salvarisparmio e debito pubblico

Padoan chiarisce inoltre il peso che l’operazione salvarisparmio avrà sul debito pubblico, la disposizione di altri 15 miliardi di fondi in bilancio sono limitati ad un solo anno, oltre a ciò la somma sarebbe inferiore all’1% del Pil.

Se queste risorse venissero disposte per il salvataggio delle banche, il piano di rientro verrà dettagliato nel Documento di Economia e Finanza relativo al 2017.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY