Amazon, dopo Trump arriva la guerra di WalMart sulle assicurazioni sanitarie

Amazon Vs Resto del Mondo. Potremmo sintetizzare così quanto sta accadendo da un po’ di tempo intorno alla creatura di Jeff Bezos, non a caso risultato l’uomo più ricco del mondo nel 2017. Prima i sindacati, anche italiani, che hanno attaccato il colosso dell’e-commerce per alcune violazioni dei diritti fondamentali dei lavoratori. Poi Donald Trump, che ha dichiarato, per alcuni al fine di aiutare i suoi amici proprietari di negozi fisici, di voler far pagare più tasse ad Amazon. Infine, la concorrenza, che cerca di entrare a gamba tesa laddove Amazon ha successo ed è forte. Ma in fondo, ci sta.

L’ultima minaccia viene da Walmart, numero uno in America nel settore della Grande distribuzione. Peraltro, che ha annunciato di aumentare gli stipendi dei suoi dipendenti dopo la riforma fiscale di Donald Trump.

Secondo il Wall Street , Walmart avrebbe nel mirino l’acquisizione della società di assicurazioni mediche Humana, che ha un valore di mercato 37 miliardi di dollari. La trattativa sarebbe a buon punto ed è materia per gli avvocati delle parti risolverla con i giusti pesi e adeguato valore per gli azionisti.

La strategia di Walmart non è ovviamente casuale: di recente Amazon si è alleato con Warren Buffett e Jamie Dimon, rispettivamente alla guida del fondo Berkshire Hathaway e di una delle più grandi banche d’affari del pianeta (JPMorgan). Per creare una società assicurativa sanitaria per ridurre i costi e migliorare i servizi medici per i dipendenti.

Negli Usa, il settore sanitario è cruciale, soggiogato alle lobby economiche e alle dinamiche commerciali.

Negli Usa assicurazioni sanitarie molto importanti

Qualche anno fa, un film di Michael Moore fece scalpore. Almeno in chi non conosceva come stessero le cose a livello sanitario negli Usa. Ossia Sicko. La pellicola mostrava come venivano trattati i pazienti privi di copertura sanitaria, come una anziana poco cosciente accompagnata qualche chilometro più in là dall’ospedale tramite Taxi. E scaricare per strada. Alla fine del film, Michael Moore si reca a Cuba per farsi curare, dove viene accolto col tappeto rosso da ottimi medici. Un autentico schiaffo al capitalismo americano.

Le cose nella sanità americana non sono neanche migliorare sotto la guida di Barack Obama, il quale ha varato l’Obamacare. Ma il provvedimento è risultato molto più annacquato dei suoi intenti iniziali. Dato che Obama ha perso una Camera nelle prime elezioni di midterm del primo mandato (è diventato, per utilizzare un gergo politico americano, una “anatra zoppa) e poi la maggioranza nel corso del secondo mandato. Del resto, ha trovato ostilità anche all’interno del suo stesso Partito democratico. Pure agganciato alle lobby americane, ma anche più ipocrita del Partito repubblicano di cui almeno si sa ciò.

Donald Trump ha anche inserito nel suo programma l’abolizione dell’Obamacare. Vedremo se ci riuscirà.

Alla luce di ciò, non sorprende la strategia di Walmart. Che pur essendo il più grande rivenditore del mondo, resta un importante attore nel settore della distribuzione farmaceutica, su cui anche Amazon ha messo gli occhi e dove il colosso italo-americano Walgreens Boots Alliance recita un ruolo nevralgico sul mercato. Ciò che è certo il consolidamento in atto. Tra le maxi-fusioni degli ultimi mesi c’è stato l’accordo da 69 miliardi di dollari a dicembre tra il colosso delle farmacie Cvs e la rivale di Humana, Aetna.

Mentre a marzo la compagnia di assicurazioni sanitarie Cigna ha comprato Express Scripts Holding, il più grande gestore di farmaci da prescrizione negli Stati Uniti, per 54 miliardi di dollari.

Walmart cos’è

Walmart Inc. è una multinazionale americana che gestisce una catena di ipermercati, grandi magazzini discount e negozi di alimentari. Con sede a Bentonville, in Arkansas, la compagnia fu fondata da Sam Walton nel 1962 e incorporata il 31 ottobre 1969. Possiede e gestisce anche i magazzini al dettaglio del Sam’s Club.

A partire dal 31 gennaio 2018, Walmart ha 11.718 negozi e club in 28 paesi, operanti con 59 nomi diversi. La società opera sotto il nome di Walmart negli Stati Uniti e in Canada, come Walmart de México e Centroamerica in Messico e America Centrale, come Asda nel Regno Unito, come Gruppo Seiyu in Giappone e come miglior prezzo in India. Ha una proprietà interamente controllata in Argentina, Cile, Brasile e Canada.

Walmart è la società più grande del mondo per fatturato – circa 480 miliardi di dollari secondo la lista Fortune Global 500 nel 2016 – e il più grande datore di lavoro privato al mondo con 2,3 milioni dipendenti. È un’azienda a conduzione familiare quotata in borsa, poiché la società è controllata dalla famiglia Walton. Gli eredi di Sam Walton possiedono oltre il 50% di Walmart attraverso la loro holding, Walton Enterprises, e attraverso le loro partecipazioni individuali.

Walmart è stato il più grande rivenditore di alimentari negli Stati Uniti nel 2016 e il 62,3% delle vendite di Walmart negli Stati Uniti è stato di $ 478,614 miliardi.La società ha debuttato alla Borsa di New York nel 1972. Nel 1988, Walmart era il rivenditore più redditizio nel Stati Uniti e nell’ottobre 1989 era diventato il più grande in termini di entrate.

Originariamente, geograficamente limitato al Sud e al basso Midwest, all’inizio degli anni ’90, l’azienda aveva negozi da costa a costa: il Sam’s Club aperto nel New Jersey nel novembre 1989 e il primo outlet californiano aperto a Lancaster nel luglio 1990.

Gli investimenti di Walmart al di fuori del Nord America hanno visto risultati contrastanti: le sue operazioni nel Regno Unito, in Sud America e in Cina hanno un grande successo, mentre le iniziative in Germania e Corea del Sud no.

Walmart origini

Nel 1945, l’uomo d’affari e l’ex dipendente di J.C. Penney, Sam Walton, acquistò una filiale dei negozi di Ben Franklin dai Butler Brothers. Il suo obiettivo principale era la vendita di prodotti a prezzi bassi per ottenere vendite a più alto volume con un margine di profitto inferiore, ritraendolo come una crociata per il consumatore. Ha sperimentato battute d’arresto perché il prezzo di leasing e l’acquisto delle filiali erano insolitamente alti, ma era in grado di trovare fornitori a basso costo rispetto a quelli utilizzati da altri negozi.

Ha trasmesso i risparmi sui prezzi dei prodotti. Le vendite sono aumentate del 45 percento nel suo primo anno di proprietà fino a 105.000 USD di fatturato, che sono aumentati a $ 140.000 l’anno successivo ea $ 175.000 l’anno successivo. Entro il quinto anno, il negozio stava generando $ 250.000 di entrate. Quando il contratto di locazione è scaduto, Walton non è stato in grado di raggiungere un accordo per il rinnovo, quindi ha aperto un nuovo negozio al 105 N. Main Street a Bentonville, nominandolo “Walton’s Five and Dime”.

Il 2 luglio 1962, Walton aprì il primo negozio Walmart Discount City a 719 W. Walnut Street a Rogers, in Arkansas. L’edificio è ora occupato da un negozio di ferramenta e da un centro commerciale antico, mentre il “Negozio n. 1” dell’azienda è stato trasferito in un grande discount e ora si è espanso in un Supercenter a diversi isolati a ovest a 2110 W. Walnut Street. Nei primi cinque anni, l’azienda si espanse in 24 negozi in tutto l’Arkansas e raggiunse i 12,6 milioni di dollari di vendite. Nel 1968, ha aperto i suoi primi negozi al di fuori dell’Arkansas, a Sikeston, nel Missouri e a Claremore, in Oklahoma

Walmart storia

La società fu incorporata come Wal-Mart, Inc. il 31 ottobre 1969 e cambiò il suo nome in Wal-Mart Stores, Inc. nel 1970. Lo stesso anno aprì il suo ufficio di casa e il primo centro di distribuzione a Bentonville, in Arkansas.

Aveva 38 negozi che operavano con 1.500 dipendenti e vendite di $ 44,2 milioni. Cominciò a negoziare titoli azionari come una società pubblica il 1 ° ottobre 1970 e fu presto quotata alla Borsa di New York. La prima divisione azionaria si è verificata nel maggio 1971 ad un prezzo di $ 47. A quel tempo, Walmart operava in cinque stati: Arkansas, Kansas, Louisiana, Missouri e Oklahoma; Entrò nel Tennessee nel 1973 e nel Kentucky e nel Mississippi nel 1974. Mentre si spostava in Texas nel 1975, c’erano 125 negozi con 7.500 dipendenti e un fatturato totale di 340,3 milioni di dollari.

Negli anni ’80, Walmart continuò a crescere rapidamente e 25° anniversario nel 1987, c’erano 1.198 negozi con vendite di $ 15,9 miliardi e 200.000 associati.

Quest’anno ha segnato anche il completamento della rete satellitare dell’azienda, un investimento di 24 milioni di dollari che collega tutte le unità operative con l’ufficio di Bentonville tramite trasmissione voce e dati a due vie e comunicazione video a senso unico. All’epoca, era la più grande rete privata di satelliti, consentendo all’ufficio aziendale di tracciare l’inventario e le vendite e di comunicare immediatamente ai negozi.

Nel 1988, Walton si dimise da amministratore delegato e fu sostituito da David Glass. Walton rimase Presidente del Consiglio. All’interno del Walmart Supercenter di West Plains, nel Missouri. Con il contributo dei suoi superstore, la compagnia superò Toys “R” Us nelle vendite di giocattoli alla fine degli anni ’90.

Mentre era il rivenditore n. 3 negli Stati Uniti, Walmart era più redditizio rispetto ai rivali Kmart e Sears alla fine degli anni ’80. Nel 1990, divenne il più grande rivenditore statunitense per entrate. Prima dell’estate del 1990, Walmart non aveva alcuna presenza sulla costa occidentale o nel nord-est (eccetto per un singolo Sam’s Club nel New Jersey aperto nel novembre 1989) , ma in luglio e ottobre di quell’anno, aprì i suoi primi negozi in California e in Pennsylvania, rispettivamente.

Verso la metà degli anni ’90, è stato di gran lunga il rivenditore più potente negli Stati Uniti e si è espanso in Messico nel 1991 e in Canada nel 1994. I negozi Walmart sono stati aperti in tutto il resto degli Stati Uniti, con il Vermont che è stato l’ultimo stato a ottenere un negozio nel 1995.

La società ha anche aperto negozi al di fuori del Nord America, entrando nel Sud America nel 1995 con negozi in Argentina e Brasile; e in Europa nel luglio 1999, acquistando Asda nel Regno Unito per $ 10 miliardi. Nel 1998 Walmart introdusse il concetto di mercato del vicinato con tre negozi in Arkansas. Entro il 2005, le stime indicano che la compagnia controllava circa il 20% del commercio al dettaglio di generi alimentari e beni di consumo.

Nel 2000, H. Lee Scott divenne presidente e CEO di Walmart mentre le vendite della società aumentavano a $ 165 miliardi. Nel 2002, è stato eletto per la prima volta come la più grande società americana nell’elenco di Fortune 500, con ricavi per 219,8 miliardi di dollari e profitti per 6,7 miliardi di dollari. È rimasto lì ogni anno tranne il 2006, il 2009 e il 2012.

Nel 2005, Walmart ha registrato vendite per 312,4 miliardi di dollari, oltre 6.200 strutture in tutto il mondo, tra cui 3.800 negozi negli Stati Uniti e 2.800 altrove, con oltre 1,6 milioni di dipendenti. La sua presenza negli Stati Uniti crebbe così rapidamente che solo piccole tasche del paese rimasero a più di 60 miglia (97 chilometri) dal negozio più vicino.

Mentre Walmart si espandeva rapidamente nella più grande società del mondo, molti critici erano preoccupati per i suoi effetti sulle comunità locali, particolarmente piccole città con molti negozi “mamma e pop”. Ci sono stati diversi studi sull’impatto economico di Walmart sulle piccole città e le imprese locali, i posti di lavoro ei contribuenti.

In uno, Kenneth Stone, professore di economia all’Iowa State University, ha scoperto che alcune piccole città possono perdere quasi la metà della loro attività al dettaglio entro dieci anni dall’apertura di un negozio Walmart. Tuttavia, in un altro studio, ha confrontato i cambiamenti a quelli che i piccoli negozi hanno dovuto affrontare in passato – tra cui lo sviluppo delle ferrovie, l’avvento del catalogo Sears Roebuck e l’arrivo dei centri commerciali – e ha concluso che i proprietari di negozi che si adattano i cambiamenti nel mercato al dettaglio possono prosperare dopo l’arrivo di Walmart.

Uno studio successivo in collaborazione con la Mississippi State University ha mostrato che “ci sono” impatti sia positivi che negativi sui negozi esistenti nell’area in cui si trova il nuovo supercentro “. All’indomani dell’uragano Katrina nel settembre 2005, Walmart ha utilizzato la sua rete logistica per organizzare una risposta rapida al disastro, donando 20 milioni di dollari, 1.500 camion carichi di merci, cibo per 100.000 pasti e la promessa di un lavoro per ognuno dei suoi lavoratori sfollati.

Uno studio indipendente di Steven Horwitz della St. Lawrence University ha scoperto che Walmart, The Home Depot e Lowe’s hanno utilizzato le loro conoscenze locali sulle catene di approvvigionamento, le infrastrutture, i responsabili delle decisioni e altre risorse per fornire approvvigionamenti di emergenza e riaprire i negozi molto prima dell’emergenza federale L’agenzia di gestione (FEMA) ha iniziato la sua risposta.

Mentre la società è stata lodata per la sua rapida risposta tra le critiche alla FEMA, diversi critici hanno rapidamente sottolineato che rimanevano ancora problemi con i rapporti di lavoro della società.

Nell’ottobre 2005, Walmart ha annunciato diverse misure ambientali per aumentare l’efficienza energetica. Gli obiettivi principali includevano la spesa di $ 500 milioni all’anno per aumentare l’efficienza del carburante nella flotta di Walmart del 25% in tre anni e raddoppiarla entro dieci, ridurre le emissioni di gas serra del 20% in sette anni, ridurre il consumo energetico nei negozi del 30% e tagliare i rifiuti solidi dai negozi statunitensi e dai club di Sam del 25% in tre anni.

Il CEO Lee Scott ha affermato che l’obiettivo di Walmart era quello di essere un “buon amministratore dell’ambiente” e in ultima analisi utilizzare solo fonti di energia rinnovabili e produrre rifiuti zero. La società ha inoltre progettato tre nuovi negozi sperimentali con turbine eoliche, pannelli solari fotovoltaici, caldaie con biocarburanti, frigoriferi raffreddati ad acqua e giardini xeriscape. Nonostante molte critiche al suo record ambientale, Walmart ha fatto alcuni passi in quella che alcuni consideravano una direzione positiva, che comprendeva diventare il più grande venditore di latte biologico e il più grande acquirente di cotone biologico al mondo, riducendo i costi di imballaggio e energia.

Walmart ha anche trascorso quasi un anno a lavorare con consulenti esterni per scoprire l’impatto ambientale totale dell’azienda e trovare aree di miglioramento. Walmart ha creato la propria azienda elettrica nel Texas, Texas Retail Energy, che ha pianificato di fornire ai propri negozi energia a basso costo acquistata a prezzi all’ingrosso. Attraverso questa nuova impresa, la società prevede di risparmiare 15 milioni di dollari l’anno e anche di gettare le fondamenta e le infrastrutture per vendere elettricità ai consumatori del Texas in futuro.

Nel marzo 2006, Walmart ha cercato di appellarsi a un pubblico più ricco. L’azienda ha lanciato un nuovo concetto di Supercenter a Plano, in Texas, destinato a competere con negozi considerati più sofisticati e accattivanti, come Target. Il nuovo negozio ha pavimenti in legno, corridoi più ampi, un sushi bar, un caffè / paninoteca con accesso gratuito a Internet Wi-Fi, e birre più costose, vini, elettronica e altri beni. L’esterno ha uno sfondo verde cacciatore dietro le lettere Walmart, simile al mercato di quartiere di Walmarts, invece del blu precedentemente utilizzato nei suoi supercentri.

