Azioni Spotify in calo dopo dati Q1 2021: ma il futuro è roseo

Le azioni Spotify (NYSE: SPOT) sono scese del 10,9% nelle prime negoziazioni dopo che la società ha annunciato gli utili del primo trimestre.

Gli analisti di Wall Street apparentemente sono rimasti delusi da una crescita mensile di utenti attivi di appena il 24% a 356 milioni di utenti. E questo è stato sufficiente per generare investimenti inferiori nonostante risultati altrimenti impressionanti.

Non sorprende che Wall Street si concentri sul raggiungimento delle stime degli analisti a breve termine, sebbene nel caso di Spotify occorre ragionare soprattutto sulle performance a lungo termine per capire se conviene comprare azioni Spotify.

È importante capire come Spotify intende far crescere la propria attività a lungo termine. Ci sono davvero due lati del mercato che l’azienda sta costruendo in questo momento: creatori e ascoltatori. In entrambe le aree stiamo assistendo a segnali di crescita.

Una situazione di cui approfittare per investire sul titolo. Attualmente la soluzione migliore è quella di utilizzare il broker ForexTB. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni.>Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Spotify, aumenta il numero di podcaster sulla piattaforma

Prima di tutto, Spotify sta cercando di costruire una piattaforma che sia la prima scelta dei creatori. Ciò implica sia la creazione di strumenti per attirare nuovi podcaster sia creatori paganti per contenuti esclusivi, come The Joe Rogan Experience, che attira più ascoltatori per trovare altri creatori.

Conviene ancora investire su Spotify nel 2021?

È interessante notare che Spotify lo ha fatto con una piattaforma abbastanza aperta piuttosto che bloccare i creatori nella piattaforma Spotify. I podcast creati utilizzando la piattaforma gratuita Anchor di Spotify, ad esempio, possono essere elencati su altri lettori di podcast. E i podcaster possono persino creare modelli di business in abbonamento altrove e utilizzare Spotify come lettore.

Questo ha lo scopo di aumentare il numero di creatori su Spotify.

A tal fine, la direzione ha affermato che il numero di podcast sulla piattaforma è aumentato da 2,2 milioni alla fine del quarto trimestre a 2,6 milioni alla fine del primo trimestre del 2021.

Tuttavia, questi investimenti nei creatori hanno un costo. La direzione ha affermato che “i costi non musicali continuano a crescere a un ritmo leggermente più veloce, il che è un modesto freno al nostro margine lordo”.

Spotify vede aumentare anche gli utenti

Una grande lista di creatori non sarebbe nulla senza ascoltatori, ma anche qui Spotify sta crescendo. Gli utenti attivi mensili sono aumentati del 24% rispetto a un anno fa a 356 milioni di utenti e gli abbonati premium sono aumentati di un quinto a 158 milioni di utenti.

Spotify non interrompe le ore di ascolto dei podcast da parte degli utenti, ma ha indicato che l’ascolto è in aumento, affermando questo nella versione degli utili:

“Dal punto di vista dei consumi, abbiamo visto un forte aumento delle ore di consumo di podcast nel primo trimestre rispetto al quarto trimestre, con l’attività di marzo che ha raggiunto il massimo storico in termini di quota di podcast delle ore di consumo complessive della piattaforma”.

Il numero di ascoltatori è in crescita e il numero di ore di ascolto di podcast è in crescita. Questa è la chiave per l’effetto di rete dell’azienda nel podcasting.

Spotify sta scommettendo su una piattaforma di podcast più aperta e flessibile di quella di un’azienda come Apple (NASDAQ: AAPL) perché scommette di poter vincere sui meriti.

In altre parole, Spotify pensa che i creatori vorranno ospitare podcast sulla sua piattaforma perché possono trovare più ascoltatori lì e monetizzare meglio che su qualsiasi altra piattaforma.

La tesi a lungo termine per Spotify è che creerà un mercato di creatori e ascoltatori che sarà estremamente attraente per gli inserzionisti, che alla fine finanzieranno l’economia dei creatori di podcast. E’ un po’ come la strategia di Alphabet (NASDAQ: GOOG) (NASDAQ: GOOGL) utilizzata da Google per espandere la ricerca.

Ti potrebbe interessare anche: Google Finance, come investire.

Spotify risponde alle ultime novità di Apple

Spotify Technology SA sta lanciando nuovi modi per i podcaster di guadagnare dai loro spettacoli, intensificando gli sforzi dopo una recente mossa di Apple Inc. per attirare talenti sulla sua piattaforma.

La società con sede a Stoccolma ha lanciato martedì un lungometraggio che consente ai podcaster di destinare gli episodi solo agli abbonati. Gli utenti possono quindi mantenere il 100% delle entrate ottenute nei prossimi due anni, con una commissione del 5% in arrivo nel 2023. L’opzione sarà disponibile negli Stati Uniti per iniziare, e poi in altri paesi nei mesi successivi.

La società di streaming audio sta inoltre lanciando una piattaforma ad accesso aperto che consente ai podcast con contenuti su altri servizi di condividere il loro materiale su Spotify. E cerca di rendere più facile per i clienti trovare inserzionisti per i loro spettacoli con un nuovo mercato degli annunci chiamato Spotify Audience Network.

L’implementazione segue l’annuncio di Apple di questo mese che avrebbe permesso ai podcaster di addebitare i loro programmi sulla sua app, con la società che ha subito un taglio del 30%. Il gigante della tecnologia ha cercato di ottenere maggiori entrate dai servizi, che hanno portato più di $ 50 miliardi nel suo ultimo anno fiscale.

La mossa arriva proprio nel momento in cui Apple deve affrontare un reclamo antitrust dell’Unione Europea di questi giorni. Frutto di un’indagine dopo le accuse di Spotify, secondo cui le regole previste dall’App Store del colosso californiano con sede a Cupertino sono ingiuste.

Spotify, un futuro tutto da scrivere…ed ascoltare

Spotify (NYSE: SPOT) è stata fondata nel 2006 con l’idea di costruire un servizio di qualità migliore rispetto alla musica pirata, che all’epoca stava uccidendo l’industria musicale. Nel 2020 il gigante tecnologico svedese vantava 345 milioni di utenti e 155 milioni di abbonati paganti in 178 mercati sparsi per il Mondo.

Vediamo come sta andando in Borsa nel grafico sottostante:

Offre ancora streaming musicale illimitato attraverso prodotti di abbonamento mensili e supportati da pubblicità, ma è stato recentemente lanciato a capofitto anche nel mercato dei podcast.

Ecco perché Spotify è destinato a dominare il mercato audio globale e perché dovrebbe vincere rispetto ai suoi concorrenti di musica, podcast e radio legacy.

Lo streaming musicale esiste da oltre un decennio, ma la crescita del settore, specialmente nei mercati non occidentali, è appena iniziata. Spotify sta entrando in più di 80 nuovi mercati nel 2021, aprendo il servizio a oltre un miliardo di potenziali nuovi utenti in paesi come Nigeria, Bangladesh e Pakistan.

Anche negli Stati Uniti, uno dei suoi mercati più maturi, centinaia di milioni di dollari vengono ancora spesi ogni anno in CD e musica di proprietà digitale attraverso piattaforme come iTunes.

Nel tempo, la maggior parte di questa spesa dovrebbe migrare a servizi di streaming come Spotify, semplicemente perché queste piattaforme offrono una migliore proposta di valore per i consumatori.

Si stima che alla fine del 2019 solo il 30% della popolazione statunitense si fosse abbonata a un servizio di streaming musicale. In Svezia, il paese d’origine di Spotify, il 52% della popolazione paga per lo streaming musicale. In Africa e nel sud-est asiatico, dove la penetrazione dello streaming musicale è di gran lunga inferiore rispetto ai mercati occidentali, c’è ancora più spazio per la crescita di servizi come Spotify.

Sul lato supportato dalla pubblicità, Spotify opera con il suo livello gratuito. Ogni anno, solo negli Stati Uniti vengono spesi oltre 10 miliardi di dollari per la pubblicità radiofonica tradizionale.

Come con la TV in streaming, nel tempo la maggior parte di questi dollari pubblicitari passerà a piattaforme on-demand o scomparirà del tutto quando i consumatori opteranno per abbonamenti in streaming senza pubblicità. Qualunque cosa accada, ne trarrà vantaggio Spotify.

Fare trading sulle azioni Spotify

Puoi provare col trading CFD sulle azioni Spotify su questi broker: