Apple accusata di evasione fiscale: finalmente si è giunti ad un intesa

apple accusata di evasione fiscale

I colossi del web non solo fatturano cifre esorbitanti, ma faticano poi a seguire il corretto regime fiscale di ogni paese. Questo il problema è di Apple accusata di evasione fiscale. Lei è solo uno dei tanti casi resi noti, ma i problemi riguardano anche altri “BIG” come Google, Amazon e Facebook.

Apple accusata di evasione fiscale: si viaggia verso un patteggiamento

La procura di Milano chiede un patteggiamento e due archiviazioni per Apple accusata di evasione fiscale. In particolare le richieste presentate al gip sono per i tre manager indagati per non avere versato 879 milioni di Ires per conto della mela più famosa del mondo.
Già lo scorso dicembre Apple aveva sanato parte del debito creato versando 318 milioni di euro all’Agenzia delle Entrate.apple accusata di evasione fiscale

Da quel momento in poi ci si è mossi verso un patteggiamento e un archiviazione, visto che i termini sono scaduti già lo scorso aprile. Tuttavia, nei mesi scorsi la vicenda è stata riaccesa. Gli inquirenti e le corrispettive difese si sono confrontati nuovamente e finalmente nei giorni scorsi si è finalmente giunti all’intesa del patteggiamento per una posizione e due archiviazioni.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY