Argento, le straordinarie performance del titolo First Majestic Silver

First Majestic Silver (NYSE: AG) è partita in forte rialzo fino al 2019, con le azioni della società mineraria d’argento canadese che ha guadagnato il 10,4% nel solo mese di febbraio. Secondo i dati di S & P Global Market Intelligence. Allora, cosa sta alimentando la ripresa del titolo, che si è conclusa nel 2018 con una perdita percentuale a due cifre? In breve, la produzione di argento di First Majestic sta decollando e il flusso di cassa dovrebbe presto seguire l’esempio.

La grande mossa in azioni First Majestic è arrivata nella seconda metà di febbraio. Il primo fattore scatenante sono stati i prezzi dell’argento, che sono aumentati bruscamente il 20 febbraio per raggiungere picchi non visti in quasi otto mesi. Per un’azienda che estrae e vende argento, i maggiori prezzi dell’argento rappresentano un importante fattore di guadagno.

Fortunatamente per gli investitori, First Majestic ha anche annunciato i numeri forti per il 2018 fiscale il 25 febbraio, aiutando lo stock a mantenere lo slancio nel corso del mese.

La produzione del First Majestic’s silver equivalent ounce (SEO) è salita del 37% su un record di 22,2 milioni nel 2018. Facendo salire le entrate del 19% a $ 300,9 milioni anche quando i prezzi dell’argento hanno toccato minimi pluriennali durante l’anno.

Ora ecco cosa gli investitori devono sapere: dei 22,2 milioni di SEO, quasi il 36% proviene dalla miniera di San Dimas ad alto potenziale che First Majestic ha acquisito con la sua acquisizione di Primero Mining a metà del 2018. First Majestic ha subito una perdita netta di $ 204,2 milioni nell’anno fiscale 2018. Come ha scritto svalutazioni del valore di quasi 199,7 milioni di dollari su tre miniere: a Parrilla, Del Toro e La Guitarra. Principalmente a causa di un calo delle riserve e delle risorse mentre i prezzi dell’argento continuavano a scivolare.

Le tre miniere hanno rappresentato circa il 19% delle entrate totali del minatore l’anno scorso. Il mercato, tuttavia, sembra non turbato dalla linea di fondo sanguinante di First Majestic, e giustamente. Ora quello che Diman ha ora è la chiave per la crescita di First Majestic. A metà gennaio, il management ha delineato le sue previsioni per il 2019, offrendo agli investitori forti motivi per rimanere fiduciosi. Prevede un altro anno di produzione record, con stime SEO da 24,5 milioni a 27,5 milioni. Inoltre, la gestione prevede anche un calo dei costi per un paio di motivi, tra cui una quota maggiore di San Dimas nella produzione totale di First Majestic e l’avvio di un nuovo torrefattore nella sua miniera di La Encantada.

Vale la pena notare che San Dimas è la miniera più economica di First Majestic, con un costo totale che si aggira intorno ai $ 7,58 a $ 9,27 per oncia di argento nel 2019. I primi numeri di produzione del 2018 di Majestic e le previsioni per il 2019 dimostrano che San Dimas è un punto di svolta per la società. E questo è sufficiente per mantenere gli investitori entusiasti del titolo.

Migliori piattaforme per investire sull’argento

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>
plus500CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>

Argento, è allarme per i troppi falsi in circolazione

L’argento reale è malleabile e non provoca alcun tipo di reazione sulla pelle. Poiché l’argento sterling è costoso, è importante assicurarsi di investire in autentico argento 925 italiano, altrimenti perderai i tuoi soldi. L’argento sterling non deve essere argento puro al 100%; infatti, potrebbe non essere affatto buono. L’argento puro al 100% è estremamente morbido e richiede di avere metalli di base più duri come il rame mescolato per dare un po ‘di corpo e rigidità.

Ciò consente ai designer di gioielli di plasmare l’argento in qualsiasi disegno piaccia. L’argento reale reale avrà dei segni su di esso che dicono “Argento 925” o “Argento 925” o “Argento 925 Italia”. Questi segni indicano che l’argento che stai acquistando è reale, poiché è illegale per qualsiasi gioielliere vendere gioielli con questi segni se non sono fatti con il 92,5% di argento. Acquista sempre gioielli in argento sterling da gioiellieri di fiducia o accreditati.

Come distinguere l’argento vero dai falsi gioielli? Innanzitutto, gli oggetti in argento sterling sono costosi. Tuttavia, è un grande investimento da fare, specialmente se ci si prende cura di esso affinché le future generazioni possano apprezzarlo. Ecco perché è necessario assicurarsi che i gioielli in argento sterling acquistati siano autentici e non tagliati con più del 7,5% di metalli di base che lo rendono argento 925.

L’argento sterling è diventato un vero problema negli ultimi anni. Dalle collane e orecchini agli anelli e ai piercing, l’argento finto sta proliferando nell’industria della gioielleria.

Quel che è peggio, i commercianti senza scrupoli spesso vendono questi falsi gioielli in argento a prezzi molto più alti del vero argento, tutto nel tentativo di ingannare il pubblico. Spesso, i falsi gioielli in argento sterling sono costituiti da un gioiello realizzato in metallo di base e quindi semplicemente placcato con argento impuro (meno del 92,5%) e poi lucidato per imitare la vera lucentezza dell’argento.

Nel corso del tempo, questo rivestimento si deteriorerà e rivelerà la brutta verità e rovinerà quello che potrebbe essere un abito ben combinato. L’identificazione del vero argento 925 è un’abilità importante da imparare se stai pensando di investire in questo straordinario gioiello.

Questo non solo ti aiuterà a ottenere il miglior valore per i tuoi soldi, ma ti salverà anche da reazioni allergiche o cattivi odori derivanti da gioielli in metallo di base. Fortunatamente, ci sono alcuni test che puoi fare a casa per verificare se i gioielli che hai comprato sono fatti in vero argento.

Ad esempio, puoi utilizzare un panno morbido bianco, strofinando la superficie del gioiello. Se il tessuto torna con segni neri, allora è molto probabilmente vero che si tratti di vero argento sterling. La superficie del vero argento sterling può ossidarsi rapidamente, lasciando segni neri e imperfezioni. È uno dei motivi per cui devono essere lucidati regolarmente o indossati regolarmente e conservati in una scatola con aria e luce minime quando non sono in uso.

L’acido nitrico è stato a lungo utilizzato per verificare se un gioiello è reale o meno. Questo perché i metalli nobili come l’argento, l’oro o il platino non reagiscono agli acidi. Nel frattempo, i metalli di base come il rame o l’alluminio sono spesso influenzati pesantemente dalla natura corrosiva dell’acido.

Quando l’acido nitrico viene usato su gioielli fatti di metalli di base, inizieranno a cambiare il colore, dal loro falso splendore a un verde malato o rosso. I gioiellieri più affidabili non avranno problemi a eseguire questo test in negozio prima del tuo acquisto. Siate sospettosi di qualsiasi gioielliere che rifiuta una richiesta di acido nitrico da parte dei clienti. Puoi anche provare questo test a casa: fare un piccolo graffio sulla superficie della gioielleria, da qualche parte poco appariscente.

Quindi, aggiungere una goccia o due di acido nitrico (indossare guanti e occhiali protettivi per questo!) sul graffio e attendere un paio di minuti. Se il punto diventa un bianco cremoso, allora è vero argento. Se diventa verde, allora devi chiedere indietro i tuoi soldi.

Strano a dirsi, ma anche un cubetto di ghiaccio può aiutarci. Questo è uno dei migliori test da fare a casa per gioielli in argento con superfici piatte. L’argento ha una conduttività termica molto elevata rispetto ad altri metalli di base e nobili.

Metti un cubetto di ghiaccio sulla superficie dell’argento. Se il cubetto di ghiaccio inizia a sciogliersi immediatamente, allora puoi essere sicuro che i gioielli sono fatti d’argento.

Un altro test per vedere se si tratta di argento falso è quello col magnete. Come la maggior parte dei metalli, l’argento non è magnetico. Usando un potente magnete, come quelli fatti di neodimio (materiale di terre rare), passalo sopra i tuoi gioielli in argento sterling e vedi se si attaccherà.

Se scivola via, significa che è davvero sterling. Se si attacca, puoi essere sicuro che sia falso.

Infine, il test più semplice: leggi l’etichetta. Come accennato più volte, l’argento reale avrà dei segni nascosti da qualche parte su di esso. Questi segni avranno variazioni del marchio “925”, come “Argento 925” o “Argento 925 Italia” o “925 USA” e così via. È illegale per chiunque vendere qualsiasi gioiello in metallo con questi segni se non sono fatti in argento.

Se guardi i tuoi gioielli e vedi il segno “IS”, significa International Silver. Ciò significa che il prodotto non è realizzato in argento, ma piuttosto rivestito in argento.

Argento si sta facendo preferire a Oro

La paura fa salire i prezzi dei metalli preziosi. Paura di guerra, inadempienze, inflazione, disordini civili e tutto ciò che mina la fiducia nel governo. Una settimana dopo il fallimento di Lehman Brothers nel 2008, l’oro e l’argento sono aumentati del 15%.

Tre anni dopo, al culmine della crisi del debito pubblico europeo, quando gli obblighi di Italia, Irlanda e Grecia assomigliavano a titoli spazzatura, l’argento era più che quadruplicato, mentre l’oro aumentava del 250%.

Oggi, la paura di un crollo finanziario si è ritirata e così anche i prezzi di entrambi i metalli preziosi. Oro GCJ9, -0,33% a circa $ 1,300 e argento SIK9, -0,25% languisce un po ‘sopra i $ 15. È tempo di comprare a questi prezzi d’occasione? La risposta è sì, soprattutto l’argento, ma non per le ragioni che pensi.

Poco preoccupati per l’inflazione nell’attuale economia statunitense, ma subito dopo la Grande Recessione, quando la Federal Reserve ha avviato il suo programma di allentamento quantitativo per far ripartire l’economia, molti erano preoccupati che l’inflazione sarebbe emersa.

Con la disoccupazione che ha raggiunto il 10% nel 2009, la Fed ha espanso denaro e credito, ha portato a zero i tassi di interesse a breve e ha acquistato titoli di stato e mutui a lungo termine in quantità senza precedenti. Secondo un’analisi economica di base, troppi soldi che inseguono troppi pochi beni portano all’inflazione.

Ma gli ultimi nove anni hanno ribaltato la saggezza convenzionale. La disoccupazione è ora sotto il 4% e l’inflazione rimane sotto controllo. L’acquisto di metalli preziosi per proteggere dall’inflazione oggi sembra sciocco. Ma nessuno sa quando colpirà il prossimo sconvolgimento monetario. L’innesco potrebbe essere un default imprevisto di una grande azienda che ha assunto troppo debito – e ce ne sono molti di quelli posseduti da investitori di private equity. Oppure l’inflazione potrebbe aumentare quando meno ce lo aspettiamo. Gli economisti possono prevedere il prossimo terremoto finanziario, così come i sismologi possono prevedere uno tsunami.

Lo sanno solo dopo averlo visto, ma poi è troppo tardi per mettersi al riparo. I metalli preziosi assomigliano all’assicurazione. Paghiamo i premi prima che il disastro colpisca, sperando che non avremo bisogno di presentare un reclamo. Un piccolo investimento in argento e oro, meno del 5% di un portafoglio, ha lo stesso scopo. Dovremmo acquistare un’assicurazione quando i premi sono bassi e mantenere la copertura.

Quotazione dell’argento

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY