Abitazioni in Italia: prezzi in calo

Ad agosto sono calati dello 0,3% i prezzi delle abitazioni esistenti in Italia per un corrispettivo valore medio di 2.000 euro/m2. Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso le cifre sono scese del 2,8%. Entriamo nello specifico e vediamo le singole realtà così come vengono presentate nell’indagine di Idealista, portale di annunci immobiliari leader in Europa.

Il rapporto parla delle variazioni registrate rispetto allo scorso anno. 10 regioni italiane hanno fatto segnare un incremento; ad esempio, Valle d’Aosta (+2,1%), Friuli Venezia Giulia (+1,4%), Toscana (+1,4%), Emilia Romagna (+1,1%), Marche (+0,9%) e Sardegna (+0,7%). In Umbria e in Trentino Alto Adige i prezzi sono rimasti invariati, mentre in Campania sono scesi del 4,9%, in Piemonte del 3,1%, in Lombardia del 2,7%, in Veneto (-2,4%), Molise (-1,7%) e Puglia (-1,1%).
L’indagine è proseguita considerando 97 province italiane (su 110); idealista ha registrato cali in 54 di esse e aumenti in 43. I maggiori aumenti si sono avuti nelle province di Verbano-Cusio-Ossola (4,9%), Rovigo (4,4%) e Belluno (4,3%). Dal lato opposto, invece, i prezzi a Verona (-3,2%), Enna (-2,7%) e Isernia (-2,4%).
Infine, sono state analizzate le tariffe dei capoluoghi. Pesaro (+3,5%), Lodi (+3,5%) e Oristano (+3,4%) sono in aumento, mentre Asti (-5,8%), Pistoia (-4,4%) e Udine (-4,1%) sono in calo.

L’indagine ha preso in esame anche gli importi richiesti al metro quadro. Troviamo, quindi, le abitazioni più care in Liguria (mediamente 2.779 euro al metro quadro), in Lazio (2.679 euro/m2) e Valle d’Aosta (2.454 euro/m2). Gli immobili più economici, invece, si trovano in Calabria (982 euro/m2), Molise (1.143 euro/m2) e Basilicata (1.231 euro/m2).
Guardando i dati delle province, scopriamo che è Savona la più cara (3.505 euro/m2), seguita da Bolzano (3.016 euro/m2) e Roma (2.894 euro/m2). Le province più economiche sono Biella (794 euro/m2), Caltanissetta (861 euro/m2) e Isernia (869 euro/m2).
Per quanto riguarda i costi dei capoluoghi, la città più cara è Venezia (4.487 euro/m²), seguita da Firenze (3.444 euro/m²) e Roma (3.439 euro/m²). Dal lato opposto, Biella (828 euro/m²), Caltanissetta (856 euro/m²) e Trapani (983 euro/m²).

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY