Argento ancora in affanno: cosa dicono rialzisti e ribassisti

In un’intervista con Kitco News, Nicolas Robin, portfolio manager per gli investimenti in commodity presso la Columbia Threadneedle Investments, ha detto che quando l’interesse nel settore dei metalli preziosi riprenderà, si aspetta che l’argento superi l’oro. “L’argento è un valore relativo per noi. Pensiamo che l’argento sia stato ipervenduto e possediamo argento sull’oro”, ha detto.

“Gli investimenti che stiamo guardando in questo momento sono attività che hanno significativamente sottoperformato a causa delle preoccupazioni di una guerra commerciale e di un dollaro USA più forte.” Guardando all’oro, Robin ha detto che si aspetta di vedere prezzi più bassi nel breve termine. L’oro di agosto continua a lottare per trovare slancio mentre i prezzi oscillano intorno ai minimi di 12 mesi. I futures dell’oro di agosto sono stati scambiati a $ 1,222.60 l’oncia, in calo dello 0,75% il giorno.

Allo stesso tempo, l’argento di settembre è stato scambiato a $ 15.420 l’oncia, in calo dell’1% sul giorno. “Pensiamo che ci sia una buona possibilità che l’oro scenda al di sotto di $ 1.200 l’oncia a causa di una maggiore forza del dollaro statunitense”, ha detto. il dollaro americano, Robin ha detto che vede la valuta vicino alla fascia più alta della sua gamma.

“Penso che ci sia stata una significativa copertura a breve nel dollaro USA, ma sembra che stia finendo e questo dovrebbe aiutare l’oro e l’argento in futuro” egli ha detto. “Tutte le notizie negative sul commercio sono state positive per il dollaro USA, ma molte di queste notizie sono state valutate al momento.” Insieme ai metalli preziosi, il settore delle materie prime ha registrato forti pressioni di vendita negli ultimi mesi; tuttavia, Robin ha detto che la sua azienda sta vedendo il contrario visto che l’interesse degli investitori è cresciuto.

Lo scorso mese l’azienda ha annunciato che il suo fondo commodity è salito a $ 2 miliardi di asset under management, l’importo più alto da quando il fondo è stato lanciato otto anni fa. Mentre la minaccia di una guerra commerciale globale ha pesato sui prezzi delle materie prime, Robin ha detto che gli investitori sono guardando oltre la volatilità a breve termine. Ha detto che la sua impresa rimane rialzista sulle materie prime mentre la crescita economica rimane forte e l’inflazione riprende.Robin ha aggiunto che il governo americano potrebbe finire per risolvere la sua disputa commerciale con la Cina prima delle elezioni di medio termine perché “il presidente Donald Trump. È necessario mantenere le promesse fatte ai suoi elettori”.

Allo stesso tempo, Robin ha affermato che una guerra commerciale prolungata potrebbe essere positiva per le materie prime e sia gli Stati Uniti che la Cina potrebbero aumentare le spese infrastrutturali per sostenere economie in calo.

Argento e oro consentiranno guadagni a lungo termine, parola di Capital Economics

Gli investitori di metalli preziosi hanno bisogno di prepararsi a prezzi dell’oro più bassi nei prossimi mesi, con cose che salgono solo l’anno prossimo quando l’oro si radunerà a $ 1.350 l’oncia, secondo Capital Economics. L’oro continua a tenere il broncio nei mesi estivi, scambiando vicino a 12 mesi bassi, con un dollaro USA forte e la mancanza di importanti notizie fondamentali che tengono sotto pressione il metallo.

Con l’apertura dei mercati asiatici martedì, l’oro spot su Kitco.com è stato scambiato a $ 1,221,20, in rialzo dello 0,02% sul giorno, mentre i future d’oro Comex d’oro sono stati visti l’ultima volta a $ 1,220,50, in calo dello 0,07%. Ma, con un biglietto verde più alto estrapolati dall’equazione, i prezzi dell’oro potrebbero essere scambiati a un livello molto più alto, hanno osservato gli economisti delle materie prime di Capital Economics. “Il dollaro è stato anche il principale motore dei prezzi dell’oro. In effetti, il nostro prezzo dell’oro ponderato sul consumo suggerisce che se eliminassimo l’effetto del dollaro, il prezzo dell’oro sarebbe molto più alto”, scrivono gli economisti.

“Dato che non prevediamo un ribasso del dollaro fino al 2019, quando la crescita più lenta negli Stati Uniti spingerà la Federal Reserve a chiudere il ciclo di restrizione, i prezzi dell’oro rimarranno probabilmente sotto pressione nei prossimi mesi”. Gli unici fattori positivi che potrebbero sorprendere gli investitori al rialzo sono la domanda di rifugio sicuro e le aspettative di inflazione. Ma, negli ultimi tempi, entrambi sono stati insufficienti, ha aggiunto Capital Economics. “La domanda di oro per rifugio sicuro finora è stata elusiva e le aspettative di inflazione negli Stati Uniti si sono spostate lateralmente negli ultimi mesi. Inoltre, è probabile che la domanda da parte dei principali mercati emergenti diminuisca in quanto un dollaro più forte sta rendendo l’oro in termini di valuta locale più costoso “, hanno scritto.

Questa prospettiva ha costretto Capital Economics a rivedere al ribasso le prospettive dei prezzi dell’oro a $ 1.200 l’oncia da $ 1,300. È ancora più basso del prezzo di oggi di $ 1,221. Ma le prospettive a medio termine dell’azienda per i prezzi dell’oro sono in realtà migliori rispetto alle stime precedenti. Capital Economics ha evidenziato che il ciclo di inasprimento della Fed terminerà nella prima metà del 2019, il che porterà a prezzi dell’oro più elevati. “Mentre il ciclo di restringimento della Fed termina nel primo semestre del 2019, gli investitori inizieranno a tenere conto dei tassi più bassi, che dovrebbe spingere il prezzo dell’oro fino a $ 1350 entro la fine del 2019 “, hanno detto gli economisti.

Oro e argento hanno perso un po’ di valore oggi

I prezzi dell’oro hanno perso un po’ di lucentezza oggi tra segnali globali deboli. I prezzi dell’oro sono scivolati da Rs. 30 a Rs. 30.750 per dieci grammi al mercato dei lingotti, mentre l’argento versato da Rs. 25 a Rs. 39.200 per kg, ha riportato l’agenzia di stampa Press Trust of India (PTI). Il sentimento degli investitori è diventato ribassista a causa della tendenza sommessa all’estero, dove l’oro si è indebolito oggi in quanto il dollaro si è alzato contro i suoi pari in vista delle principali riunioni della banca centrale e dell’inflazione USA e dei dati sui salari questa settimana, hanno detto i commercianti.

Argento salirà del 15% a settembre?

In un’intervista del 21 luglio 2018, Patrick MontesDeOca, fondatore e CEO di Equity Management Academy, ha affermato: “Consiglio vivamente di iniziare le posizioni sul lato lungo in oro e argento, gestendo il rischio di conseguenza con arresti.” Grandi guadagni in GoldGoing tornando al 26 giugno 2017, possiamo vedere chiaramente che il mercato dell’oro ha toccato un minimo di $ 1231. Da quel livello, il mercato si è mobilitato per raggiungere il massimo il 14 settembre 2017, di $ 1378. Si è trattato di un guadagno di $ 147 l’oncia nel prezzo dell’oro o quasi del 12% in meno di tre mesi.

Nel contratto future, ciò equivale a un guadagno di $ 14.700 per ciascun contratto. (Ogni contratto scambia 100 once).

Il mercato dell’argento nello stesso periodo ha raggiunto un minimo di $ 15,63 il 10 luglio 2017 e l’11 novembre 2017 ha raggiunto un massimo di $ 18,26. Quello è stato un guadagno di $ 2,63 l’oncia o quasi il guadagno del 17% in due mesi. Ciò si traduce in un guadagno di $ 13,150 per contratto futures d’argento (ogni contratto scambia 5.000 once.) “Credo”, ha detto MontesDeOca, “che se incorporassimo i cicli a 360 gradi, che stiamo anticipando, dovremmo sperimentare una sorta di fondo” in argento e oro.

Se guardi al VC PMI settimanale automatizzato che utilizziamo per analizzare una gamma completa di mercati, inclusi metalli preziosi, grani, ETF e scorte, stiamo osservando una convergenza durante questo lasso di tempo che sembra confermare un punto di snodo per i mercati potenzialmente di iniziare una significativa inversione di tendenza verso livelli molto più alti.

L’argento è da evitare? 5 motivi che lo confermerebbero

Non tutti però sono fan dell’argento. Ecco cosa dicono alcuni specialisti in merito

Deficit dell’offerta d’argento

Il deficit nella fornitura di argento è ora un surplus (forse). “Forse” perché ci sono opinioni diverse su questo argomento. Secondo Investingnews.com, in termini di offerta, il mercato dell’argento dovrebbe rimanere in un avanzo fondamentale per il terzo anno consecutivo nel 2018, con un eccesso di circa 70 milioni di once, secondo Precious Metals Investment Focus 2017/2018 . Secondo i dati di The Silver Institute, l’argento ha avuto un deficit negli ultimi cinque anni. Tuttavia, anche se The Silver Institute ha ragione sul deficit, puoi vedere nel grafico che il deficit si sta riducendo.

Il guru d’argento David Morgan ha un altro modo di considerare questo problema. Crede che l’argento sia stato in attivo negli ultimi 10 anni, ma è necessario comprendere la sua spiegazione. Lo guarda in termini di inventario di argento fuori terra, che è passato dal 1990 al 2006 da 2 miliardi di once a 500 milioni di once. Le riserve fuori terra hanno toccato il fondo nel 2006, ma da allora sono cresciute da un minimo di 2,5 miliardi di once negli ultimi 11 anni.

Tassi di interesse reali

Una delle maggiori influenze sul prezzo dell’oro e l’argento per correlazione sono i tassi di interesse reali. Quando i tassi di interesse reali sono in aumento, questo è negativo per l’oro perché gli investitori hanno più incentivo a parcheggiare i loro soldi in obbligazioni piuttosto che in oro non pagante. Da dicembre 2015, la Fed ha aumentato il tasso dei fondi della Fed dallo 0% all’attuale 2% oggi. Non si fermeranno al 2%. La Fed aumenterà almeno una, forse due, più volte i tassi quest’anno. Ed è improbabile che finisca quest’anno. Le stime di consenso indicano che la Fed aumenterà i tassi tre o quattro volte nel 2019. Ciò porterebbe il tasso dei fondi della Fed a circa il 3,5%, che sfortunatamente per i tori dell’oro e dell’argento è ancora storicamente basso.

La concorrenza delle criptovalute

Le criptovalute e sempre più la marijuana, sono in competizione con metalli preziosi per investimenti in dollari. C’è una certa sovrapposizione nella base di investitori per queste classi di investimento. Ciò che gli investitori in oro e argento e gli investitori di criptovaluta hanno in comune è che spesso sono persone che non si fidano della valuta cartacea e cercano quindi un’alternativa. Il limite massimo di mercato per tutte le criptovalute è superiore ai 250 miliardi di dollari. Non è chiaro ancora se questo numero si ridurrà o crescerà in futuro, ma qualsiasi importo investito in criptovalute è denaro potenzialmente investibile in oro e argento.

Bassi costi di estrazione

I costi sono bassi per i minatori d’argento primari. Questo è grandioso se investi in titoli minerari argentati. Questo non va bene se si investe in SLV perché i minatori saranno incoraggiati a mantenere l’estrazione mineraria a questi bassi prezzi dell’argento e contribuire ad aumentare il “surplus” d’argento. Nel primo trimestre del 2018, i primi 17 minatori di Global X Silver Miners (SIL) hanno riportato un costo totale all-in o AISC di $ 10,92 l’oncia. Nello stesso trimestre del 2017 e del 2016, i costi medi sono stati rispettivamente di $ 11,50 e $ 10,28. Con un prezzo d’argento attuale di circa $ 15,40, è possibile vedere che i minatori hanno ancora un margine significativo.

Domanda industriale stagnante

Diciamo la verità. La domanda industriale di argento non sta davvero crescendo. Come dovresti sapere, l’argento è tanto un metallo industriale come il rame quanto un prezioso metallo d’investimento come l’oro. Ma il fatto è che la domanda industriale globale non sta crescendo. Tornando alla domanda / offerta di The Silver Institute, la domanda di fabbricazione industriale nel 2017 di 599 Moz è stata solo leggermente superiore a quella del 2016, ma inferiore a quella del 2010-13 quando la domanda era di oltre 600 Moz. Dov’è la crescita complessiva? I dati non lo mostrano. Mentre aumenta la domanda “fotovoltaica” di argento nei pannelli solari, a ciò corrisponde una diminuzione della domanda in “elettrica ed elettronica”.

Argento sta per toccare il nuovo minimi del 2018?

Meno di un mese fa, il 14 giugno, il prezzo dell’argento ha raggiunto il picco a $ 17,43 per oncia sul contratto futures del mese COMEX del mese attivo. L’high si è rivelato inferiore di otto centesimi rispetto al picco precedente del contratto di settembre del 19 aprile. Il tentativo dell’argento di partecipare a un rally non ha potuto produrre un high più alto che è stato un tema ricorrente per il prezioso metallo risalente al picco del luglio 2016 $ 21,095 per oncia.

Nella classifica dei contratti continui, il picco del 14 giugno è stato di $ 17,35, mentre il massimo di aprile è stato di un solo centesimo superiore a $ 17,36 l’oncia. Mentre l’argento si avvicinava a eclissare un picco precedente, falliva di un solo penny. Dal massimo più recente del 14 giugno, che sembra passato anni fa, il prezzo dell’argento è sceso a minimi di $ 15,78 il 12 luglio, un nuovo minimo per 2018. Un fallimento nel fare un massimo più alto ha portato ad un minimo più basso nel mercato dell’argento. Mentre l’argento si è ripreso a $ 16 per livello di oncia, non sembra che stia scappando al rialzo in tempi brevi.

Come evidenzia il grafico settimanale, nel 2016 il metallo prezioso è stato scambiato in un intervallo da $ 13,73 a $ 21,095 o $ 7,365 per oncia.

Nel 2017 la band si è ristretta a $ 15,15 a $ 18,655, o $ 3,505 a meno della metà del range dell’anno precedente. Il recente passaggio a un minimo di $ 15,73 sul vicino mercato dei futures argento COMEX all’inizio di luglio significa che la gamma finora nel 2018 è stata di $ 1,975, dato che il massimo di quest’anno a fine gennaio è stato di $ 17,705 per oncia.

La gamma si è ampliata nelle ultime sessioni, ma l’argento è ancora scambiato in una fascia più ristretta da alta a bassa quest’anno rispetto al 2017. Il grafico settimanale illustra una continuazione degli alti più bassi nel mercato dell’argento, risalenti a due anni a luglio 2016, e mentre momentum del prezzo continua a diminuire, lo stocastico lento è diminuito in territorio oversold.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY