Air Liquide compra Airgas

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri sera, dopo la chiusura delle piazze europee, di avere raggiunto l’accordo per comprare la statunitense Airgas Inc. L’operazione ha un valore di 10,3 miliardi di dollari, ovvero, includendo il debito, 13,4 miliardi (12,5 miliardi di euro).

L’operazione

Il produttore di gas per uso industriale Air Liquide ha messo sul piatto delle trattative 143 dollari in contanti per ogni azione Airgas che, grazie a un rally del 29% (scattato dopo una sospensione degli scambi), ora vale 137,34 dollari. Il gruppo francese, con questa operazione, conquista un’ampia presenza in America, il mercato più grande al mondo per quanto riguarda i gas industriali, e promette sinergie pari a 300 milioni di dollari l’anno. L’acquisizione è stata approvata all’unanimità dai rispettivi consigli di amministrazione; ora manca solo il via libera degli azionisti di Airgas e quello delle autorità competenti.
Benoit Potier, presidente e amministratore delegato di Air Liquide, ha commentato la notizia con queste parole: “la combinazione offre benefici significativi per tutti i nostri stakeholder grazie alla natura altamente complementare delle nostre due attività“. Ha inoltre sottolineato come Airgas sia “un partner unico” con cui “continuare a portare avanti la nostra strategia centrata su crescita redditizia e innovazione nel lungo termine“.
Dal canto suo, Peter McCausland, presidente esecutivo di Airgas, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “la combinazione crea opportunità significative per i dipendenti di talento di entrambe le aziende. I consumatori e i dipendenti di Airgas beneficeranno della presenza globale senza rivali di Air Liquide e della sua forza nella tecnologia, innovazione ed efficienza operativa“.

 

Le ripercussioni in Borsa

La proposta di Air Liquide garantisce un premio del 50,6% rispetto ai corsi di Borsa di Airgas a Wall Street nell’ultimo mese e del 20,3% rispetto ai prezzi medi dell’ultimo anno. Il titolo Air Liquide ha chiuso in progresso del 2,53% la seduta di martedì alla Borsa di Parigi. Airgas ha fatto registrare un guadagno del 29,36% martedì al Nyse.

 

Le prospettive future

Air Liquide, già attiva in 80 Paesi, fornisce gas industriali a un’ampia gamma di clienti, dalle acciaierie alle case farmaceutiche, ai produttori di stazioni di ricarica per auto a idrogeno. Negli Stati Uniti d’America la società francese può contare su oltre 140 impianti per la produzione di gas industriali. Ora, grazie a questa acquisizione, si prospetta una crescita del 30% delle vendite nel settore Gas & Services e un rafforzamento della “posizione di leadership in Nord America, Europa, Medio Oriente-Africa e nell’Asia Pacifico“.
Air Liquide, che l’anno scorso ha fatto registrare ricavi per 15,4 miliardi di euro, ha anche annunciato di avere in programma un aumento di capitale fino a 4,3 miliardi di dollari.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY