Asta titoli di Stato, rendimenti al minimo

forex-btp

Si è conclusa con un prevedibile successo l’ultima asta dei titoli di Stato, con il Tesoro che ha venduto tutti gli 8,5 miliardi di euro di titoli offerti, con il tasso sui tre anni che ha colpito il nuovo minimo record dello 0,89%. A calare sono stati anche gli altri rendimenti, mentre Piazza Affari – dopo le corse degli ultimi giorni – sembra essersi presa una pausa di riflessione con il FTSE MIB in diminuzione di 0,27 punti percentuali rispetto alla seduta precedente.

In maniera più dettagliata, i 3,5 miliardi di euro di titoli a tre anni sarebbero stati collocati al nuovo minimo record di 0,89 punti percentuali (contro 1,07 punti percentuali nella precedente asta) mentre i 4 miliardi di Btp con scadenza a sette anni sarebbero stati collocati al 2,12 per cento, rispetto al 2,29 per cento dell’asta di gennaio. I titoli a 30 anni, collocati per circa un miliardo, hanno invece conseguito un rendimento pari al 4,05 per cento contro il precedente 4,27 per cento. Sul fronte dello spread, lieve incremento sopra quota 140 punti, con i titoli a dieci anni che sul mercato secondario rendono il 2,82 per cento.

In ambito macro, oggi in Europa si è riscontrato l’atteso taglio delle stime sulla crescita globale da parte della Banca mondiale, mentre la produzione industriale di maggio è cresciuta positivamente dopo la ripresa segnalata dal nostro Paese. La Banca Centrale Europea ha intanto tagliato le stime sulla crescita dell’area euro, annunciando di essere pronta a lanciare una politica di quantitative easing se le misure della scorsa settimana non dovessero essere sufficienti a sostenere la ripresa. In merito, occorrerà comprendere quale sarà la reazione della Germania, visto e considerato che Merkel & co. hanno sempre espresso un particolare scetticismo nei confronti di coloro che volevano aprire a una politica monetaria così espansiva.

Infine, in ambito valutario, euro in leggero rialzo ma sempre sotto la soglia di 1,36 dollari. Il cambio con lo yen viene fatto registrare di poco sopra quota 138.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY