Argento, previsioni per il 2019

Mercoledì i mercati dell’argento si sono radunati verso il livello $ 15 all’inizio della giornata, raggiungendo una significativa resistenza nel processo. A questo punto, sembra che il mercato si stia rompendo lì sopra, e soprattutto rimanga al di sopra della chiusura giornaliera. Potrebbe essere uno scenario di acquisto fino ad almeno il livello di $ 16.

In definitiva, sembra che il mercato si sia consolidato da un po ‘di tempo, in attesa di capire cosa farà la prossima volta la Fed. Se la Federal Reserve sembrerà un po ‘più accomodante, vedremo un po’ meno il dollaro USA, e forse un po ‘per i metalli preziosi potrebbe tornare in auge.

Tuttavia, se suonano altrettanto aggressivi come una volta, probabilmente vedremo la quotazione dell’argento ridiscendere verso il livello di $ 14,50, forse addirittura fino al livello di $ 14,00. A questo punto, si presuppone che sia necessario attendere la chiusura giornaliera per investire i soldi per lavorare, perché l’argento è notoriamente volatile. Se vola, si suppone che il livello di $ 16,00 offrirà una resistenza significativa, ma probabilmente ci avvicineremo ancora più verso il livello di $ 17.

Se dovessimo girare intorno al livello di $ 14,00, allora si pensa che il mercato probabilmente scenda anche al livello di $ 12,00. Aspettatevi un sacco di rumore e choppiness, ma abbiamo un chiaro segnale di acquisto se possiamo rompere sopra di esso.

I prezzi dell’oro e dell’argento sono stati scambiati in rosso nelle negoziazioni del mattino di giovedì, la Federal Reserve statunitense ha alzato il tasso di interesse per la quarta volta quest’anno, e ha segnalato di più, ma il ritmo più lento dei rialzi dei tassi l’anno prossimo.

MCX Gold era scambiato a 0,30 per cento a 31,132 rupie per 10 grammi a circa 10,50 (IST), mentre MCX Silver era in calo dello 0,91 per cento a 37,338 rupie per 1 kg alla stessa ora. Secondo SMC Global Securities, l’oro su MCX può scambiare con un pregiudizio ribassista nell’intervallo compreso tra 30.900 e 31.250 prendendo spunti negativi dal mercato internazionale. Argento su MCX sarà probabilmente testimone di una correzione verso 37,200-37,100 livelli.

Argento e oro, confronto con dollaro e petrolio

I prezzi dei futures su oro e argento sono negoziati non troppo lontano da invariato nei primi scambi statunitensi di martedì. Il rialzo dei metalli è un indebolimento dell’indice del dollaro statunitense all’inizio di questa settimana. Tuttavia, il ribasso per i metalli è un mercato del petrolio greggio in forte calo.

I futures sull’oro di febbraio sono scesi di $ 0,10 l’oncia a $ 1,251,60. Marzo Comex argento era sceso di $ 0,039 a $ 14,72 l’oncia. La chiave al di fuori dei mercati oggi vede l’indice del dollaro USA più debole su un ulteriore ritiro correttivo dopo aver toccato il massimo da due anni lo scorso venerdì. Nel frattempo, i prezzi del greggio Nymex leader nel settore delle materie prime sono più bassi e hanno toccato un minimo di 15 mesi di $ 47,84 al barile durante la notte.

Non ci sono ancora dati precoci sul mercato, il mercato del petrolio greggio è vicino al fondo. I mercati azionari europei ed asiatici sono stati per lo più più deboli da un giorno all’altro. Gli indici azionari statunitensi sono puntati verso aperture più costanti quando inizia la sessione del giorno di New York, con un rimbalzo tiepido dopo che gli indici sono scesi ai minimi di quest’anno per lunedì. L’indice Russell 2000 a piccola capitalizzazione è ora in territorio ribassista, con un calo del 20% dal suo massimo.

Martedì notte, il presidente cinese Xi Jinping ha tenuto un discorso da falco sulla televisione nazionale martedì, suggerendo ad alcuni che la Cina potrebbe prendere una linea più dura con Stati Uniti su questioni commerciali e di proprietà intellettuale che hanno le due maggiori economie del mondo ai ferri corti. Altri pensano che il discorso di Xi sia solo retorica mirante a rafforzare la propria reputazione tra il popolo cinese.

Il comitato del mercato aperto della Federal Reserve statunitense (FOMC) si riunisce martedì e mercoledì per discutere la politica monetaria, mentre il governo statunitense potrebbe essere chiuso alla fine della settimana se il Congresso e il Presidente Trump non sono d’accordo su un piano di bilancio. La maggior parte si aspetta che il FOMC aumenti i tassi di interesse dello 0,25% mercoledì pomeriggio, a conclusione della riunione. Le aspettative per un rialzo dei tassi sono malgrado i proclami del presidente Trump, dei suoi chiudi consulenti economici e noti analisti e operatori del mercato che la Fed dovrebbe lasciare i tassi di interesse da soli.

Una lunga lista di dati economici USA è prevista entro questa settimana, compresa la prima stima del prodotto interno lordo del terzo trimestre i dati economici previsti per il rilascio Martedì includono i rapporti settimanali di vendita al dettaglio Goldman Sachs e Johnson Redook, nuove costruzioni residenziali e la riunione del FOMC.

Tecnicamente, i tori d’oro hanno il vantaggio tecnico a breve termine. I prezzi sono in rialzo di cinque settimane sul grafico a barre giornaliero. Il prossimo obiettivo dei prezzi rialzisti di Bulls è quello di chiudere a febbraio i futures al di sopra della solida resistenza al massimo di dicembre di 1.256,60 dollari.

Il prossimo obiettivo di break-out dei prezzi al ribasso degli orsi sta spingendo i prezzi sotto il solido supporto tecnico a $ 1.220,00. La prima resistenza è vista al massimo notturno di $ 1,254,50 e poi a $ 1,256,60.

Il primo supporto è visto al minimo notturno di $ 1,249.00 e poi al minimo di lunedì di $ 1,239,40.

Piattaforme per fare trading sull’Argento

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Argento, la situazione dei futures

Gli orsi futures dell’argento di marzo hanno ancora il vantaggio tecnico a breve termine. Tuttavia, sul grafico a barre giornaliero è presente una tendenza al rialzo di cinque settimane incerta. Il prossimo obiettivo di breakout dei prezzi al rialzo dei tori d’argento è la chiusura dei prezzi al di sopra della solida resistenza tecnica al massimo di ottobre di $ 15.055 l’oncia.

Il prossimo obiettivo di ribasso dei prezzi al ribasso per gli orsi è la chiusura dei prezzi sotto il solido supporto al minimo di novembre di $ 13.985. La prima resistenza si vede al massimo della settimana scorsa di $ 14,90 e poi a $ 15,00. Il prossimo supporto è stato visto al minimo della scorsa settimana di $ 14,56 e poi a $ 14,28.

Argento, previsioni 2019

L’argento è un tipo particolare di metallo prezioso. A differenza dell’oro, quasi il 60% della domanda d’argento proviene dall’industria. Questo perché l’argento ha grandi proprietà fisiche, pur essendo molto più economico per oncia rispetto all’oro. Spesso definito “l’oro del povero”, l’argento ha caratteristiche eccezionali che lo rendono prezioso, e persino indispensabile, per l’industria e oltre. Ecco perché le previsioni rimangono rialziste riguardo i prezzi dell’argento per il 2019.

L’argento è cruciale per l’elettronica e l’industria solare e nuove applicazioni vengono scoperte quasi quotidianamente. L’innovazione costante sta portando a nuovi usi per l’argento come la purificazione dell’acqua e l’applicazione anti-batterica. E tutto questo è avvenuto mentre la fornitura di mine è diminuita, probabilmente con un picco nel 2015. Mentre i gioielli e i settori industriali sono stati più prevedibili, è la domanda di argento dal settore degli investimenti, sotto forma di barre e monete, questa è la wild card.

Il 2019 potrebbe essere un anno stellare per i prezzi dell’argento come confluenza dei catalizzatori. Ciò potrebbe innescare un forte rally come il prezzo dell’argento rimane molto economico sia in termini nominali sia in termini relativi. Con l’aumento dell’inflazione, una potenziale sorpresa sul lato superiore potrebbe innescare una raffica di acquisti di metalli preziosi.

E l’estrema debolezza dell’argento rispetto ai prezzi dell’oro suggerisce un ritorno alla media nel futuro del metallo. Iniziamo guardando i probabili driver per i prezzi dell’argento nel 2019, e poi seguirò le mie previsioni per il nuovo anno.

I catalizzatori aumenteranno i prezzi dell’argento nel 2019 Il rapporto oro-argento è un ottimo strumento per confrontare i prezzi dell’argento rispetto ai prezzi dell’oro a lungo termine. Semplicemente dividiamo il prezzo dell’oro per il prezzo dell’argento, il che ci dice quante once d’argento sono necessari per comprare un’oncia d’oro.

Questo rapporto diventa davvero interessante quando raggiunge livelli estremi. E da tutti i conti, questo è il caso in questo momento. Le ultime tre volte (2003, 2008 e 2016) che il rapporto oro / argento si avvicinò a 80, rapidamente invertito. Seguendo il declino del rapporto del 2003, i prezzi dell’argento salirono al 61% nei nove mesi successivi. L’inversione del rapporto 2008 ha aumentato l’argento di ben il 128% in soli 11 mesi. E la correzione del rapporto del 2016 ha aiutato il rally dell’argento del 28% in appena quattro mesi.

Il rapporto si trova ora a 85. Ciò significa che l’argento è ancora più economico rispetto all’oro rispetto a qualsiasi momento dal 2003. È al suo massimo livello in 20 anni. Si prevede dunque una grande inversione nei livelli da oro a rapporto argento, probabilmente fino a circa 65. E questo è solo un catalizzatore per i prezzi dell’argento nel 2019. L’inflazione in aumento avrà un maggiore impatto sui prezzi dell’argento nel 2019 Un altro fattore che è rialzista per l’argento è l’inflazione in aumento.

C’è una moltitudine di indicatori per misurare l’inflazione, e molti di noi – forse giustamente – non sarebbero d’accordo con i numeri ufficiali sull’inflazione. Semmai, molti sostengono che sottostimano i veri livelli di inflazione. Ancora una delle misure più ampiamente tracciate è il tasso annuo di inflazione del Bureau of Labor Statunitense.

Sebbene sia stato relativamente mansueto, il tasso ha superato il 2,5% due volte dal 2016 e è in generale più in alto, anche se la Fed ha aumentato i tassi. L’altra misura è l’indice dei prezzi al consumo, che è riuscito a salire relativamente costantemente dal 2009, con un paio di brevi pause intermedie.

I prezzi in aumento probabilmente continueranno a disegnare gli investitori verso i metalli preziosi – e in particolare l’argento, in quanto rimane fortemente sottovalutato. Ecco come la Fed potrebbe spostare i prezzi dell’argento nel 2019. Infatti, i metalli preziosi tendono a dare il meglio mentre siamo vicini alla fine di un ciclo di escursioni. per qualche altro rialzo dei tassi, l’ultimo messaggio che viene telegrafato dalla Fed è vicino a una posizione neutrale sui tassi.

È più accomodante di quanto non fosse stato solo un paio di mesi fa, ed è portato in stima la probabilità di un massimo di quattro aumenti il prossimo anno, che il mercato sta assumendo da diverso tempo. A causa di questo e di altri fattori, alcuni analisti (me compreso) ritengono che il dollaro americano possa avere raggiunto il picco e si troveranno ad affrontare notevoli venti contrari l’anno prossimo.

Jeff Gundlach, CIO di Double Line Capital con 123 miliardi di dollari in gestione, ha fatto diverse chiamate preventive ai bond negli ultimi anni. Proprio di recente, Gundlach ha detto che il mercato obbligazionario ci sta dicendo che la Fed non rischia di inasprirsi nel 2019 o nel 2020.

La banca olandese ING dice anche che il dollaro è vicino al picco, grazie al rigonfiamento del deficit degli Stati Uniti: il saldo del conto corrente e il saldo del bilancio governativo. I deficit da un trilione di dollari sono attesi per i prossimi quattro anni.

E lo stratega delle materie prime di Bloomberg Intelligence, Mike McGlone, ha recentemente affermato che “l’ampio dollaro ponderato per il commercio è vicino a un picco e l’argento al ribasso … e il potenziale di reversione media dovrebbe superare i rischi di continua tendenza”.

Il dollaro e positivamente i metalli industriali, sembrano pronti per una potenziale ripresa a più lungo termine. Un dollaro in calo tende ad essere buono per l’argento, in quanto richiede più dollari per comprare la stessa oncia, quindi un aumento del prezzo. E mentre questo sta succedendo tutto, anche le miniere di tutto il mondo stanno producendo meno argento.

Diverse nazioni producono argento, ma nessuno produce quanto il Messico. Nel 2017, le miniere messicane hanno estratto 5.600 tonnellate di metallo, che è più di cinque volte di più rispetto alle 1.020 tonnellate degli Stati Uniti. Fino a poco tempo fa, la produzione di argento messicano è stato progettato per crescere. Ma con il nuovo governo eletto, la situazione potrebbe cambiare rapidamente.

Si vede, hanno minacciato i cambiamenti alle leggi minerarie che potrebbero severamente punire le compagnie minerarie in determinate circostanze. Una proposta suggerisce la possibilità per il governo di espropriare intere miniere in caso di fuoriuscita, con conseguenti danni ambientali e rischi per la salute. Un’altra proposta darebbe al ministro economico la possibilità di bloccare l’esplorazione in luoghi in cui ciò potrebbe portare a conflitti sociali. tali leggi potrebbero limitare drasticamente gli investimenti minerari in Messico, dal momento che le aziende soppesano i rischi di fare affari laggiù in altre giurisdizioni (forse più invitanti). Ciò potrebbe portare a un calo della produzione mineraria e, di conseguenza, meno argento proveniente dal Messico negli anni futuri . Il “problema” dell’offerta può solo diventare più grande nel 2019.

Considera anche che solo una delle tre once d’argento estratte proviene effettivamente da una miniera d’argento primaria. Il resto è sottoprodotto, quasi un ripensamento, della produzione di altri metalli. Solo il 30% dell’argento proviene dalle miniere d’argento primarie. L’estrazione del rame contribuisce al 22% della produzione di argento, mentre lo zinco e il piombo generano il 34% dell’argento estratto ogni anno. I produttori di questi altri metalli considerano l’argento un po ‘più di un “bonus”.

Quindi anche quando i prezzi dell’argento aumentano esponenzialmente, l’offerta potrebbe semplicemente non rispondere poiché quei produttori ottengono poco beneficio e sono già limitati dalle capacità produttive esistenti. E ciò potrebbe aiutare ad alimentare prezzi ancora più alti in quanto la domanda supera notevolmente l’offerta.

E i prezzi di quegli altri metalli – come rame, zinco e piombo – hanno fatto tardi. Quando i prezzi dei metalli cadono così, i dirigenti minerari diventano esitanti. Pensano all’effetto sulla loro linea di fondo mentre i profitti si restringono. Potrebbero cercare di frenare la produzione o addirittura tagliare i piani di espansione. E ciò contribuisce inevitabilmente a meno once di argento sottoprodotto. E meno offerta di argento aiuta a sostenere i più alti prezzi dell’argento.

Broker per investire sulle materie prime

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

 

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY