Asta TLTRO: le motivazioni dietro il fallimento

Se questo è l’asso della manica di Mario Draghi per risollevare le sorti dell’Europa, possiamo già iniziare a preoccuparci. La prima asta TLTRO si è infatti rivelata un mezzo fallimento. Di certo, i risultati sono stati ben al di sotto delle attese. Al board della Bce si staranno spremendo le meningi, ma le motivazioni – almeno una parte di queste – sono facilmente rintracciabili. A pesare è stata sia la pavidità delle banche sia alcuni impedimenti strutturali.

La conclusione da trarre è la seguente: il TLTRO non basta. Questa sensazione aleggia da un po’ di tempo e la prima asta non ha fatto altro che confermarla. La speranza, ora, è che si riapra il dibattito sul Quantitative Easing, magari accompagnato da un serio piano di investimenti pubblici da parte dei governi nazionali.

Come funziona il Tltro?

Il meccanismo è in fin dei conti molto semplice. La Banca Centrale Europea presta denaro alle banche attraverso un sistema ad aste con scadenza trimestrale. Il denaro in questione è però vincolato all’uso che se ne fa. Se un istituto lo utilizza per finanziare imprese e famiglie, bene. Altrimenti, la Bce chiederà una restituzione anticipata e a un interesse più alto.

La prima asta è stata un fallimento. La Bce sperava di “piazzare” almeno 150 miliardi sui 1.000 previsti a programma concluso. Ebbene, le banche hanno chiesto – e ottenuto – solo 82 miliardi. Alcune importanti banche, anche italiane, hanno disertato l’aste. Il pensiero va a Ubi Banca e Credem, che comunque hanno promesso di partecipare a quella che si terrà a dicembre.

Questi i probabili motivi del mancato successo.

  1. Paura dei vincoli. Questa interpretazione confuta le analisi dei critici al TLTRO. “I vincoli sono troppo deboli, le banche utilizzeranno il denaro per investitore sul debito e non per finanziare le imprese” si è detto. Eppure, gli istituti hanno disertato l’appello proprio perché hanno riconosciuto l’impossibilità di utilizzare il prestito per “riempirsi la pancia”. O almeno questa è una delle ipotesi.
  2. Problemi strutturali. Secondo questa interpretazione, i soldi della Bce sarebbero del tutto inutili. Le imprese europee, oggi, chiedono meno credito rispetto al passato. Il motivo di ciò risiede nella convinzione diffusa di non poter competere con le imprese asiatiche e americane, e soprattutto nel clima di depressione che coinvolge i consumi. Le banche, dunque, non sapendo cosa fare dei soldi “di Draghi”, avrebbero disertato le aste.
  3. Paura del giudizio. La Bce sta procedendo con gli esami alle banche europee. Questa volta il massimo istituto finanziario del Continente utilizzerà la mano pesante. Le banche commerciali, almeno alcune di queste, temono che un “abuso” di Tltro possa essere considerato come un sintomo di debolezza. Alla luce di ciò, hanno deciso di non partecipare all’asta.
  4. Concomitanza con il vecchio Ltro. Molte banche devono ancora restituire i prestiti dello scorso programma di rifinanziamento. Per loro, il nuovo Tltro comporterebbe dei tassi aggiuntivi che, per quanto bassi, rappresentano un problema non da poco.
  5. Molte banche stanno temporeggiando. I margini per un approccio prudente ci sono tutti: dopotutto le aste si ripetono con cadenza trimestrale. Gli istituti stanno saggiando il terreno e probabilmente scenderanno in campo quando i parametri economici miglioreranno almeno un po’.
Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.
Giuseppe Briganti, 1987. Nato a Reggio Calabria, blogger, laureato in Scienze della Comunicazione e Comunicazione Istituzionale e d’Impresa, sempre con il massimo dei voti. Appassionato di politica, economia, narrativa, ho cominciato a scrivere quando ho realizzato che pensare non mi bastava. Concepisco la scrittura come dialogo, battaglia tra idee e visioni del mondo. Consapevole che una verità unica ed eterna non esiste, mi piace persuadere il prossimo e, quando un’idea altrui mi conquista, farmi persuadere. Nella mia vita professionale ho scritto di qualsiasi argomento, ma trovo particolare piacere a scrivere di economia. Sono un attivista politico e ho collaborato durante la campagna elettorale con il candidato sindaco di Reggio Calabria per il centrosinistra.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here