Auto: in arrivo il documento unico

Due anni fa il l’attuale Viceministro dei Trasporti, Riccardo Nencini, aveva annunciato che i documenti previsti per gli automobilisti italiani, si sarebbero uniti in uno unico. Nella nuova riforma della Pubblica Amministrazione, le promesse di Nencini sembrano proprio essere state mantenute.

È stata comunicata infatti l’integrazione tra le competenze del Pubblico Registro Automobilistico – PRA – gestito al momento dall’ACI e dalla Motorizzazione, le quali verranno inglobate in un’unica agenzia gestita dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Risparmio annuale degli automobilisti

L’automobilista avrà dunque un solo documento per il veicolo anziché i due attuali: il certificato di proprietà prodotto dall’ACI e il libretto di circolazione prodotto dalla Motorizzazione. Calcoli alla mano, il risparmio per gli automobilisti italiani si aggirerà intorno ai 39 euro per ogni pratica di immatricolazione o eventuale passaggio di proprietà, pagando dunque 61 euro anziché i 100 euro attuali.

Con l’integrazione oltre al risparmio per i guidatori e l’istituzione di un’unica agenzia richiesta dall’Autorità Antitrust, verrebbe inoltre risolta un’anomalia esclusivamente italiana, ovvero se la carta di circolazione è l’unica valida in tutti i Paesi, dall’ordinamento italiano è richiesta anche l’iscrizione al PRA per esserne riconosciuto proprietario.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY