Acquisto auto per disabili con legge 104/92: le agevolazioni fiscali

Il nostro sistema fiscale introduce agevolazioni per disabili per l’acquisto di auto in particolare

La legge 104 del 1992 è stata varata al fine di consentire a quanti acquistano auto destinate a persone con disabilità, di poter usufruire di alcune importanti agevolazioni fiscali. Le persone che presentano disabilità le quali rientrano tra quelle beneficiarie della legge sono: non vedenti, sordi, disabili con handicap psichico o mentale titolari dell’indennità di accompagnamento, disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione. I veicoli che possono essere acquistati per il loro utilizzo sono automobili, motocarrozzette, autoveicoli o motoveicoli per uso promiscuo, per trasporto specifico del disabile o autocaravan. Di seguito vediamo quali tipi di agevolazioni fiscali sono previste.

legge 104/92 auto disabili
legge 104/92, norme per le auto dei disabili

Iva scontata acquisto auto con Legge 104/92

L’acquisto di un auto per disabili prevede un particolare sconto sull’Iva, la quale sarà al 4% anziché al 21%, per autovetture aventi cilindrata fino a duemila km cubici con motore a benzina, e fino a duemilaottocento centimetri cubici se avente un motore diesel; sia che esse siano nuove o usate e sull’acquisto contestuale di optional. Occorre ricordare che tale agevolazione vale solo se l’acquisto è effettuato dal disabile o da un suo familiare fiscalmente a carico. Stesso dicasi per le prestazioni di adattamento in loro favore. Ancora, l’Iva particolare al 4% può essere applicata una sola volta prima che trascorrano quattro anni dall’acquisto (fa fede la data). Almeno che il veicolo non sia stato soppresso dal registro PRA e dunque l’acquisto si annulla.

Benefici auto destinate ai disabili: prevista esenzione bollo e tassa iscrizione PRA

Oltre a una riduzione dell’Iva sull’acquisto di un quinto, l’auto destinata al disabile gode anche di esenzione dal bollo auto. Per poter godere di questa agevolazione, tocca alla persona diversamente abile rivolgersi all’Ufficio tributi della propria Regione di residenza. Si ricorda che l’esenzione spetta a una sola auto di sua proprietà, se ne possiede più di una. La domanda di esenzione dal bollo auto va fatta una sola volta e vale sempre, dunque il disabile non è costretto a rinnovarla anno per anno. Non ha neppure l’obbligo di esporre sul parabrezza dell’auto alcun avviso sull’esenzione goduta.

auto legge 104
auto legge 104

Un’altra agevolazione fiscale di cui godrà è il mancato pagamento della tassa di trascrizione al PRA, sia in occasione della prima iscrizione, sia in caso di passaggio di proprietà (se deciderà di venderla a privati o a una concessionaria). Stessa esenzione vale anche qualora l’auto venga intestata a un familiare fiscalmente a suo carico, sebbene in ogni caso, la richiesta va comunque rivolta sempre e in modo esclusivo al PRA competente per il proprio Comune di residenza.