AT&T sogna la CNN e Hollywood: piano da 300 miliardi

at&t

Ambisce ancora più in alto il colosso delle telecomunicazioni AT&T. Il quale nell’ultimo quinquennio ha già investito ben 140 miliardi di dollari, indebitandosi non poco certo, ma avendo il merito di portare gli Usa nell’era del 4G e contrastando così Verizon. Già, perché ora vorrebbe acquisire la visione della prestigiosa Nba, la CNN, il colosso editoriale Time compreso l’autorevole settimanale. E ancora Hbo, di Cartoon. Il tutto, se andasse a buon fine, farebbe nascere un gigante dal volume di affari di trecento miliardi di dollari: 230 sarebbe il valore di AT&T e sessantacinque proveniente da Time Warner. Ma cerchiamo di capirne di più su questo più che ambizioso progetto di AT&T di inglobare la CNN e non solo.

AT&T, matrimonio con CNN pieno di insidie

Come riporta il Corriere della sera, il piano di AT&T di acquisire la CNN e non solo, ovviamente, è pieno di insidie ed incognite. Innanzitutto, il colosso delle telecomunicazioni ha già un debito di 120 miliardi. Nel 2015 ha investito 50 miliardi per accaparrarsi il canale satellitare DirecTV, acquisendo così una sorta di monopolio nell’emittenza satellitare in America. Inoltre, altri due colossi, ma dell’informatica, come Google ed Apple stanno facendo più di un pensierino su Time Warner.

at&tI soldi esigiti dalla CNN hanno impressionato perfino uno come Rupert Murdoch (come noto proprietario di SKY), rifiutando un’offerta da parte della controllata 21st Century Fox da 85 dollari per azione. Un passaggio che avrebbe portato il valore di Time Warner 75 miliardi di dollari.

Pertanto, secondo gli analisti, per giungere al suo obiettivo, AT&T potrebbe portare ad uno scambio di azioni, fusioni. Come quella tra Comcast-Nbc o la stessa Time con Aol. Poi naufragata per il passaggio di quest’ultimo a Verizon. Certo è che negli ultimi quindici anni si è assistito ad un continuo cambiamento di scenari nel settore dell’intrattenimento e della telecomunicazione. Si pensi a come network quali Netflix, Hulu, Amazon Prime abbiano sancito la vittoria dello streaming. Poi la nascita di Facebook ha svalutato ancora di più il valore di tv via cavo o via satellite. Pertanto, i margini di guadagno sono diventati molto più bassi degli operatori.

AT&T compra CNN? Ormai una necessità

Di qui, il progetto di AT&T di rilevare alcuni attori importanti dell’intrattenimento e dell’informazione quali CNN e Time, va visto quasi come una necessità. Al fine di vedere profitti più cospicui. Non a caso, Time Warner detiene il potente servizio di streaming di HBO. Inoltre, la stessa AT&T ha acquistato il 10% dello streaming di Hulu. La quale vanta tra i proprietari anche Walt Disney, 21st Century Fox e Nbc Universal-Comcast. Inoltre, di recente ha pure lanciato DirecTV, che ingloba un’importante pacchetto di emittenti televisive. vedremo se questo matrimonio a tre tra AT&T, CNN e Time “s’ha da fare”.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY