Alitalia: nuovo piano previsto per fine mese

È arrivato sul tavolo dei soci il documento di 158 pagine con le prime modifiche apportate da Roland Berger, per risanare la crisi dell’ex compagnia di bandiera Alitalia.

Nel consiglio durato tre ore hanno tutti convenuto che l’intervento debba puntare alla riduzione dei costi, l’azienda continua a perdere circa un milione di euro al giorno rendendo necessaria un’immediata correzione di rotta.

Tra le voci è stata presa in esame anche la riduzione del costo del lavoro che nel 2015 ha inciso per 593 milioni di euro rispetto ai costi industriali di 3,6 miliardi, si vocifera dunque che gli esuberi potrebbero arrivare a toccare quota 2 mila. Si attende comunque il progetto di rilancio ufficiale di Alitalia previsto per il 28 febbraio.

L’Esecutivo non intende ritornare sui suoi passi

Il Ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, ha ribadito che non intende ritornare sui suoi passi per quanto riguarda le sorti dei lavoratori Alitalia, una dichiarazione che sembra portare ad un’inevitabile collisione con i vertici della compagnia. Sempre Delrio ha inoltre annunciato di aver concluso due accordi con le due compagnie low cost, Ryanair e Easyjet mettendo a loro disposizione a partire da quest’anno, cinque milioni di posti passeggeri in più.

Per essere competitiva, Alitalia, deve allineare la propria struttura a quella delle low cost, anche nella produttività.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY