Banca Mediolanum, ceduto il 50% di Esperia a Mediobanca

Dopo una lunga joint venture, nella giornata di ieri è arrivata la comunicazione ufficiale della cessione del restante 50% di Banca Esperia di proprietà Mediolanum a favore di Mediobanca. Il corrispettivo capitale sociale sarà di 141 milioni di euro da pagarsi in un’unica soluzione, dopo aver ottenuto il benestare dalle autorità di vigilanza, sia nazionali che comunitarie, competenti. L’Amministratore Delegato di Mediolanum, Massimo Doris, ha confermato che la cessione di Banca Esperia è un altro passo nella logica strategica industriale per competere nel settore Affluent.

doris

Mediobanca

L’acquisizione di Banca Esperia, da parte di Mediobanca si configura nella strategia di sviluppo per rafforzare la propria presenza nel segmento del risparmio gestito – Private – e nel Corporate Investment Banking – MidCap – previsto nel piano industriale 2016-2019. Alberto Nagel, Amministratore Delegato di Mediobanca, ha comunicato che stando alle previsioni del piano l’utile operativo avrà una crescita del 10% annuo e al termine del triennio il coefficiente patrimoniale cet 1 passerà dal 12 al 14%, oltre ad ottenere 1miliardo per acquisizioni.

Il risparmio gestito sarà di competenza di una divisione preposta, nella quale verranno raggruppate le attività del gruppo con CheBanca!, Esperia, Compagnie Monegasque e Spafid.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY