Terremoto alla Banca Mondiale: si dimette Presidente Kim, i motivi

Un autentico terremoto ai vertici della Banca Mondiale. Infatti, ad inizio settimana il presidente coreano Jim Yong Kim ha rassegnato le dimissioni. Che entreranno in vigore dal primo febbraio prossimo. E’ stato in carica per sei anni. Il suo incarico sarebbe terminato tra 3 anni. Peraltro, il suo mandato era stato rinnovato per altri 5 anni nel 2017.

Ignote ancora le motivazioni alla base della sua scelta. Si sa solo che Kim si occuperà di investimenti in infrastrutture nei Paesi in via di sviluppo per conto di un fondo. Farà anche ritorno nel board di Partners In Health, un’organizzazione da lui co-fondata più di 30 anni fa. Insomma, tornerà alle sue precedenti attività.

Queste le parole di Jim Yong Kim: «È stato un onore servire come presidente di questa istituzione, la cui missione è mettere fine all’estrema povertà. Il lavoro della Banca mondiale è più importante ora che mai».

A sostituirlo sarà Kristalina Georgeva, bulgara, economista specializzata in tematiche ambientali. Ricordiamo che come da prassi consolidata, la presidenza della World Bank va a un americano, mentre la direzione dell’Fmi a un europeo.

Kim, sostituito per divergenze con Trump?

Le sue dimissioni potrebbero essere dettata da possibili divergenze con il Presidente americano Donald Trump. Kim, infatti, è stato voluto da Obama ma il Tycoon aveva messo di recente sotto pressione l’istituzione internazionale chiedendo una revisione delle sue politiche di investimento e concessione di finanziamenti, incluse le risorse destinate alla Cina.

Kim era comunque stato in grado di strappare ai membri della World Bank – di cui proprio gli Usa sono il primo azionista – un aumento di capitale da 13 miliardi di dollari. L’ultimo atto prima delle dimissioni. Trump ha lasciato ancora una volta il segno. Facendo cadere, questa volta indirettamente, un’altra “testa”,

Jim Yong Kim chi è

Jim Yong Kim (Hangul, 8 dicembre 1959), noto anche come Kim Yong è un medico e antropologo coreano-americano che serve dal 12 ° e attuale presidente della Banca Mondiale dal 2012.

Leader mondiale della salute, è stato in precedenza presidente del Dipartimento di salute e medicina sociale globale a Harvard Medical School, co-fondatrice e direttrice esecutiva di Partners In Health, prima di ricoprire il ruolo di Presidente del Dartmouth College dal 2009 al 2012, diventando il primo presidente americano asiatico di un’istituzione della Ivy League.

Kim è stata nominata la 50° persona più potente del mondo dalla Lista delle persone più potenti del mondo stilata da Forbes nel 2013.

Jim Yong Kim origini

Nato a Seoul, in Corea del Sud nel 1959, Jim Yong Kim è emigrato con la sua famiglia negli Stati Uniti all’età di cinque anni ed è cresciuto a Muscatine, Iowa. Suo padre insegnò odontoiatria all’Università dell’Iowa, mentre sua madre ricevette il dottorato di ricerca in filosofia.

Kim ha frequentato la Muscatine High School, dove è stato valedictorian, presidente della sua classe, e ha giocato entrambi quarterback per la squadra di calcio e playmaker della squadra di basket. Dopo un anno e mezzo all’Università dello Iowa, si è trasferito alla Brown University, dove si è laureato con lode in Scienze biologiche nel 1982.

Ha ottenuto un MD alla Harvard Medical School nel 1991 e un dottorato di ricerca in antropologia all’Università di Harvard nel 1993. È stato tra i primi iscritti al programma sperimentale MD / PhD di Harvard nelle scienze sociali.

Jim Yong Kim carriera

Jim Yong Kim, insieme a Paul Farmer, Todd McCormack, Thomas J. White e Ophelia Dahl, è stato co-fondatore di Partners In Health (PIH) nel 1987. L’organizzazione ha iniziato con programmi radicali di assistenza sanitaria incentrati sulla comunità ad Haiti, che sono stati eseguiti trattamenti basati sulle esigenze locali e formando i membri della comunità per implementarli. All’inizio degli anni ’90, il programma ad Haiti serviva più di 100.000 persone. Ha ottenuto un notevole successo nel trattamento delle malattie infettive a basso costo, spendendo da $ 150 a $ 200 per curare i pazienti affetti da tubercolosi nelle loro case, trattamento che sarebbe costato $ 15.000 a $ 20.000 in un ospedale degli Stati Uniti. Kim è stato determinante nella progettazione dei protocolli di trattamento e negli accordi di taglio per farmaci più economici ed efficaci.

Il modello PIH è stato esteso al Perù nel 1994. Nel 1998, risultati estremamente positivi a curare malattie comuni e gravi hanno spinto l’Organizzazione Mondiale della Sanità ad abbracciare il modello, e sostenere l’adattamento dell’assistenza basata sulla comunità alle comunità impoverite di tutto il mondo. Un particolare successo nel trattamento della tubercolosi resistente ai farmaci (MDR-TB) ha spinto le organizzazioni internazionali a ridedicare gli sforzi per l’eradicazione della malattia e, nel giugno 2002, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha adottato le prescrizioni per affrontare la malattia che erano praticamente le stesse PIH aveva usato in Perù.

Il lavoro di Kim con la PIH per il trattamento della MDR-TB è stato il primo tentativo su vasta scala di trattare la malattia in un paese povero e gli sforzi sono stati replicati in oltre 40 paesi in tutto il mondo. PIH ora impiega più di 13.000 persone in 12 paesi. Kim ha lasciato l’organizzazione come direttore esecutivo nel 2003.

Il lavoro di Kim con Partners in Health è documentato nel film del 2017, Bending the Arc.

Kim lasciò PIH nel 2003 per unirsi all’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) come consulente del direttore generale. Nel marzo 2004 è stato nominato direttore del dipartimento HIV / AIDS dell’OMS, dopo aver avuto successo nella creazione di programmi per combattere la malattia al PIH. Kim ha supervisionato tutto il lavoro dell’OMS relativo all’HIV / AIDS, concentrandosi su iniziative per aiutare i paesi in via di sviluppo ad aumentare i loro programmi di trattamento, prevenzione e cura. Ciò includeva un’ambiziosa “iniziativa 3×5” che è stata progettata per mettere tre milioni di persone nei paesi in via di sviluppo sul trattamento dell’AIDS entro la fine del 2005.

L’obiettivo non è stato raggiunto fino al 2007, ma secondo l’OMS, è servito a spingere la strategia di trattamento per l’AIDS in Africa più lontano e più velocemente di quanto si sarebbe altrimenti potuto sperare.

A partire dal 2012, il programma ha trattato oltre 7 milioni di africani con l’HIV. Università di Harvard (1993-2009). A partire dal 1993, Kim ha svolto il ruolo di docente presso la Harvard Medical School, fino a ricoprire cattedre in medicina, medicina sociale e diritti umani.

Al momento della sua partenza nel 2009, Kim ha ricoperto incarichi come Presidente del Dipartimento di Salute e Medicina Globale, Capo della Divisione di Global Health Equity a Brigham e Women’s Hospital, e Direttore del Centro François-Xavier Bagnoud per la salute e Diritti umani presso la Harvard School of Public Health, conosciuti internamente come “The Four Pillars”, un termine e un concetto tratto dal suo precedente lavoro dell’OMS con l’HIV / AIDS (il programma 3×5 Durante i suoi due decenni di carriera lavorando per migliorare la salute nei paesi in via di sviluppo, Kim è stato coinvolto in una serie di ricerche e sforzi accademici.

Negli ultimi anni, Kim ha guidato lo sviluppo di un nuovo settore incentrato sul miglioramento dell’attuazione e della fornitura di interventi sanitari nelle comunità povere di tutto il mondo. I suoi programmi operano con la filosofia secondo cui i progressi nello sviluppo di programmi di salute globale più efficaci sono stati ostacolati dalla scarsità di approcci sistematici su larga scala per migliorare la progettazione del programma. Questo nuovo campo raccoglierà, analizzerà e diffonderà in modo rigoroso un corpus completo di spunti pratici e attuabili sull’erogazione efficace della salute globale.

Per raggiungere questi obiettivi, Kim ha co-fondato il Global Health Delivery Project, un’iniziativa congiunta del Dipartimento di Medicina Sociale della Harvard Medical School e dell’Istituto per la Strategia e la Competitività della Harvard Business School. I case study sul campo sanitario globale prodotti da questo progetto costituiscono il nucleo di un nuovo curriculum di assistenza sanitaria globale ora insegnato presso la Harvard School of Public Health. Il team di Kim ha anche sviluppato una “community of practice” basata sul web, GHDonline.org, per consentire ai professionisti di tutto il mondo di accedere facilmente alle informazioni, condividere competenze e impegnarsi nella risoluzione dei problemi in tempo reale.

Durante il suo periodo ad Harvard, Kim pubblicò numerosi articoli per importanti riviste accademiche e scientifiche, tra cui il New England Journal of Medicine, The Lancet, Science e altri; e ha contribuito a diversi libri.

Esperto di tubercolosi, Kim ha anche presieduto o servito un certo numero di commissioni sulla politica internazionale della tubercolosi.

Nel marzo 2009, Kim è stato nominato 17 ° Presidente del Dartmouth College, diventando il primo asiatico-americano ad assumere la carica di presidente in un’istituzione della Ivy League. Ha supervisionato lo sviluppo di diversi programmi innovativi a Dartmouth, utilizzando la sua passata esperienza nel campo dell’assistenza sanitaria e degli affari internazionali.

Nel gennaio 2010, Kim ha aiutato a collaborare con studenti e docenti di Dartmouth con l’organizzazione da lui co-fondata, Partners In Health e altre organizzazioni, per rispondere al devastante terremoto di Haiti, formando la Dartmouth Haiti Response. L’iniziativa ha portato oltre 1 milione di dollari in donazioni, la consegna di 18 tonnellate di materiale medico e di 25 volontari medici ad Haiti, così come centinaia di volontari studenti che hanno contribuito al campus.

Nell’aprile 2010, Kim ha lanciato il National College Health Improvement Project (NCHIP), che convoca un certo numero di istituzioni specializzate per sviluppare metodi quantitativi per affrontare i problemi di salute degli studenti. Il progetto ha lanciato il suo programma inaugurale, uno sforzo per affrontare il binge drinking, nell’aprile 2011.

Nel maggio 2010, Kim ha contribuito a garantire una sovvenzione anonima da 35 milioni di dollari per istituire il Dartmouth Center for Health Care Delivery Science. Il Centro crea un nuovo campo rivoluzionario di studi universitari, promuovendo la collaborazione internazionale tra ricercatori e medici per progettare, implementare e scalare nuovi modelli di cure di alta qualità a basso costo.

Nel 2012, a seguito di una notevole preoccupazione e di uno sforzo maggiore da parte di Kim per affrontare la violenza sessuale nel campus, Dartmouth ha adottato una nuova iniziativa a livello di campus per istruire gli studenti sull’importanza dell’intervento degli astanti nei casi di violenza sessuale come parte di un più grande assalto sessuale.

Banca Mondiale cos’è

La Banca mondiale è un’istituzione finanziaria internazionale che fornisce prestiti a paesi del mondo per progetti di capitale. Comprende due istituzioni: la Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (IBRD) e l’International Development Association (IDA). La Banca Mondiale è una componente del Gruppo della Banca Mondiale.

L’obiettivo dichiarato più recente della Banca Mondiale è la riduzione della povertà. A partire da novembre 2018, i maggiori beneficiari dei prestiti delle banche mondiali sono stati l’India ($ 859 milioni nel 2018) e la Cina ($ 370 milioni nel 2018), attraverso prestiti da IBRD.

Banca Mondiale origini

La Banca Mondiale è stata creata alla Conferenza di Bretton Woods del 1944 insieme al Fondo Monetario Internazionale (FMI). Il presidente della Banca Mondiale è, tradizionalmente, un americano. La Banca mondiale e il Fondo monetario internazionale hanno entrambi sede a Washington, DC, e lavorano a stretto contatto l’una con l’altra.

La sala d’oro del Mount Washington Hotel dove sono stati istituiti il Fondo monetario internazionale e la Banca mondiale Sebbene molti paesi siano stati rappresentati alla Conferenza di Bretton Woods, il Stati Uniti e Regno Unito furono i più potenti e dominarono i negoziati.

Banca Mondiale cosa fa

L’intenzione alla base della fondazione della Banca Mondiale era di fornire prestiti temporanei ai paesi a basso reddito che non erano in grado di ottenere prestiti commerciali. La Banca può anche concedere prestiti e richiedere riforme politiche da parte dei destinatari

Alla Banca Mondiale è stata assegnata la responsabilità di gestione temporanea del Clean Technology Fund (CTF), incentrato sul rendere le energie rinnovabili competitive dal punto di vista energetico con il carbone il più rapidamente possibile, ma questo non può continuare dopo la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici di Copenaghen nel dicembre 2009 , a causa dei continui investimenti della Banca nelle centrali elettriche a carbone.

Insieme all’Organizzazione mondiale della sanità, la Banca mondiale amministra il partenariato sanitario internazionale (IHP). IHP è un gruppo di partner impegnati a migliorare la salute dei cittadini nei paesi in via di sviluppo. I partner lavorano insieme per mettere in pratica i principi internazionali per l’efficacia degli aiuti e la cooperazione allo sviluppo nel settore sanitario. IHP mobilita i governi nazionali, le agenzie per lo sviluppo, la società civile e altri enti per sostenere un’unica strategia nazionale per la salute a guida nazionale, in un modo ben coordinato.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY