BaFin, cos’è e come funziona l’autorità finanziaria tedesca

Cos’è la BaFin? Come funziona la BaFin? Cosa significa BaFin?

In questo articolo ci occupiamo della BaFin, l’autorità finanziaria della Repubblica Federale Tedesca. Praticamente l’equivalente della nostra CONSOB, ossia un organo di vigilanza sui mercati finanziari.

Sebbene sia una autorità tedesca, paese considerato la locomotiva dell’economia del vecchio continente, non deve essere ugualmente considerata l’autorità di vigilanza più importante dell’Europa.

Infatti, questo scettro ad oggi spetta alla CySEC, in quanto è l’organo dell’arcipelago di Cipro, dove hanno sede quasi tutte le principali piattaforme di trading online. Infatti, alcune di esse molto blasonate come eToro (clicca qui per saperne di più), non godono della sua licenza. Fatto che per buona parte dei trader è trascurabile.

Vediamo di seguito tutte le info utili riguardo la BaFin.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Bafin cosa significa

Cosa significa BaFin? Come per la Consob, anche in questo caso si tratta di un acronimo. Nella fattispecie, significa Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht, mentre in lingua anglosassone viene denominata Federal Financial Supervisory Authority.

BaFin cos’è

Cos’è la BaFin? L’autorità federale di vigilanza finanziaria (in tedesco: Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht), è l’autorità di regolamentazione finanziaria per la Germania. È un’istituzione federale indipendente con sede a Bonn e Francoforte e rientra nella supervisione del Ministero federale delle finanze tedesco.

La BaFin supervisiona circa 2.700 banche, 800 istituti di servizi finanziari e oltre 700 imprese di assicurazione.

BaFin storia

BaFin è stata costituita il 1° maggio 2002 con l’approvazione della legge sui servizi finanziari e l’integrazione (in tedesco: Gesetz über die integrierte Finanzaufsicht (FinDAG)) il 22 aprile 2002.

Lo scopo di questo provvedimento era quello di creare un regolatore finanziario integrato che coprisse tutti gli aspetti finanziari dei mercati.

BaFin è stata creata dalla fusione delle tre agenzie di vigilanza, l’Ufficio federale di vigilanza bancaria (tedesco: Bundesaufsichtsamt für das Kreditwesen (BAKred)), l’Ufficio federale di vigilanza per il commercio di valori mobiliari (tedesco: Bundesaufsichtsamt für den Wertpapierhandel (BAWe), e l’Ufficio federale di vigilanza delle assicurazioni (in tedesco: Bundesaufsichtsamt für das Versicherungswesen (BAV)).

Ciò significava ottenere una supervisione nazionale uniforme di banche, istituti di credito, compagnie assicurative, società di servizi finanziari, broker e borse. Questo modello è stato progettato per fornire trasparenza e gestibilità e per garantire la regolamentazione di tutte le attività finanziarie.

Nel 2003 le modifiche al Banking Act (KWG) hanno conferito a BaFin ulteriori responsabilità nel monitorare il merito creditizio degli istituti finanziari e nel raccogliere informazioni dettagliate da tali istituti.

L’obiettivo era aumentare la protezione dei clienti e la reputazione del sistema finanziario, di concerto con la Bundesbank. A partire dal 2015, BaFin è in transizione, dopo che le principali responsabilità della vigilanza bancaria sono passate alla competenza della Banca centrale europea nel novembre 2014.

Subito dopo la sua istituzione, vi furono segnali di gravi carenze all’interno della struttura interna. L’esame della Federal Koblenz ha rilevato nel marzo 2004 che il sistema di controllo interno dell’autorità è insufficiente.

Nel 2006, il Tribunale federale ha rivelato l’appropriazione indebita di oltre 4 milioni di euro da parte di Michael Raumann, ex capo della tecnologia informatica presso BaFin, per il quale è stato incriminato e condannato dal tribunale distrettuale di Bonn.

Nelle note di condanna il tribunale ha criticato BaFin per i suoi controlli interni “inesistenti”. Nel settembre 2006 un rapporto di PricewaterhouseCoopers e l’audit interno di BaFin hanno scoperto che i requisiti del governo federale per prevenire la corruzione non erano stati attuati

BaFin come funziona

Come funziona BaFin? BaFin è gestito da un consiglio composto dal presidente e quattro direttori esecutivi con i seguenti compiti:

  • divisione titoli
  • supervisione bancaria
  • supervisione assicurativa
  • aree interfunzionali e amministrazione interna.

Oltre a queste divisioni, i cosiddetti “pilastri operativi”, vi sono numerosi dipartimenti che hanno compiti interorganizzativi o amministrativi, come “modellizzazione del rischio”, “riciclaggio di denaro” e “responsabilità internazionali”.

Gli importi del prelievo dipendono dalla portata e dall’autorizzazione del totale attivo. Un ricorso alla Corte costituzionale in merito all’incostituzionalità di questo tributo (forzato) nel 2009 è stato respinto in quanto infondato. Secondo il parere del tribunale, il prelievo è inteso a rafforzare la fiducia degli investitori, la solidità e l’integrità di tali società.

Gli importi del prelievo dipendono dalla portata e dall’autorizzazione del totale attivo. Un ricorso alla Corte costituzionale in merito all’incostituzionalità di questo tributo (forzato) nel 2009 è stato respinto in quanto infondato. Secondo il parere del tribunale, il prelievo è inteso a rafforzare la fiducia degli investitori, la solidità e l’integrità di tali società.

A dicembre 2014, BaFin ha regolamentato circa 1.780 banche, 676 istituti di servizi finanziari, 573 compagnie assicurative, 31 fondi pensione, 6.000 fondi di investimento nazionali e 260 società di investimento.

Il compito principale della BaFin è la supervisione di banche, compagnie assicurative e la negoziazione di titoli e garantire la fattibilità, l’integrità e la stabilità del sistema finanziario tedesco.

BaFin, in quanto istituzione basata sul mercato finanziario, è responsabile sia dei fornitori che dei consumatori. Dal lato dell’offerta presta attenzione alla solvibilità di banche, compagnie assicurative e istituti finanziari. Dall’altro, a investitori, clienti bancari e assicurati, assicura la fiducia nei mercati finanziari e nelle società che vi operano.

Perché pochi Broker hanno licenza BaFin?

La domanda è lecita e la risposta è più semplice di quanto si pensi. Infatti, ciò è dovuto alla rigidità dei controlli imposti da questa autorità. La quale pretende questi presupposti:

  • esige che in fondo separato preteso da tutti gli organi di vigilanza, venga conservato in conti segregati tedeschi, da essa strettamente controllati
  • esige una prova periodica che il fondo separato è proporzionale a numero di utenti
  • funge da intermediario tra l’utente e la piattaforma. Si tratta di un ruolo che nessuna altra compagnia o broker ha messo in campo, dato che viene percepito da trader e broker una invasione di campo

Oltretutto, accettare una licenza BaFin significherebbe togliere alla maggior parte delle piattaforme la possibilità di mediare le regolamentazioni europee.

Migliori broker Cysec

Detto della BaFin, vediamo invece alcuni tra i migliori Broker che vantano la licenza CySEC. Di certo non meno severa, ma di sicuro anche meno invasiva.

In questo paragrafo passiamo in rassegna due Broker molto interessanti, quali eToro e Investous.

eToro

eToro (clicca qui per il sito ufficiale) è un Broker che ha come simbolo un Toro, presente anche nel suo nome. E si sa che nel trading i tori sono i trader che passano all’attacco, più audaci. Opposti agli orsi, coloro che attuano un tipo di trading più proteso alla conservazione e alla difesa.

Questo Broker esiste ormai da 10 anni e grazie ai continui nuovi servizi che lancia, ormai conta quasi 11 milioni di clienti iscritti alla sua piattaforma.

Si pensi al Social trading, un vero e proprio social network dove i trader possono scambiarsi opinioni e suggerimenti. E’ possibile seguire i vari Feeds proprio come si fa su Facebook o Instagram,

Poi c’è il CopyTrading, di sicuro la vera chicca, in quanto offre la possibilità di copiare cosa fanno i trader più vincenti. Riuscendo a guadagnare pur essendo alle prime armi.

Infine, c’è il Copyportfolios, un paniere di asset appartenenti alla stessa categoria. I quali vengono introdotti o escono in base al loro andamento. Il tutto con la supervisione di tecnici ma in carne ed ossa.

Per aprire un conto gratuito su eToro clicca qui.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.

Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.

Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.

Investous

Investous (clicca qui per il sito ufficiale) è un Broker gestito dalla società F1Markets Limited, una società di investimento con sede a Cipro (nella capitale Limassol). E’ nato relativamente di recente, nel luglio 2018, ma si sta facendo rapidamente strada.

La piattaforma WebTrader basata sul web è facile da usare, così come la conosciutissima e collaudatissima piattaforma MT4. Dotate di opzioni Take profit e Stop loss, denominate sulla piattaforma “Close at profit” e “Close at loss”.

Presenta 4 tipi di account, ognuno con proprie condizioni, nonché la possibilità di investire su circa 2200 asset.

Molto vantaggiose anche le condizioni di trading, con assenza di commissioni e spreads competitivi. Interessantissimo anche il servizio di segnali di trading gratuiti.

Per ricevere i segnali gratis di Investous clicca qui.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY