In arrivo dal 4 aprile la nuova tanto attesa banconota da 50 euro

Rinnovata nel suo aspetto estetico e nella consistenza cartacea, da oggi 4 aprile sarà immessa in circolazione la nuova attesissima banconota da 50 euro

Sempre più falsificata e meno sicura, da oggi, finalmente sarà immessa in circolazione la tanto attesa banconota di taglio 50 euro. Dopo anni di problemi di autenticazione e di frode a danno degli esercenti commerciali e del benessere dell’economia monetaria italiana, ecco il battesimo della banconota da 50 euro rinnovata nel suo stile e funzionale alle truffe. La nuova banconota sarà presentata in data odierna a Francoforte in presenza del Presidente Mario Draghi: maggiore sicurezza e robustezza sono queste le caratteristiche peculiari ed esigenti per la sicura conclusione delle transazioni commerciali e finanziarie mediante la moneta cartacea. Le contraffazioni e le truffe che si sono registrate nel corso del tempo e a danno dell’economia reale hanno spinto le Authorities a correre ai ripari ed a introdurre una nuova banconota da 50 euro. In effetti, sono stati tanti i casi di truffa con circolazione di banconote da 50 euro falsificate e, nonostante, l’attenzione degli esercenti commerciali nel controllare le banconote di carta, il fenomeno non è mai stato arginato.

In pratica, la nuova banconota da 50 euro sarà di consistenza e spessore maggiore, al tatto si potrà sentire e tastare la carta della moneta composta di fibre di puro cotone, il disegno e le iscrizioni sul frontespizio della stessa saranno maggiormente a rilievo, per sentirlo occorre passarci il polpastrello delle dita e sentire una certa sonorità nel stropicciarle. Inoltre, la novella moneta di carta reca una finestra con ritratto, un nuovo elemento utilizzato già nella banconota con taglio da 5, 10 e 20 euro (tra poco, si rinnoveranno anche i tagli da 100 e 200 euro). La cifra dei 50 euro, se vista in controluce, è nettamente più brillante e visibile agli occhi ed è iridescente, ovvero cambia tonalità cromatica se la si sposta. Alla luce, la cifra cambia nettamente la colorazione dal blu al verde smeraldo; sempre visionando la nuova banconota da 50 euro, è possibile controllare e visionare la presenza del filo di sicurezza della stessa. Le strisce olografiche e le striscette sulle placchette olografiche saranno maggiormente visibili agli occhi dei cittadini e, soprattutto, di chi deve riscuotere le banconote.

Si tratta di una serie di misure di precauzione e di peculiarità intrinseche al cartaceo per mettere sicurezza al denaro contante che, nonostante il proliferare della moneta elettronica, rimane nettamente gettonato ed utilizzato per concludere gli acquisti, specie da parte degli italiani rispetto al resto dell’Unione europea. In pratica, si potrà guardare, toccare e “stropicciare” la nuova banconota da 50 euro per capire meglio la sua consistenza e le sue tonalità cromatiche rinnovate. Ci si chiede se il restyling della banconota da 50 euro possa finalmente arginare il fenomeno della falsificazione e possa definitivamente porre fine alle truffe a danno dell’economia europea, con recuperi di “quattrini” persi.

 

 

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY