Amazon Alexa: come funziona l’assistente vocale

Cos’è Amazon Alexa? Come funziona Amazon Alexa? La storia di Amazon ha dell’incredibile. Se si pensa che è nata nel corso della bolla dei dat-com a fine anni ‘90, tra le poche a sopravvivere ma oggi diventata un colosso dell’ecommerce. Al punto che il suo fondatore e attuale Ceo, Jeff Bezos, è stato stimato da Forbes nella sua annuale classifica, come il più ricco del Mondo. Superando così il sempre presente sul podio Bill Gates e il Guru del trading Warren Buffet, chiamato pure l’oracolo di Omaha.

Il segreto di Amazon sta nel suo continuo investire in nuove prospettive tecnologiche, promettenti di sicuro guadagno. Non limitandosi quindi ad essere una piattaforma che metta in vetrina i prodotti altrui. Ma producendone di propri. Molto apprezzato è il dispositivo Amazon Alexa, di cui in questo articolo forniremo una recensione.

Amazon Alexa cos’è

Cos’è Amazon Alexa? Si tratta di uno speaker giunto alla sua seconda generazione e con diverse versioni derivative disponibili. Migliorato per quanto riguarda la musica offerta, la sua intelligenza e le sue abilità di assistente digitale. È prima di tutto un altoparlante wireless, ma capace di molto altro. Usando nient’altro che il suono della tua voce, puoi riprodurre musica, fare ricerche sul Web, creare cose da fare e liste della spesa, fare acquisti online, ottenere rapporti meteorologici immediati e controllare i popolari prodotti per la casa intelligente, tutto mentre il tuo smartphone rimane in tasca. E non hai bisogno quindi di smanettarci su.

Amazon Alexa come funziona

Alexa (dal nome dell’antica biblioteca di Alessandria) è il sistema di controllo vocale di Amazon. Ti consente di esprimere i tuoi desideri su un altoparlante Echo smart e vederli realizzati, almeno quelli semplici, come l’attenuazione delle luci o la riproduzione di brani musicali. Questa guida spiega come funziona, cosa è in grado di fare (e dove ancora è debole), problemi di privacy che puoi avere e come scegliere l’eco giusto per la tua casa.

Ciò che distingue Alexa ed Echo dagli assistenti vocali di prima generazione è la reattività. Non c’è nessun pulsante di attivazione da premere. Dì semplicemente la parola chiave (“Alexa”, “Echo”, “Amazon” o “Computer”) seguita da ciò che vuoi che accada, e di solito verrà eseguita, purché tu abbia impostato tutto correttamente e stanno usando il comando corretto.

Una volta che ti sei abituato alle stranezze, usare Alexa è molto più naturale e reattivo di parlare con un assistente vocale basato sul telefono come Siri di Apple. Di conseguenza, probabilmente ti ritroverai a usare il telefono meno frequentemente quando sei a casa.

Amazon ha creato un sistema di elaborazione in linguaggio naturale che è uno dei più facili con cui interagire. Se si fa una domanda o si consegna un comando, di solito non si deve chiedere due volte. Parte del successo di Alexa dipende dai numerosi microfoni molto sensibili incorporati in tutti i dispositivi Echo (un aggiornamento di febbraio 2017 richiede che i proprietari di Tap attivino questa funzione nel menu delle impostazioni).

Alexa ascolta sempre ed è pronta a rispondere. Per utilizzare Dot con il sistema Home Theater, collegalo tramite il cavo da 3,5 millimetri al ricevitore AV. Foto: Grant Clauser Come notato in precedenza, i dispositivi Echo trasmettono la tua voce al cloud solo quando gli chiedi di fare qualcosa (le tue richieste vengono visualizzate anche nell’app e puoi eliminarle se non vuoi lasciare un record). La parola sveglia predefinita è “Alexa”, ma puoi cambiarla in “Echo”, “Amazon” o “Computer”.

Una volta che dici la parola magica, il microfono riprende tutto ciò che dici e lo trasmette ai computer della cloud di Amazon per un’analisi rapida. Se è una domanda, può rispondere, ad esempio, “Alexa, che tempo fa oggi a Casoria?”, Una risposta arriva dal diffusore con una voce femminile, leggermente informatizzata. Se è la musica che desideri, Alexa cercherà attraverso il catalogo di Amazon Music o Amazon Prime Music per l’artista o il genere che hai richiesto (è però necessario un account Amazon Prime per accedere a Prime Music.)

Può anche riprodurre stazioni radio Internet di TuneIn, musica da Pandora (account gratuiti o iscritti), Spotify (solo conti abbonati) e iHeartRadio (abbonamento richiesto). Se si tratta di una richiesta di spegnere una luce o di regolare il termostato, la luce si spegne e la temperatura si regola, ma solo se è stata richiesta correttamente e correttamente integrata nel sistema.

Impostare Echo per riprodurre musica o aggiungere elementi a una lista della spesa è facile come chiedere ad Alexa. Una delle caratteristiche chiave di un dispositivo intelligente è che dovrebbe rendere più semplici le attività quotidiane comuni. Certo, spegnere le luci o regolare il termostato con un’app sul tuo iPhone è facile. Ma completare lo stesso compito pronunciando il comando mentre il telefono è inattivo nella tasca è ancora più semplice. Echo e Alexa sono per utenti di smart-home che pensano che persino lanciare un’app sia troppo noioso.

Eco ha una lista crescente di prodotti che può integrare direttamente, e quella lista include i prodotti di casa intelligente più popolari sul mercato, che copriamo in una guida separata. L’Echo Plus, con Zigbee integrato, aggiunge circa un centinaio di altri prodotti compatibili con Zigbee a quella lista. L’elenco dei prodotti con cui Alexa può lavorare in modo nativo è anche integrato da qualcosa che Amazon chiama “abilità” e applicazioni di integrazione di terze parti come IFTTT, Yonomi e Muzzley. (Di più su quelli di seguito.)

Amazon accetta attivamente più partner di integrazione e la sua API è disponibile per qualsiasi azienda che desidera i suoi servigi. Le integrazioni più facili sono con i prodotti che Alexa può lavorare direttamente, e quelli possono essere trovati nella sezione smart-home del menu dell’app. I sistemi partner includono le luci Philips Hue, il sistema di illuminazione Lutron Caséta, gli switch Belkin WeMo (sia a parete che a innesto, ma nessun altro prodotto WeMo), i termostati Nest (modelli di seconda e terza generazione), i termostati Ecobee, i Sensi termostato, l’interruttore di uscita TP-Link Kasa e le lampadine intelligenti LIFX, oltre agli hub Insteon, Wink e SmartThings.

In sostanza, l’integrazione di uno degli hub rende Echo in grado di controllare la maggior parte delle cose connesse a tali hub, aumentando in tal modo l’elenco delle cose che può controllare notevolmente. Inizialmente, si limitava a un’azione per comando vocale, ma ora è possibile stringere le attività che possono essere attivate con un singolo comando usando sia il raggruppamento che le routine. Ad esempio, è possibile raggruppare luci intelligenti per stanza o area, quindi disattivare quell’area con un comando (“Spegni la cucina”).

Le routine sono attività personalizzate che puoi programmare e che possono combinare dispositivi intelligenti (come le luci) con altre attività, come ad esempio il briefing mattutino. Ad esempio, è possibile creare una routine chiamata “buongiorno” che, una volta attivata, accenderà le luci della camera da letto e della cucina e riprodurrà le notizie in bagno. Le routine possono anche essere programmate per attivarsi automaticamente ad una certa ora, quindi potrebbe accendere le luci ogni giorno alle 6 del mattino senza che tu debba fare altro.

Sfortunatamente, le tracce musicali o le playlist non sono attualmente supportate dalle routine. Puoi anche utilizzare l’intera famiglia di altoparlanti Amazon Echo come sistema di interfono domestico. Se hai più Echos in tutta la casa, puoi avviare chat in stile walkie-talkie tra di loro con un comando vocale. Dovrai prima configurarlo, assegnando a ciascuno dei nomi dei tuoi dispositivi e abilitando la funzione “drop-in”. Puoi anche chiedere a Echo di effettuare chiamate telefoniche gratuite a qualsiasi telefono semplicemente dicendo “Alexa, chiama xxx-xxx-xxxx”.

Se disponi di uno dei modelli Echo abilitati al video (Show o Spot), puoi attivare video chiamate, senza costi aggiuntivi. Se sei un proprietario di un dispositivo Android, a partire dal 2018 puoi anche usare Alexa in testo (purché non sia un testo di gruppo).

Un’altra caratteristica intelligente di Echo e Alexa, e una che è vicina al fulcro di Amazon, è lo shopping a comando vocale. Lo shopping vocale è disponibile solo per i membri Prime e solo i prodotti Prime idonei possono essere acquistati in questo modo. Ci sono alcune restrizioni oltre a questo. Ad esempio, non puoi ordinare vestiti, scarpe, orologi o gioielli con la voce. Per comprare qualcosa, chiedi ad Alexa di ordinare il tuo oggetto. Lo cercherà e ti dirà il prezzo e ti chiederà di confermare con un codice di sicurezza a quattro cifre (che avresti già configurato nell’app) che impedisce a bambini e sconosciuti di effettuare acquisti non autorizzati.

L’acquisto viene addebitato sul metodo di pagamento predefinito. Spesso Amazon offre offerte speciali esclusive per gli acquirenti voce. Puoi imparare a riguardo chiedendo “Alexa, quali sono le offerte di oggi?”

Amazon Alexa, Echo cos’è e come funziona

Sebbene Echo sia un diffusore a sé stante, puoi ottenere un suono migliore se lo streaming musicale è tutto ciò che stai cercando. Il vero motivo per ottenere subito un Echo è perché vuoi la piattaforma di controllo vocale di Alexa, che rende molto più semplice l’interazione con il tuo altoparlante e altri dispositivi.

Il controllo vocale ti libera dall’essere costantemente legato al tuo smartphone. Se pensavi che la transizione dal passaggio dalla luce alla pressione dei pulsanti dello smartphone stava cambiando, allora lasciare che Alexa controlli le tue cose sarebbe ancora più soddisfacente. Alexa è particolarmente utile per gli utenti di smart-home perché ti permette di controllare i tuoi dispositivi compatibili con Alexa senza dover estrarre il telefono e avviare un’app.

Alexa ha un’app, ma è principalmente per l’installazione e la configurazione, o per aggiungere nuove abilità o per visualizzare le cose da fare e le liste della spesa. La maggior parte delle volte, Echo, Tap e Dot ti permettono di accedere alle utili funzioni di Alexa senza dover interagire con uno schermo (Echo Show e Spot includono schermi integrati). Senza toccare nulla, puoi entrare in una stanza silenziosa e chiedere musica, o entrare in una stanza buia e chiedere le luci.

A parte chiedere musica, puoi usare Alexa per cercare Wikipedia (“Alexa, che era Guy Fawkes?”) , fai rapide conversioni di cucina (“Alexa, quante pinte sono in un gallone?), aiuta con i compiti di matematica (” Alexa, che cosa è 9 x 48? “), o crea una lista di cose da fare (” Alexa, aggiungi “fai il dottore appuntamento ‘alla mia lista di cose da fare. “). Un numero crescente di funzionalità integrate e competenze di terze parti significa che il tuo dispositivo Alexa continua a migliorare più a lungo lo possiedi.

Se hai già alcuni dispositivi compatibili con Alexa o uno dei tre principali hub di casa intelligente (SmartThings, Wink, e Insteon), aggiungendo un Echo puoi rendere più interessante e conveniente l’accesso a quei dispositivi.

Tuttavia, Echo non è un sistema completo di smart Home. Non sostituirà un hub di casa intelligente per automazioni programmate complesse e non sarà sempre il mezzo più pratico per interagire con gli altri dispositivi. Piuttosto, pensalo come un’interfaccia aggiuntiva per la tua casa intelligente che fornisce funzionalità che un’app sul tuo telefono non può.

Di conseguenza, probabilmente continuerai ad affidarti sempre di più ad Essa. Il nuovo Echo Plus abilitato per Zigbee e la nuova funzione “routines” di Alexa spostano il prodotto più vicino all’automazione domestica a livello di hub, ma non è ancora lì.

Amazon Alexa abilità cosa sono e come funzionano

Cos’è un’abilità? Nel mondo Echo-Alexa, un’abilità è come un’app. È un piccolo programma che puoi aggiungere al tuo Echo per abilitare una nuova abilità. Al momento della stesura di questo libro c’erano più di 15.000 abilità nel menu delle abilità dell’app Alexa, con più lanci ogni settimana. All’inizio di aprile, Amazon ha rilasciato Alexa Skill Kit al pubblico, rendendo più facile per chiunque abbia bruscole programmazione di base creare abilità e aggiungerle ad Alexa.

Una volta aggiunta un’abilità al tuo account Alexa, funzionerà con tutti i dispositivi Alexa nella tua casa. Non è necessario aggiungere l’abilità a ciascun dispositivo separatamente. Come le app per i telefoni, ci sono molte abilità di scambio, ma ce ne sono anche molte utili. Il primo che ogni appassionato di smart-home vorrebbe aggiungere è l’abilità IFTTT. IFTTT (che sta per “If This Then That”) è un sito web e app che ti consente di collegare diversi dispositivi e servizi nel cloud con ciò che l’app chiama ricette (maggiori informazioni qui sotto). Due schermate dell’interfaccia che mostrano l’elenco delle abilità di alexa e home page intelligente.

Interagirai con l’app Echo per gestire le abilità e i dispositivi connessi di Alexa. Alcune abilità ti consentono di acquistare cose o servizi al di fuori di Amazon. Ad esempio, c’è un’abilità Uber per ordinare un passaggio (c’è anche un’abilità Lyft per la stessa cosa), un’abilità di Domino’s Pizza per ordinare una grande torta con peperoni extra, un’abilità per ordinare fiori da 1-800-FIORI, e altro ancora Gli utenti possono trovare competenze per una varietà di hobby e interessi. C’è una guida alle maree per i surfisti, le abilità di aiuto per i compiti, le abilità di ricetta, le abilità sul traffico e molte abilità per i dispositivi smart-home, come la fotocamera campanello SkyBell e il sistema di sicurezza Smart-Home Scout.

Tra i meno pratici, ma possibilmente divertente, le abilità sono DrinkBoy (per trovare ricette di bevande), Cricket Facts (per fatti sul cricket), Daily Affirmation (per farti sentire meglio nella grande lotta della vita), trivia unicorno, ecc.

Non c’è limite al numero di abilità che puoi aggiungere al tuo account, ma ordinarle attraverso l’app e ricordare i comandi vocali per farle funzionare, può essere difficile se ne hai diverse.

Amazon Alexa limiti

Quali sono i limiti di Alexa? Alexa può fare molte cose, ma a volte nella pratica, le cose potrebbero non funzionare esattamente come ti aspetteresti. Ad esempio, puoi creare una lista della spesa dicendo ad Alexa di aggiungere petardi o birra alla tua lista, ma devi aggiungere ogni oggetto separatamente.

Cioè, invece di dire “Alexa, aggiungi petardi e birra alla mia lista della spesa”, devi dire “Alexa, aggiungi petardi alla mia lista della spesa. Alexa, aggiungi la birra alla mia lista della spesa.” Il processo può diventare fastidioso se stai creando una grande lista della spesa, soprattutto per le altre persone presenti nella casa. Inoltre, sebbene Alexa crei una lista della spesa nella sua app (che puoi accedere quando sei nel negozio di alimentari), devi usare una ricetta IFTTT per creare una versione dell’elenco per la condivisione o la stampa. L

‘L’uso preferito di Echo è di porre domande a caso, Alexa non è Google. Il sistema sa molto, ma ciò che non può rispondere supera quello che può. Se il tuo uso principale per uno speaker intelligente è quello di rispondere a domande concrete, ti consigliamo invece Google Home. I proprietari di più dispositivi Alexa hanno incontrato problemi a causa del numero limitato di parole di attivazione.

Ancora, puoi cambiare la parola sveglia di Echo, ma puoi usare solo “Alexa”, “Amazon”, “Echo” o “Computer”. I microfoni di campo lontano sull’Echo e Dot originali sono così sensibili che se ti trovi nel seminterrato e poni una domanda, probabilmente Echo piazzato in cucina risponderebbe. I proprietari possono cambiare la parola sveglia per ogni dispositivo Alexa, ma diventa confuso ricordare quale risponde a “Alexa” e quale risponde a “Echo”.

Amazon in qualche modo ha risolto a questo problema con l’introduzione della sua nuova tecnologia Echo Spatial Perception, che attiva comandi vocali da un dispositivo Echo, quello più vicino a te, indipendentemente dal numero di dispositivi presenti nella stanza. Puoi cambiare la parola sveglia di Echo, ma puoi utilizzare solo “Alexa”, “Amazon”, “Echo” o “Computer.” Oltre alla confusione nella comprensione delle parole, a volte Alexa non può sentire la tua richiesta a causa del rumore di fondo o per il volume della musica troppo forte.

Tuttavia, Amazon Echo di seconda generazione è molto più efficace nell’ascolto attraverso la musica rispetto all’Echo della prima. Il nuovo Echo può ascoltare e comprendere i comandi vocali anche con la musica riprodotta a un volume moderatamente alto.

Amazon Alexa e rischio privacy

Veniamo ora ad un aspetto a cui la gente è molto sensibile: la privacy. Come qualsiasi sito Web o browser, Alexa raccoglie informazioni su come gli utenti interagiscono con esso. Amazon lo paragona al modo in cui i siti web utilizzano i cookie per raccogliere informazioni sulla tua navigazione.

Sa quale musica ascolti, cosa inserisci nella tua lista della spesa e quali prodotti smart-home hai collegato al tuo sistema, tutto basato su ciò che hai detto di fare. Presumibilmente, tali informazioni vengono utilizzate per commercializzare più prodotti e servizi, tuttavia, nella mia esperienza, l’uso quotidiano di Alexa non ha comportato un maggiore marketing diretto da parte di Amazon, o almeno la connessione tra i miei comandi di Alexa e ciò che ho Ho visto la navigazione non è stato così ovvio come, ad esempio, le capacità di stalking incorporate in Chrome o in qualsiasi altro browser Web.

I microfoni sempre attivi di Echo ascoltano tutto ciò che dici. Dovresti preoccuparti? Alexa può anche facilitare la comunicazione con i servizi di terze parti, inclusi i servizi di banking online di Capital One di cui sopra come Uber e Domino. Tuttavia, Amazon non ha effettivamente accesso alle transazioni in corso. Nel caso di Capital One, la banca afferma che il sistema è completamente crittografato e che l’abilità di Alexa include un codice di accesso creato dall’utente per impedire l’accesso non autorizzato. Tuttavia, alcune persone potrebbero temere che la fiducia dei tuoi risparmi di una vita in un assistente vocale abilitato al cloud possa correre un rischio troppo grande.

La connessione tra i miei comandi di Alexa e quello che ho visto durante la navigazione non è stata così ovvia come, per esempio , le funzionalità di stalking incorporate in Chrome o in qualsiasi altro browser Web. Il fatto è che Echo o Dot ti ascolta sempre. Questo è e non è così inquietante come sembra. Anche se è vero che il dispositivo sente tutto ciò che dici nel raggio dei suoi microfoni molto lontani, sta ascoltando la sua parola sveglia.

Una volta che lo ha sentito, tutto nei pochi secondi successivi viene percepito come un comando o una richiesta e inviato ai cloud computer di Amazon dove viene attivata la risposta o l’azione corretta. Sai che Eco sta prestando attenzione perché la luce blu circolare si accende quando sente il suo nome.

Echo è come il tuo cane: è sempre in ascolto, ma comprende solo “biscotto”, “cammina” o “il suo nome”. Tutto il resto passa sopra la sua testa in maniera incomprensibile. Non è diverso da Apple Siri e da alcuni degli smart TV Samsung che per impostazione predefinita ascoltano le frasi chiave (“Hey, Siri” o “Hi” , TV “) disse vicino a loro per consentire le ricerche o il controllo vocale di cose come volume e canale. Ancora una volta, i dispositivi Alexa entrano in marcia solo quando sentono il loro nome (registrano anche una “frazione di secondo di audio prima della parola sveglia”, secondo la pagina delle FAQ di Alexa su Amazon).

Detto questo, quando Alexa sente un comando e manda quelle parole sul cloud, Amazon ha appena imparato qualcosa su di te. Forse la compagnia ha solo imparato che ti piacciono i Police, o le battute sui peti, o che hai bisogno di mettere dei broccoli nella tua lista della spesa. Insomma, se hai detto “Alexa, dove dovrei seppellire il corpo?”, non ti farai arrivare la polizia alla tua porta.

È importante che Amazon stia raccogliendo queste informazioni? Spetta a te decidere. Il tuo computer sta monitorando tutto ciò che fai online attraverso i cookie. Google sa tutto quello che hai sempre cercato. Principalmente, Amazon vuole venderti roba. Un sacco di roba. Quindi, quando usi un’abilità di allenamento con il tuo Echo, non sorprenderti se Amazon ti manda una email per promuovere i pantaloni da yoga (questo non mi è ancora successo). Quando aggiungi le matite meccaniche alla tua lista della spesa di Alexa, Amazon potrebbe benissimo usarle per raccomandare ricariche o gomme di piombo.

Premi il pulsante del microfono su Echo o Dot e disabilita la capacità di ascolto di Alexa e trasforma anche l’anello LED rosso. Sia l’aspetto dell’ascolto continuo e le tendenze della raccolta dei dati sollevano preoccupazioni sulla privacy. Dovresti dire agli ospiti che un dispositivo informatico sta ascoltando le loro conversazioni (allo stesso modo, con una telecamera di sicurezza, dici ai tuoi ospiti che sono filmati)? Amazon non discrimina tra gli utenti. Chiunque nel raggio d’azione può usarlo, compresi i bambini (guardando nella sezione cronologia dell’app potresti ad esempio accorgerti che i tuoi figli stavano cercando di convincere Echo a dire loro barzellette sporche).

Tutto ciò che dici ad Alexa è annotato nell’app e può essere cancellato. Amazon dice che una volta eliminato, è andato per sempre, anche dai suoi server, e farlo potrebbe peggiorare le prestazioni del prodotto. Quindi, in generale, non è possibile rischiare più di quanto non sia con altri servizi connessi. Ma se hai in programma di discutere di segreti di sicurezza nazionali e non vuoi aprirti alle capacità di snooping di Alexa, premi il pulsante mute in alto per disattivare il microfono. Così fugherai ogni tuo dubbio e paura.

Amazon Alexa e l’estensione IFTTT

IFTTT, Muzzley e Yonomi sono servizi che collegano le tue cose nel cloud. Immagina che il tuo interruttore Nest, WeMo e Hue light abbiano tutti i cavi virtuali Cat5 che vagano nell’etere di Internet. Questi servizi cloud sono come un interruttore a matrice in cui tutte le tue cose possono connettersi, e Alexa è la voce a cui rispondono queste connessioni.

Con questi servizi puoi creare routine di automazione e far interagire prodotti diversi con Alexa che altrimenti non sarebbe possibile. Per realizzare queste integrazioni, devi prima creare un account con il servizio. IFTTT è il più popolare, sebbene sia Yonomi che Muzzley fanno alcune cose che IFTTT non è in grado di fare. Ad esempio, una integrazione con Yonomi consente ad Alexa di controllare i diffusori Sonos. Una volta che hai configurato i tuoi account, dovrai aggiungere il servizio al tuo dispositivo Alexa (il metodo differisce leggermente da ogni servizio), quindi tramite Alexa, accedi a gli account dei dispositivi che si desidera connettere (di nuovo, questo metodo varia) e autorizzano l’accesso da parte del servizio. È quindi necessario collegare i dispositivi nelle routine (IFTTT chiama queste “ricette”) o crearne di nuovi.

Questi servizi sono utili per abilitare azioni che Alexa non può fare in modo nativo, ma non sono perfette. Per prima cosa, ogni servizio richiede una frase d’azione unica che dice ad Alexa cosa fare. Ad esempio, IFTTT utilizza “Trigger” e Yonomi utilizza “Attiva”. Se vuoi che Alexa accenda il tuo sistema home theater usando IFTTT e un telecomando Logitech Harmony Elite collegato, devi dire “Alexa, Trigger attiva l’home theater .”

Un altro limite è che una ricetta cloud non può attivare un’azione dal tuo dispositivo Alexa. Puoi usare Alexa per abilitare una ricetta, ma, ad esempio, non puoi fare in modo che Echo suoni “Rock Around the Clock” come parte di una ricetta di IFTTT. Perché un comando come quello sopra può avere bisogno di accedere a più account cloud in una sola volta, a volte c’è un ritardo di decine di secondi, e a volte i comandi semplicemente non funzionano.

Inoltre, se hai configurato molte ricette IFTTT, è facile dimenticare la frase esatta che funziona, quindi gli errori degli utenti sono comuni.

Amazon Alexa prospettive future

A cosa serve Amazon Alexa? Per sfruttare al meglio le capacità di smart Home di Alexa e rendere più facile per le aziende la creazione di dispositivi compatibili, ci si può aspettare che molte altre aziende annuncino la loro integrazione con Alexa. Molti dispositivi non di Amazon interagiscono con Amexa appartenenti ad alcuni marchi noti. Ma anche altri, come Lenovo, che non lo sono.

Il marchio UE di Logitech ha annunciato l’altoparlante attivato da Blast Alexa. L’altoparlante F4 di Pioneer Elite includerà sia Alexa che Play-Fi. Nel mese di ottobre 2017, Sonos ha promesso di portare Alexa sulla sua piattaforma quando ha lanciato il diffusore Sonos One. La società ha anche annunciato che tutti i suoi speakers avrebbero avuto il supporto di Alexa attraverso un dispositivo connesso con un aggiornamento del firmware.

Ciò significa che, una volta aggiornato il software di un dispositivo Sonos precedente, è possibile riprodurlo utilizzando un Echo, un punto o un telefono su cui è in esecuzione l’app Alexa. Il nuovo altoparlante intelligente Sonos One ha un array a sei microfoni e funzionalità di Alexa integrate. Ciò significa che è possibile aspettarsi la stessa funzionalità da Sonos One come con qualsiasi dispositivo abilitato Alexa.

Sonos One costa $ 200 e sarà presumibilmente compatibile con l’Assistente Google (che paragoniamo ad Alexa qui) nel 2018. Altri articoli che ci piacerebbe vedere, che funzionano meglio con Alexa includono smart TV, elettrodomestici intelligenti e controller per porte da garage più intelligenti come il Chamberlain MyQ (Alexa attualmente lavora con Garageio).

È possibile integrare alcuni di questi dispositivi tramite IFTTT, Yonomi o un hub di casa intelligente, ma il controllo nativo è più veloce e più affidabile e richiede un uso meno scomodo delle frasi di attivazione. Un’altra cosa che sarebbe grandiosa è la connessione Bluetooth di Echo per utilizzarla come vivavoce, sebbene sia già possibile utilizzarlo per effettuare chiamate VoIP gratuitamente. Alexa ora ha funzionalità di chiamata e di invio di messaggi di testo, ma non abbiamo provato la funzione di invio di messaggi di testo (che è compatibile solo con Android e non supporta la messaggistica di gruppo) per noi stessi.

È inoltre possibile trovare Alexa stessa incorporata in altri dispositivi non Amazon. Proprio così, Amazon offre il programma di sviluppo Alexa Voice Service per consentire ai produttori di costruire i propri dispositivi Alexa. Se sei abbastanza tecnico, puoi costruire Alexa nel tuo computer Raspberry Pi.

Un produttore, Invoxia, ha montato Alexa nel suo altoparlante Triby Internet. Il dispositivo (attualmente) da $ 200 si blocca magneticamente su un frigorifero, consente di effettuare chiamate in vivavoce tramite una connessione Bluetooth e persino di visualizzare scarabocchi digitali su uno schermo piccolo.

Samsung ha in programma di offrire un frigorifero con Alexa integrato. Immagina una barra audio Alexa, o un ricevitore home theater, o TV, o una auto. Staremo a vedere.

La risata inquietante di Alexa

Per settimane, gli utenti di Amazon Alexa, hanno riportato le versioni dello stesso evento inquietante: essere sorpresi da Alexa che emette una risata misteriosa, e in fondo inquietante, senza che nessuno gliel’abbia chiesto. Ora, Amazon dice che sa perché è successo e sta lavorando per risolvere il problema. In rare circostanze, Alexa può erroneamente sentire la frase “Alexa, ridi” quando altre parole sono pronunciate. Lo ha detto Amazon via email ai suoi clienti. E poi aggiunge che i tecnici stanno cambiando quella frase con ‘Alexa, puoi ridere?’, disabilitando invece la breve frase ‘Alexa, ridi”.

La compagnia ha anche detto che invece di ridere semplicemente quando gli viene chiesto , l’assistente digitale, prima riconoscerà la richiesta dicendo: “Certo, posso ridere”.

Un utente ha detto su Twitter che stava parlando con sua sorella quando ha sentito il suo dispositivo ridere. Aveva interrotto la conversazione e ha iniziato a cercare online una spiegazione di ciò che era appena accaduto. Non trovando nulla, chiese ad Alexa di ripetere l’ultimo suono che aveva fatto.

Un altro utente di Twitter ha riferito di essere stato sorpreso dalla risata di Alexa, inizialmente pensando che ci fosse un bambino nella stanza. L’episodio riporta in auge le preoccupazioni che ruotano intorno ad Echo e altri altoparlanti intelligenti, come Google Home, che spesso vengono riposti in spazi intimi, in attesa di una chiamata all’azione.

La maggior parte degli americani considera l’Intelligenza Artificiale come una minaccia per il lavoro (Just Not Theirs). I critici sostengono che i dispositivi sempre attivi rappresentano una minaccia per la privacy e la sicurezza. Ci sono state segnalazioni di bambini che ordinano oggetti attraverso i dispositivi senza il consenso dei genitori, e l’anno scorso Burger King ha approfittato dei dispositivi incorporando un comando in uno spot commerciale.

Nonostante tali preoccupazioni, la tecnologia è stata ampiamente accettata. I rapporti variano su quanti americani usano questi dispositivi, ma tutti suggeriscono che l’adozione è relativamente alta. La società di sondaggi Gallup, insieme alla Northeastern University, hanno riferito che circa un americano su cinque usa un dispositivo domestico intelligente come Alexa, Google Home o altri dispositivi concorrenti.

Dunque tanta diffidenza e qualche macabro episodio. Ma ormai questo è il futuro e non resta che adeguarci. Se ascoltate una risata di una bambina, non è Samarha di The ring o qualche essere inquietante come quelli visti nella saga di Paranormal Activity. Bensì, è semplicemente un assistente vocale. Presunto intelligente.

LEAVE A REPLY