Apple chiude l’anno fiscale in calo dopo 15 anni

La chiusura dell’anno fiscale 2016, è risultata essere non proprio positiva per il colosso Apple, il quale ha subito un calo nei ricavi e negli utili per la prima volta dopo 15 anni, ma le stime del gruppo di Cupertino per il trimestre del nuovo esercizio sembrano essere più positive, soprattutto in vista del prossimo periodo natalizio che solitamente incrementa le vendite. Il 24 settembre Apple ha registrato un calo sulle vendite pari all’8% per un totale di 215,6 miliardi con un ribasso degli utili che vanno dai 53,40 miliardi ai 45,68 miliardi.

apple

Previsioni per il trimestre natalizio

L’ultimo trimestre del 2016 ma primo fiscale, il gruppo Apple ha previsto un ricavo prodotto dalle vendite di circa 78 miliardi di dollari, ovvero in aumento rispetto ai 75,9 miliardi ottenuti nello stesso periodo nell’anno precedente. L’Amministratore Delegato, Tim Cook, ha dichiarato attraverso una nota, di essere soddisfatto della risposta positiva dei consumatori per i nuovi modelli: iPhone 7, 7 Plus ed Apple Watch Serie 2, i quali hanno fatto il loro ingresso nel mercato proprio nel mese di settembre.

Quarto trimestre fiscale

Nel quarto trimestre fiscale i ricavi sono calati da 51,5 miliardi ottenuti nel 2015 a 46,9 miliardi di dollari, ottenendo così il terzo trimestre consecutivo di fatturato in ribasso su calcolo annuale. I profitti netti sono scesi del 9% ( 9 miliardi rispetto ai 11,1 miliardi del 2015), i dati che riportano il 14% in meno di Mac venduti e il 6% in meno di iPad sono probabilmente legati all’attesa dei consumatori del lancio dei prossimi modelli. Nei servizi Apple, si è registrato invece un incremento del 24% rispetto al 2015, per Apple Music, Apple Care ed Apple Play, diventando la seconda fonte di guadagno dopo l’iPhone.