Analisi quotata della Mondadori: trend, performance economico-finanziaria e outlook

Mondadori si distingue sul mercato europeo per essere un brand di grande reputazione commerciale, operante nel comparto dei media e dell’editoria. Non a caso, Mondadori è al primo posto in Italia come editore di libri e magazine e tra i primi in Francia nei magazine.

Per comprendere l’entità e la rilevanza del marchio Mondadori sul mercato, è bene riportare qualche dato a consuntivo relativo all’anno fiscale 2016:

  • Quota di mercato libri trade: 29,3%
  • Quota di mercato scolastica: 24%
  • Quota di mercato magazine Italia (diffusioni a valore): 31,7%
  • Quota di mercato magazine Francia (pubblicità a volume): 10,9%
  • Quota di mercato retail (categoria libro): 14,0%.

Gruppo Mondadori: attività di business

Nel 2016 il Gruppo Mondadori ha realizzato un fatturato di circa 1,3 miliardi di euro: le sue attività in ambito editoriale variano dalla creazione dei prodotti alla loro commercializzazione fino alla distribuzione sul mercato.

Nel comparto dei book, Mondadori opera attraverso la società controllata Mondadori Libri S.p.A, che raggruppa le società editrici Giulio Einaudi editore, Sperling & Kupfer, Piemme, Electa, Mondadori Education.

All’interno della nuova società sono state mantenute le due aree strategiche d’affari:

  • trade, che raggruppa libri di narrativa e saggistica,
  • educational, che include tutta la produzione editoriale scolastica e di formazione, oltre all’attività di organizzazione e di gestione di mostre e siti archeologici.

Grazie all’acquisizione di Rizzoli Libri, Mondadori ha consolidato la leadership e la sua posizione competitiva sul mercato italiano dei libri trade e dell’editoria scolastica, oltre agli illustrati a livello internazionale.

Per quanto concerne i magazine, Mondadori è il primo in Italia con una quota di mercato del 31,7. Dopo l’acquisizione dei brand digitali di Banzai Media, Mondadori è diventata il primo editore digitale italiano, leader nei verticali women, food, health & wellness.

Per quanto concerne le attività legate al rapporto diretto con il cliente-lettore, Mondadori Retail le gestisce attraverso un network di circa 600 punti vendita ed il sito di e-commerce mondadoristore.it.

Gruppo Mondadori: le performance economico-finanziarie

Per quanto concerne le performace economico-finanziarie, nel corso dell’ultimo triennio, il Gruppo ha:

  • raddoppiato l’Ebitda passando da 49,1 a 108,5 milioni di euro
  • diminuito di circa 100 milioni di Euro l’indebitamento netto

Tali positivi risultati sono stati indirizzati per ridurre l’indebitamento finanziario e per sostenere con adeguate risorse le linee strategiche di sviluppo futuro.

Per quanto concerne il fiscal year 2016, per Mondadori è stato un anno di svolta anche sul fronte delle relazioni con il mercato finanziario, con l’ammissione al segmento STAR di Borsa Italiana, che consentirà una maggiore visibilità e consolidamento della brand reputation.

()
()

Come approvato dal Consiglio di Amministrazione, i dati contabili relativi al risultato intermedio di gestione (al 31 /03/2017) sono ascrivibili ai seguenti:

  • Ricavi consolidati a 261,1 milioni di euro: +2,5% rispetto a 254,8 milioni di euro al 31.03.2016;
  • Ebitda: +8,3% escludendo Rizzoli Libri;
  • Risultato netto: escludendo Rizzoli Libri in miglioramento a -1,6 milioni di euro;
  • Posizione finanziaria netta a -286,2 milioni di euro rispetto a -224,9 milioni di euro al 31.03.2016 per effetto delle acquisizioni del 2016; (-263,6 milioni di euro a fine 2016).

Gruppo Mondadori: Corporate Strategy ed Outlook

L’anno 2016 ha rappresentato un anno particolarmente significativo per Mondadori: è stato completato con successo il riposizionamento strategico e sono state poste le basi per affrontare le sfide future legate alla nuova fase di crescita dell’azienda. Il Gruppo editoriale è tornato ad investire per rafforzare la posizione competitiva nei business strategici e per supportare il processo di crescita dell’azienda.

Un passo decisivo è stato quello di acquisire la Rizzoli Libri che ha permesso a Mondadori di accrescere il giro d’affari dei Libri, di consolidare la leadership sul mercato italiano e di conseguire il successo nell’editoria scolastica.

Anche, la strategia di acquisizione della Banzai Media ha rappresentato un elemento nella corporate strategy di sviluppo dei brand di Mondadori nel comparto dei magazine.

Nel triennio 2017-2019, proseguirà il percorso di rafforzamento competitivo e di miglioramento reddituale e finanziario dei core business del gruppo Mondadori, attraverso la strategia di focalizzazione sulla qualità editoriale e sull’ottimizzazione dei processi operativi e della struttura dei costi, in linea con la strategia aziendale del gruppo.

Alla luce del contesto attuale e dello scenario macroeconomico, è ragionevole pensare che il Gruppo Mondadori possa conseguire per l’esercizio 2017, rispetto lo scorso anno fiscale, questi risultati:

  • ricavi sostanzialmente stabili;
  • un Ebitda in crescita con un conseguente miglioramento della redditività;
  • un utile netto dell’esercizio atteso in significativo incremento pari a circa il 30%;
  • un indebitamento finanziario netto a fine 2017 stimato in riduzione rispetto al 31 dicembre 2016.
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY