Antitrust multa Ryanair: ecco perché

ryanair-antitrust

L’Antitrust ha scelto di sanzionare Ryanair con una multa da 400 mila euro. Alla base della penalità comminata all’operatore europeo, le “tasse” imposte ai propri clienti per i pagamenti con la carta di credito: un atteggiamento che era stato già segnalato dall’Autorità, e che ha visto la compagnia aerea ravvedersi con eccessivo ritardo.

La pratica (ben nota a molti di coloro che hanno cercato di prenotare un biglietto aereo online) era abbastanza semplice: mostrare un prezzo molto conveniente nel proprio portale di e-commerce e, successivamente, andare ad applicare una commissione per i pagamenti in carta di credito in sede di chiusura dell’acquisto. Una pratica di per sé non certamente rara né totalmente illegittima, ma comunque lesiva della trasparenza del servizio, che vorrebbe che tale balzello aggiuntivo fosse esplicitato più adeguatamente in sede precedente.

Questa scarsa chiarezza da parte del vettore ha suscitato la reazione di migliaia di utenti, lamentosi di un approccio non certamente positivo. Alla luce delle numerose segnalazioni, e di una istruttoria interna, l’Antitrust aveva quindi avvertito Ryanair una prima volta, domandando alla società irlandese di effettuare le modifiche necessarie a evidenziare più palesemente il supplemento inerente la carta di credito.

La variazione delle modalità di rappresentazione ai consumatori del prezzo dei biglietti aerei offerti, sulla base di quanto comunicato dalla compagnia aerea, avrebbe dovuto entrare in vigore dal precedente 1 dicembre 2012. Tuttavia, la compagnia europea si sarebbe concretamente adeguata solamente oltre due mesi dopo, il 7 febbraio 2013, quando ha rimosso i profili di “scorrettezza”.

In questo arco temporale, precisa inoltre l’Antitrust, la compagnia aerea avrebbe inoltre introdotto un nuovo supplemento denominato “tassa sulla carta di credito”, richiesto alla fine del processo di prenotazione online nelle ipotesi di pagamento con alcune delle più utilizzate carte di credito (non solo Mastercard e Visa, ma anche quelle co-branded Ryanair Mastercard, Ryanair Visa): una tassa della misura di 2 punti percentuali del prezzo del servizio di trasporto, a incremento della tariffa inizialmente proposta sul portale.

L’Antitrust aveva invece invitato Rynaiar a indicare, integralmente e in maniera trasparente, e sin dal primo contatto con il consumatore, qualsiasi commissione sui prezzi dei biglietti, rendendo quindi immediatamente percepibile l’esborso monetario finale.

Foto originale by Cha già José

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY