Anche la Smart diventa cinese, per ora per metà

La Smart parlerà cinese. Almeno per metà. Infatti, la casa automobilistica tedesca Daimler che la produce, ha annunciato un accordo con la multinazionale cinese Geely, al fine di produrre nella stessa Cina nel 2022 la prossima generazione delle piccole auto tanto amate dai giovani. Per la loro forma e praticità in città.

In realtà, si tratta comunque di un accordo “in famiglia”. Visto che il proprietario di Geely è Li Shufu. Già principale azionista di Daimler dal febbraio 2018.

I due gruppi creeranno una joint venture paritetica, per espandere il marchio Smart ma anche per creare modelli elettrici.

La notizia lascia intendere che l’attuale accordo tra Daimler e Renault per la produzione congiunta dei modelli Smart e Twingo, è destinata ad esaurirsi.

L’accordo punta dunque a rilanciare il marchio Smart che non è mai stato in grado di raggiungere l’obiettivo di vendite globali di 200mila unità all’anno. Inoltre, lo scorso anno le vendite di ForTwo oltreoceano sono state di appena 1.276 unità.

Un altro cambiamento importante ci sarà il prossimo maggio, quando andrà in pensione l’attuale ceo di Daimler Dieter Zetsche. A sostituirlo sarà Katrin Adt. Il quale, tra i vari obiettivi principali, ha quello di realizzare auto solo elettriche.

E l’accordo con Geely sembra non essere casuale. Dato che questa multinazionale, ad oggi, è il più grande mercato per i veicoli elettrici al mondo.

Smart cos’è

Smart è un marchio automobilistico tedesco e divisione di Daimler AG, con sede a Böblingen, in Germania. Spazia in microcar e subcompatte, in particolare Fortwo e Forfour con i suoi impianti di assemblaggio principali situati a Hambach, in Francia ea Novo Mesto, in Slovenia.

Commercializzato in 46 Paesi in Asia, Nord e Sud America, Africa, Australia ed Europa, la produzione del Fortwo aveva superato 1,7 milioni di unità entro l’inizio del 2015.

Smart storia

Il concetto di design per le automobili dell’azienda ha iniziato a Mercedes-Benz nei primi anni ’70 e alla fine degli anni ’80. Dopo il breve supporto di Volkswagen, il primo modello è stato rilasciato da Daimler-Benz nell’ottobre 1998. Sono state introdotte diverse varianti del design originale, con l’originale “Fortwo”.

Smart deriva dalla collaborazione con Swatch e Mercedes: “Swatch Mercedes ART”.

Nel suo marchio, la società mette in minuscolo il suo logotipo e il logo che incorpora una “c” e una freccia per “compact” e “forward thinking” rispettivamente.

Verso la fine del 1982, il CEO di SMH (creatori del marchio Swatch) Nicolas Hayek ha iniziato a sviluppare un’idea per una nuova vettura utilizzando lo stesso tipo di strategie di produzione e le caratteristiche di personalizzazione utilizzate per diffondere gli orologi Swatch. Credeva che l’industria automobilistica avesse ignorato un settore di potenziali clienti che desideravano una city car piccola ed elegante.

Questa idea divenne presto nota come “Swatchmobile”. La società privata Hayek Hayek Engineering AG ha iniziato a progettare la nuova vettura per SMH, con due posti e una trasmissione ibrida. Mentre il design dell’auto stava procedendo, Hayek temeva che i produttori esistenti si sarebbero sentiti minacciati dalla Swatchmobile.

Quindi, piuttosto che direttamente in competizione, preferiva collaborare con un’altra società del settore automobilistico. Ciò allevierebbe SMH dal costo dei costi nella creazione di una rete di distribuzione. Hayek contattò diversi produttori automobilistici e il 3 luglio 1991 raggiunse un accordo con Volkswagen per condividere lo sviluppo del nuovo progetto.

Nel 1993, Ferdinand Piëch era diventato CEO di Volkswagen e cercò immediatamente di chiudere il progetto con SMH. La Volkswagen aveva già lavorato sulla propria “automobile da tre litri”: un’auto che consumerebbe tre litri di carburante ogni 100 km di guida (l’eventuale Volkswagen Lupo 3L). Si riteneva che il concept di Volkswagen fosse una proposta commerciale migliore, con quattro posti e più spazio di carico.

Hayek aveva sospettato che Piëch avrebbe cercato di porre fine all’accordo con SMH dopo la sua ascesa alla carica di CEO; quindi, con discrezione iniziò ad avvicinarsi alle altre case automobilistiche con il progetto Swatchmobile. Respinto da BMW, Fiat, General Motors e Renault, ha finalmente raggiunto un accordo informale con Daimler-Benz AG, costruttore di vetture Mercedes-Benz.

Un accordo è stato annunciato il 4 marzo 1994, in una conferenza stampa a Mercedes- La sede di Benz a Stoccarda che le società avrebbero unito le forze nella fondazione di Micro Compact Car AG (MCC). Il 49% del capitale iniziale di 50 milioni di franchi svizzeri è stato fornito da SMH e il restante 51% da Daimler-Benz.

La società era composta da due filiali: la MCC GmbH con sede a Renningen (un sobborgo di Stoccarda) che avrebbe progettato la macchina e l’allora senza nome stabilimento di produzione. SMH Auto SA, di proprietà di Hayek, progetterebbe un sistema di azionamento elettrico ibrido per l’auto, mentre Hayek Engineering controllerebbe il design e la produzione.

La conferenza stampa presentò anche il debutto di due concept car: l’eco-sprinter e l’eco -speedster, progettato dallo studio di design Mercedes-Benz in California.

Le auto erano simili all’eventuale Smart City-Coupé. Nessuna menzione è stata data al fatto che SMH non ha avuto alcun contributo nella progettazione di questi concetti, e sono stati etichettati come Mercedes-Benz. Alla fine di aprile 1994, MCC aveva aperto una sede a Biel, in Svizzera

Geely chi è

Geely (ufficialmente Zhejiang Geely Holding Group Co., Ltd) è un gruppo automobilistico globale privato con sede nella città di Hangzhou, nel sud-est della Cina, nella provincia di Zhejiang.

Il gruppo è stato fondato nel 1986 ed è entrato nel settore automobilistico nel 1997 con il suo marchio Geely Auto. Vende veicoli passeggeri con i marchi e i veicoli commerciali Geely Auto, Lotus, Lynk & Co, PROTON e Volvo con i marchi London EV Company e Yuan Cheng Auto. Il gruppo ha venduto oltre 1,5 milioni di automobili nel 2018.

Geely Group è il proprietario della casa automobilistica svedese Volvo Cars dal 2010, quando ha acquisito l’azienda da Ford. Ha completato l’acquisizione del londinese The Electric Electric Company nel 2013, e ha acquisito la quota di maggioranza della casa automobilistica britannica Lotus Cars nel 2017.

Il business di ZGH è suddiviso in cinque sottogruppi: Geely Auto Group che comprende i marchi Geely Auto, Lynk & Co, PROTON e Lotus; Volvo Car Group che comprende i marchi Volvo Cars e Polestar; Geely New Energy Commercial Vehicle Group che comprende i marchi London Electric Vehicle Company e Yuan Cheng; Geely Group (New Business) che comprende i marchi Caocao, Terrafugia, Qianjiang Motorcycles, Joma e altre nuove imprese; e Gruppo marittimo che include le istituzioni educative di ZGH, le imprese di sport motoristici e le attività turistiche.

ZGH ha operazioni globali che coprono la catena del valore del settore automobilistico, dalla ricerca, sviluppo e design alla produzione, vendita e assistenza.

Geely Automobile Holdings Ltd, una controllata di Geely, è quotata alla borsa di Hong Kong.

Il 13 febbraio 2017 è diventato un componente dell’Indice Hang Seng.

LEAVE A REPLY