Auto: le immatricolazioni in Europa tornano a crescere

L’Association des Constructeurs Européens d’Automobiles – Acea – ha comunicato tramite nota, i dati relativi alle immatricolazioni di auto nuove nell’eurozona. Dopo il calo dello 0,3% avvenuto nel mese di ottobre, a novembre il mercato automobilistico è tornato a crescere con un +5,6% pari a 1.189.181 unità. Il paese in cui si è riscontrato un maggior incremento delle vendite è la Spagna con +13,5% seguita da: Francia +8,5%, Italia +8,2%, Regno Unito +2,9% ed infine la Germania con +1,5%.

auto

Cumulato annuo

Per quanto riguarda il cumulato annuo a guidare le fila dei maggiori mercati europei è l’Italia con un  aumento del 16,5%, seguita da: Spagna +11,1%, Francia +5%, Germania +4,6% e Regno Unito +2,5%, complessivamente il settore auto europeo ha avuto un espansione del 6,9% pari a 13.938.237 unità.

Case automobilistiche

A novembre la Volkswagen ha ottenuto il 6,3% pari a 294.414 unità in più di immatricolazioni, salendo di 0,2 punti percentuali ovvero al 24,8% affermandosi leader del mercato europeo. Peugeot-Citroen ha accusato una contrazione del 4,2% pari a 109.540 unità, passando da quota 10,2% al 9,2%, la connazionale Renault ha invece incrementato le sue vendite con +16,5% pari a 126.143 unità, conquistando il 10,6% del mercato.

Fca ha registrato una crescita del 10,1% pari a 75.265 unità passando da 6,1% al 6,3%, buono anche l’andamento delle case asiatiche, Toyota in crescita del 6,9%, Nissan migliora del 2,8%, Suzuki raggiunge il 16,2%, mentre Honda e Mitsubishi hanno avuto un’inversione di rotta con un calo rispettivamente del 5,4% e 11,5%. Infine Hyundai e Kia hanno avuto un incremento del 12,7% e del 7,7%.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY