Banca Generali chiude positivamente il trimestre con il 97% di utile

banca generali

Un risultato italiano totalmente positivo è quello raggiunto da Banca Generali, la banca del gruppo assicurativo più antico d’Italia e nota per il suo logo di un rosso sgargiante con un “leone alato” o “grifone” a seconda delle interpretazioni. Al contrario dei timori di Moody’s allora, nei confronti dei crediti delle banche italiane, Generali smentisce tutti.

I numeroni da Generali

Generali ha chiuso il suo ultimo trimestre con utile in rialzo del 97% a 51,3 milioni e con commissioni crescita del 6% a 362,3 milioni di euro.banca generali

Le dichiarazioni dell’a.d. sull’andamento di Banca Generali

Gian Maria Mossa, amministratore delegato della banca, ha dichiarato con molta soddisfazione:
“Siamo molto soddisfatti di questi risultati, che evidenziano in modo esemplare non solo la forza commerciale e la solidità della banca, come ad esempio nell’ulteriore rafforzamento degli indicatori patrimoniali e nella crescita delle voci ricorrenti, ma soprattutto la validità di un percorso innovativo che ci distingue come vera e propria banca private”.
Inoltre ha poi aggiunto che nonostante ci sia stata una riorganizzazione aziendale durante l’estate e nonostante gli imminenti eventi politici, come le elezioni USA e il referendum da noi o quelli gia trascorsi come la Brexit, abbiano creato un clima di massima incertezza politica, ecco che Generali, invece di aspettare e adottare un atteggiamento passivo, ha deciso di essere proattiva, prendere il tutto come una sfida stimolante e crescere. Questi sono veri e propri esempi virtuosi aziendali.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY