Azioni petrolifere migliori: dove investire?

Quali sono le migliori azioni petrolifere dove investire? Molte riserve petrolifere sono state sfruttate per diversi anni a causa della depressione dei prezzi del petrolio. Tuttavia, c’è stato un cambiamento, con l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC) che ha fatto passi avanti per alleviare l’eccesso di offerta di petrolio che ha tenuto bassi i prezzi.

Dopo un prolungato periodo di prezzi più bassi, West Texas Intermediate (WTI) ha raggiunto $ 63,22 al barile ad inizio aprile 2018. La US Energy Information Administration (EIA) prevede un prezzo medio di poco superiore a $ 58 per il 2018, indicando che potrebbe essere difficile per i prezzi sostenere i recenti guadagni. Tuttavia, altre previsioni hanno previsto aumenti drammatici dei prezzi del petrolio quest’anno.

Le aziende che hanno frenato la produzione potrebbero continuare a monitorare gli sviluppi dei prezzi fino a quando non saranno in grado di garantire un ragionevole ritorno sull’investimento (ROI).

Vediamo quali sono le migliori azioni sul petrolio su cui investire nel 2018.

Azioni petrolifere, conviene investire?

Dopo un periodo brusco, l’industria petrolifera ha iniziato il 2018 nella ripresa. I prezzi del petrolio sono migliorati significativamente nell’ultimo anno, il che ha aiutato il sentiment di questo mercato. Ciò detto, le scorte petrolifere, per la maggior parte, non hanno seguito l’innalzamento dei prezzi.

Dunque, investire in azioni petrolifere nel 2018 può presentarsi un’ottima opportunità.

Tuttavia, dato che il petrolio e una commodity altamente volatile, sulla quale incidono una pluralità di fattori (crisi politiche, scarsità o surplus del prodotto, oscillazioni del petrolio, scioperi sindacali delle società estrattive, ecc.), l’ideale è limitare l’investimento in portafoglio del petrolio tra un minimo del 3% ed un massimo del 5%.

ETF Petrolio quale scegliere

Gli ETF sul petrolio investono nella materia prima, sebbene esistano due qualità di petrolio, in base alle qualità degli idrocarburi e il luogo di estrazione:

  • il Brent deriva dal Mare del Nord, è un prodotto “dolce” ed è il riferimento per il mercato europeo
  • il WTI (West Texas Intermediate) è un prodotto anch’esso “dolce” ma di qualità superiore ed è il riferimento per il mercato Usa.

Per i trader, non ha molta importanza il “tipo” di petrolio che si inseriscenei portafogli attraverso gli ETF. Dato che sono “commodity”, infatti, i criteri di scelta dovranno spostarsi necessariamente sul prodotto sottostante che ne replica il prezzo.

Alla borsa di Milano sono quotati moltissimi ETF o ETC sul petrolio. Ma vale la pena concentrarsi soprattutto su due categorie: il Brent e il WTI. Stando ai dati del 2017, le loro rispettive caratteristiche sono:

  • L’ETF sul Brent (JE00B78CGV99) ha un volume di scambio di 43 milioni di euro
  • L’ETF sul WTI (GB00B15KXV33) nello stesso periodo, ha avuto scambi per 211 milioni

Esiste anche un’altra possibilità per investire nel petrolio e consiste nel comprare, invece di un ETF che ha come sottostante la materia prima, un portafoglio azionario composto da società che operano nel settore. In questo caso il controvalore investito subirà in modo indiretto le oscillazioni di prezzo dell’idrocarburo, perché esse impatteranno in modo “mediato” sulle quotazioni delle società che lavorano nell’ambito che ci interessa.

Migliori azioni petrolifere, EOG Resources, Inc. (EOG)

EOG Resources risulta unico nel suo approccio nella scelta dei siti di perforazione. Cerca siti premium in grado di produrre un tasso di rendimento reale al netto del 60% al minimo quando il petrolio è a $ 50 al barile o di più. La società dice che può essere redditizia anche quando i prezzi del petrolio stanno testando il livello di $ 50. L’EOG ha utilizzato il periodo dei prezzi del petrolio depressi per disinvestire da siti non premium e concentrarsi sull’acquisizione di quelli premium.

La società ha acquisito Yates Petroleum nel 2016, assegnandole ampie superfici nel bacino del Delaware, dove EOG può utilizzare impianti più grandi per aumentare la produttività e l’efficienza. Il titolo azionario è entrato in un canale di prezzo ribassista nel dicembre 2016. Tuttavia, i ricavi sono aumentati negli ultimi quattro trimestri , aiutando la compagnia a ridurre le perdite di reddito, e le sue ultime quattro relazioni trimestrali mostravano entrate positive.

Il titolo ha toccato il suo punto peggiore a circa $ 84 per azione nell’agosto 2017 e poi è salito alle stelle, raggiungendo un picco intra-day di $ 119 per azione. EOG è diminuito insieme al mercato più ampio all’inizio di febbraio 2018 e da allora ha visto una certa volatilità. Negli ultimi mesi, il titolo ha costantemente trovato supporto intorno al livello di $ 100 e attualmente è scambiato a $ 104,17 per azione.

  • Volume medio: 3.620.772
  • Cap. Mercato: $ 60.277 miliardi
  • Rapporto P / E (TTM): 23.36EPS
  • (TTM): $ 4.46
  • Dividendo e rendimento: $ 0.74 (0.71%)
  • Target 2018: $ 125.74

Azioni petrolifere migliori, Comstock Resources, Inc. (CRK)

Comstock Resources, con sede a Frisco, in Texas, ha avuto due breakout nell’agosto 2016, e dopo aver toccato il picco di circa $ 13 per azione nel febbraio 2017, ha iniziato a formare una base. Il prezzo delle azioni ha toccato un minimo di poco più di $ 4 per azione a ottobre 2017 e si è mosso nettamente più alto negli ultimi mesi dell’anno. Ha raggiunto un massimo vicino a $ 10,50 a fine gennaio 2018, prima di calare bruscamente ai livelli attuali di $ 5,78.

La società ha registrato tre trimestri consecutivi di aumento dei ricavi, sebbene il risultato operativo sia diventato negativo nel quarto trimestre del 2017 dopo diversi trimestri di risultati positivi. Comstock ha costituito una joint venture per lo sviluppo con USG Properties Haynesville nel gennaio 2017 e ora ha accesso a ulteriori 3.315 acri che porteranno a 20 pozzi totali.

  • Volume medio: 577,840
  • Cap. di mercato: 93,443 milioni di euro
  • Rapporto P / E (TTM): N / AEPS (TTM): – $ 7,61
  • Dividendo e rendimento: N / A (N / A)
  • Target 2018: $ 12,10

Devon Energy Corporation (DVN)

Guardando i fondamenti di Devon Energy, la società ha registrato un reddito positivo nei primi tre trimestri del 2017 ma ha registrato entrate negative nell’ultimo trimestre dell’anno. A dicembre 2016, il titolo è entrato in un canale di prezzo ribassista, ma potrebbe aver toccato un minimo a metà 2017, recuperando oltre $ 44 nel gennaio 2018 da un minimo di circa $ 30 nell’agosto 2017.

Tuttavia, in concomitanza con la più ampia correzione del mercato a febbraio, il titolo è tornato vicino al minimo di agosto e attualmente scambia a $ 31,32. Con il potenziale di resistenza costante dei prezzi del petrolio, le azioni Devon potrebbero aumentare e, a seconda di come si sentono gli investitori sulle prospettive dei mercati, il recente calo di prezzo delle azioni potrebbe implicare un’opportunità di acquisto. Questa società con sede in Oklahoma è in attività dal 1971, quindi è probabile che resti in tale situazione.

  • Volume medio: 7.860.208
  • Capitalizzazione del mercato: 16.477 miliardi di dollari
  • P/ E Ratio (TTM): 18.42EPS (TTM): $ 1.70
  • Dividendo e rendimento: $ 0.32 (1,01%)
  • Target 2018: $ 47,06

Azioni petrolifere su cui investire, Enterprise Products Partners L.P. (EPD)

Enterprise Products Partners non è un’azienda perforatrice: è una società di condotte e di stoccaggio. Pertanto, è meno suscettibile al prezzo del petrolio perché ha stipulato contratti con altre società per il trasporto e lo stoccaggio del proprio petrolio. La società gestisce anche bacini di esportazione ed esporta gas di petrolio liquefatto. I prodotti Enterprise Partners non sono nuovi nel campo petrolifero, essendo stati istituiti nel 1968.

Il titolo è uscito da una lunga recessione nel novembre 2016 ed è salito fino a febbraio 2017, quando ha iniziato a formare una base. Dopo aver faticato a fare progressi per gran parte del 2017, le azioni hanno registrato guadagni significativi verso la fine dell’anno, salendo di circa il 7,5% nel mese di dicembre.

Lo slancio verso l’alto è proseguito fino a gennaio 2018, con le azioni di Enterprise Products Partners che si avvicinavano al livello di $ 30 prima di tornare ai livelli attuali intorno ai $ 24 nel recente sell-off.

  • Volume medio: 6.538.039
  • Capitalizzazione di mercato: 52.765 miliardi di dollari / rapporto
  • P/E (TTM): 18.72EPS (TTM): $ 1.30
  • Dividendo e rendimento: $ 1,70 (6,91%)
  • Target 2018: $ 31,60

Anadarko Petroleum (NYSE: APC)

Il gigante del petrolio Anadarko Petroleum ha subito una radicale trasformazione negli ultimi anni. Ha spinto verso il basso i costi e venduto le attività a margine inferiore, che hanno consentito all’azienda di prosperare a prezzi del petrolio più bassi. Infatti, a $ 50 al barile, Anadarko può generare abbastanza denaro per finanziare i progetti necessari per aumentare la produzione di petrolio ad un tasso annuo composto del 10% -14%.

Di conseguenza, la compagnia non ha più avuto bisogno dei 6 miliardi di dollari accumulati durante la crisi. Ciò ha portato Anadarko ad annunciare piani per restituire $ 2,5 miliardi di quei soldi agli investitori entro la fine di quest’anno attraverso un programma di riacquisto di azioni.

La società ha già riacquistato 1,6 miliardi di dollari di azioni, il che ha contribuito ad alimentare un guadagno di quasi il 40% negli ultimi mesi. Ciò detto, mentre le azioni sono balzate al ribasso l’estate scorsa, sono ancora in calo dell’11% circa lo scorso anno. Ciò suggerisce che avrebbero potuto andare molto più lontano, specialmente da quando la società ha recentemente aggiunto altri $ 500 milioni al suo programma di riacquisto di azioni e aumentato il suo dividendo di cinque volte, portando il pagamento quasi a dove era prima che i prezzi del petrolio crollassero.

Nel frattempo, se il petrolio rimane nei $ 60, Anadarko starebbe al passo per generare più di $ 1 miliardo in eccesso ogni anno, il che potrebbe fornire all’azienda ancora più denaro per riacquistare le azioni. Quei riacquisti, insieme a un miglioramento del mercato petrolifero, potrebbero mantenere lo slancio rialzista di questa azione petrolifera.

Marathon Petroleum

C’è qualcosa di impressionante nelle aziende che possono produrre una crescita degli utili per azione in settori in cui la crescita dei ricavi è difficile da ottenere. La raffinazione del petrolio è probabilmente il manifesto di un’industria senza crescita: la benzina totale fornita al mercato statunitense è cresciuta del 20% solo negli ultimi 30 anni.

Nonostante questa industria sia da anni in una fase di stallo, Marathon Petroleum ha fatto un ottimo lavoro nel produrre rendimenti per i suoi investitori. La combinazione di raffinazione e marketing, metanodotti e trasformazione e attività di vendita al dettaglio offre a Marathon un’offerta diversificata che aiuta a compensare la volatilità intrinseca del industria della raffinazione del petrolio.

Di fatto, il business midstream dell’azienda – che comprende principalmente la sua partecipazione in master limited partnership MPLX – e la sua rete di vendita al dettaglio Speedway si sono combinati per $ 2 miliardi l’anno in reddito operativo. Ciò significa che l’attività di Marathon genera liquidità che il management restituisce generosamente agli investitori sotto forma di aumento dei dividendi e riacquisto di azioni. Queste iniziative, partite dal 2011, hanno portato la società a ottenere incredibili rendimenti.

Migliori azioni petrolifere di società non estrattive

Se stai cercando di investire in petrolio, non limitarti solo alle compagnie che lo estraggono; pensa in modo più ampio in modo da poter beneficiare di ogni possibile opportunità. Ad esempio, la società di servizi di perforazione Ensco plc (NYSE: ESV) sta negoziando un profondo sconto nonostante una forte attività di contrattazione. Il proprietario del gasdotto Enbridge Inc. (NYSE: ENB) sta iniziando a girare la curva dopo un anno di transizione nel 2017. E ExxonMobil Corp. (NYSE: XOM), l’unica vera compagnia petrolifera qui, sta avendo delle interessanti prospettive di rilancio. Ma vediamo meglio questi titoli da vicino.

Ensco

Dal momento in cui la crisi petrolifera è iniziata nel 2014, le compagnie petrolifere hanno evitato progetti di offshore costosi e di lungo sviluppo, preferendo investire in progetti di shale turnaround che richiedono un investimento iniziale molto inferiore, anche se non sono così redditizi su un base per barile e richiedono una perforazione costante per mantenere i livelli di produzione.

Ma a un certo punto, quelle risorse offshore giocheranno un ruolo vitale nel soddisfare i bisogni energetici globali. I progetti offshore possono essere complessi e richiedere più tempo per svilupparsi, ma sono anche fonti molto economiche una volta che il petrolio e il gas cominciano a scorrere.

Ensco è un’azienda eccellente da possedere per quell’eventualità. Ha appena completato l’acquisizione di Atwood Oceanics, rafforzando ulteriormente la sua flotta, e ha concluso il 2017 avendo firmato circa il 15% dei nuovi impianti assegnati dai produttori per l’intero anno. Praticamente il doppio di quota di mercato di chiunque altro. Di recente, Ensco ha inoltre rafforzato il proprio bilancio, emettendo $ 1 miliardo in obbligazioni a lungo termine per estinguere tutto il debito dovuto nella prima metà del 2020, aggiungendo $ 300 milioni al proprio bilancio. La società ha 1,2 miliardi di dollari in contanti e 2,8 miliardi di dollari di lavori su contratto.

Di recente, Ensco commercia per meno del 25% del suo valore contabile rispetto al passato. Gli investimenti offshore stanno lentamente iniziando a migliorare. Ensco potrebbe rivelarsi un enorme investimento vincente.

Enbridge

La compagnia canadese Enbridge ha perso quasi un quarto del suo valore nell’ultimo anno, il che è difficile da giustificare. Mentre la società ha registrato un calo del 10% del flusso di cassa distribuibile (DCF) per azione nel 2017, il numero assoluto è salito del 50%.

A fare la differenza il fatto che la società ha emesso un carico di nuove azioni per finanziare le sue iniziative di espansione, che hanno pesato sul numero di azioni lo scorso anno. Tuttavia, la tendenza dovrebbe invertirsi nel 2018, con l’azienda che prevede un aumento del 15% di DCF per azione, alimentato dai 12 miliardi di dollari canadesi ($ 9,6 miliardi) di progetti di espansione conclusi l’anno scorso. Nel frattempo, con altri 22 miliardi di dollari (16,8 miliardi di dollari) di progetti di espansione in costruzione, la società ritiene che possa aumentare DCF per azione con un tasso annuo composito del 10% fino al 2020, il che dovrebbe alimentare un simile aumento del dividendo in tale arco temporale.

Il tasso di crescita rende ancor più allettante il dividendo interessante del 6,7% della società di oleodotti. Con il prezzo delle azioni di Enbridge che scivola nell’ultimo anno, gli investitori possono acquistare il flusso di reddito crescente di questo oleodotto gigante per un prezzo economico di appena 9,5 volte DCF . Per fare un confronto, lo stock di gasdotti medi si avvicina a 12 volte il DCF. Dal momento che la DCF per azione condivisa inizia a salire, dovrebbe contribuire a colmare tale lacuna. Aggiungete questo lato positivo al dividendo high yield della società, e Enbridge ha il potenziale per offrire un rendimento totale allettante nei prossimi anni, rendendolo un ottimo titolo azionario di petrolio da acquistare ora.

ExxonMobil Corporation

Le gigantesche compagnie petrolifere integrate hanno avuto un andamento più elevato nell’ultimo anno, con un’eccezione: ExxonMobil. Le scorte di Exxon sono scese di quasi il 10%, mentre alcuni peer, tra cui Royal Dutch Shell plc e Total S.A., hanno visto avanzamenti azionari a livelli minimi.

C’è qualcosa che non va per Exxon? Exxon sta scendendo relativamente rispetto ai suoi pari integrati in questo momento su diversi parametri chiave, tra cui la crescita della produzione e il ritorno sul capitale investito. Gli investitori stanno acquistando azioni in compagnie petrolifere che stanno migliorando su base fondamentale.

Ma il ritardo patito da Exxon è più in funzione di una cultura aziendale che sbaglia dalla parte della prudenza e del pensiero a lungo termine ritenendola una società che non vale la pena possedere. Ha un certo numero di progetti di crescita nei lavori, tra cui l’espansione della sua posizione nel petrolio e nel gas degli Stati Uniti su terraferma, e la ricerca di nuovi asset offshore in Guyana, Brasile e Mozambico.

Sta inoltre cercando di migliorare il suo ritorno sul capitale investito dal 7 al 10 percento o più del 2017 nei prossimi due anni. Gli investitori hanno dimenticato che l’approccio conservativo di Exxon ha aiutato a superare la crisi petrolifera in profondità meglio della maggior parte dei suoi pari.

L’attuale performance aziendale è in realtà il rovescio della medaglia. Ma se la storia serve per imparare, il management chiuderà il divario prestazionale in tempo. Mentre lentamente, e con cautela, trasformerà la gigantesca nave Exxon. Se riesci a guardare a breve termine, il titolo azionario di Exxon è un’opportunità per aggiungere una compagnia energetica di alta qualità al tuo portafoglio con un rendimento del 4,1% che è al massimo della sua fascia storica.

Kinder Morgan, Inc.

Kinder Morgan, Inc. (NYSE: KMI), ad esempio, è la più grande compagnia di infrastrutture energetiche del Nord America. Controlla 84.000 metri di condotta e 180 terminali.

L’aspetto di KMI è che le sue azioni sono crollate nel 2015 quando i prezzi del petrolio si sono schiantati e il credito si è irrigidito nel settor energetico. Quando il credito si esaurì, KMI fu costretta a deviare il suo flusso di cassa in riduzione del debito e spese in conto capitale. Questo portò ad un netto taglio del 75% al pagamento del dividendo della società.

E le azioni sono crollate da un massimo di $ 44 per azione a un minimo di $ 13 all’inizio del 2016. Da allora è rimbalzato a circa $ 19 per azione, ed è giusto aspettarsi un ritorno ai forti aumenti dei dividendi che hanno reso KMI un investitore favorito per cominciare. La società sta già pianificando il suo primo aumento significativo dei dividendi per il 2018, seguito da altri due grandi aumenti nel 2019 e nel 2020. E saranno abbinati a un programma di riacquisto di azioni multimilionarie. Ciò migliorerà enormemente l’attuale rendimento del 2,64%.

Una delle spinte al riacquisto è che le azioni di Kinder Morgan si vendono per meno di 10 volte il flusso di cassa distribuibile (DCF) al giorno, che è ben lontano dalle oltre 20 volte DCF che è stato scambiato prima del crollo nel 2015 e al di sotto del tasso medio dei primi anni. Ciò significa che gli investitori possono acquistare Kinder Morgan a un prezzo vantaggioso e quindi rastrellare un flusso di reddito in rapida crescita nei prossimi tre anni.

Magellan Midstream Partners, (L.P.)

Magellan Midstream Partners, L.P. (NYSE: MMP) è un’altra buona compagnia di oleodotti. Magellan ha 2.200 metri di gasdotti grezzi e impianti di stoccaggio con una capacità di stoccaggio aggregata di circa 27 milioni di barili, di cui 17 milioni sono utilizzati per lo stoccaggio in affitto. Inoltre, ha cinque terminali di stoccaggio marino con una capacità aggregata di 26 milioni di barili. Ciò è vantaggioso perché lo storage è ancora molto richiesto.

Oltre ai suoi beni grezzi, Magellan ha un sistema di pipeline di prodotti raffinati da 9.500 miglia con 53 terminali. Questo è fondamentale perché le esportazioni statunitensi di prodotti raffinati sono al loro livello più alto negli anni. Con KMI, MMP offre una straordinaria opportunità di guadagno. La sua struttura di partnership è progettata per passare il valore direttamente ai possessori delle quote.

Migliori titoli azionari petrolio, Encana

Encana Corp. (NYSE: ECA) ha posizioni di base in quattro località estrattive: Montney e Dubernay in Canada e Permian e Eagle Ford in Texas. L’efficienza produttiva ha effettivamente superato l’orientamento del 10% nel 2017. E il 2018 prevede un altro 10% in più.

Questo ha permesso alla società di anticipare il suo piano quinquennale. Quando Encana ha presentato il suo nuovo piano quinquennale nel 2016, la società pensava di poter aumentare del 60% la produzione entro il 2021. Inoltre, pensava che poteva raggiungere questo tasso di crescita vivendo all’interno del flusso di cassa a condizione che il petrolio raggiungesse una media di $ 55 al barile.

Ma ora, la società crede che abbia bisogno solo di petrolio per raggiungere una media di $ 50 al barile per dargli il carburante necessario per raggiungere l’obiettivo di crescita della produzione. E Encana dice che il suo ritorno sul capitale salirà dal 10% al 15%. Il suo obiettivo è anche quello di ottenere una crescita annuale el 25% in flussi di cassa non-GAAP e di $ 1,5 miliardi di flusso di cassa libero non-GAAP cumulativo.

Azioni petrolifere europee migliori

Fino ad ora abbiamo parlato di colossi petroliferi americani. Non mancano però interessanti e promettenti azioni petrolifere di società europee. Vediamo quali:

Royal Dutch Shell

La Royal Dutch Shell è una società petrolifera olandese quotata nella borsa di Londra, che opera in tutto il mondo. E’ presente in 140 Paesi diversi, ma principalmente negli Stati Uniti d’America, dove ha una sussidiaria chiamata Shell Oil Company.

Oltre al settore petrolifero, la società è attiva nel campo dell’energia e nella petrolchimica. Ecco le sue principali caratteristiche:

  • Dividendi yield: 5,74%
  • Rapporto P/E: 20.54
  • Ricavi: 305,18 miliardi di dollari.

Ad inizio aprile 2018, il prezzo delle azioni Royal Dutch Shell (RDS) è di 64,28$ l’una. La sua capitalizzazione di mercato è pari a 265,56 miliardi di dollari, mentre nell’ultimo anno il valore del titolo azionario è aumentato del 21,63%.

British Petroleum

La British Petroleum è una società britannica quotata sia alla borsa di Londra sia a quella di New York.

Il suo nome attuale è BP plc, nato nel 1998 dopo la fusione con la Amoco (American Oil Company), ma gli addetti ai lavori spesso continuano a preferire di chiamarla con il suo nome d’origine.

Il dividendo di British Petroleum è del 5,98%, mentre il rapporto price/earning è pari a 35,5. L’ultimo dato sui ricavi registra la cifra di 240,21 miliardi di dollari.

Queste azioni petrolifere attualmente sono valutate 41$ ciascuna e l’intera capitalizzazione di mercato è pari a 134,48 miliardi di dollari. Negli ultimi 12 mesi il prezzo delle azioni della BP è cresciuto del 17,94%.

Total

La Total è una società francese quotata in borsa a Parigi, a Milano e a New York. Essa è attiva nel settore del petrolio, del gas naturale e anche nella chimica. In Italia ha operato con la sussidiaria Total Italia S.p.a., che si fuse nel 2010 con la ERG Petroli costituendo la TotalERG, società che verrà poi venduta alla Anonima petroli italiana (API) nel 2018.

La Total è rimasta nel nostro Paese solo con la Total Italia S.r.l., che opera nel settore dei lubrificanti, delle benzine da competizione, dei fluidi e dei solventi industriali.

Le azioni petrolifere di Total non generano però alcun dividendo. Il rapporto P/E è invece di 14.79. Gli ultimi ricavi resi pubblici sono stati di 121,69 miliardi di euro.

Ad inizio aprile il titolo viaggia a 47,66€ nella borsa di Parigi. La capitalizzazione di mercato è di 122,92 miliardi di euro. Rispetto alla quotazione di 12 mesi fa le azioni Total si sono deprezzate dello 0,98%.

Ciò significa che le azioni petrolifere di Total hanno un margine di crescita molto alto.

Investire in Petrolio, occhio a correlazione inversa col Dollaro

Quando si decide di investire nel Petrolio, occorre prestare molta attenzione alla correlazione che esso ha con il Dollaro. Ed è di tipo inversa. Cosa vuol dire ciò? Sostanzialmente due cose:

  • se il valore del dollaro aumenta, con la stessa somma di denaro è possibile acquistare una maggiore quantità di petrolio e il suo prezzo scende
  • se il valore del dollaro diminuisce, è necessario pagare una somma maggiore di dollari per acquistare la stessa quantità di petrolio, così il prezzo sale

Perchè esiste una correlazione tra il dollaro e il petrolio? In quanto il petrolio viene quotato direttamente in dollari e ciò appare in maniera chiarissima se confrontiamo i grafici delle quotazioni dei due. Soprattutto il grafico del cambio valuta più tradato sul Forex: EUR/USD, con il petrolio WTI.

Tuttavia, la correlazione tra Petrolio e Dollaro è imperfetta, in quanto quest’ultimo non è l’unico fattore che influenza il mercato delle valute. Ciò è dovuto ai diversi market mover che possono avere diverso impatto nei singoli casi. A ciò bisogna aggiungere poi le scelte di politica monetaria attuate dalle banche centrali. Esse influenzano pesantemente il forex e fanno registrare grandi movimenti che non c’entrano nulla o quasi con il commercio del petrolio.

Nella discesa del petrolio degli ultimi anni aveva avuto un ruolo di primo piano l’aumento dell’offerta (peraltro esacerbata dalla rimozione delle sanzioni all’Iran) e i disordini geopolitici in Medioriente.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY