Assicurazioni, banche e poste: nuove regole

La Camera ha approvato mercoledì scorso il disegno di legge “per il mercato e la concorrenza” con 269 sì e 168 no (23 gli astenuti). Il provvedimento passa ora all’esame del Senato. Vediamo oggi di fare chiarezza sulle misure relative a assicurazioni, banche e poste.

Partiamo con le assicurazioni. Le nuove norme hanno l’obiettivo di abbattere i costi e le frodi. Le compagnie assicurative, infatti, dovranno applicare degli sconti obbligatori agli automobilisti che consentono l’installazione della scatola nera e dei rilevatori del tasso alcolemico, le ispezioni preventive dei veicoli e il risarcimento presso officine convenzionate. I costi dell’installazione, disinstallazione, sostituzione e portabilità della scatola nera saranno a carico della compagnia assicurativa. Ulteriori novità per gli automobilisti del Sud Italia che non hanno avuto sinistri da almeno cinque anni: si vedranno riconoscere delle tariffe speciali se accetteranno di installare la scatola nera.
Inoltre, per il automobilisti che non assicurano il proprio veicolo, sono in arrivo sanzioni molto più pesanti. Altre norme riguardano l’obbligo di indicare i testimoni, in caso di incidenti con soli danni alle cose, non oltre il momento della denuncia e la possibilità di recesso dalle polizze accessorie allo scadere della polizza principale. Chiudiamo il capitolo assicurativo, dicendo che è in arrivo la tabella unica nazionale per i risarcimenti dei danni biologici.

Per quanto riguarda le poste viene stabilito che, dal 10 giugno 2017,  viene eliminata l’esclusiva di Poste Italiane sulla spedizione degli atti giudiziari e delle notifiche di multe da parte della Pubblica amministrazione.
Finiamo parlando degli istituti di credito. Il nuovo provvedimento prevede sanzioni fino a 10 mila euro per le banche e le società di carte di credito che impongono, per le chiamate di assistenza, tariffe telefoniche superiori a quelle urbane. Vengono inoltre introdotti strumenti di comparabilità delle offerte di servizi e viene creato un sito Internet alfine di garantire la trasparenza nella vendita di polizze assicurative connesse o contestuali all’erogazione di credito al consumo e di mutui. A questo proposito, altra importante novità, l’ente finanziatore deve sottoporre almeno due preventivi di due differenti gruppi assicurativi, non riconducibili alle banche, agli istituti di credito o agli intermediari finanziari stessi. La violazione sarà punita con una sanzione pecuniaria. Il cliente dovrà inoltre essere informato in anticipo se la concessione del finanziamento è subordinata o meno alla stipula di una polizza e se è possibile reperire lo stesso prodotto sul mercato.