Il 12 settembre 2007, Walmart ha introdotto una nuova pubblicità con lo slogan “Risparmia, vivi meglio”, sostituendo “Sempre prezzi bassi, sempre”, che aveva usato per i precedenti 19 anni. Global Insight, che ha condotto la ricerca che ha supportato le pubblicità, ha rilevato che la riduzione del livello dei prezzi di Walmart ha prodotto risparmi per i consumatori di $ 287 miliardi nel 2006, pari a $ 957 per persona o $ 2.500 per famiglia (+ 7,3% rispetto alla stima del risparmio di $ 2,329). Il 30 giugno 2008, Walmart ha rimosso il trattino dal logo e ha sostituito la stella con un simbolo Spark che assomiglia a una solarizzazione, un fiore o una stella.

Il nuovo logo ha ricevuto recensioni contrastanti da critici del design, che si sono chiesti se il nuovo logo fosse audace come quelli dei concorrenti, come il bersaglio Bullseye o immediatamente riconoscibile come il precedente logo aziendale, utilizzato per 18 anni. Il nuovo logo ha fatto il suo debutto sul sito Web dell’azienda il 1 ° luglio 2008. Le sedi degli Stati Uniti di Walmart dovevano aggiornare i loghi dei negozi nell’autunno del 2008, come parte di un’evoluzione continua del proprio marchio. Walmart Canada ha iniziato ad adottare il logo per i suoi negozi all’inizio del 2009.

Il 20 marzo 2009, Walmart ha annunciato che stava pagando un premio combinato di 933,6 milioni di dollari in bonus a tutti i lavoratori a tempo pieno ea tempo parziale. Oltre a $ 788,8 milioni di profitti, 401 (k) contributi pensionistici, centinaia di milioni di dollari in sconti su merci e contributi al piano di acquisto titoli dei dipendenti. Mentre l’economia in generale era in recessione, Walmart riportò solidi dati finanziari per l’ultimo anno fiscale (conclusosi il 31 gennaio 2009), con $ 401,2 miliardi di vendite nette, un aumento del 7,2% rispetto all’anno precedente.

I proventi da operazioni continue sono aumentati del 3% a $ 13,3 miliardi e gli utili per azione sono aumentati del 6% a $ 3,35. Il 22 febbraio 2010, la società ha confermato che stava acquistando la società di video streaming Vudu, Inc. per circa $ 100 milioni.

Walmart oggi

La flotta di camion di Walmart registra milioni di miglia all’anno e la compagnia ha pianificato di raddoppiare l’efficienza della flotta tra il 2005 e il 2015. I

Nel gennaio 2011, Walmart ha annunciato un programma per migliorare il valore nutrizionale delle marche dei suoi negozi in cinque anni, riducendo gradualmente la quantità di sale e zucchero ed eliminando completamente il grasso trans. Walmart ha anche promesso di negoziare con i fornitori per quanto riguarda le questioni nutrizionali, ridurre i prezzi per cibi e verdure intere e aprire negozi in zone a basso reddito, i cosiddetti “deserti alimentari”, dove non ci sono supermercati.

Il 23 aprile 2011, la società ha annunciato che stava testando il suo nuovo sistema di consegna a domicilio “Walmart To Go” in cui i clienti saranno in grado di ordinare articoli specifici offerti sul loro sito web. Il test iniziale era a San Jose, in California, e la società non ha ancora precisato se il sistema di consegna sarà implementato a livello nazionale. Il 14 novembre 2012, Walmart ha lanciato il suo primo servizio di abbonamento alla posta chiamato Goodies.

I clienti pagano un abbonamento mensile di $ 7 per 5-8 campioni alimentari consegnati ogni mese, quindi possono provare nuovi alimenti. Nell’agosto 2013, l’azienda ha annunciato di essere in trattative per acquisire una quota di maggioranza nella catena di supermercati con base in Kenya, Naivas. Nel giugno 2014 alcuni impiegati di Walmart hanno scioperato nelle principali città statunitensi chiedendo salari più alti.

Nel luglio 2014, l’attore comico Tracy Morgan ha intentato una causa contro Walmart per un incidente a catena causato dal conducente d uno dei rimorchi della ditta che non aveva dormito per 24 ore. La limousine di Morgan fu colpita dal rimorchio, ferendo lui e due compagni di viaggio e uccidendo un quarto commilitone James McNair.

Walmart si stabilì con la famiglia McNair per $ 10 milioni, pur non ammettendo alcuna responsabilità. Morgan e Walmart hanno raggiunto un accordo nel 2015 per un importo non divulgabile, anche se Walmart in seguito ha accusato i suoi assicuratori di “malafede” nel rifiutare di pagare l’accordo.

Nel 2015, la società ha chiuso cinque negozi con breve preavviso per l’idraulica riparazioni. Tuttavia, i dipendenti e l’Unione internazionale dei lavoratori e dei lavoratori commerciali (UFCW) hanno affermato che alcuni negozi sono stati chiusi in rappresaglia per scioperi finalizzati ad aumentare i salari e migliorare le condizioni di lavoro.

L’UFCW ha presentato una denuncia al National Labour Relations Board. Da allora, tutti e cinque i negozi sono stati riaperti. Il 14 ottobre 2015, Walmart ha visto le sue azioni scendere del 10%. Nel 2015, Walmart è stato il più grande produttore commerciale di energia solare negli Stati Uniti con una capacità di 142 MW e 17 progetti di stoccaggio dell’energia.

Questo pannello solare sorgeva principalmente sui tetti, mentre altri 20.000 m2 per le pensiline solari sopra i parcheggi. Il 15 gennaio 2016, Walmart annunciò che avrebbe chiuso 269 negozi nel 2016, con un impatto di 16.000 lavoratori. 54 di questi negoz isono stati chiusi negli Stati Uniti (150 negozi Walmart negli Stati Uniti, 115 negozi Walmart International e 4 Sam’s Clubs). Il 95 percento di questi negozi negli Stati Uniti si trovava, in media, a 10 miglia da un altro negozio Walmart.

I 269 negozi rappresentavano meno dell’1% della metratura globale e le entrate dell’azienda. Tutte le 102 sedi di Walmart Express, che erano state in un programma pilota dal 2011, sono state incluse nelle chiusure. Walmart ha pianificato di concentrarsi sul “rafforzamento dei Supercenters, sull’ottimizzazione dei mercati di vicinato, sulla crescita del business dell’e-commerce e sull’espansione dei servizi di ritiro per i clienti”.

Nell’anno fiscale 2017, la società ha aperto tra i 50 e 60 Supercenters, da 85 a 95 Neighborhood Market, dai 7 ai 10 Sam’s Clubs e dai 200 ai 240 posizioni internazionali. Alla fine del 2016, Walmart ha aperto 38 Supercenters e trasferito, ampliato o convertito 21 discount in Supercenters, per un totale di 59 Supercenters, e aperto 69 Neighborhood Market, 8 Sam’s Clubs e 173 location internazionali, e trasferito, ampliato o convertito 4 posizioni per un totale di 177 sedi internazionali.

L’8 agosto 2016, Walmart ha annunciato un accordo per l’acquisizione del sito di e-commerce Jet.com per 3,3 miliardi di dollari. Il co-fondatore e CEO di Jet.com Marc Lore è rimasto a far girare Jet.com oltre a Walmart’s operazione di e-commerce esistente negli Stati Uniti. L’acquisizione è stata strutturata come un pagamento di $ 3 miliardi in contanti e ulteriori $ 300 milioni in azioni Walmart maturati nel tempo come parte di un piano di incentivi per i dirigenti di Jet.com.

Il 19 ottobre 2016, Walmart ha annunciato che collaborerà con IBM e Tsinghua University per monitorare la catena di approvvigionamento di maiale in Cina utilizzando blockchain. Il 15 febbraio 2017, Walmart ha annunciato l’acquisizione di Moosejaw, un rivenditore online attivo e leader online, per circa $ 51 milioni. L’acquisizione è stata chiusa il 13 febbraio 2017. Il 16 giugno 2017, Walmart ha accettato di acquisire la società di abbigliamento maschile Bonobos per $ 310 milioni nel tentativo di espandere le sue partecipazioni di moda.

Poiché l’annuncio dell’accordo ha coinciso con l’acquisizione di Whole Foods Market da parte di Amazon, il mercato azionario ha reagito negativamente, con le partecipazioni di Walmart sul NYSE in calo del 6%.

Il 29 settembre 2017, Walmart ha acquisito Parcel, una società di consegna basata sulla tecnologia, nello stesso giorno e nell’ultimo miglio a Brooklyn. L’annuncio di acquisizione ha visto le azioni Walmart salire oltre l’1%.

Il 6 dicembre 2017, Walmart ha annunciato che cambierà la propria ragione sociale in Walmart Inc. da Wal-Mart Stores Inc. a partire dal 1 febbraio 2018. Nel marzo 2018, Walmart ha annunciato che sta producendo il proprio marchio di pasti “meal kit” (si tratta di un servizio in abbonamento che invia ai clienti ingredienti e ricette alimentari per preparare pasti casalinghi) in tutti i suoi negozi che prevedono il servizio Blue Apron progettato per servire due persone.

Obamacare cosa prevede

Cosa prevede l’Obamacare? Il Patient Protection and Affordable Care Act, spesso abbreviato con l’Affordable Care Act (ACA) o soprannominato Obamacare, è uno statuto federale degli Stati Uniti emanato dal 111° Congresso degli Stati Uniti e convertito in legge dal Presidente Barack Obama il 23 marzo 2010. Il Il termine “Obamacare” fu usato per la prima volta dagli avversari, poi riappropriato dai sostenitori, ed usato all’occorrenza dallo stesso Presidente Obama.

Unitamente all’emendamento sulla Sanità e alla legge sulla riconciliazione dell’istruzione del 2010, rappresenta la revisione più significativa del sistema sanitario statunitense e l’espansione della copertura dal passaggio di Medicare e Medicaid nel 1965.

Le principali disposizioni dell’ACA sono entrate in vigore nel 2014. Entro il 2016, la quota non assicurata della popolazione si è approssimativamente dimezzata, con stime che vanno da 20-24 milioni di persone aggiuntive coperte nel 2016. L’aumento della copertura è dovuto, approssimativamente allo stesso modo, a un’espansione dell’ammissibilità di Medicaid e a importanti cambiamenti nei singoli mercati assicurativi.

Entrambi hanno comportato nuove spese, finanziate attraverso una combinazione di nuove tasse e tagli alle tariffe dei provider Medicare e Medicare Advantage. Diverse relazioni del Congressional Budget Office hanno detto che nel complesso queste disposizioni hanno ridotto il deficit di bilancio, che abrogando l’ACA aumenterebbe il deficit e che la legge ha ridotto la disuguaglianza di reddito tassando principalmente l’1% superiore per finanziare circa $ 600 di benefici in media alle famiglie nel 40% inferiore della distribuzione del reddito.

La legge ha anche promulgato una serie di riforme del sistema di consegna volte a limitare i costi sanitari e migliorare la qualità. Dopo l’entrata in vigore della legge, gli aumenti della spesa sanitaria complessiva sono diminuiti, compresi i premi per i piani assicurativi basati sul datore di lavoro. L’atto mantiene sostanzialmente la struttura esistente di Medicare, Medicaid e il mercato dei datori di lavoro, ma i singoli mercati sono stati radicalmente revisionati intorno ad uno schema a tre gambe.

Gli assicuratori in questi mercati sono obbligati ad accettare tutti i richiedenti e ad applicare le stesse tariffe indipendentemente dalle condizioni o dalle disposizioni preesistenti. Per combattere la selezione avversa risultante, l’atto impone che le persone comprino assicurazioni e gli assicuratori coprano un elenco di “benefici per la salute essenziali”.

Tuttavia, l’abrogazione del mandato fiscale, emanato nell’ambito del Tax Cuts and Jobs Act del 2017, entrerà in vigore nel 2019. Per aiutare le famiglie tra il 100% e il 400% della Federal Poverty Line a pagare queste polizze obbligatorie, la legge prevede l’assicurazione sovvenzioni premium. Altre variazioni del mercato individuale includono mercati della salute e programmi di aggiustamento del rischio. L’atto ha anche affrontato sfide e opposizione. La Corte Suprema ha stabilito nel 2012 che gli stati potrebbero scegliere di non partecipare all’espansione Medicaid dell’ACA, sebbene abbia confermato la legge nel suo complesso. Lo scambio sanitario federale, HealthCare.gov, ha affrontato importanti problemi tecnici all’inizio del suo lancio nel 2013.

Nel 2017, il governo repubblicano non è riuscito ad approvare diverse abrogazioni parziali dell’ACA. La legge ha trascorso diversi anni contrastati riguardo l’opinione degli americani intervistati, sebbene le sue disposizioni singole fossero generalmente più popolari della legge nel suo insieme e la legge ha ottenuto il sostegno della maggioranza degli americani intervistati nel 2017.

LEAVE A REPLY