Air France taglia tremila posti di lavoro: manager aggrediti

Ore convulse nella sede della Air France di Roissy, alle porte di Parigi. Ieri si è svolta la riunione del comitato aziendale, alla fine della quale sarebbero stati comunicati ufficialmente i dettagli del nuovo piano di ristrutturazione industriale della compagnia aerea: rilancio della produttività, riduzione del 10% del network di lungo raggio entro il 2017 (con conseguente chiusura di cinque rotte e cancellazione di 35 frequenze settimanali nelle tratte con le perdite più consistenti, Asia e Medioriente), ritiro di 14 velivoli che viaggiano sulle rotte di lungo raggio (da 107 si passa a 93) e soprattutto 2.900 esuberi. I sindacalisti avevano promesso battaglia e così è stato.

Dopo un’ora di riunione, un migliaio di lavoratori sono entrati con la forza in sede gridando “De Juniac (l’ad del gruppo, ndr) dimettiti!” e la tensione si è presto trasformata in violenza. Il direttore generale dell’Air France, Frédéric Gagey, è riuscito a fuggire, mentre il direttore delle Risorse Umane, Xavier Broseta, non è stato così fortunato ed è stato malmenato da alcuni dipendenti; anche Pierre Plissonier, responsabile delle tratte a lungo raggio, è stato vittima di violenze. Entrambi sono stati salvati dalle forze dell’ordine e sono stati fotografati con le camicie e le giacche strappate. La compagnia aerea ha annunciato querela contro gli aggressori, per violenza aggravata, così come hanno fatto singolarmente anche i due dirigenti presi di mira dai manifestanti.

Il governo francese, per voce di Manuel Valls e di François Hollande, ha reagito condannando duramente le violenze e facendo capire fin da subito di voler prendere dei provvedimenti concreti. Alla base, la consapevolezza che l’immagine della compagnia di bandiera transalpina uscirà infangata da questi fatti. Dopo le parole a caldo di denuncia, oggi si è quindi passati ai fatti. È stato infatti annunciato che Xavier Broseta sarà sostituito da Gilles Gateau, uno dei consiglieri del primo ministro nel campo delle relazioni industriali.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…