Il petrolio “tira” più della tecnologia: Aramco supera Apple in utili

Viene vituperato per i danni che arreca all’ambiente. Viene dato in esaurimento, forte entro il 2050. “Olia” i meccanismi geopolitici del Mondo, dando vita anche alla violazione di diritti umani, civili e politici.

Ma tant’è. Il petrolio crea ancora profitta. E anche più dell’Hi-tech. Business molto più recente. Basta solo dire che il colosso petrolifero saudita Aramco è primo al mondo per utili. Superando anche il colosso della tecnologia più rinomato al mondo: Apple. Sebbene, da qualche anno, i suoi prodotti di punta, gli iPhone, non vadano più bene sul mercato come un tempo.

Infatti, Aramcoha generato un utile netto di 111 miliardi di dollari lo scorso anno. Registrando un rialzo che sfiora il 50% grazie all’aumento delle quotazioni del greggio. Mentre il risultato equivalente di Apple si aggira sui 60 miliardi di dollari.

Aramco ha presentato i numeri del successo ai suoi investitori. In vista dell’emissione obbligazionaria da 10 miliardi di dollari utile per finanziare, tra le altre cose, anche il rilevamento della quota di maggioranza del gruppo petrolchimico saudita Sabic. Che sarà “sottratto” al Fondo sovrano saudita Public Investment Fund. Per una valutazione complessiva pari a 69,1 miliardi di dollari.

E forse non è un caso che è la prima volta che Aramco svela i propri risultati da quando è stata nazionalizzata alla fine degli anni ’70.

Aramco gode anche di riconoscimenti internazionali. Le agenzie Fitch e Moody’s hanno assegnato ad Aramco il quinto livello più alto di investment grade. Praticamente lo stesso di quello riconosciuto al debito sovrano saudita. Seppur inferiore a multinazionali petrolifere di altri paese come l’olandese Exxon e le statunitensi Shell e Chevron.

Moody’s ritiene che il colosso petrolifero abbia registrato un flusso di cassa di 121 miliardi di dollari. Nonché 35,1 miliardi di spese in conto capitale e versato 58,2 miliardi in dividendi al governo saudita nel 2018. Numeri impressionanti, alla faccia delle critiche rivolte al petrolio. Ma anche a quelle rivolte al governo saudita stesso, ambiguo nella sua amicizia verso gli Usa ma anche nei confronti di alcuni movimenti integralisti. Nonché per la violazione dei diritti civili. Ma l’oro nero è l’oro nero.

Migliori piattaforme per fare trading sul petrolio

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Aramco chi è

Saudi Aramco, ufficialmente la Saudi Arabian Oil Company, (precedentemente Arabian-American Oil Company), è una compagnia petrolifera saudita e società di gas naturale con sede a Dhahran, in Arabia Saudita.

È una delle più grandi aziende al mondo per fatturato, e secondo i resoconti visti da Bloomberg News, la compagnia più redditizia al mondo.

Saudi Aramco ha entrambe le riserve di petrolio grezzo provate per la seconda più grande del mondo, con oltre 270 miliardi di barili (4,3 × 1010 m3), e la seconda più grande produzione giornaliera di petrolio. I funzionari sauditi hanno sostenuto una cifra ufficiale di $ 2 trilioni per il valore di Saudi Aramco.

I dati finanziari della società sono stati trapelati nell’aprile 2018 e, secondo gli analisti di Bloomberg, la società potrebbe essere valutata a $ 1,2 trilioni, una cifra significativamente inferiore.

Saudi Aramco gestisce la più grande rete idrocarburi al mondo, il Master Gas System. Il totale di produzione di petrolio greggio del 2013 è stato di 3,4 miliardi di barili (540 milioni di m3) e gestisce oltre un centinaio di giacimenti di petrolio e gas in Arabia Saudita, tra cui 288,4 trilioni di piedi cubici (scf) di riserve di gas naturale.

Saudi Aramco gestisce il campo di Ghawar, il più grande giacimento petrolifero terrestre del mondo, e il campo di Safaniya, il più grande giacimento petrolifero offshore del mondo.

Aramco storia

Le origini di Saudi Aramco si riferiscono alla penuria petrolifera della prima guerra mondiale e all’esclusione delle compagnie americane dalla Mesopotamia da parte del Regno Unito e della Francia sotto l’accordo petrolifero di San Remo del 1920. L’amministrazione americana all’epoca aveva il sostegno popolare per una “politica della porta aperta”, che Herbert Hoover, segretario del commercio, iniziò nel 1921. La Standard Oil of California (SoCal) era tra quelle compagnie americane che cercavano nuove fonti di petrolio dall’estero.

Attraverso la sua consociata, la Bahrain Petroleum Co. (BAPCO), SoCal ha colpito il petrolio nel Bahrain nel maggio 1932. Questo evento ha aumentato l’interesse per le prospettive petrolifere della terraferma araba. Il 29 maggio 1933, il governo dell’Arabia Saudita concesse una concessione a SoCal in cambio di un’offerta rivale della Iraq Petroleum Co.

La concessione ha permesso a SoCal di esplorare il petrolio in Arabia Saudita. SoCal ha assegnato questa concessione ad una sussidiaria interamente controllata, California-Arabian Standard Oil (CASOC). Nel 1936, con la società che non aveva avuto successo nella localizzazione del petrolio, la Texas Oil Co. (Texaco) acquistò una quota del 50% della concessione.

Dopo quattro anni di esplorazioni infruttuose, il primo successo arrivò con il settimo sito di trivellazione a Dhahran nel 1938, ben noto come Dammam n. 7.

Questo ha prodotto immediatamente oltre 1.500 barili al giorno (240 m3 / giorno), dando alla società la fiducia di continuare. Il 31 gennaio 1944 il nome della compagnia fu cambiato dalla California-Arabian Standard Oil Co. alla Arabian American Oil Co. (o Aramco).

Nel 1948, la Standard Oil del New Jersey (in seguito Exxon) acquistò il 30% e Socony Vacuum (successivamente la Mobil) acquistò il 10% della società, con SoCal e Texaco che ne detennero il 30% ciascuno.

I nuovi arrivati erano anche azionisti della Iraq Petroleum Co. e dovevano ottenere la revoca delle restrizioni dell’accordo sulla linea rossa per essere liberi di entrare in questo accordo.

Nel 1949, ARAMCO aveva fatto incursioni nell’Emirato di Abu Dhabi (ora parte degli Emirati Arabi Uniti), portando a una disputa di confine tra Abu Dhabi e l’Arabia Saudita. Nel 1950, il re Abdulaziz minacciò di nazionalizzare le strutture petrolifere del suo paese, facendo così pressione su Aramco per acconsentire a condividere profitti 50/50.

Un processo simile era avvenuto con alcune compagnie petrolifere americane in Venezuela qualche anno prima. Il governo americano concesse alle compagnie statunitensi membri di Aramco un taglio fiscale noto come la trovata d’oro equivalente ai profitti dati al re Abdulaziz. Sulla scia del nuovo accordo, il quartier generale della compagnia fu spostato da New York a Dhahran.

Nel 1951, la compagnia scoprì il giacimento petrolifero Safaniya, il più grande campo offshore del mondo. Nel 1957, la scoperta di giacimenti petroliferi collegati più piccoli confermò il campo di Ghawar come il più grande campo terrestre del mondo.

Nel 1975, il secondo piano economico quinquennale dell’Arabia Saudita comprendeva un piano per il gas master. Il gas naturale verrebbe utilizzato per generare energia, invece di accendere il gas.

Nel 1994, Aramco scoprì altri gas non associati nella più profonda formazione di arenaria di Jawf e costruì piante in Hawiyah e Haradh per elaborarle. Ciò ha aumentato la capacità del Master Gas System a 9,4 miliardi di scfd.

Nel 1973, in seguito al sostegno degli Stati Uniti per Israele durante la guerra dello Yom Kippur, il governo dell’Arabia Saudita ha acquisito un “interesse di partecipazione” del 25% nelle attività di Aramco.

Ha aumentato l’interesse di partecipazione al 60% nel 1974 e ha acquisito la restante quota del 40% nel 1976. Aramco ha continuato a gestire e gestire gli ex beni Aramco, incluso il suo interesse di concessione in alcuni giacimenti petroliferi dell’Arabia Saudita, per conto del governo arabo saudita fino 1988.

Nel novembre 1988, un decreto reale creò una nuova società saudita, la Saudi Arabian Oil Company, per prendere il controllo degli ex beni Aramco (o Saudi Aramco) e prese il controllo della gestione e delle operazioni del petrolio dell’Arabia Saudita e giacimenti di gas da Aramco e dai suoi partner. Nel 1989-90, petrolio e gas di alta qualità furono scoperti in tre aree a sud di Riyadh.

Quotazione e grafico del petrolio

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY