Altcoin: cosa sono, quali sono e come fare trading

Cosa sono le altcoin? Gli altcoin sono una truffa? Come fare trading con gli altcoin? Quali sono gli altcoin? Conviene investire negli altcoin? Cercheremo di rispondere a queste ed altre domande sugli altcoin in questo articolo.

Del resto, il mondo delle criptovalute sta interessando sempre più persone, soprattutto da quando il Bitcoin ha sfiorato i 20mila dollari di valore a metà dicembre. Vuoi per il lavoro sempre più precario e sottopagato, vuoi per le tecnologie che rendono il loro accesso molto facilitato (smartphone e tablet), in tanti cercano di puntare sulle criptovalute nella speranza di trarre profitti. C’è chi cerca di arrotondare il proprio stipendio e chi cerca di trasformare il trading in criptovalute nello stipendio stesso.

L’errore che però commettono in tanti è quello di affidarsi per il trading di criptovalute a piattaforme che non hanno regolare licenza. Quindi sono pericolose in quanto solitamente, si tratta di piattaforme gestite da gente losca, con sede in paradisi fiscali. Queste piattaforme millantano facili guadagni giornalieri, e pure lauti, senza che l’utente abbia una formazione pratica e teorica sulla materia.

Ma ben presto il malcapitato di turno non solo si accorgerà di non aver vinto nulla, ma anche che non potrà vedersi tornare indietro i soldi investiti. Dato che, come detto, queste piattaforme sono gestite da società avente sede in paradisi fiscali e gli stessi proprietari sono prestanome o hanno identità fittizie.

Meglio dunque affidarsi a piattaforme serie, con regolare licenza da parte della Consob (l’autorità italiana preposta al controllo dei mercati finanziari) o del Cysec (massima autorità a livello europeo). In quanto ciò significa che questi Broker devono sottostare ad una serie di regole riguardanti la tutela della privacy e i soldi caricati sul conto.

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Ma torniamo agli altcoin e vediamo cosa sono, come fare trading, ecc.

Altcoin cosa significa

Cosa significa altcoin? Si tratta di un gioco di parole, che vedere mettere insieme due termini: alternative e coin. Ossia, moneta alternativa. Dove per alternativa si intende alternativa al Bitcoin. Considerata la Regina di tutte le criptovalute. La stella polare, il punto di riferimento per stabilire come sta andando il mercato delle criptovalute. Quindi, col termine altcoin si indica tutte quelle criptovalute che non sono Bitcoin.

Il motivo principale per cui altre criptovalute diverse da Bitcoin sono chiamate altcoin è perché la maggior parte sta cercando di essere un sostituto dell’implementazione originale per la tecnologia blockchain. Di solito sono un fork o una copia del software di bitcoin core. Il primo Altcoin è stato Namecoin che è stato creato ad aprile 2011. È stato il primo fork del software bitcoin.

È basato sulla stessa base di codice di Bitcoin e utilizza lo stesso algoritmo di prova di lavoro. Lo scopo principale di questa moneta era decentralizzare la registrazione del nome di dominio. Attualmente ci sono migliaia di Altcoin e il numero cresce ogni giorno. La maggior parte di questi sono progetti di avvio, ma altri hanno una capitalizzazione di mercato molto ampia come Litecoin e Dash. Ogni moneta sta cercando di migliorare i limiti di Bitcoin o di differenziarsi completamente. Tutti funzionano ancora sulla blockchain di base creata da Bitcoin.

Alcuni esempi di queste variazioni sono quelle che piuttosto che usare Proof-of-Work che usano i computer, utilizzano metodi diversi come Proof-of-Stake. A volte invece di migliorare la tecnologia, verrà utilizzata la stessa tecnologia ma per un’offerta di nicchia, come ad esempio un blockchain ledger per l’energia solare.

Anche se molte di queste nuove altcoin sono miglioramenti ben intenzionati della rete o del software, ci sono molti altcoins che sono appena stati lanciati per profitti rapidi e niente di più. Questo può essere fatto perché Bitcoin è open source. Si limitano a copiare il software, a mettere del marketing intorno e a provare a vendere su uno schema di pompe e discariche. L’aumento di popolarità di questa truffa ha fatto sì che ICO (Initial Coin Offerings) venisse sottoposto a controllo. In Cina, che venisse addirittura bandito già da giugno 2017. Preludio al ban di tutte le criptovalute.

Altcoin definizione

Le Altcoin sono create divergendo dalle regole di consenso di Bitcoin (le regole fondamentali della rete della criptovaluta) o sviluppando una nuova criptovaluta da zero. Gli altcoin più popolari usano gli stessi blocchi fondamentali di Bitcoin. Questo approccio è relativamente facile da eseguire perché Bitcoin è una piattaforma open source gratuita. Quando un altcoin si biforca a livello blockchain, deve essere usato un sistema alternativo di regole di consenso e la moneta avrà un libro mastro distribuito completamente diverso.

Lo stesso vale per gli altcoin costruiti da zero. Alcune altcoin hanno regole di politica monetaria diverse incorporate nella valuta per incoraggiare diversi usi e trattamenti. Politiche quali la spesa minima, o l’interesse positivo o negativo sulle monete immagazzinate, possono incoraggiare o scoraggiare l’accaparramento. Le politiche per il coin-mining possono funzionare diversamente dal Bitcoin, così come il numero di monete pagate per ogni nuovo blocco estratto. Alcuni altcoin sono fatti per scoraggiare l’estrazione di ASIC o GPU.

Questa limitazione è progettata per ridurre il vantaggio dei minatori di monete specializzati, come nel caso di Litecoin, su cui si basa la metà di tutti gli altcoin. Una blockchain di altcoin può anche memorizzare diversi metadati sulle transazioni precedenti della moneta o può permettere alla moneta di essere riproposta come una risorsa alternativa. Mentre alcuni altcoins possono essere tentativi di arricchire i fondatori e offrire poco di nuovo, molti hanno trovato nicchie a causa delle loro differenze incoraggiate nuovi minatori e usi.

Dalla nascita di Bitcoin sono stati creati oltre 500 altcoin. Litecoin, Dogecoin, Blackcoin, Freicoin, Peercoin, Vericoin, Myriad, NXT sono solo alcuni esempi di altcoin.

Altcoin cosa sono

Cosa sono le altcoin? Il termine altcoin, o valuta alternativa, è un metodo impreciso di etichettare un’ampia varietà di criptovalute che possiedono funzioni e valore tecnologico completamente diversi. Nel complesso, il mercato altcoin ha rappresentato un importante banco di prova per nuovi concetti e applicazioni che, al di fuori della funzione principale del bitcoin stesso, sono assolutamente vitali per la realizzazione del potenziale della blockchain.

Molte monete rappresentano il lavoro di una serie di sviluppatori di grande talento, che insieme ai loro team ampliano l’orizzonte della criptovaluta e offrono applicazioni tecnologiche precedentemente impensate. Indipendentemente dal fatto che gli altcoin nel loro insieme possano prosperare o essere abbattuti dai progressi della tecnologia sidechain, queste monete rappresentano un grande contributo per plasmare il futuro del mercato delle criptovalute.

Altre sono il lavoro degli opportunisti che cercano di fare soldi cavalcando una tecnologia nella sua fase iniziale, rilasciando monete senza valore reale o innovativo, che nella maggior parte dei casi scompariranno insieme al denaro di investitori ingenui. Del resto, lanciare una nuova criptovaluta è piuttosto semplice, ossia attraverso una Ico. Acronimo di Initial coin offering. Una sorta di crowfounding, dove gli investitori hanno come unica garanzia un white paper. Che in genere è pure molto vago. Ecco perché si chiama white paper, sarebbe il nostro corrispettivo di cambiale in bianco.

Altcoin quali sono

Quali sono i tipi di altcoin in circolazione? Possiamo suddividerli in 3 categorie:

Alternative

Si tratta di altcoins che sviluppano reti completamente diverse con le proprie tecnologie blockchain e valute che hanno lo scopo di correggere le carenze percepite in bitcoin. Queste carenze percepite potrebbero essere qualsiasi cosa, dal trascurare il bitcoin di incorporare usi alternativi per la blockchain, l’insicurezza della rete mineraria o l’inefficienza dell’estrazione dal punto di vista dei costi. Le alternative più importanti sono Ripple, Ethereum, NXT, litecoin e Bitshares. Ripple in realtà precede il bitcoin e offre una soluzione di registro decentralizzata che facilita il trasferimento della valuta fiat.

La tecnologia è stata ripresa da poche banche e un numero di leader estremamente intelligenti e influenti in politica ed economia sono entrati a far parte del consiglio di amministrazione. Ethereum e Bitshares, sviluppati rispettivamente da Vitalin Buterin e Daniel Larimer, cercano di in poche parole, una soluzione contrattuale intelligente per il mercato. Entrambi credono che il design di bitcoin non fornisca le basi ottimali per la tecnologia, e quindi hanno dedicato i loro notevoli talenti allo sviluppo di reti alternative. Il prodotto di Larimer è stato lanciato a metà 2014 e il mercato è ancora in attesa che mantenga le promesse. Ethereum intende lanciare il Q2 2015 e ha garantito oltre 13 milioni di dollari di supporto finanziario.

Potenziatori

Gli altcoin potenziatori creano protocolli che si trovano sulla rete bitcoin, utilizzando la blockchain direttamente offrendo agli utenti funzionalità aggiuntive con monete diverse. Queste caratteristiche potrebbero essere qualsiasi cosa, dallo scambiare diversi tipi di risorse per facilitare la creazione alla distribuzione di “token”. Gli altcoin potenziatori più importanti sarebbero CounterParty, MasterCoin (omnilayer) e Colored coins. Alcune di queste reti, come CounterParty e Mastercoin / Omni, sono considerate da alcuni come parassitarie, in quanto vivono essenzialmente sulla rete bitcoin, utilizzando le sue funzionalità principali, ma drenano bitcoin dall’ecosistema e non forniscono alcun valore in cambio a parte le commissioni di transazione.

Inoltre, il loro metodo di memorizzazione delle informazioni all’interno della blockchain contribuisce a gonfiarsi, ed è stato descritto come un uso improprio della tecnologia che potrebbe avere conseguenze non intenzionali. I sostenitori di questi potenziatori contano sul fatto che mantengano il bitcoin pertinente, poiché l’attenzione di bitcoin sul trasferimento di valore a scapito di applicazioni alternative rischia di marginalizzare il bitcoin in futuro.

Applicazioni

Le applicazioni utilizzano i due tipi di altcoin visti in precedenza per un numero di scopi, tra cui crowdfunding, monetizzazione e scambio Servizi. Ad esempio, Storj, una soluzione di archiviazione di file p2p, ha utilizzato la Counterparty per creare la propria moneta denominata SJCX, che è stata poi venduta in un’offerta pubblica iniziale. SJCX è l’unità di valore utilizzata per compensare i peer che offrono spazio di archiviazione e pagati da colleghi che vorrebbero acquistare spazio di archiviazione.

Factom è un meccanismo di archiviazione per montagne di dati – ad esempio, record medici in tutto il mondo – che utilizzano la blockchain per offrire i dati in un formato accessibile e verificabile. Hanno utilizzato il protocollo mastercoin per l’emissione dei loro token, ma hanno migliorato il metodo mastercoin di inserimento delle transazioni nella blockchain. Tether offre token che si correlano su base 1-1 e verificabili con dollari effettivi, e quindi forniscono un meccanismo per il trasferimento valuta fiat oltre la blockchain. I loro token sono stati creati utilizzando la tecnologia della controparte.

Le altcoin sono una truffa?

E’ lecito porsi questa domanda ed è bene distinguere tra gli Scam Coins e le criptovalute legittime. Le monete Scam non hanno qualità di riscatto e sono create con l’intenzione di fare un buck veloce (o bitcoin?) a danno di investitori ingenui. Queste monete sono offerte in vendita su cripto come Cryptsy, Poloniex o Bittrex che a volte si preoccupano di offrire una grande varietà di monete piuttosto che assicurare che non facilitano una pompa e una discarica. Ci sono diversi modi per differenziare un altcoin legittimo e una moneta truffa, e li dettagliamo di seguito.

Dovremmo notare che le monete della truffa possono, ovviamente, essere molto redditizie per coloro che riconoscono sia quando una “pump” è in atto, e possono determinare quando uscire prima dell’inevitabile “dump”. Inoltre, potrebbe esserci il caso raro in cui la rete della coin scam coinvolge una criptovaluta legittima. A nostro avviso, è meglio rinunciare a strambe idee speculative e risparmiarti così truffe molto più frequenti.

Se si ha del surplus di denaro da spendere (il cosiddetto marginale) è meglio investirla in criptovalute sicure, come Bitcoin, Ethereum, Ripple, Monero, ecc.

Una pratica molto diffusa nelle scam coins è quella del Premining. Ovvero la pratica di estrarre privatamente una nuova moneta prima dell’invito pubblico. Nell’esempio più clamoroso, uno sviluppatore di monete imposta un livello di difficoltà di estrazione estremamente basso, estrae una certa quantità della moneta e, dopo un determinato periodo di tempo, annuncia pubblicamente il lancio. Ci sono metodi meno evidenti per ottenere un effetto preminente, come un annuncio dell’ultimo minuto del lancio attraverso un’oscura pubblicazione.

Un lancio di monete onesto dovrebbe stabilire chiaramente una data e ora in cui il mining inizierà mediante una fonte mainstream, oltre ad avere un ragionevole livello di difficoltà iniziale. Il preambolo è particolarmente indicativo di una truffa se accoppiato con una prova del metodo di mining proof-of-stake. Con quest’ultimo, i nuovi blocchi di transazione vengono estratti in base alla prova della proprietà delle monete. Buona parte della criptovaluta è già destinata al pre-minatore, che ha rivendicato la proprietà di una grande percentuale di monete esistenti prima del rilascio pubblico.

Dopo l’avvio dell’attività mineraria e la creazione di un’economia a gettoni su uno degli scambi crittografici, lo sviluppatore / minatore di monete in genere cede la sua partecipazione agli speculatori, che sono rapidamente bloccati in un mercato con una moneta senza valore. Anche se non correlati al 100%, premining è un indicatore che una nuova moneta potrebbe effettivamente essere all’interno di uno strumento di “pump e dump”, e i potenziali investitori in nuove monete devono loro lavorarci su.

Ci sono casi in cui il premining è accettabile. Quando ad esempio le monete vengono distribuite tra gli utenti come ricompensa per il supporto o come metodo per ottenere pubblicità. In tali casi, la percentuale di premining e le motivazioni dovrebbero essere chiaramente indicate in anticipo.

Un altro fattore per accorgersi che una moneta sia una truffa è quando gli sviluppatori restano oscuri o anonimi .Alcune monete alternative probabilmente saranno sostenute da uno sviluppatore distinto con una solida reputazione nella comunità di criptovalute. Preferibilmente, gli sviluppatori dovrebbero aver apportato contributi tangibili a progetti affidabili, sia direttamente correlati al bitcoin sia con una valuta alternativa innovativa.

Le monete con gestione anonima dovrebbero semplicemente essere evitate, per i motivi descritti nell’incipit. Se non sei sicuro degli sviluppatori dietro a un particolare progetto, rimboccati le maniche e fai il tuo lavoro investigativo su Google.

Un ultimo fattore che deve far destare sospetto è la mancanza di innovazione. Se la moneta non contribuisce a nulla di nuovo, non c’è motivo per la sua esistenza. Ci sono letteralmente dozzine di monete che fanno un grande rumore a livello di marketing. Ma poi alla base non c’è praticamente nulla.

Molte monete, ad esempio, impiegheranno piccole modifiche alla prova del lavoro di mining, che viene presentato come soddisfacente per un bisogno speciale. Altri offrono diverse velocità di transazione o vari livelli di anonimato. Nel migliore dei casi queste monete sono un cattivo investimento, nel peggiore dei casi, gli sviluppatori stanno pianificando ancora una volta un pump e dump. Naturalmente, definire un altcoin come legittima non attesta il suo potenziale valore futuro. Significa semplicemente che probabilmente non è fraudolenta.

La longevità della altcoin, il supporto al mining, la liquidità, le dimensioni della borsa e il calibro della sua comunità di supporto, sono indicatori utili sul suo potenziale valore.

Altcoin algoritmi mining

L’algoritmo PoW utilizzato per l’estrazione di Bitcoin è SHA2. È stato scelto perché è veloce da verificare ed è stato analizzato criticamente. SHA2 ha sviluppato ASIC perché significa che c’è un rischio molto minore di centralizzazione. I seguenti algoritmi di mining vengono utilizzati in diversi altcoins:

  • Scrittura prova del lavoro
  • Combinazione di algoritmi di hashing in serie (ad es. X11)
  • Combinazione di algoritmi di hashing in parallelo (ad es. Algoritmo di Myriad)

Il problema di avere un algoritmo che è “facile da usare” (riferendosi alla capacità di CPU o GPU di trarre profitto) è che il mining dovrebbe essere difficile per proteggere la rete. Quando un algoritmo di mining è difficile da rendere ASIC, c’è una barriera più alta per entrare. Un’alta barriera all’ingresso aumenta il tempo in cui il primo gruppo a creare ASIC monopolizzerà il mercato (e il tempo in cui la rete è vulnerabile a un attacco del 51% da un’unica fonte). Molti sostengono che i creatori o gli sviluppatori potrebbero semplicemente cambiare l’algoritmo di mining quando viene sviluppato un ASIC, ma questo sconfigge lo scopo del consenso decentralizzato causando la centralizzazione.

Se queste criptovalute hanno un numero sano di aziende che producono ASIC e hanno evitato la centralizzazione, stanno ancora utilizzando algoritmi che richiedono più tempo per verificare rispetto a SHA2. Pertanto, nel migliore dei casi una criptovaluta con un semplice algoritmo di hashing è uguale a un clone esatto di Bitcoin e non è migliore (tuttavia poiché Bitcoin esiste già, un clone esatto di Bitcoin non ha innovazione o valore).

Se l’algoritmo hashing è più lento, come la maggior parte degli algoritmi altcoin, è uno svantaggio perché richiede più tempo di elaborazione per convalidare un blocco e aumenta il numero di reorganizzazioni organiche (rende più facile raddoppiare la spesa).

Nel Proof of Stake, invece di sacrificare energia per estrarre un blocco, un utente deve dimostrare di possedere una certa quantità di criptovaluta per generare un blocco. Più oggetti possiedi, maggiore è la probabilità di generare un blocco. In teoria, questo dovrebbe impedire agli utenti di creare fork perché svaluteranno la loro posta e dovrebbe risparmiare molta energia. La Proof of Stake sembra una buona idea, ma, ironia della sorte, c’è il problema cosiddetto “Nothing at Stake”. Poiché il mining Bitcoin è costoso, non è intelligente sprecare le tue energie su una fork che non ti farà guadagnare soldi, tuttavia con Proof of Stake, è gratis per estrarre una fork.

Un esempio di ciò è quello di un aggressore che compra un sacco di “vecchie puntate” dagli utenti a basso costo (poco costoso per gli utenti che non hanno più partecipazione nella valuta). Questo può essere reso conveniente offrendo piccoli pagamenti agli utenti per il caricamento del loro wallet.dat. Alla fine, dopo aver accumulato abbastanza “vecchi coins”, l’utente può iniziare a creare blocchi e distruggere il numero di giorni in più di monete che la rete aveva in quel momento. Questa generazione di blocchi può essere ripetuta fino a che non raggiunga e superi l’attuale catena principale molto a buon mercato.

Ci sono anche attacchi che richiedono una quantità insignificante di valuta. In un attacco di mitragliamento, l’attaccante ha una piccola quantità di puntate e passa attraverso la storia della blockchain e trova i punti in cui la loro posta vince un blocco. Per vincere consecutivamente, modificano l’intestazione del blocco successivo fino a quando una quota di loro proprietà vince ancora una volta. Questo attacco richiede un po ‘di calcolo, ma sicuramente non è poco pratico.

Poiché questi attacchi esistono, come il caso Peercoin e Blackcoin, le criptovalute proof of stake hanno le chiavi pubbliche “principali” che controllano la blockchain. Questa classe di criptovaluta è sia insicura che centralizzat. Tuttavia, la proof of stake (basata su una valuta PoW) è utile in alcuni sistemi perché l’acquisizione di quote è costosa, ma non è praticabile per il consenso distribuito di bootstrap.

Bitcoin è molto simile ad un HTTP. È un protocollo a livello di applicazione e gli strumenti possono essere creati su di esso (come i siti Web possono essere costruiti su HTTP). Esiste una classe di criptovalute che promettono features su siti come siti web e scambi dicasinò e protocolli di anonimato. Quando si crea un nuovo sito Web, non si crea un nuovo protocollo a meno che non sia necessario. Ad esempio, HTTPS è una versione crittografata di HTTP, quindi è utile e necessaria.

Quando si crea un’applicazione come “DarkSend”, non è necessario creare un nuovo protocollo come “Darkcoin”. È anche possibile creare un’alternativa HTTPS (ad esempio HTTPSX) per il nuovo sito Web di chat crittografato e non aggiungere alcuna nuova sicurezza o funzionalità a HTTPSX. Perché Darkcoin è di gran lunga la criptovaluta più famosa di questa classe, l’esempio di Darkcoin calza a pennello in questa sezione. Gli sviluppatori Darkcoin hanno creato uno strumento chiamato DarkSend.

DarkSend è un’implementazione di coinjoin (una funzione di anonimato originariamente implementata in Bitcoin) che utilizza la rete Darkcoin per organizzare le coinjoin. Se DarkSend diventa open source ed è utile, verrà convertito in Bitcoin con alcune piccole modifiche. Questi cambiamenti non saranno un hardfork, probabilmente coinvolgeranno i masternodes pagati da coloro per cui stanno procedendo piuttosto che il block reward, che è già possibile e implementato per Bitcoin.

Attualmente è necessario conservare 1000DRK per diventare un masternode di DarkSend. Masternodes è pagato il 10% del premio del blocco. Questo è uno schema di ricompensa imperfetto perché mentre l’acquisto di 1000DRK è senza attendibilità verificabile, un utente che esegue un DarkSend masternode non è attendibilmente verificabile. Inoltre, la larghezza di banda per l’esecuzione di un masternode costa, pertanto è possibile acquistare 1000DRK e ottenere la possibilità di ottenere il blocco del 10%.

I masternode vengono pagati, ma in realtà non si comportano come un masternode. Per questo motivo, DarkSend funzionerebbe meglio se i masternode fossero pagati da coloro che stavano aiutando coinjoin, o se non ci fosse affatto un masternode e tutti collaborassero in modo decentralizzato. La migliore implementazione non vulnerabile è compatibile con Bitcoin, quindi il protocollo Darksend non ha alcuno scopo.

Cosa sono gli altcoin “Demographic Based Premined”

Questa è una nuova classe di altcoin che è mirata a un determinato gruppo demografico. Tutte queste criptovalute hanno un grande preminente destinato a essere pagato ai membri di quel gruppo demografico. Alla fine, tutte queste monete hanno sofferto (o stanno soffrendo) il loro destino di un’immediata svendita dopo l’inizio del “lancio aereo” (termine con cui si identifica la distribuzione delle monete al target demografico).

Occhio però: queste criptovalute non sono iniziative governative, ma sono create in modo indipendente per quel dato gruppo demografico.

Altcoin vantaggi

Quali sono i vantaggi delle altcoin? I seguenti:

  • Funziona come un keystore per cose come la registrazione decentralizzata del dominio
  • Ha un demurrage (termine con cui si identifica un costo associato con la proprietà o il possesso di valuta in un dato periodo di tempo, e trova la sua origine nel diritto marittimo) o un qualche altro sistema economico che costituisce un tipo di modifica proibite
  • Consente la creazione e la trasmissione di risorse digitali

Altcoin conviene investire?

Conviene investire in altcoin? La domanda che si pongono molti trader. La risposta sta in un dipende, che non è una scappatoia, ma un modo per mettervi in guardia rispetto a quelle modalità accennate prima che rischiano solo di mettere in pericolo i vostri soldi.

Per dare una risposta più approfondita a queste domande, dobbiamo tenere a mente questi aspetti:

a) Avere una ragione prima di entrare in ogni trade: inizia una negoziazione solo quando sai perché stai iniziando e hai una strategia chiara per dopo. Non tutti i trader guadagnano dal trading, dato che si tratta di un gioco a somma zero (per tutti coloro che beneficiano qualcuno altrimenti perde dall’altra parte). Il mercato degli Altcoin è guidato da grandi balene (sì, le stesse responsabili del piazzamento di enormi blocchi di centinaia di Bitcoin nel libro degli ordini). Le balene stanno aspettando pazientemente che pesciolini innocenti come noi commettano errori. Anche se aspiri a fare trading su base giornaliera, a volte è meglio non guadagnare e non fare nulla, invece di saltare nell’acqua impetuosa ed esporre le tue monete a perdite.

b) Indirizza e interrompi quando si avvia uno scambio: per ogni operazione dobbiamo stabilire un chiaro livello obiettivo per ottenere profitti e, soprattutto, un livello di stop loss per tagliare le perdite. Uno Stop-loss sta impostando il livello di perdita in cui il trade si chiuderà. Ancora una volta, è importante considerare una serie di fattori quando si sceglie correttamente un livello di stop loss. La maggior parte dei trader falliscono quando si innamorano di uno scambio o della moneta stessa.

Potrebbero dire: “Qui girerà, e io uscirò da questo trade con una perdita minima, ne sono sicuro”. Stanno lasciando che il loro ego prenda il controllo su di loro e, diversamente dalla borsa tradizionale dove i movimenti quotidiani estremi sono considerati del 2-3% in valore, le operazioni in altcoin sono molto più rischiose.

c) In effetti, non è divertente vedere simili situazioni dall’esterno, ossia quando una certa moneta viene pompata come un matto con enormi guadagni a due cifre in pochi minuti. Quella grossa candela verde urla contro te “sei l’unico che non sta puntando su di me”. A questo punto, noterete persone che invadono i forum di Crypto per parlare di questa pompa. Ma cosa facciamo adesso? Molto semplice, continua ad andare avanti. È vero, è possibile che molti possano aver attirato l’ascesa davanti a noi e continuare a crescere, ma bisogna tenere a mente che le balene (come detto sopra) stanno solo aspettando che i piccoli compratori salgano per venderle le monete che hanno comprato in prezzi più convenienti.

I prezzi sono ora alti ed è chiaro che gli attuali possessori di altcoin consistono solo in quei piccoli pesci. Inutile dire che il passo successivo è solitamente la candela rossa brillante che vende attraverso l’intero libro degli ordini.

d) Gestione del rischio: il porcellino mangia molto, il maiale grande viene mangiato. Questa affermazione racconta la storia dei profitti del mercato dalla nostra prospettiva. Per essere un trader redditizio, non si cerca mai il picco del movimento. Cerchi i piccoli profitti che si accumuleranno in uno grande. Gestisci il rischio con saggezza nel tuo portafoglio. Ad esempio, non dovresti mai investire più della piccola percentuale del tuo portafoglio in un mercato non liquido (rischio molto alto). A questi scambi assegneremo una maggiore tolleranza: i livelli di stop e target saranno scelti lontano dal livello di acquisto.

e) L’attività sottostante crea condizioni di mercato volatili: la maggior parte degli Altcoin viene scambiata in base al valore Bitcoin. Bitscoin è un’attività volatile (relativa a FIAT) e questo fatto dovrebbe essere preso in considerazione, specialmente nei giorni in cui il valore di Bitcoin si muove bruscamente. Bitcoin e Altcoin hanno una relazione inversa nel loro valore, cioè quando il valore di Bitcoin aumenta allora gli Altcoin stanno perdendo il loro valore di Bitcoin e viceversa. Quando Bitcoin è volatile, le nostre condizioni per il trading sono piuttosto nebbiose. Durante la nebbia non possiamo vedere molto più avanti, quindi è meglio avere obiettivi vicini per le nostre operazioni o non negoziare affatto.

Altcoin come investire

Come investire in Altcoin? La scelta migliore è quella di affidarsi a Broker con regolare licenza Consob o Cysec, che vi permetteranno di investire in altcoin tramite CFD. Acronimo di Contract for difference, contratti che consentono di guadagnare su un asset senza possederlo direttamente.

Un Broker che si rispetti mette a disposizione un Conto demo per fare pratica senza rischiare i propri soldi reali, dato che è costituito da denaro virtuale. Offre anche formazione teorica tramite ebook, corsi on demand, webinar, incontri annuali. Mette a disposizione anche una assistenza clienti in italiano, 24×7, facilmente raggiungibile tramite email, chat integrata al sito, Skype o numero di telefono. Deve avere commissioni e spread convenienti. Inviare segnali di trading che suggeriscano quali posizioni prendere e quando. Avere una app per consentire all’utente di fare trading su smartphone e tablet, agevolmente ovunque si trovi.

Quali sono i Broker che rispondono a queste caratteristiche? A nostro avviso i seguenti:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY