Alitalia: i sindacati interrompono le trattative con la società

Fit Cisl, Filt Cgil, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo, hanno inviato unitamente una lettera ai Ministri Delrio, Calenda e Poletti e a conoscenza Alitalia, per richiedere una convocazione urgente ai fini di trovare una mediazione tra le parti.

Nella giornata di ieri infatti le trattative tra Alitalia ed i sindacati del trasporto aereo sono state interrotte proprio da quest’ultimi dopo aver appresso le proposte avanzate dall’ex compagnia di bandiera.

Alitalia punta alla riduzione del lavoro

Sembra proprio che Alitalia punti alla riduzione del 20 o 30% del personale (circa 120-180 milioni rispetto al totale che ammonta a circa 600 milioni), tra le richieste avanzate ieri considerate quasi provocatorie dai sindacati, ci sarebbe quella di affidare la pulizia delle toilette di bordo agli steward ed alle hostess così come già avviene sui voli low cost.

Trasformare gli scatti di anzianità da annuali a quinquennali ed eliminare altre indennità di volo: riduzione complessiva dei riposi annuali (da 120 a 96) per un massimo di 7 al mese contro i 10 attuali e meno ferie estive, sembrano far parte del pacchetto necessario per salvare Alitalia.

Personale di terra

Non sembra esserci una soluzione migliore nemmeno per il personale di terra, al quale l’Ad Cramer Bell chiede la massima flessibilità operativa. I dipendenti dovranno essere a disposizione in ogni settore, dalla manutenzione all’accettazione in pista, ovviamente a parità di retribuzione.

I sindacati hanno dichiarato di non stare a questi giochi al massacro e chiedono a gran voce l’intervento del Governo.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY