Azioni Bosch: l’azienda rafforza presenza in Ungheria ma chiude a Monaco

Il 1° gennaio 2022 Bosch completerà il cambio generazionale ai vertici del consiglio di amministrazione che ha preparato a lungo termine.

Il supervisory board, il board of management and il mobility solution business board della compagnia andranno in pensione e faranno spazio ai colleghi più giovani.

Il presidente del consiglio di sorveglianza Franz Fehrenbach andrà in pensione e gli succederà il prof. Dr. Stefan Asenkerschbaumer.

Il dott. Volkmar Denner cede la presidenza del consiglio di amministrazione di Bosch al dott. Stefan Hartung, che in qualità di presidente di Mobility Solutions è responsabile del più grande settore aziendale dal 2019 e ha sviluppato “prospettive per la mobilità del futuro”.

Il dottor Christian Fischer diventerà vicepresidente del consiglio di amministrazione. Il dott. Markus Heyn assumerà la carica di presidente del settore aziendale Mobility Solutions. Il nuovo Chief Financial Officer sarà il Dr. Markus Forschner.

“Il consiglio di sorveglianza ha un enorme debito di ringraziamento a Volkmar Denner per il modo economicamente vincente e tecnologicamente visionario con cui ha gestito l’azienda”, ha affermato Franz Fehrenbach, presidente dell’assemblea degli azionisti e del consiglio di sorveglianza di Robert Bosch GmbH.

Ha aggiunto: “Volkmar Denner ha tracciato la rotta per gli sforzi futuri dell’azienda verso la sostenibilità e ha reso il gruppo pronto per il futuro digitale. Sotto la sua guida, Bosch è diventata la prima impresa industriale al mondo a emissioni zero già nel febbraio 2020, nonché un pacemaker globale nei settori dell’intelligenza artificiale e dell’IoT”.

Piattaforme per investire in azioni

Se vi interessa il trading azionario vi segnaliamo qui sotto i migliori broker per negoziare sulle azioni:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
Copy trading, CFD azioni
*67% dei trader perde soldi
Copy PortfolioISCRIVITI
Servizio CFD su azioni e indiciConto demo illimitatoISCRIVITI
Corso trading gratis, CFD azioniSegnali gratisISCRIVITI
CFD su azioni, demo gratisServizi di intelligenza artificialeISCRIVITI
Bonus 25€Conti Zero spread!ISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 67-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

si tratta di piattaforme che hanno la licenza per operare in Italia e dunque sicure.

Bosch rafforza la sua presenza in Ungheria

L’azienda tedesca afferma che rafforzerà l’importanza del suo sito a Maklár, in Ungheria. L’azienda effettuerà tre nuovi investimenti a Maklár, dove verrà ampliata la produzione di sterzo elettrico e verrà costruito un centro di assistenza globale.

Con tre investimenti per un valore complessivo di oltre 52 miliardi di HUF (144,5 milioni di EUR) fino alla fine del 2023, l’azienda punta con questo investimento ad aumentare la propria competitività, espandere la propria capacità produttiva, introdurre nuove tecnologie e creare un centro servizi condiviso.

Questi investimenti contribuiscono al mantenimento dei posti di lavoro e alla creazione di nuovi nel sito con più di mille associati oggi, si legge in un comunicato stampa.

“I tre nuovi investimenti consentiranno l’implementazione di innovazioni tecnologiche che contribuiranno alla competitività e alla stabilità a lungo termine delle nostre attività locali”, afferma Michael Zink, direttore tecnico dell’impianto di Robert Bosch Automotive Steering Kft. nel comunicato stampa.

Bosch a Maklár si espanderà con oltre 70.000 metri quadrati di spazio produttivo e logistico, nonché un’area integrata di servizi e uffici entro il 2023. Lo Stato ungherese fornirà un totale di 12,25 miliardi di HUF (34 milioni di EUR) di sostegno non rimborsabile per il tre investimenti.

“L’obiettivo dei nuovi investimenti è sviluppare ulteriormente il nostro sito per servire l’industria automobilistica del futuro”
, ha affermato Michael Zink. L’impianto viene dotato di nuove tecnologie.

Fino al 2023, gli edifici di produzione, logistica e servizi saranno ampliati e stabiliti, e verranno installate nuove macchine. L’investimento per aumentare la capacità prevede anche l’acquisizione di attrezzature ad alta tecnologia per la produzione e il montaggio, nonché strumenti di misura.

Oltre a queste attività legate alla produzione, la divisione Automotive Steering del Gruppo Bosch ha iniziato a installare un nuovo Shared Service Center (SSC) a Maklár.

Entro il 2023 verranno create 80 nuove posizioni. Il nuovo centro servirà in futuro la divisione Steering del Gruppo Bosch a livello globale. Il centro servizi supporta una rete globale nei settori dell’assistenza alle vendite, del controllo qualità, dello sviluppo tecnico, della pianificazione strategica, della protezione dei dati e della gestione dei prodotti.

Bosch potrebbe chiudere stabilimento a Monaco

A fare da contraltare a questa notizia, il fatto che Robert Bosch GmbH sta valutando la possibilità di chiudere uno stabilimento a Monaco di Baviera che produce componenti per auto alimentate da motori a combustione interna.

A riportare la notizia è stato il quotidiano locale Merkur. In effetti, ciò la dice lunga su come i grandi colossi puntino alla delocalizzazione in nome del risparmio.

Del resto, l’Ungheria è diventata, grazie alla politica in favore degli investitori stranieri imposta dal vituperato Orban, una buona meta per le multinazionali. Come tante ex repubbliche sovietiche del resto.

Ma il problema risiederebbe nella decisione del paese teutonico di spingere forte verso l’elettrico e mettere gradualmente al bando diesel e benzina.

L’imminente transizione della Germania dalla combustione alle auto elettriche porterà a “una notevole sovraccapacità e la necessità di adeguamenti”, secondo una portavoce della società citata da Merkur.

Secondo un documento interno citato da Merkur, la domanda per i prodotti dell’impianto, che includono pompe elettriche del carburante e valvole di iniezione, diminuirà nei prossimi due anni, indebolendo la competitività del sito.

La mossa di Bosch è un segnale di come il passaggio ai veicoli elettrici stia già ridisegnando l’industria tedesca. La più grande economia europea prevede di avere 14 milioni di veicoli elettrici e ibridi plug-in sulle sue strade entro il 2030, nel tentativo di conformarsi alle sempre più severe norme sulle emissioni dell’Unione Europea.

La previsione del governo è superiore di almeno il 40% rispetto a una stima precedente grazie a un recente aumento delle vendite di veicoli elettrici, ha affermato questo mese il ministro dell’Economia Peter Altmaier.

La scorsa settimana, l’UE ha svelato i piani per raggiungere obiettivi climatici più rigorosi per il 2030 sulla strada per eliminare le emissioni entro la metà del secolo. Il blocco ha proposto che le emissioni delle nuove auto diminuiscano del 55% dal 2030 e scendano a zero dal 2035.

La politica sosterrà la domanda di modelli elettrici e le case automobilistiche si stanno preparando. Volkswagen AG, il più grande produttore della regione, prevede che oltre il 70% delle vendite del suo marchio omonimo sarà elettrico dal 2030.

Azioni Bosch quotazione in tempo reale

Ecco il grafico della quotazione in tempo reale delle azioni Bosch:

Azioni Bosch : considerazioni finali

Puoi comunque approfittare delle oscillazioni del prezzo delle azioni Bosch col trading CFD, poiché puoi posizionarti sia long che short.

Ecco alcuni broker con conto demo che puoi utilizzare: