Amazon e Coronavirus, quali conseguenze ha subito?

Amazon ai tempi del Coronavirus. Ovviamente, anche il colosso dell’e-commerce ha dovuto rivedere i propri piani aziendali. Sebbene, ovviamente, la quarantena forzata abbia inevitabilmente aumentato la domanda di prodotti a domicilio.

Rientrando così tra quelle piattaforme che col Coronavirus ci hanno inevitabilmente guadagnato. Si pensi a Netflix o Disney Plus, data la costrizione delle persone dovute alla quarantena e la voglia di distrarsi.

Oltretutto, negli Usa Amazon consegna una miriade di prodotti ancora più ampia rispetto al nostro Paese. Con consegne anche tramite droni. Tuttavia, il Coronavirus ha colpito pure il colosso di Jeff Bezos.

Una situazione di cui approfittare per investire sul titolo. Attualmente la soluzione migliore è quella di utilizzare il broker eToro. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello del social trading che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui servizi di eToro clicca qui per visitare il sito ufficiale.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Come Amazon sta affrontando emergenza Coronavirus

Il primo caso di coronavirus in un magazzino di Amazon negli Stati Uniti si è verificato il 18 marzo, nel Queens, situato nello stato di New York. Peraltro, il più colpito tra gli stati americani dalla Pandemia Covid-19.

Ad oggi, i casi totali sono stati più di cinquanta e così Amazon ha dovuto da un lato fronteggiare alla richiesta di prodotti da parte di clienti impossibilitati a muoversi. Dall’altro, dover garantire la sicurezza sanitaria dei suoi dipendenti nei magazzini.

Negli Usa, il Covid-19 viaggia in modo molto veloce e lì non hanno certo il sistema sanitario nazionale italiano o di qualsivoglia paese europeo. Almeno in termini organizzativi (visto che in Italia le criticità non mancano). Le proteste e lo scetticismo dei dipendenti è dilagante.

Nel mese di marzo, molti si lamentavano del fatto che la società non li avvertiva qualora ci fossero casi di contagio. Basti pensare che nella prima settimana di marzo, Amazon America ha offerto ai suoi dipendenti il cosiddetto “unlimited unpaid leave”.

Ovvero: se non te la senti di venire sul posto di lavoro puoi assentarti e non lo perderai. Ma, al contempo, non sarai retribuito se resti a casa. In barba al diritto ormai universale alla malattia o alla ferie retribuita. Come viene fatto per alcune aziende italiane.

Solo chi risultava realmente contagiato dal coronavirus Covid-19, aveva la malattia pagata. Ciò significa che molti sono andati ugualmente a lavorare, si sono trasmessi tra loro il virus. Magari molti non hanno avuto conseguenze, ma altri sono stati male e costretti a restare a casa.

Poi si è verificato un classico made in Usa: alcuni dipendenti di un magazzino di Staten Island hanno organizzato un piccolo sciopero, che ha portato al licenziamento dell’organizzatore: Chris Smalls.

E’ poi emerso che l’avvocato di Amazon, David Zapolsky, puntava rendere quest’ultimo un capro espiatorio. Ovviamente il danno d’immagine è stato rilevante, soprattutto per un’azienda che macina ogni anno fatturati da capogiro, col Ceo che risulta essere il più ricco del Mondo.

Certo, il portale sarà solo sfiorato da tutto ciò. Dato il prestigio e la fidelizzazione che ha raggiunto negli Usa come altrove.

Tuttavia, qualcosa si è mosso e Amazon ha iniziato a prendere provvedimenti, come far rispettare la dovuta distanza consigliata dall’Oms (1 metro minimo) e far misurare ai dipendenti la temperatura all’entrata. Ancora, promette presto l’arrivo di mascherine per tutti e pagherà buona parte dello stipendio a chi resta a casa.

Occorre comunque dire che il problema non riguarda solo Amazon. Molte altre imprese non stanno facendo molto per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

Del resto, il problema parte dai vertici, visto il continuo braccio di ferro tra Trump che non vuole imporre il totale lockdown e Anthony Fauci, il massimo esperto di malattie infettive americano, che invece spinge affinché ci sia il maggior numero di chiusure possibili. Con la lotta tra i due finita irrimediabilmente anche su Twitter in questi giorni.

E In Italia? Anche da noi, Amazon è stata oggetto di proteste e scioperi in vari magazzini. Più o meno, comunque, anche qui l’azienda ha iniziato a prendere iniziative per mitigare il problema. Con promesse di dotare i dipendenti di mascherine e salari leggermente aumentati.

In generale, dal 21 marzo Amazon in Italia e Francia ha deciso per la spedizione solo di beni di prima necessità. Intendendo per essi “articoli per bambini, apparecchiature per la salute e la casa, la bellezza e la cura della persona, la spesa e le forniture industriali, scientifiche e per animali domestici”.

Il che è ovviamente un danno per le piccole e medie imprese che tramite il portale, vendono prodotti di altre categorie. Ma ovviamente, occorre anche tutelare la salute dei dipendenti. Di cui spesso si dimentica.

Piattaforme per investire in Amazon

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
eToro social trading
Social trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioISCRIVITI
plus500
Servizio CFDDemoISCRIVITI
fxtb
Corso trading gratis, CFDSegnali gratuitiISCRIVITI
Trade.com
Forex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Come vanno azioni Amazon con Coronavirus

Il titolo Amazon ha subito un pesante crollo dal 20 febbraio. Quando quotava 2.170 dollari ed è giunto a poco più di 1.600 dollari il 12 marzo.

Poi dal 16 marzo è iniziata la ripresa, non senza qualche caduta. Col titolo che si è definitivamente ripreso dal 3 aprile quando quotava 1.900 dollari. Il titolo si sta lentamente riposizionando sul periodo pre-crisi da virus.

Ciò conferma che, dopo la batosta iniziale, il colosso di Jeff Bezos si sta riprendendo grazie agli ordini che comunque non sono venuti a mancare, seppur con tutte le difficoltà sopra descritte.

Del resto, i primi 2 mesi del 2020 sono stati straordinari per le azioni Amazon. Il quale aveva superato il muro dei 2mila dollari ad inizio febbraio. Tornando sui livelli già conosciuti la scorsa estate. Tutto lascia presagire che il rally del titolo Amazon sia ripreso.

Per saperne di più vi invitiamo a leggere il nostro articolo: Come comprare azioni Amazon.

Fare trading sul titolo Amazon con eToro

Come investire su Amazon e approfittare della ripresa delle sue azioni? Un ottimo modo è farlo tramite il Broker eToro (clicca qui per il sito ufficiale). E tramite i Cfd, i contract for difference che pagano un profitto in base alla differenza tra il valore nominale che l’asset aveva al momento della sua sottoscrizione e quello che ha quando il contratto scade.

Tramite i CFD, si può investire su una pluralità di asset di svariata natura, sfruttando la Leva finanziaria.

Il Broker eToro non prevede commissioni sui trade ma solo lo spread. Infatti, viene definito spread-only. Inoltre, gode di licenza CySEC e mette a disposizione dei suoi trader vari servizi innovativi.

Come il Social network destinato ai trader, il Social trading. Il Copy trading per guadagnare copiando quanto fanno i trader esperti: il CopyTrader. Infine, i Copyfounds, per investire su interi panieri di asset gestiti da sofisticati algoritmi.

Per aprire un account gratuito su eToro visitate questa pagina.

Fare trading sul titolo Amazon con Investous

Altro Broker molto interessante tramite il quale è possibile investire sulle azioni Amazon è Investous (clicca qui per saperne di più). Anche esso con sede a Cipro, spread-only e con regolare licenza CySEC.

Investous prevede 4 tipi di account diversi, ciascuno che richiede un livello maggiore di importo d’ingresso per iscriversi. Ma, ovviamente, più servizi a disposizione.

Il Broker offre altresì un Conto demo con 100mila dollari virtuali e i segnali di trading elaborati dal colosso del settore Trading Central. Operativo da oltre vent’anni in più paesi. Con sedi a New York, Hong Kong e Parigi.

I segnali di trading di Trading Central sono stati insigniti per diversi anni di seguito con i prestigiosi Technical Analytiscs Awards. Ed iscrivendosi ad Investous sono offerti per giunta gratuitamente.

Puoi ottenere i segnali gratis di Investous da qui.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.