Auto GPL o auto elettrica, cosa conviene?

auto elettriche e auto ibride

Meglio un’auto a GPL o elettrica? Cosa conviene tra una auto a gas o elettrica? E’ il bivio nel quale si trovano tanti automobilisti. Italiani e non. In un Mondo che sta prendendo sempre più consapevolezza che occorra rinunciare al petrolio, e, di conseguenza, alla benzina nelle auto, in tanti stanno optando sempre più per le auto a Gpl. Ma anche quelle elettriche stanno facendo lentamente capolino anche in Italia. Sebbene occorra risolvere ancora due problemi principali: la batteria costosa e la mancanza di sufficienti colonnine lungo le arterie stradali per la ricarica.

La grande occasione mancata è stata invece quella del Diesel. Che negli anni ‘90 è stato presentato come la vera alternativa alla benzina. Certo, le auto a Diesel abbondano lungo le strade. Ma negli ultimi anni si è cambiata l’idea nei loro confronti. Infatti, si è scoperto che, sebbene il Diesel abbatta l’emissione di Co2 rispetto alla benzina, in realtà fa ancora più male ai nostri polmoni rispetto a quest’ultima. Per le microparticelle che ivi deposita.

E così, questa inversione a U sta portando il graduale bando delle auto a Diesel. Tanto che si stima che entro il 2030 solo una auto su 10 sarà a Diesel. Anzi meno. Il 9%.

Ma torniamo al confronto tra auto a Gas e auto a elettrica e cerchiamo di capire quale convenga.

Auto a Gas Vs Auto elettrica, come funziona auto elettrica

Come funziona una auto elettrica? Un veicolo elettrico, chiamato anche con l’acronimo anglosassone EV (Electric Vehicle) , utilizza uno o più motori elettrici o motori di trazione per la propulsione. Un veicolo elettrico può essere alimentato attraverso un sistema di collettori mediante elettricità proveniente da fonti esterne al veicolo. Oppure può essere autonomo con una batteria, pannelli solari o un generatore elettrico per convertire il combustibile in elettricità.

I veicoli elettrici comprendono, ma non sono limitati a, veicoli stradali e ferroviari, navi di superficie e sottomarine, velivoli elettrici e veicoli spaziali elettrici.

Gli EV sono nati alla metà del XIX secolo, quando l’elettricità era tra i metodi preferiti per la propulsione dei veicoli a motore un livello di comfort e facilità di funzionamento che non poteva essere raggiunto dalle auto a benzina del tempo. I moderni motori a combustione interna sono stati un metodo di propulsione dominante per i veicoli a motore da quasi 100 anni, ma l’energia elettrica è rimasta comune in altri tipi di veicoli, come treni e veicoli più piccoli di tutti i tipi.

Nel XXI secolo, i veicoli elettrici hanno visto un risorgimento dovuto a sviluppi tecnologici e una maggiore attenzione per le energie rinnovabili. Si è sviluppata una grande richiesta di veicoli elettrici e un piccolo nucleo di ingegneri fai-da-te (fai-da-te) ha iniziato a condividere i dettagli tecnici per effettuare conversioni di veicoli elettrici.

Sono stati introdotti incentivi governativi per aumentare le adozioni, anche negli Stati Uniti e tra i Paesi dell’Unione europea.

Auto GPL Vs Auto elettrica, come funziona Auto a GPL

Come funziona auto a GPL? Auto a gas è il nome comune che si utilizza per le auto che funzionano a gas liquefatto (GPL) quando viene utilizzato come combustibile nei motori a combustione interna nei veicoli e nelle applicazioni stazionarie come i generatori. È una miscela di propano e butano.

L’auto a gas è ampiamente utilizzato come combustibile “verde”, in quanto il suo utilizzo riduce le emissioni di gas di scarico di circa il 15% rispetto alla benzina. Un litro di benzina produce 2,3 kg di CO2 quando è bruciato, mentre la quantità equivalente di gas di scarico (1,33 litri a causa della minore densità di gas di scarico) produce solo 1,5 * 1,33 = 2 kg di CO2 quando viene bruciato.

Le emissioni di CO sono inferiori del 30% rispetto alla benzina e agli NOx del 50% [2]. Ha un numero di ottano (MON / RON) compreso tra 90 e 110 e un contenuto energetico (valore di riscaldamento superiore-HHV) compreso tra 25,5 megajoule per litro (per propano puro) e 28,7 megajoule per litro (per butano puro) a seconda sull’autentica composizione del carburante.

Il GPL è il terzo carburante automobilistico più popolare al mondo, con circa 16 milioni di 600 milioni di autovetture alimentate con il carburante, che rappresentano meno del 3% della quota di mercato totale.

Circa la metà di tutte le autovetture alimentate a gas sono nei cinque maggiori mercati (in ordine decrescente): Turchia, Corea del Sud, Polonia, Italia e Australia

Le auto a GPL è molto popolare in Italia. Con oltre un milione di auto a GPL in circolazione, è il secondo mercato di auto a gas nell’Unione europea, dopo la Polonia. L’Italia fu uno dei primi paesi al mondo a introdurre l’auto a gas, cosa che accadde negli anni ’50. Solo nella prima metà del 2010 sono state registrate oltre 170.000 nuove autogas.

General Motors ha avuto particolare successo in Italia, con i due terzi dei veicoli venduti nel 2008 in grado di produrre auto a GPL.

Occorre però anche dire che nel nostro Paese, il self service per le auto a GPL è vietato per legge. Occorre sempre l’operatore e ciò può comportare problemi negli orari serali e notturni.

Auto elettriche destinate ad essere il futuro

Meglio Auto a Gas o auto elettrica? Occorre dire che ci sono più elementi che fanno propendere a pensare che la seconda sia il futuro. Li ha individuati l’esperto in auto Tom Raftery, per la rivista Forbes.

Nel più grande mercato automobilistico del mondo, Raftery osserva che “la Cina ha approvato una legge che impone a qualsiasi costruttore di veicoli di ottenere un nuovo punteggio per veicoli energetici di almeno il 10% entro il 2019. Che sale al 12% entro il 2020 e fino al 20% di vendite entro il 2025. Come risultato di questo annuncio, tutti i maggiori OEM hanno improvvisamente svoltato verso le auto elettriche.

Tesla, già in anticipo sulla curva, ha firmato un accordo con il governo municipale di Shanghai per costruire il suo primo Gigafactory al di fuori degli Stati Uniti Cina.

Prima abbiamo detto che uno dei principali freni all’espansione delle auto elettriche sono i costi della batteria. Orbene, secondo Raftery si sta ovviando anche a ciò. Raftery osserva: “Le batterie agli ioni di litio costano $ 1.000 per kWh nel 2010. Entro il 2017 questo costo è sceso a $ 200 per kWh, e non si fermerà qui. All’assemblea degli azionisti di Tesla, il 5 giugno di quest’anno, Elon Musk ha dichiarato che Tesla sarebbe a $ 100 per kWh entro 2 anni . $ 100 per kWh sono ampiamente concordati per essere la cifra in cui i veicoli EV e ICE avranno un prezzo di acquisto anticipato comparabile. Quindi, entro il 2020 il costo delle batterie sarà diminuito del 90% in 10 anni e il prezzo continuerà a scendere”.

Sempre riguardo alla batteria, c’è un altro aspetto positivo, opposto a quello della riduzione del prezzo. Ossia, l’incremento della durata. Raftery spiega: “Le batterie agli ioni di litio stanno aumentando di densità di energia ad un tasso del 5-8% all’anno …. la Tesla Roadster, che è stata lanciata nel 2020, ha un’autonomia dichiarata di 1.000 km . Quando i veicoli elettrici hanno un’autonomia di 1.000 km, sono i veicoli ICE che iniziano ad avere un problema con la gamma.”

Basta un’occhiata alla gamma dei veicoli elettrici di oggi per mostrare chiaramente questa tendenza, se gli altri continuano a seguire il leader (ovvero Tesla ), l’intervallo dovrebbe continuare a migliorare costantemente.

Ancora, sempre in merito alla batteria di una auto elettrica, altro vantaggio è che essa non si degrada quanto una tradizionale. È stato riferito che “Contrariamente a quello che molti credono, le batterie dei veicoli elettrici non si degradano nel tempo (o percorse oltre miglia / chilometri). La batteria dei veicoli Tesla Model S / X dopo aver percorso 270.000 km (circa 168.000 miglia), aveva ancora il 91% della loro capacità originale. La linea di fondo è che le batterie perdono circa 1% della capacità ogni 30.000 km (18.750 miglia)”.

Ciò significa che il costo iniziale di un veicolo elettrico può essere ammortizzato in un tempo molto più lungo, riducendo in modo significativo il costo totale di proprietà del veicolo – gli EV continueranno a funzionare. Detto questo, questi dati sono specifici per le batterie Tesla: dovremo aspettare per vedere come fanno gli altri produttori.

Raftery sottolinea anche che “un altro fattore a favore dei veicoli elettrici è che sono molto più affidabili. La trasmissione in un veicolo ICE contiene in genere più di 2.000 parti mobili, mentre la trasmissione in un EV contiene circa 20.”

Le auto elettriche sono anche significativamente meno costose da alimentare (a meno che non si viva da qualche parte con benzina particolarmente economica ed elettricità estremamente costosa). E con il prezzo del petrolio che sale del 50% negli ultimi 12 mesi, trovare un posto con benzina a basso costo diventerà sempre più difficile.

Infine, le auto a gas si svalutano molto più velocemente. Mentre, di contro, quello delle auto elettriche tende ad aumentare. Proprio perché c’è sempre maggiore consapevolezza del loro utilizzo.

I veicoli e gli ibridi già elettrici sono diventati le auto usate più vendute più velocemente (vedi sotto). Mentre questa tendenza continua, Raftery prevede che “il valore di rivendita delle automobili tradizionali sta per crollare. Perché dovresti comprarne una oggi? Pensaci per un secondo. Perché dovresti comprare un veicolo con motore a combustione interna oggi, se il suo valore di rivendita in 3-4 anni sarà diminuito in modo significativo? Non lo faresti. E quando la gente inizia a rendersene conto, il mercato si ribalta. E succederà presto. Prima di quanto la maggior parte della gente pensi”.

Auto Gpl Vs auto elettrica, quale conviene?

Quale conviene tra auto GPL e auto elettrica? La scelta più conveniente oggi è l’auto con impianto a GPL di serie, visto che montarlo costa dai 1000 euro in su. L’auto elettrica ancora può essere considerata soltanto una seconda auto, a meno che non si viva in una zona con numerosi punti di ricarica, e non si disponga di ricarica sul posto di lavoro o domestica.

L’auto elettrica è un investimento per il futuro: per prezzo e caratteristiche, quella a GPL è più immediata, e consente di circolare sia a gas per risparmiare un po’, sia a benzina per poter reggere il ritmo dei viaggi.

Purtroppo il nostro paese, come sovente capita, è ancora indietro sulle auto elettriche. Ma tra una decina di anni dovrebbero essere la realtà anche da noi.

Auto GPL VS auto elettrica confronto

Ecco un confronto tra Auto GPL e auto elettrica:

Prezzo

Allo stato attuale, il prezzo delle auto elettriche è più elevato come detto, a causa delle batterie e della tecnologia elettrica. E a pesare sono ancora i pochi o nulli incentivi dei governi italiani.

L’impianto a GPL di serie costa meno rispetto a montarlo successivamente, anche perché gode di ecoincentivi.

Prestazioni

Le auto elettriche garantiscono buone prestazioni e accelerazioni scattanti

Il GPL è più performante del metano in quanto deriva dal petrolio. Inoltre, selezionando il serbatoio a benzina, l’auto ha le stesse prestazioni di una a benzina tradizionale.

Consumi

Per quanto concerne, le auto elettriche, i dati sono ancora pochi a disposizione. Mentre il GPL si fa preferire alla benzina, e con un pieno di gas è possibile arrivare a 350 km.

Costi

Anche in questo caso, le auto elettriche non hanno ancora costi ben precisi, in quanto non ci sono tariffe fisse.

Per il GPL costa circa 35 euro.

Rifornimento

Questa è attualmente la nota dolente per le auto elettriche, visto che la rete italiana ne è ancora scarna. Il GPL invece è molto diffuso, più del metano. Sebbene, come detto, il self service sia vietato. E ciò può essere un problema nelle ore serali o notturne.

Inquinamento

Le auto elettriche non inquinano, salvo lo smaltimento delle batterie. Che però si deteriorano molto lentamente. Il GPL inquina, ma molto meno della benzina.

Circolazione

Le auto elettriche possono circolare ovunque. Quelle a a GPL pure. Salvo cambiamenti come accaduto per il Diesel. Tuttavia, le auto a GPL non possono entrare in garage chiusi. Sebbene siano in pochi a rispettare questo limite.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY