ABI: confermato Patuelli al vertice

patuelli
Antonio Patuelli

A più di 9 mesi dalla scadenza del mandato sembra non esserci alcun dubbio sul rinnovo della carica a fino al 2018, per il presidente Antonio Patuelli. È quanto molto probabilmente emergerà dalla riunione dell’Associazione Bancaria Italiana che si terra domani.

Per il presidente della Cassa di Risparmio di Ravenna una conferma applaudita dall’intera città come motivo di orgoglio. Antonio Patuelli era arrivato alla carica in sostituzione di Mussari, il presidente dello scandalo Monte dei Paschi che nel 2013 aveva visto l’associazione protagonista in negativo.

La figura di Patuelli

Al di là delle frasi di circostanza sulla trasparenza dell’operato di Patuelli, molto ha influito la costruzione da parte del presidente di ottimi rapporti con il governo e i suoi sforzi per rinforzare i valori istituzionali della Repubblica.

Patuelli si è prodigato anche per una ripresa economica che partisse dall’impegno delle banche nel fornire il credito necessario a imprese e famiglie per la spesa e gli investimenti.

Questo ha riportato l’ABI ad essere un buon interlocutore delle istituzioni dopo le frizioni dell’affaire Monte de Paschi.

Patuelli si è guadagnato la conferma per acclamazione. Il comitato esecutivo dell’associazione bancaria non ha avuto difficoltà ne seguire i suggerimenti delle grandi banche per annunciare già oggi il rinnovo della carica in scadenza a luglio, quando dovrebbe essere una pura formalità la ratifica del voto da parte dell’assemblea.

La carriera di Patuelli

Antonio Patuelli, classe 1951, è imprenditore avendo ereditato l’azienda agricola del padre ma è stato anche politico nelle file del Partito Liberale e giornalista per Quotidiano Nazionale nonché editore della rivista storica Libro Aperto.

Dopo le esperienze politiche, grazie alla sua presenza nelle commissioni parlamentari sulle casse di risparmio, nel 1991 Patuelli arriva alla vicepresidenza della Cassa di Risparmio di Ravenna per diventarne il presidente nel 1995.

Il mondo bancario gli affida anche la vicepresidenza dell’Associazione delle Fondazioni e Casse di Risparmio fino alla nomina ai vertici dell’ABI.